Home Politica Votare e pentirsi contemporaneamente: istruzioni

Votare e pentirsi contemporaneamente: istruzioni

CONDIVIDI
votare pentirsi

Votare e pentirsi contemporaneamente: ISTRUZIONI

VOTARE PENTIRSI NELLO STESSO MOMENTO – Allora grazie per le informazioni. L’emendamento D’Alia a quanto pare è stato abolito. Ho ricevuto una mail allarmata oggi ma magari girava da un po’. Meno male che questa almeno non sia vera. Grazie per i vostri contributi.

Ho votato. Sono andata a prendere mia mamma a casa le ho chiesto chi votava e lei tutta sicura: sinistra e libertà. Dice gli unici che sopporta… Io avevo già qualche dubbio me ne sono venuti ancora. Al seggio ci siamo riguardate tutti i candidati: mmm… numero 1 sinistra e lib numero 13 di pietro. mmm…

Guardo rifondazione mah… Al di là di tutto non hanno il quorum, certo se tutti ragionano così. Però no. Troppe contraddizioni troppa gente che ci marcia.

Sonia alfano molto buona. De magistris ogni tanto qualche dubbio me lo fa venire, istintivamente, boh’. Come parla. Il fatto che si esprima già come un mestierante… ho visto il suo appello su utube …boh’.. (si scrive così “boh'”?).

Dico a mia mamma certo Di Pietro poi aderisce al partito liberale europeo… perchè ingrassare i liberali può essere una domanda. E mia mamma tutta calma magrolina dice: ma sì ma basta votiamo a sinistra non se ne può più di tutti questi preti e i fascisti basta. E a lei della politica non glie n’è mai importato niente perciò mi fa un po’ sorridere ma raccolgo l’appello. rRguardo i candidati. Poi entriamo è semivuoto. Ci mettono lo stesso un po’ a sbrigare le pratiche.

Matita N2 cabina n2 ho fatto la croce su Sinistra e Libertà e un secondo dopo ho pensato: “porc… posso chiedere un’altra scherda?, No non posso. E’ fatta. porca… (ecc.) tanto vale scrivere le preferenze. Mai stata così pentita così presto. Avevo appena visto sul tubo “sogno quindi sono” di Vendola. Gente completamente fuori strada e pure già stanca. Mah… mi domando com’è capitato che io mi senta di sinistra? Da dove viene questa convinzione, questa commozione, questo senso di appartenza? Boh?

Una mia amica la trovo sul portone che ha appena votato Di Pietro perché l’ho convinta io, lei voleva votare sin e lib.

Tutto sommato gli equilibri sono rispettati. Non ci sarà effetto farfalla, anche quelli di lost possono stare tranquilli, quello che è stato è stato.

Penso di avere votato un gruppetto di persone confuse con una tendenza marcata alla retorica, al sentimentalismo e probabilmente stringi stringi al compromesso controproducente.

Penso anche che mi sarei pentita qualsiasi altra cosa avessi votato.

Penso che dobbiamo sviluppare tutti tanta pazienza e fare di volta in volta quello che si può.

Senza prendercela comoda tutto quello che si può con tutta l’anima ma non c’è gesto al momento che non sia sovraccarico di scorie.

Commenta questo post

55 Commenti

  1. ahahaha, m’hai fatto tajà co sto post…

    io pure me sento de sx, e voterò sinistra. che sarà?
    devo dire che la scissione di rifondazione mi ha un bel po spiazzato. ero un rifondarolo convinto…, poi è successo quel che è successo.
    ma alla fine la mia crocetta si posizionerà in automatico proprio lì, su sx e libertà…
    ma non sono convinto, non sono gasato.. un po il naso me lo tappo.. mi infastidisce molto un certo legame col pd sottotraccia….. mentre il pd non se meriterebbe niente, se solo penso alla storia del voto utile li prenderei a schiaffi.., le scorse politiche hanno fatto campagna elettorale contro di noi, indecenti, ma se alleassero co casini….

    orsù…. voterò sgrena, fava e il terzo ancora lo devo sceglie… magari il progetto del movimento per la sinistra funzionerà ma che ne so.. io lo spero.. una sx che non rinnega il passato, fa tesoro della sua storia ma sa guardare avanti… in una parola . SINISTRA senza aggettivi .
    una cosa è certa, non è il momento di astenersi, almeno secondo me….

    e poi, tempo un quarto d’ora, ed è tutto finito.

    😉

  2. Bel racconto 🙂
    Forse la mia avventura e il mio travaglio sono stati peggiori, visto che la presidente di seggio voleva “sequestrare” me e mia sorella (la prima volta che votava, oggi) “a norma di legge” perché mancava uno scrutatore e secondo lei bisognava prendere la prima persona sotto i 60 anni. Aiuto, già sono venuto qui alle tre e mezza, per far vedere (a me stesso?) che non mi astengo… Ce la siamo data a gambe con la complicità di uno dei due scrutatori che l’ha distratta!
    Taaanta pazienza…

    Ah, un’altra scheda potevi chiederla in realtà 😉

  3. Sottoscrivo in pieno il commento di gimba.
    E anch’io Sabina ho votato allo stesso modo di te e gimba pur non negando una personale simpatia per l’Italia dei Valori.
    Anzi, ho constato che non ho incontrato quasi nessun elettore di Di Pietro che non guardasse con simpatia al progetto politico di Vendola e Fava e viceversa.
    Questa simpatia reciproca potrebbe essere messa a buon frutto con il tempo… in molti Comuni il legame tra i due è particolarmente stretto…

    In ogni caso la mia scelta non è stata per nulla sofferta. Mi convince molto il progetto politico di una sinistra moderna che non rinnega la sua storia e la sua volontà di essere marcatamente di sinistra! Una SINISTRA, senza aggettivi… è ciò che è sempre mancato in questo paese.
    E la presenza di elementi come Vendola, Fava, Sgrena, Guidoni, Musacchio, Frassoni etc. mi rassicura.

