C’è molto da sapere sull’espressione artistica in questo paese europeo, in particolare sul teatro italiano. La sua origine risale a secoli fa, tuttavia ha saputo mantenere il suo aspetto più importante fino ad oggi, la sua essenza, poiché oggi si unisce al meglio della tecnologia e delle nuove arti performative.

Di seguito troverai una breve panoramica di come il teatro italiano si è evoluto nel corso della storia, fino a diventare quello che è oggi.

Storia del teatro italiano

Il teatro italiano ha origini antiche quanto la creazione dell’Impero Romano. È stato creato sotto l’influenza della cultura greca che aveva già queste presentazioni teatrali. In questo modo, il teatro ha avuto abbastanza slancio per essere considerato un’arte importante, ma senza allontanarlo dalle attività di svago e dagli spettacoli.

A quel tempo i personaggi femminili erano rappresentati da uomini che adottano comportamenti femminili, poiché la partecipazione delle donne era vietata in questo tipo di espressione d’arte. In questo modo è stato che ad un certo punto della storia il teatro ha rappresentato una minaccia per la Chiesa cattolica, che alla fine ha finito per bandirlo.

Tale divieto era specificato solo per i poveri e per la gente del paese in genere, mentre la nobiltà nella loro cerchia abbastanza ristretta, manteneva ancora attive le rappresentazioni teatrali. Ciò ha determinato inizialmente la scomparsa della professione di attori di strada.

Con l’entrata in vigore dei movimenti umanisti e rinascimentali, questa situazione è cambiata a favore del teatro. Cominciarono ad essere rappresentate rappresentazioni drammatiche in cui venivano presentate opere che avrebbero cominciato a influenzare il resto del mondo dall’Italia, ma con un carattere piuttosto profano agli occhi della chiesa.

La scena teatrale iniziò a cambiare con l’installazione dell’arte barocca, che non solo influenzò l’architettura della città, ma anche la trasformazione delle rappresentazioni, mostrando una perfetta inclinazione verso la musica e la prospettiva artistica. È in quel momento che viene introdotto un nuovo concetto di teatro grazie a Giacomo Torelli, che inizia a proporre una nuova idea nell’organizzarlo.

Il palco ha iniziato ad essere più grande e la figura degli spettatori è stata presa in considerazione durante la realizzazione della platea, da cui ciascuno poteva meglio visualizzare la messa in scena presentata in scena. Molto in questa organizzazione è stato migliorato tenendo conto della stratificazione sociale e delle varie classi sociali.

Con il passare del tempo, la messa in scena del teatro ha iniziato a subire una nuova trasformazione in cui il mondo politico ha assunto rilevanza. Questo si è svolto principalmente sotto l’influenza del periodo illuminista, dove i valori e la cultura hanno assunto maggiore importanza. A quel tempo, il teatro italiano promuoveva personaggi più reali, lasciando nell’oblio le esibizioni esagerate ed eccessive che fino ad allora abbondavano sulla scena.

Teatro italiano moderno

Dal 19 ° secolo e con l’ascesa dell’arte romantica, iniziò un’epurazione per l’integrazione di tutti gli aspetti dell’arte teatrale in un modo molto più liberale. Quindi viene introdotto il concetto di unione tra l’architettura del teatro, la scenografia e la rappresentazione.

È in quel momento che il teatro italiano inizia a essere praticato in totale libertà, proponendo dialoghi altamente nutriti. Ciò ha dato origine a nuove tecniche teatrali e una performance nuova e migliorata. Con questo progresso e sviluppo tecnologico, soprattutto sotto l’aspetto luci e audio, il teatro moderno ha assunto una posizione libera da tutto ciò che è pittorico e classico.

Molta è l’evoluzione che ha subito il teatro italiano, sia nelle sue rappresentazioni che nella sua costruzione. I teatri che si sono formati all’inizio della società italiana sono stati influenzati da ciascuno dei movimenti artistici e sociali del mondo, che a sua volta introduceva nuove tendenze e nuovi schemi nella strutturazione dei teatri come edifici contenenti rappresentazione artistica.