Home Politica Terremoto L’Aquila: trovati i colpevoli!

Terremoto L’Aquila: trovati i colpevoli!

CONDIVIDI

>> Draquila: guarda il film di Sabina Guzzanti<<

Terremoto L’Aquila: trovati i colpevoli!

Le regole sono regole e vanno rispettate. Le leggi anche, altrimenti si entra nell’illegalità.

Quando infrangi le leggi e la Procura apre un fascicolo su di te, se non sussistono i presupposti per l’archiviazione del procedimento,  si va al processo.

E’ così, per tutti. Non si capisce come, allora, si debbano fare proclami contro i giudici che non archiviano e darsi a dichiarazioni molto poco edificanti.

Il processo una volta svolto ci dichiarerà innocenti o colpevoli, tutto qua, senza fronzoli. Ma purtroppo sappiamo che per qualcuno non è così.

Per noi poveri mortali, invece, è esattamente così. Qui a L’Aquila di processi se ne stanno svolgendo tanti: riguardano i crolli di palazzine, la commissione grandi rischi, solo per citare i più importanti.

Ma ce ne sono tanti di cui non si parla e, se si mettono assieme, fanno apparire i cittadini come una massa di delinquenti.

Ricorderete tutti, ad esempio, il sequestro delle carriole che ha poi portato ad un processo, in svolgimento, non solo per chi deteneva quelle pericolose armi di distruzione di massa, ma anche per chi, identificato mentre ripuliva dalle macerie una Piazzetta meravigliosa del centro storico, si è macchiato di un peccato perseguibile per legge.

Che dire poi delle manganellate a Roma?

Cittadini pacifici e indifesi vengono picchiati a sangue e il processo lo subiscono loro, mica le forze dell’ordine!!

E i ragazzi dell’asilo? Denunciati per l’occupazione di un luogo che, non solo è ancora occupato, ma è soprattutto il luogo di ritrovo di tanti e il centro di una serie mirabile di manifestazioni culturali. E ce ne sarebbero altre.

A questo punto ho due notizie: una buona e una cattiva.

Cominciamo da quella buona: i miei figli mi hanno detto che sono fieri di me. Perché? A seguito di questa cattiva notizia: sono indagata. Oggi ho ritirato la notifica presso la Polizia Giudiziaria. Assieme ad altri 9 concittadini sono rea di aver passeggiato in zona rossa il giorno 17 luglio 2010.

Lo ricordo benissimo: ci scrissi questo post , forse quello che è servito ad incriminarmi. Di seguito anche uno dei due video che girammo.

Eravamo tanti, ma non importa. So già come mi difenderò: non già con una legge ad personam, ma con la verità. Non ero capace di intendere e di volere: quella sera sentivo una voce che mi chiamava. Era dolce e insistente, era quasi un coro. Mi dicevano quelle voci di andarle a trovare, di scaldarle con la vita, di respirare la loro solitudine. E alla fine da quei muri sgorgavano lacrime di ringraziamento.

P.S.: Con noi c’era anche la Digos!!!

>> Draquila: guarda il film di Sabina Guzzanti<<

 

Commenta questo post

60 Commenti

  1. Dopo più di due anni la zona rossa è ancora inaccessibile.
    Ci sono ancora i militari a presidiarla.
    Stato di emergenza ancora fino al 31 dicembre 2011.
    Che senso ha?
    L’immobilità è palpabile. Stanno facendo marcire persino le macerie.
    A Bertolaso (notizia dei primi di maggio) una cattedra di un master post universitario di specializzazione in “Gestione dei Rischi e delle Emergenze” dal titolo “Gestione post-terremoto: un caso di studio” (il titolo del master è in realtà in inglese: “Post-earthquake management: Case study”. Forse per lui era più adatto ‘C.a.s.e. study’ sic!); agli aquilani che non fanno altro se non rivendicare un diritto negato un’indagine della Polizia Giudiziaria.