    Di difetti non sono certo privi, come non lo è nessuno in questo paese. Ed è sempre utile mettere in conto qualche delusione, che in questo paese non mancano mai. Delusioni almeno per chi, a differenza della maggioranza di questo paese, è sempre pronta alla critica e a mettere e mettersi in discussione.

    Poi per il resto chi vivrà vedrà…

  4. Dai Sabina.
    Hai votato Sinistra e Libertà ma hai convinto un’amica a votare Di Pietro.
    Basta poi -alla fine- non votare Berlusconi. Però non vi invidio, trovare un’alternativa appare un miraggio.

  5. ciao Sabrina,
    non credo che la legge sia cambiata, ho fatto il presidente di seggio una sola volta, 10 anni fa, e mi ricordo di aver controfirmato un centinaio di schede in più oltre il numero degli aventi diritto di voto. Schede che, evidentemente servivano per chi commetteva errori e ne voleva un’altra.
    buon lavoro

  6. l’unico modo di non doversi turare il naso o pentirsi un attimo dopo aver votato è darlo ai radicali……..sempre che se ne condividano le tesi.
    io se vado faro’ così

  7. questa volta…vada come vada…….(io voterò niccolò rinaldi). ma noi dobbiamo fare di tutto perchè la prossima volta la sinistra sia tutta unita. solo così si vince! dobbiamo fare fuori il nano…prima che lui faccia fuori noi!

  8. ehm….
    non per raffreddare gli entusiasmi, ma cercate con YAHOO o GOOGLE “exit poll elezioni 2009” ….
    al sondaggio online che chiedeva per chi votereste, tanto per cambiare il PDL é nettamente davanti….

    prepariamoci a fare le valigie ed emigrare… ops,io sono giá emigrato!

    Ciao ciao
    Alex

  9. È ancora troppo presto per uscire e andare a votare. Sono appena le 10 del mattino e sono in fase di “ricostruzione della persona” prima di avventurarmi in un mondo ostile e traboccante sciagurata umanità.
    Ma andrò a votare. Spinto non da “dovere civico” ma dall’odio viscerale verso il nano carogna ed i suoi accoliti ladri e malandrini che governano l’Italia.

    Certo, mai in vita mia avrei pensato che avrei “fatto il tifo” per un “questurino”… e benché Di Pietro non me lo sposerei (in fondo è solo un onesto conservatore) gli darò il voto perché rappresenta attualmente l’unica vera opposizione al terrificante regime del nano guitto piazzista imbonitore.

    Ma, come dicevo, adesso è ancora troppo presto… devo prepararmi al violento shock dell’incontrare il giorno e gli umani che pascolano nelle vie e nelle piazze. Per questo mi sono rollato ‘na canna… giusto per rilassarmi e vincere la nausea.
    Fra poco andrò al seggio a votare… calmo e rilassato farò finta di vivere in un mondo normale.

  10. simultaneità di voto e pentimento!!!!

    una formulazione che mi rappresenta!!

    comunque vivo lo stesso dilemma tuo e ora vado e prima di andare ho deciso: vediamo che dice Sabina!

    in effetti stiamo votando in Europa… i liberali… e l ‘unico partito che apparterrà al progetto di sinistra europea è proprio Sinistra e Libertà-
    differente se si votasse in Italia credo.

    ancora più confusione di prima, ma forse una linea logica l’ho trovata!

    grazie a tutto il blog e al dibattito tenuto in questi giorni, ogni vostro contributo è stato un bellissimo input !

  11. Votato ieri. Sinceramente abbiamo provato grande invidia per la tua mammetta: decisa e determinata! Grande!
    Per noi è stato quasi un parto: indecisi fino all’ultimo. Ferrero? A questo giro va bene anche la Bonino? Di Pietro? No, non mi convince fino in fondo. No, deciso: meglio Vendola…Sì, vada per Sinistra e Libertà!
    Poi, una volta deciso, andati di corsa, prima di cambiare idea un’altra volta. Sì, decisissimi fino al momento del voto.
    Una volta fuori, la sensazione di aver comunque sbagliato…
    Però anche la convinzione che forse di più non si può fare questa volta: dare un segno che B. proprio non lo amano tutti!

    Quoto aspirinb: anche da noi un grazie a tutto il blog, a cominciare da Sabina, per il dibattito di questi giorni. E meno male che noi siamo l’antipolitica 😉

    P.S. Sabina, buon viaggio! 😀

  12. Entro nel seggio e intanto mi chiedo per chi accidenti potrei votare.

    In passato presi una sbandata per i radicali, per cui ho votato spesso il loro simbolo. Ma oggi si tratta di venire al dunque e, al di là delle teorie politiche e dei discorsi interessanti dal punto di vista civile e culturale – e con l’eccezione di una persona ammirevole come Emma Bonino – constato amaramente che negli ultimi anni i radicali sembrano essere serviti principalmente come rampa di lancio verso il potere per i vari Rutelli, Chicco Testa, Della Vedova, Taradash e (dulcis in fundo) Capezzone. Questa considerazione mi fa desistere del tutto dalla tentazione di votarli.

    Apprezzo e condivido molte delle loro battaglie civili ma – cercando di essere obiettivo – devo riconoscere che le loro idee sociali ed economiche ultra-liberiste non mi vedono d’accordo.

    Nel frattempo sono entrato nella cabina ed ho la scheda in mano.

    Che fare? In quella frazione di secondo mi viene in mente il nome di Clemente Mastella, e allora la mia mano quasi automaticamente decide al posto mio: traccia il segno su IdV e scrive come preferenza De Magistris.

    Non mi riconosco del tutto nell’ Idv , nè in De Magistris o in Di Pietro, ma c’è l’intenzione di dare un segnale di disaccordo “forte”.

    Speriamo che serva a qualcosa.

  13. Purtroppo questa sinistra non ci merita… non è in sintonia col paese, ancora troppe sovrastrutture. vendola parla difficile, ferrero non è credibile, con l’aggravenate di essersi scissi… mah! votarli per me sarebbe come premiare quei ragazzini delle elementari che fanno un brutto disegno ma meglio di niente!

