Home Politica Università: Protesta Studenti

Università: Protesta Studenti

CONDIVIDI
Università Protesta Studenti

Riforma Università, la  protesta degli studenti

 

Commenta questo post

14 Commenti

  1. Ciao SAbina! Ieri ero a teatro a vederti.. Sei stata fortissima! In ogni senso.
    Sono rimasta anche sorpresa dalla quantità di gente presente. Non mi aspettavo tante persone.. sono molto felice!

    ti faccio i miei complimenti e ti ringrazio

    un bacio grande

  2. Scaricate questo documento in pdf (si tratta di appunti di un corso universitario):
    http://archiviodigitale.unimc.it/bitstream/10123/499/1/basilici_05_06.pdf
    E andate subito alla pagina 30, paragrafo “Infotainment”.
    Valutate voi com’è stata catalogata, e al fianco di quali personaggi è stata messa Sabina Guzzanti, da questo sedicente docente basilici!

    Leggendolo stentavo a credere ai miei stessi occhi!

    Ora chiedo a tutti:
    ma si può essere più idiota e in malafede di questo sedicente docente universitario?

    Evidentemente la nefandissima entero-gelmini ha proprio l’intenzione di promuovere l’attiviità didattica di tali imbecilli, e di demolire sistematicamente il lavoro onesto ed irreprensibile di docenti non allineati al piano di privatizzazione delle università statali!

  3. molto interessante l’outing sui corsi di laurea e curricula che fa capire come a volte si sprechino risorse creando strutture eccessive – che fan comodo a qualcuno – che potrebbero correttamente funzionare in modo più modesto.

    tuttavia è opportuno precisare che esiste il pericolo opposto, cioè di strutture universitarie eccellenti che si reggono con troppo pochi mezzi (al limite dl ridicolo nel confronto con altri paesi) e che rischiano il collasso con i tagli di tremonti
    http://dailymotion.alice.it/video/x7gbkt_outing-civile-pisa-corso-di-laurea_news

    oppure, corsi universitari che sono a base della cultura moderna ma per loro intrinseche caratteristiche poco frequentati; sparirebbero se nell’università prevalesse un metro di giudizio “aziendale” o ad esclusivo interesse industriale
    dailymotion.alice.it/video/x7dtsd_outing-civile-napoli-facolt-inutile_news

    come pure è già sparito quanto e sostegno della PACE, argomento evidentemente poco “aziendale” e/o fuori moda…
    dailymotion.alice.it/video/x7eh3b_outing-civile-pisa-operatori-per-la_news

  4. volevo aggiungere: qualcuno nel blog parlava degli studenti come “mandrie impazzite”.

    penso che a livello nazionale, non sia affatto così; spesso sono molto preparati anche politicamente e nelle varie università riescono ad organizzare molte iniziative con grande impegno ed anche con fantasia. ma non si può pretendere una superorganizzazione a livello nazionale tipo grandi partiti (o grossi ma non poi così “grandi”, come il pd) o grandi sindacati

    è importante sottolineare come si siano organizzati anche a livello nazionale con un specifico sito, con una completa informazione, sia a livello politico che organizzativo: documenti, prossimi appuntamenti, orari di partenza dalle varie città per le manifestazioni

    http://www.ateneinrivolta.org/

    “Questo sito nasce da un’idea delle studentesse e degli studenti dei Collettivi Universitari che in questi giorni stanno contribuendo a costruire le enormi mobilitazioni contro la legge 133 e la riforma Gelmini.”

    bonus ignobilis
    http://www.youtube.com/watch?v=xNKGLv8u490&feature=related

  5. Dopo la decisione istantanea del CSM di trasferire il procuratore di Salerno che indagava sul caso De magistris, è tutto più chiaro. In Italia c’è un regime trasversale, che comprende i vertici istituzionali che impedisce di indagare su mafia e collusioni massoniche tra imprenditoria politica e istituzioni.

    Non possiamo stare a guardare.