    Il segnale forte è Di Pietro che fino alla noia ripete dei concetti molto sempici: via Berlusca e condananti dal parlamento e niente Lodo alfano. Sarà pure un voto per le europee, ma chi ormai ci crede?!…

  14. Anche io ho votato per Sinistra e Libertà (preferenze per Vendola, Clark e Bottoni), con la consapevolezza che serva una sinistra (che ancora non c’è) che si ponga il problema della contemporaneità e non sia solo un fortino nostalgico… quanto a Di Pietro, ho già detto in una discussione precedente… mi soffermo solo su De Magistris, che, alla faccia dell’inesperienza, si è mosso in questa campagna elettorale come un abituè della politica (per non parlare della caduta di stile quando ha attaccato, senza argomentare e venendo smentito, Vendola sulla presunta privatizzazione dell’acquedotto pugliese)

  15. ..questa mattina ero più che decisa.. dico.. voto PD (ideologicamente lo sento vicino a me) e dò la mia preferenza a Debora Serracchiani (un volto giovane, con le idee chiare e una certa grinta per dare un impulso di svolta ad un partito troppo assopito). Bene.. prendo la tessera elettorale ed esco di casa incamminandomi a passo spedito verso il seggio. Nei 500 metri che sparano casa e scuola in cui c’è il seggio una serie di mirabolanti pensieri iniziano a roteare nello spazio vuoto della mia testa.. idee contrastanti prendono a fare cazzotti fra di loro.. non demordo.. continuo per la mia strada.. occhio sbarrato e sguardo vacuo puntato verso terra.. a manifestazione di dissenso la testa inizia a ciondolare senza che gliene abbia dato espressa autorizzazione (devo essere sembrata una pazza..). Varco il portone.. il saluto del carabiniere che stava all’entrata mi ha fatto uscire dallo stato di trance.. ricambio gentilmente il saluto.. percorro il corridoio.. controllo il numero di seggio.. entro.. in attesa di sbrigare le solite formalità (la tizia del “reparto donne” guarda la foto della carta d’identità.. guarda me.. riguarda la foto.. ariguarda me.. GIURO.. sono io.. barba e parrucca li ho lasciati a casa..) scambio quattro chiacchiere con la mia amica scrutinatrice .. mi consegnano matita e cartella.. è arrivato il momento.. entro nella cabina elettorale.. dispiego il lenzuolo.. la vista di tutte le liste mi provoca le allucinazioni.. ecco che ritornano gli alieni pensieri.. avvicino la matita al foglio.. prevale la razionalità.. ho messo una X su Italia dei Valori.. preferenze Alfano e De Magistris..
    Non impazzisco per IDV.. ma al momento mi è sembrata l’unica soluzione possibile e plausibile..
    Mi dispiace.. ho abbandonato il sentimento (una canzone di qualche anno fa diceva “quando c’è sentimento.. non c’è mai pentimento”) per la ragione.. questo modo di votare “il meno peggio” lo ABORRO..!
    Avrò forse fatto una cavolata..??

    Ps Buon viaggio..

  16. sono tornata adesso, ho il mio secondo timbro sulla tessera elettorale. La preferivo pura e splendida senza timbrini e timbretti sopra. Perchè votare così fa solo male, cavolo. Comunque Idv.

  17. Volevo votare Sonia Alfano, a Modena ci sono anche le amministrative e ho avuto qualche dubbio sulla modalità del voto… oddio! quante ne posso scrivere di preferenze? e se poi annullo il mio voto? 4 schede in mano… ok x le amministrative i grillini… e x l’europa… sinistra e libertà… perchè mi sa che è l’ultima volta che lo posso fare! E’ stato come dare l’addio agli ideali che stanno scomparendo. Di sicuro i nostri scrupoli no li hanno gli altri, quelli che votano con entusiasmo per chi comanda…. il potere arrogante piace e convince: gli Italiani sono e rimarranno sempre un popolo di sudditi

  18. ciao!

    votato idv. più che pentimento per me, senso di paradosso! che quelli di sinistra si debbano occupare di costruire una destra liberale e laica!-)
    però per me era importante dare un segnale rispetto alla questione della corruzione e dello svuotamento della democrazia dall’interno, attraverso le procedure legali.
    comunque il voto per me è sempre un momento particolare. ogni volta mi piace confrontarmi su questo con mia nonna, classe ’22, che con molta semplicità mi rinfresca le idee sulla storia e mi fa capire come, senza credersi di fare chissà cosa, ci si possa sentire contenti di esercitare anche (non solo) in questo modo questa piccola-grande parte di responsabilità costruttiva. no retorica e occhi bene aperti.

    sulla questione acquedotto pugliese, de magistris non è solo. tempo fa mi ero segnata questo link, perché la notizia che petrella, del forum mondiale sull’acqua e presidente dell’acquedotto pugliese, si fosse dimesso polemicamente, mi aveva spiazzato. e mi era dispiaciuto anche. guardo con speranza le esperienze pugliesi e i tentativi di sinistra e libertà.
    Se a qualcuno interessasse approfondire http://www.lanuovaecologia.it/view.php?id=6347&contenuto=Notizia
    C’è anche una intervista a Petrella, che entra un po’ nel merito, anche rispetto alle difficoltà di applicare i processi partecipativi,oltre che parlarne.
    Su http://video.google.it/videoplay?docid=254147218776639931&hl=it

    buone decisioni

  19. alla fine ho votato sinistra e libertà anch’io, dando la preferenza a simonetta salacone….in questi giorni, in una bancarella di libri usati ho trovato e comprato “Il diario di sabna guzz”, che all’epoca mi ero perso. Lo sto leggendo molto volentieri, mi piace molto, mi torna in mente tutto, anche le sensazioni che ho provato in quei momenti, in quel passato recente…molto simili alle tue, sabina, cavolo, sei proprio vera! Io non avevo dubbi, ma mi fa piacere averlo verificato, toccato con mano, in questo anno in cui ti ho seguita più da vicino, dalle pagine del tuo blog.
    Incrociamo le dita in attesa dell’apertura delle urne…e prepariamoci anche al peggio!! Sono d’accordo con te… facciamo tutto quello che possiamo (con l’anima, ovviamente…)

  20. ok vado, prima pero’ mi sono bevuto un bar…magari riesco a farmi annullare la scheda e avere la coscienza a posto……….pregate x me che dopo anni mi avventuro in terra nemica…..sigh!!!!!

  21. Stamattina, mi sveglia la banda: nn so perché o per chi suona…me lo faccio bastare come un buon segno.
    Dopo aver ritirato la nuova scheda elettorale all’ufficio anagrafe del paese in cui da circa un anno risiedo, procedo per tappe e a tastoni.
    Entro prima al solito bar prendo tempo con un caffé lungo. Poi mi trastullo in edicola per sfogliar altre idee. Dalla piazza centrale chiamo un’amica.
    “Pronto sasà, ti stavo per chiamare”, mi dice. “Hai votato?”, le chiedo. “No, sto per andare al seggio”, mi risponde. “Dai sono in piazza, t’aspetto qui”.
    Ci incontriamo e dopo qualche diiscorso, ci convinciamo a vicenda che l’unica è votare Sinistra e Libertà.
    Andiamo verso le scuole elementari. Io entro nella prima sezone, lei va nella seconda: c’è pochissima gente nei paraggi. Usciamo in sincro, munite di espressioni simili. Scombussolate dalla consapevolezza che si tratta dell’ennesimo SALTO nel VOTO.
    Nn le ho chiesto a chi ha dato le 3 preferenze. Le mie sono andate a SGRENA; FAVA e vendola (lo scrivo in minuscolo, perché è quello che ho scritto con meno forza). Pure sta volta è andata…cosìcosì.

    Durante la mia eclissi in cabina elettorale, l’ANSA pubblicava questa notizia: breve e agghiacciante.
    A Napoli, una 20enne ucraina nn potra’ sostenere l’esame di maturita’ , PERCHE’ E’ UN’IMMIGRATA IRREGOLARE E NN HA IL CODICE FISCALE.
    Cosi’ il sogno della giovane di diplomarsi rischia di infrangersi. Daria vive a Napoli, si mantiene facendo la baby sitter, e’ una studentessa diligente dell’ultimo anno di liceo linguistico: docenti e preside stanno cercando una soluzione. A richiedere il codice fiscale e’ una recente direttiva ministeriale. I suoi compagni pensano a una petizione.

    😮

  22. Ma ssììì… chissenefrega, prendiamo a ridere
    >
    La Puppessa
    >
    Gli uomini si dividono in : Masculi, Puppi e Puppesse. I mascoli sono quelli,
    che soprattutto a CT, hanno la Kosina impressa sulla fronte. Paolo il Caldo?
    Sì, quello. Colmano il mal d’esistere con la ricerca della Kosina: è una vita da
    disperati (Vitaliano Brancati) se, come nel caso di Paolo Castorina la ricerca
    non è accompagnata da altri valori. Paolo aveva l’attracco immediato. Ma era
    un disperato: il suo era il “Successo del caxxo”, come lo definì all’amico scrittore.
    Già la sola parola, detta da una donna “Mi prude la passera” lo faceva andare il tilt,
    ma era un disperato. Alla ricerca della Kosina vanno aggiunti valori, quali che siano.
    Poi ci sono i Puppi: a Catania stanno organizzando il “Giorno del bacio”: sulle strisce
    pedonali si scambieranno tenerezze. Spiacente, so che non avrò i voti della Sinistra
    demagoga, ma da Sindaco l’avrei evitato, per lo stesso motivo, per il quale non si
    scopicchia in piazza: ogni cosa nel suo luogo. E poi, diciamolo, fanno un po’ schifo.
    Accorderei loro i PAC, anzi si è sprecato troppo tempo in chiacchiere, ma l’anomalia
    va vissuta nell’intimità del talamo, dove ognuno, fosse pure don resca, è sovrano.
    E le Puppesse, che dire delle Puppesse? Mah ! Quando fanno così, le ammazzerei :))

    tratto da http://blog.libero.it/AntiGrillino/
    Due Blog e un Sito che non serviti ad un caxxo

  23. sono appena tornata dal seggio.

    ma le schede per le amministrative parevano cartine stradali! ho messo idv in entrambe + i 3 nomi ke gia’ sapete.

    i miei votano lega pur non essendo assolutamente razzisti, mia madre poi nella solitudine della cabina elettorale ha avuto un colpo d genio e in europa c ha mandato la bonino. i radicali nn mi spiacciono va bene ke capezzone viene da li ma la bonino piace anke a me.

    anke l’anno scorso mia mamma cambio’ idea al seggio: al posto d mettere lega in entrambe le camere al senato mise anke lei idv.
    ma d’altronde pur non condividendo qualche idea votava radicali prima ke arrivasse la lega…

  24. Con Vendola ho un problema. Adoro come parla e cosa dice, ma non conoscendolo a fondo, ho paura di restare deluso. Per cui oggi mi sono buttato sul sicuro, votando (a mio parere) il nemico che più di tutti terrorizza Berlusconi. Preferenze: De Magistris, Alfano, Vulpio.

  25. Con una dichiarazione ancora non è morto
    nessuno. Di Pietro non concluderebbe un
    caxxo neanche se si fosse chiamato “Antonia”:
    Vuoi davvero dare la sfiducia Berluska? Silenzio,
    in Parlamento tessi la tela… e poi chi fu? Mezzo
    parlamento fu, ma se sventoli l ‘”Italia dei Valori
    Immobiliari”…. il concetto è difficile da spiegare agli
    italiani di tutti i sessi. Che delusione!
    Ma chi caxxo l’ha fatto quel film?!