    Organizziamo una manifestazione civile di protesta per sostenere il giudice De magistris e reagire allo scandalo che si sta consumando ai suoi danni,nei confronti della procura di Salerno e di noi tutti

    Non lasciamo solo De magistris

    Per questo è stato creato un gruppo su Facebook, se potete aggiungetevi,sarete aggiornati e speriamo sopratutto di organizzare una manifestazione di sostegno!

    http://www.facebook.com/video/?upload#/group.php?gid=42411656510&ref=mf

    PASSATEPAROLA

  6. Se il futuro di una città si misura dalla statura della sua classe
    dirigente, visti Calderoli e De Corato, possiamo senza dubbio essere
    tutti d’accordo che Milano é “no future”.
    Quanto avvenuto in occasione della Fiera degli O bej O bej è solo
    l’ultimo esempio di un’amministrazione della cosa pubblica che di
    fronte alla luna guarda il dito.
    A fronte alla recessione che si va dispiegando, alla difficoltà
    crescente di centinaia di migliaia di cittadini milanesi,si mobilita
    la truppa, fino a minacciare l’uso dell’esercito, si spendono tante
    risorse quante ne basterebbero per ristrutturare sessanta appartamenti
    di edilizia residenziale pubblica, duecento aule scolastiche.
    Per quattro bancarelle? Lasciando perdere la capacità di amministrare
    che suona parola troppo grossa, sarebbe bastato il buon senso o anche
    meno, quello della misura.
    E che siano venditori di carabattole o presunti terroristi islamici,
    con la dovuta differenza, poco importa.
    Per queste e molte altre ragioni lo Spazio pubblico Leoncavallo ha
    deciso in questi due giorni di ospitare gli “abusivi” cacciati dagli
    O Bej Obej.
    Piacerebbe vedere altrettanta intransigenza e rigore applicati agli
    appalti o alla disamina di centinaia di società immobiliari e
    finanziarie che di legale hanno soltanto l’iscrizione alla Camera di
    Commercio. Piacerebbe vedere altrettanta determinazione nei cantieri,
    a tutela della sicurezza e del lavoro.
    Il prossimo anno Milano avrà due eventi contemporaneamente: la fiera
    degli O Bej O bej e una controfiera della solidarietà e libertà.
    Dove? Al Leoncavallo, ovviamente. Un danno per tutti.
    Magari con capatina anche alla prima del Teatro alla Scala, giusto
    perchè le tradizioni vanno coltivate tutte.
    Giusto anche mandarne la fattura a Palazzo Marino o al Ministero del
    Nulla alias Semplificazione legislativa. SALUTI ANTIFASCISTI DA STEFANO MILANO
    _______________________________________________

  7. Sabina,
    http://www.barimia.info/modules/article/view.article.php?15351

    Berlusconi passa all’attacco di internet. Speriamo che nel mondo siano un po’ meno coglioni degli italiani. Si, gli italiani sono dei coglioni, se il 30-40% votano PDL e un 30% votano PD, sono dei coglioni. A volte mi chiedo dove sono finiti quelli che fuori dall’hotel raphael gridavano contro Craxi?

    L’ultima possibilità di uscire dal questo buco nero , secondo me sono gli altri stati… speriamo che si sbrighino a prenderci a calci nel culo, a cominciare dallo psiconano, che ormai giornalmente ci fa scendere di un gradino verso lo sfacelo totale.

  8. @publio valerio publicola:

    E’ da 5 anni che conservo le monetine da 1 e quelle da 2 cents per essere pronto a dare il mio contributo quando lapideremo lo gnomo malefico, i suoi nefandi servi e questa disgustosa pseudo-opposizione parlamentare!

    Una pioggia dirompente di spiccioli li seppellirà………………………….

  9. Beh, lapidare il nano con monetine da 1 cent e da 2 cent mi sembra una crudeltà… Una crudeltà giusta e motivata, ma pur sempre indegna di un Paese civile.
    Pertanto io raccolgo solo poche monete, ma le voglio d’argento per farne dei proiettili “magici” affinché, colpito al cuore, il nano mannaro muoia definitivamente.
    Lo so, in molti si indigneranno per la morte troppo rapida del nano, in molti protesteranno per la mancanza di adeguata tortura, ma il mio spirito umanitario mi induce ad abbattere il nano con un solo colpo dritto in fronte ed un secondo (di sicurezza) dritto al cuore.
    A questo si può aggiungere (per tranquillizzare i più apprensivi) un robusto paletto di frassino conficcato nel cuore del nano.
    E quando siamo sicuri che è ben morto, ci si sbarazza della carogna dandola in pasto ai maiali e subito si festeggia alla grande, balli, danze, canti, bevute, brindisi, schiamazzi, allegria sfrenata, gioia incontenibile, gaudio e tripudio per la morte del nano!!!

  10. concesso il sortilegio dei proiettili “magici” dalle monete d’argento, al solo scopo di esorcizzare la covata di nani che lo psico nasconde e cova sotto di sè…

  11. @publio valerio

    ho sentito ke vuole “regolarizzare” la rete, ma naturalmente regolarizzare e’ la dicitura politically correct inventata x infinocchiare gli ingenui nella migliore delle ipotesi o i coglioni nella peggiore.
    c’e’ bisogno ke ve lo traduca in linguaggio corrente?