  26. E’ già tardi oramai: qui ci mandano
    via. Ti accompagno se vuoi… come
    al tempo remoto dei baci sottocasa.
    No, non mi scorderò mai di te. 🙂
    E ci mettiamo pure la faccina… non è
    che poi qualcuna si metta idee per
    la testa 🙂

    Spiacente, non siete in grado di motivare
    le vostre scelte: non potete andare olre il
    voto contro, senza uno staccio di motivazione.
    Ma io non ce l’ho con voi: siete solo numeri.

    Da morti si apprezzeranno i PP… ma tocco dove è duro.
    Masculo sono !

    Le donne intelligenti non si scopano. Lo so
    che ci resterai male, ma è l’amaro destino
    delle donne intelligenti

  27. ok dopo questo post ti faccio rivelazione sei fra i miei siti porno… senza volere senza cattiveria con molto rispetto ma sei capitata li 🙂

  28. Guarda che PP ha un sesso chiaro, preciso e inequivocabOle:
    è masculo. Senza nulla avere contro gli altri sessi, se
    a debita distanza. Anche per Voi mi sono battuto.
    Soprattutto per le bOttane.

  29. ancora non ho avuto il coraggio di accendere la tele per vedere gli ecsitpol..che ansia..anche per me è stata dura la scelta..ho passato gli ultimi due mesi ad autoconvincermi che un partito fosse meglio di un altro..pd non l’ho mai preso in considerazione..mi sento ancora ferita dall’ultima volta: avevo votato pd..non che mi convincesse il programma ma ero sicura fosse la cosa giusta da fare..che dio mi fulmini..ho attraversato un periodo dipietrista e poi una fase sx e libertà..una breve riflessione su radicali e pc dei lavoratori e alla fine voto rifondazione……nella mia cabina 2 mi sentivo quasi una sovversiva..mi sentivo un adolescente che si fa il piercing..mi sentivo un’idiota anche..nel 2009 mi tocca votare la falce e il martello..la parola comunisti tagliata in due dalla mia croce tracciata non proprio con decisione..i pensieri fanno un tamponamento a catena nella mia testa mentre cerco di capire come cazzo si fa a ripiegare questo foglio ..in fondo è a matita forse posso chiedere una gomma..rifondazione comunista..io credo che marx abbia preso una cantonata colossale..il comunismo non funziona,è chiaro! sono le persone che devono imparare a convivere, non il sistema che le deve costringere ad unirsi in una lotta contro i padroni nemici..in fondo anche una dittatura come quella fascista funzionerebbe se il duce avesse a cuore le sorti dei cittadini e i cittadini riconoscessero in lui la figura di un padre amorevole per cui vale la pena lavorare e vivere e lottare..il comunismo è sbagliato ….non in tutti i suoi aspetti ma è sbagliato..ci sono un paio di evidenti errori di fondo..non tiene conto dell’uomo!!!però i comunisti hanno conquistato e difeso i diritti dei più deboli..non ce la posso fare è più grande di me questa votazione evidentemente..rientro in quella categoria di ignoranti che parlano per sentito dire..io che mi sentivo informata perchè seguo questo blog e leggo la gazzetta in fondo arrivo al seggio senza avere le idee chiare e ne esco confusa..però credo che questo segnale serva..falce e martello sono un segnale spero.. così come gli altri partiti su cui vertivano le mie ignoranti riflessioni..pd non si può fare..silvio ci ha shakerati con ghiaccio e cazzate e speriamo non sia troppo tardi

  30. Dopo il risultato di Di Pietro, tutti i forzaitalioti si stanna facendo la pupù addosso. Tutti preoccupatisismi per i pericoli di una “deriva dipietrista”. Questa reazione mi sembra un ottimo segnale… 😉

  31. Eh si! La settimana è iniziata proprio bene!
    Nonostante le tue invettive, cara Sabina, nonostante le maledizioni di Beppe Grillo e del suo blog
    nonostante i comizi di un Franceschini sempre più pizzicato nel culo, il Partito della Libertà è e continua ad essere
    il primo partito d’Italia e Berlusconi continua ad ottenere il consenso degli italiani, nonostante le veline, le Noemi e
    l’indignata espressione della sinistra sempre più bacchettona e sempre più attenta ai fatti privati che a quelli pubblici.
    Proprio un bel lunedì!
    Sinistra & Libertà, Comunisti Italiani, Verdi, MPA e lanuggine varia, dopo avere rotto i coglioni hanno ottenuto una
    ulteriore conferma di quanto sono fastidiosi per gli italiani.
    Eh si! Proprio un bell’inizio di settimana!

  32. E’ SOMMAMENTE INUTILE ED DA IDIOTI SBRACCIARSI, PENTIRSI (con lacrimucce da coccodrillo agli angoli degli occhi!), DISPERARSI, OPPURE SPERARE ANCORA:

    http://it.euronews.net/europa/european-elections-2009/results/

    UN’AFFLUENZA EUROPEA DEL 42.85% E’ IL SEVERO SINTOMO DI UN RIGETTO GENERALIZZATO VERSO UNA POLITICA MERCENARIA E MERCIFICATORIA, DI UN’ATROCE ALIENAZIONE DELLA MAGGIOR PARTE DEI SINGOLI CITTADINI EUROPEI PER QUANTO CONCERNE IL LORO DIRITTO FONDAMENTALE DI SCEGLIERE RAPPRESENTANTI DI CUI SI FIDINO REALMENTE !

    QUALE GOLEM TOSSICO EMERGE DI TRA LE ROVINE ELETTORALI ANCORA FUMANTI UN’EUROPA GRIFAGNA, XENOFOBA, NAZI-FASCISTA, ULTRA-NAZIONALISTA, IL PEGGIOR DISTILLATO CORROSIVO DEGLI INTESTINI PUTRESCENTI DI UN CAPITALISMO IN PIENO CORTO-CIRCUITO !

    ECCO CANCELLATO D’UN COLPO IL SACRIFICIO DI CHI DIEDE LA PROPRIA VITA PER UN’EUROPA UNITA, LAICA E DEMOCRATICA !

  33. Quante formazioni e partitelli a sinistra in Italia?
    Quanti eletti?
    Osservando la Germania si può vedere come là c’è Die Linke. Piccoli risultati, pochi eletti è vero. Però funziona.

  34. Come al solito: chi ha vinto, dice che ‘ha trionfato’ e chi perde, ‘che nonostante tutto, ha tenuto’.
    La cosa positiva è che il nano ha avuto una ridimensionata, una sonora legnata sui denti. Altro che 45%, altro che gradimento al 75%!
    Ma questo fa ancora più rabbia, perché se il PD avesse avuto uno straccio di programma, un minimo di linea guida, avesse fatto opposizione, come si è svegliato solo negli ultimi giorni, forse non sarebbe così difficile levarsi dai piedi definitivamente Berlusconi. La speranza è che non si ritorni presto al ‘moderiamo i toni’ che ‘l’antiberlusconismo non paga’. Che non lo rianimino per l’ennesima volta.
    C’è anche grande rammarico per la sinistra: si sarebbe arrivati oltre il 6% se non avessero avuto la brillante idea suicida della scissione. Così si va verso l’estinzione…

  35. Non può esistere. Tu immagina se tutti i blogger decidessero di inoltrare un messaggio “sovversivo” contemporaneamente cosa succederebbe?

    Siamo governati da incompetenti; sono talmente incompetenti che io mi chiedo spesso come abbiano fatto certi smidollati a salire così in alto ed a ricoprire ruoli di responsabilità. Per me c’è qualche errore nel concetto stesso di “democrazia”. Infatti, Platone già criticava la “democrazia di tutti” perchè finisce col generare l’anarchia… (visti i risultati, tanto vale andare a sorteggio, altro che esportazione della democrazia).

  36. HO VOTATO RIFONDAZIONE CUMUNISTA, E NON E’ POI ANDATA COSI’ MALE…..
    Ho votato rifondazione nonostante i miei amici abbiano convintamente votato il partito dell’astenzione dopo una lunga sghangherata analisi politica collettiva….Ma alla fine ho deciso improvvisamente, in un’impeto di partecipazione democratica, di recarmi alle urne…Non mi sono affatto pentito di averlo fatto, credo che un grosso problema sia attualmente la mancanza di rappresentanza politica delle istanze proprie della sinistra ed, aprendo la scheda elettorale, quella falce e martello mi è sembrata così attuale e così carica di significati, alla luce della tragica crisi economica di un sistema di sviluppo sempre più berbaro e disumano….Non mi aspettavo grandi risultati, convinto sin dal principio che non si sarebbe riusciti a passare lo sbarramento, ma credo sia stato un voto più che utile, un gesto di testimonianza importante….Non che io sia un rifondarolo, intendiamoci, contestai i sottosegretari di rifondazione quando scesero in piazza a manifestare contro il governo Prodi mentre in parlamento votavano le porcate più assurde, e ne tantomeno votai l’arcobaleno alle scorse elezioni politiche….Ma al punto in cui siamo arrivati mi sembrano paradossalmete i più moderni, perchè sono tornati a parlare di operai, di fabbriche e d’incidenti sul lavoro, perchè sono tornati a scendere in piazza e non hanno più poltrone da gestire essendosi ripuliti da quelle scorie tossiche bertinottiane, perchè difendono i migranti, gli omosessuali ed i precari sembrandomi sinceri, perchè sono gli unici che propongono un modello altenativo a questo scellerato capitalismo in crisi…..
    PERCHE’ DILIBERTO MI STA SIMPATICO, nonostante stia antipatico a tutti, mi da l’impressione di essere un odiosissimo convinto comunista che con un elmetto in testa ci prova sempre e non demorde mai….

    Il vero vincitore è stata infatti la sinistra radicale che non essendo stata mai in televisione; se non in qualche fugace apparizione, che gli spettava per legge, durante la campagna elettorale; e presentandosi divisa per una freschissima scissione dei vendoliani è comunque riuscita, se sommiamo i voti di Sinistra e Libertà, di Rifondazione e del Partto Comunista dei Lavoratori,ad ottenere quasi gli stessi voti di DiPietro che sta sempre in televisioni sembrando l’unico che abbia seriamente fatto l’opposizione e che ha candidato espressioni della società civile che gli hanno tirato un sacco di voti…..
    Se ci ricordiamo bene qualche anno fa la sinistra radicale presentandosi unita non riuscì nemmeno ad entrare il parlamento, mentre ora senza i mezzi e le apparizioni televisive di cui poteva godere prima, è riuscita a raddoppiare se non triplicare i voti che prese alle scorse elezioni…In un contesto di politiche razziste e securitarie premiate dagli elettori (Lega 10%),con un’ astenzionismo di protesta che colpisce sopratutto la sinistra e con la retorica del voto utile fatta dal PD e la concorrenza spietata di DiPietro, i risultati raggiunti sono più che incoraggianti in quanto appare chiaro che se non ci fosse stata la scissione si sarebbe tranquillamente raggiunto e superato il 4%…
    RIFONDAZIONE 3,7% SINISTRA E LIBERTA’ 3,4%….La somma fà 7,1. Questo, se calcoliamo i voti persi nell’astenzione, qualcuno disperso nell’Italia dei Valori, qualche altro perso nel PD ed i voti presi dalle liste minori che stavano a sinistra di rifondazione, ci può fare ipotizzare che almeno un 10% del paese reale, se non di più, si riconosce nelle istanze della sinistra radicale e non è poco vista l’aria che tira in europa e la catastrofica ecatombe elettorale che la lista arcobaleno ebbe solo un’anno fà…..
    Che gli editorialisti di grido, gli opinionisti tuttologi e politilogi, scrivano e dicano pure quello che vogliono, ma se questi risultati lettorali un significato lo hanno avuto è stato sicuramente che il paese ha bisogno e vuole una vera sinistra d’opposizione ed il successo dell’Italia dei Valori lo conferma pienamente….
    Che il PD mediti…..