  12. che cos’e’ questo gioco dei numeri , la matematica ?
    cos’e’ che attira ad indovinare un numero; se al gioco del lotto usassero delle lettere ,dei monosillabi da indovinare avrebbe lo stesso successo ?
    le lettere sono dei numeri , le parole , sono dei numeri le note musicali , il nostro camminare è un numero ?
    cos’e’ che pitagora e la sua setta pitagorica trovava nella ricerca dei numeri perfetti ? e il mistero dei numeri primi , quelli che non stanno nella regola ?
    cosa spinse il pitagorico ad uccidere colui che scoprì il numero irrazionale (il fascino di un diverso)? quando si perde il senno
    perchè questa gente pronuncia numeri dai quali non riusciamo a tradurne l’identità.

    che cos’e’ la matematica , l’affermazione di un opinione , potrebbe essere : è sicuramente il fascino di un itellettualismo , ma non per tutti ,
    per altri è molto di più , e per altri è molto di meno; la certezza del dubbio esprimerebbe qualcun altro , con altri segni;

    in matematematica , il singolo ha molta più importanza per il suo intorno che per la l’intera funzione , può essere un punto di singolarità , che crea discontinuità , secondo la matematica è un infinitesimo che contiene l’infinito;
    è curiosità sapere , che un uomo che voleva insegnare pagava i suoi studenti affinchè assistessero alle sue lezioni , e quando questo smise di pagarli solamente uno , o forse due , o forse tre , rimasero con lui a costruire la sua lezione;

    è un sistema , che addossa una cultura alla gente per trarne poi i denari , gli studenti sono i salvadenai di questa società , ma i denari che si immettono a volte , quando va bene sono stampati dalla zecca di stato , se no sono assegni a vuoto , santini di ogni genere ; ma togliendo i vizi , questa ,a mio parere, rimarebe una condizione che potrebbe rimanere fruttuosa sia per la società che per l’individuo , salvo poi concluderne l’esperienza scolastica con uno spazio di intraprendenza , indipendenza e autonomia ;è la meccanica capitalistica che invece risulta deleteria senza nessuno sconto, la si può riassumere col seguente esempio : se si ponesse la condizione per la quale il profitto economico di un primario fosse ridotto e simile a quello di un discreto impiegato di un media azienda , vedremmo gli iscritti a medicina calare notevolmente , i bari che rinunciano a presentarsi ai corsi di ammissione , la clinica santarita a rinunziare ai premi di produzione; rimarebbero allora forse quelli che operano per fare del bene , quelli che la loro fatica è ricopensata già per il lavoro che svolgono ,e quelli del voglio a tutti i costi i denari andrebbero via , credo proprio di si. destrutturare la realtà de l’ideale capitalistico , non per fare polemicamente del male arbitrario , per rimodellare uno spazio che sia anche strutturale coi suoi dubbi , per un benessere sociale.

    [sentimenti di pazzia]prima di un momento fa , o forse qualcuno in piu’, ho scritto :

    pazzia di un mondo lontano
    archeologo di storie surreali
    leggenda o verita’? male o bene ?

    pazzia : ho lavorato un intera vita
    in una catena di montaggio
    cercando alla fine di ogni giornata
    risultati che differissero da quella
    precedente, pazzia è conoscere la
    verità unica e bellissima in
    quanto tale ed in quanto intima
    conoscenza che ci conduce alle vie
    della virtù divina e negarla e
    rinnegarla; pazzia è negare e
    rinnegare il tuo amore moltiplicando
    la sofferenza per il tuo amore
    negato , e domani di nuovo.

    pazzia è uccidere le cose : 23 tazzine
    di caffè diverse , collezioni di cianfrusaglie, desiderare il mare in montagna, comprare i deodoranti per le cantine ed i garage, non calpestare l’erba del giardino se non per tagliarla , per noi la pasta col pomodoro e per i cinesi il riso.

    Ricetta dell’uomo saggio : un po’ di schiuma da barba, un po’ di borotalco, un goccio di profumo , un po’ di alcool : mettere tutto in una ciotola , amalgamare tutto con un po’ di sabbia, lasciarlo riposare per qualche giorno , se il risultato è solido creare una scultura , se è pastoso modellarlo , se è liquido aggiungere fogli di giornale e pezzi di vestiti; è importante sapere che tutti gli ingredienti sono sostituibili con altri e che tutti i procedimenti sono sostituibili con qualsiasi altri. L’età giusta per diventare saggio è otto anni ma qualsiasi altra età va bene lo stesso.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here