  37. sono quasi in tutto d’accordo con subcomandante vorrei dire però checosi non ci libereremo mai del berlusca e della sua combriccola io ho votato rifondazione,perchè ci credo eperchè non mi piace chi come vendola ,se al congresso ottiene la minoranza ,si fa il partitino tutto suo…meditiamo sul 7 che insieme avrebbero potuto avere…ma meditiamo anche sul fatto che il PD ora guarda con interesse a casini….mio figlio ha votato Di Pietro e per un attimo ci avevo pensato anch’io ma l’atteggiamento che ha avuto nei confronti del G8 di GE mi ha fatto restare con rif non sono così ottimista …non so se il paese vole una vera sinistra di opposizione…a me sembra che siano davvero troppo pochi e molti ,come me,si deprimono,potessi emigrerei perchè questo schifo non lo sopporto quasi più..l’altro giorno son rimasta scioccata nel sentire una collega di lavoro dire con orgoglio che per la sua nipotina 14enne “Noemi è un mito!”e che vuol esser come lei! un caso? ma mi ricordo quali erano per me i miti a 14anni e mi deprimo ancor di più

  38. Perdonami Subcomandante .. come fai a dire che non è andata poi così male?

    La destra avanza a tutto campo e in tutte le regioni e in tutta europa … qui ci aspettano tempi duri.

    Magari una visione più oggettiva delle cose aiuta ad affrontarle meglio.

  39. Non è andata poi così male per la sinistra radicale in quanto io mi aspettavo un risultato nettamente più negativo. Sicuramente non è stata raggiunta la fatidica soglia di sbarramento ed in questo senso è stata una sconfitta, ma il risultato complessivo per l’aria politico-culturale a cui io mi sento d’appartenere mi sembra incoraggiante….Sul piano complessivo è stata invece una catastrofe perchè si è determinato un’inevitabile spostamento al centro del PD per ingraziarsi le simpatie dell’UDC, mentre dell’altra parte vi è un’evidente radicalizzazione del PDL sulle posizioni leghiste che sappiamo essere le più razziste e xenofobe esistenti….Siamo nei guai in quanto se è vero che Berlusconi non ha sfondato alle europee, ha comunque consolidato il suo elettorato chiarendo che difficilmente potrà scendere sotto il 35% in un paese al totale collasso democratico e culturale; se ora la gente pensa che basti fare la velina per fare carriera politica e Noemy è diventata l’idolo delle quattordicenni, significa che hanno comunque vinto loro…Inoltre l’inquietantesuccesso della lega rappresenta l’anima più razzista e bigotta del paese pervasa di terrore e paure infondate rispetto all’emigrazione ed alla questione della sicurezza….
    Limiteranno ancora di più le libertà democratiche ed i leghisti alzeranno la voce non solo nel governo ma anche in RAI, metteranno altri cappi alla stampa (vedi fiducia sulla legge che riguarda le intercettazioni oppure la questura di Torino che ha richiesto ai giornalisti tutti i video e le foto fatte in occasione della manifestazione contro il G8 dell’università)….Intanto ospitano Gheddafy, quello che ci lanciava i missili e cha da tutto il mondo libero è considerato un sanguinario dittatore, in pompa magna come se si trattasse del loro modello politico di riferimento; la conferma, se ancora ce ne fosse bisogno, del regime che stanno instaurando…..Ma state tranquilli che a Roma gli stiamo preparando un bel comitato di benvenuto…..

  40. LA DITTATURA DEI VECCHI

    La dittatura dei vecchi è quella che sottointende a qualsiasi modello autoritario di gestione del potere….Quando i giovani vengono considerati eretici o semplicemente veline-portaborse del potente di turno significa che si tratta di un chiaro segnale di degrado democratico e culturale del paese….Infatti quando scendono in piazza vengono sistematicamente pestati fisicamente e mediaticamente attraverso una campagna minimizzatrice e denigratoria di perbenismo piccolo borghese che contraddistingue fortemente quest’epoca di passioni tristi….Quando, invece, provano a cambiare le cose all’interno dei partiti vengono subito spediti il più lontano possibile, come è successo per Debora Serracchiani già fuori dall’arena politica nazionale prima d’averci messo piede, probabilmente ha spaventato troppo i vecchi brontosauri della nomenklatura……E’ questo il destino che ci tocca???? Precari in balia di un’esistenza fatta di privazioni e lunghe attese ad elemosinare un piacere, una raccomandazione, una stabilizzazione, al potente del posto???? Mentre i pensionati, rovistano fra i rifiuti in cerca degli avanzi della cena dei patrizi, noi plebei, senza speranza alcuna di potercele avere una pensione in futuro, ci accontenteremo della solita zuppa di razzismo e paura, d’ignoranza e miseria, che la propaganda ci impone….Sara questo il nostro destino?????
    Chi ha deciso di rimanere bamboccione ancora per un pò lo invidio molto ed a questo punto posso anche affermare che ha fatto la scelta più sensata….
    Infatti mi chiedo: in nome di chi, in nome di che cosa, in nome di quale presunta dignità, si deve soffrire, patire, subire l’arroganza di un sistema in cui esisti solo se consumi….In cui sei considerato solo in base ai soldi che dimostri d’avere nascondendo il tutto dietro la maschera retorica della meritocrazia che vale per 1000 ricchi figli di papy, mentre uno solo riuscirà nella immane scalata sociale in cui la moltitudine, anche se “meritevole”, perisce dinanzi al sopruso ed alla prepotenza del più forte……
    Domani sarò alla Sapienza a contestare qual beduino, spero che non mi arrestino e non mi pestino….

  41. Buongiorno Sabina,

    mi viene da farti una domanda. Per quale ragione non hai nemmeno preso in considerazione l’idea di votare Radicali quando invece hai preso in considerazione l’Idea di votare per Di Pietro che -RICORDIAMOLO- fu L’UNICO della coalizione di CSx ad opporsi alla commissione di inchiesta parlamentare sui fatti di Genova?

  42. per chi abita a roma, o nei paraggi…

    DOMANI ALLE ORE 18.00, a piazza MONTECITORIO

    LIBERACITTADINANZA – Rete girotondi e movimenti

    organizza

    UN SIT-IN DI PROTESTA
    CONTRO IL DDL SULLE INTERCETTAZIONI

    no ad una legge che strangola la cronaca giudiziaria
    no ad una legge che imbavaglia le indagini
    no all’ingerenza del Governo sul potere investigativo

    fate circolare, s.v.p.

  43. subcomandante, ma come fai a dire che non è andata così male. E’ andata anche peggio.
    Proponi una somma di cifre che però non si possono sommare. E non si possono sommare perché la sinistra (radicale o meno poco importa) s’è divisa. E dividendosi ha lasciato senza rappresentanza chi ha votato in quell’area. Dunque la somma fa zero. Zero rappresentanti. Zerò utilità.
    Certo, certo. Se votare serve a misurare un partito, a quantificarne l’elettorato allora sì. C’è ancora gente a sinistra che però vota per nulla.
    Politiche. Europee. Amministrative. Scissioni che sanno di suicidio.
    E per un suicidio non è andata poi così male.

  44. Se credevi che la sinistra divisa potesse passare il 4% comprendo la tua delusone…Ma io non farei un dramma per la rappresentanza mancata, perchè il parlamento europeo è un contenitore lontano dalle dinamiche sociali e politiche nazionali…Certo avere un paio di seggi aiuta dal punto di vista economico, per questo sono incazzati, per il resto che ci sia o meno un’europarlamentare della sinistra radicale è secondario….L’importante è riuscire a rientrare al più presto nel parlamento italiano ed i risultati ottenuti sono incoraggianti in questo senso.

  45. io credevo….mah, che tu, Michele, Marco, Vauro e Di Pietro…boh, forse avevo capito male (già da piazza navona)
    contenta tu.

    Ste

  46. Va bene che 100 anni sono solo un piccolo respiro nell’immensità della storia dell’universo, e che un momento di stupidità non è poi la fine del mondo, ma, cara Sabina, il vecchio nonno ti dice che ti sei concessa un momento di stupidità e non ne potrai andare fiera. Già in un “post” precedente avevi vacillato, non era da te. Peccato.
    Riprenditi, per favore !
    Umberto

  47. subcomandante, non sono deluso perché non sento di fare parte di quell’area politica ma soprattutto perché non mi sentirei rappresentato da chi crea divisioni di quel tipo che annullano la rappresentanza. Sono convinto che ci sia spazio per una sinistra laica, lontana dal Pd e che possa assomigliare di più al Psoe di Zapatero.
    Il parlamento europeo legifera per migliaia di cose che non sono affatto lontane da dinamiche sociali e politiche nazionali, anzi. Spesso ne sono il quadro. Norme e leggi.
    Allora come potrà fare la sinistra a rientrare in parlamento se continua a produrre logiche e divisioni che la espellono dal e dai parlamenti?
    Non la penso come te. I risultati ottenuti non sono affatto incoraggianti, anzi. Sono un segnale chiaro e tondo: se la sinistra vuole ritornare ad avere rappresentanti, e spero che chi vota, vota per essere rappresentato (non è secondario) in parlamento deve cambiare ricetta. E la ricetta è mostrata in Germania con Die Linke. Incoraggiante è ottenere il 7% l 8% il 9% e non una somma fittizia che significa zero rappresentanti.
    Non ne faccio un dramma perché non è un dramma personale, io non voto in quell’area e nemmeno in Italia. Il dramma è vedere il 15% della gente che vota e che non è rappresentata. E non è colpa solo dello sbarramento (fosse stato al 3% ok, ma era il 4%). La responsabilità l’ha soprattutto chi ha diviso, separato. Incapaci i vertici della sinistra di costruire un progetto comune, solido. Siamo lontanti mille miglia.

  48. Non voterei mai di pietro… perchè non amo i masaniello, perchè non ha una struttura reale di militanti sul territorio(probabilmente è il partito PIù mediatico di tutti) e questo risultato rischia di attrarre tanti furbetti, perchè ci sono tanti dubbi sull’uso dei rimborsi elettorali (vedi la casa della legalità)e sull’uso della lottizzazione. perchè ha candidato una persona come De Gregorio, perchè è l’unico partito della maggioranza ulivista che si oppose alla commissione d’inchiesta su Genova, per la sua collocazione in europa… Troppe cose insieme per una persona di sinistra…troppe. Purtroppo a un partito non basta candidare persone eccellenti, a mio avviso.
    Non ho votato sinistra e libertà, dopo averci riflettuto e sono contenta così. Non li ho votati perchè non sopporto l’uso della parola che si fa in politica, soprattutto da un po’di tempo a questa parte… è un partito socialista e basta. Sinistra riformista, quella che sta morendo in europa, PSE e a fianco di blair non mi siedo volentieri, con tutto il rispetto. L’unica identità che è stata messa in discussione è quella comunista o “massimalista”, quella più vicina ai movimenti, tra l’altro. E ci si è nascosti dietro le parole nuovo, nuova identità, uniamo la sinistra..ecc.ecc. Imbarazzante, francamente. Mi ricorda il Partito Democratico.
    Ho votato la lista comunista, l’unica che secondo me mettesse davvero in discussione il sistema nella sua globalità e che sarebbe entrata nel GUE, la sinistra rosso verde europea. Nello specifico ho scelto Agnoletto e Haidi Giuliani, la mamma di Carlo, due indipendenti che stimo. Questa formazione secondo me ha sbagliato l’impostazione della campagna elettorale che è risultata troppo identitaria.
    Non sono affatto contenta del risultato ovviamente. Però non sono pentita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here