    ‘E la beffa è che le transenne quel giorno erano aperte e senza segnaletica. E allora cominci a pensare: quante altre ne arriveranno di notifiche e a chi? Quanto spreco di tempo e di soldi per un diritto negato?
    Come si può spiegare cosa significhi perdere una città?
    Non si può spiegare. Il dilagare delle emozioni, spesso contrastanti. La rabbia, l’impotenza, i ricordi.
    Come si può spiegare la necessità di varcare i confini messi tra noi e lei? Come si può. Restare senza città. Affidarsi ai ricordi per rivedere le strade, i vicoli, la tua casa. Come si può.
    Non si può. Scagli la prima pietra chi mai si è intrufolato nei meandri della propria vita desiderando di toccarla, ancora una volta.’

    http://giusipitari.blogspot.com/

  2. Grazie Sabina per esserci vicina ancora una volta. L’Aquila, la mia città: chiusa, derubata, stuprata. E i colpevoli siamo noi. A presto. Giusi

  3. …….speriamo solo che dopo sto calcio negli stinchi……domenica si prendano anche una bella mazzata sui denti………

  4. L a cosa peggiore è il silenzio, io non sono dell’ Aquila ma cosa ci dicono nell’ informazione dell’ Aquila? A parte dei proclami beatificatori di inizio vicenda x consegne in diretta di case prefabbricate donate da CRI internazionali , passate come opera propria, cosa altro abbiamo saputo? Nulla ! siete voi che ci vivete che ogni tanto alzate la voce ma nei Media cosa esce?..nulla.Capisco il senso di impotenza perchè purtroppo ci prende a tutti ogni giorno di più e poi per fortuna escono gli operai della Fincantieri che ti fanno capire che forse anche noi che NON SIAMO UNTI DAL SIGNORE possiamo tutti insieme far sentire la nostra voce e indignazione.
    Una parola agli Aquilani non mollate x favore e rivendicate ancora il diritto sacrosanto di avere i vostri vicoli, le vostre piazzette e le vostre CASE.
    UN abbraccio a voi e Sabina (ti stimo)
    Ferdinando

  5. La digos era presente per il semplice motivo che doveva controllarti e si è guardata bene dall’impedire il tuo accesso alla zona rossa !!!!! (altrimenti strillavi come un’aquila) Agli aquilani consiglio di fare un giro turistico nel belice o in provincia di Avellino! (colpa del governo attuale?) Le solite malelingue vanno dicendo che anche sabina è andata in pellegrinaggio ad ARCORE!!!!!! Ahhhhhhhhhhhhhh

  6. Non facciamo il solito errore (invero strumento di demagogia) di mischiare cose vere a cose false, di accostare cose che stannno bene insieme solo in parte, così da nascondere le importanti differenze (o addirittura da nascondere le comuni responsabilità!), non facciamo qualunquismo…
    non ci si rassegni, la malagestione e l’antidemocrazia non sono un fattore ambientale, né genetico, sono responsabilità precise che vanno individuate e combattute, che si abbia o no L’Aquila o altri luoghi nel cuore, Anche con un governo diverso ci sarebbero stati problemi, ma molte cose sarebbero state gestite differentemente e queste molte cose sono molto importanti.

  7. Ciao Sabina….ogni volta che ritorno in italia è sempre un trauma… apro il tuo blog e leggo queste notizie…….ci rimani tu e la tua battaglia! sei grande e ti voglio bene! un abbraccio.

  8. http://www.repubblica.it/cronaca/2011/05/25/news/l_aquila_rinvio_a_giudizio_per_la_commissione_grandi_rischi-16734783/

    I sette componenti della commissione Grandi Rischi rinviati a giudizio nell’inchiesta sul terremoto dell’Aquila dovranno rispondere dell’accusa di omicidio colposo.

    ‘Il punto nodale di tutta l’indagine è il verbale redatto subito dopo la riunione del 31 marzo 2009, nel quale si riteneva poco probabile un forte terremoto.
    La procura contesta “una valutazione del rischio sismico approssimativa, generica e inefficace in relazione alla attività della commissione e ai doveri di prevenzione e previsione del rischio sismico”.
    “Sono state fornite dopo la riunione informazioni imprecise, incomplete e contraddittorie sulla pericolosità dell’attività sismica vanificando le attività di tutela della popolazione”.
    Gli imputati “sono venuti meno ai doveri di valutazione del rischio connessi alla loro funzione” anche sotto il profilo dell’informazione.
    Queste notizie rassicuranti “hanno indotto le vittime a restare nelle case”.’

  9. Gli scienziati di tutto il mondo concordano che è impossibile prevedere dove e quando si verificherà un terremoto. La procura dell’Aquila dice invece che ciò è possibile!!! Con qualche seduta spiritica???

  10. @giovanni
    Che i terremoti non si possano prevedere e su questo credo che siamo tutti d’accordo, anche la procura dell’Aquila.
    Viene contestata la superficialità nella valutazione del rischio, con conseguente rassicurazione della popolazione sulla totale mancanza di rischio.
    Se non si poteva prevedere che il terremoto ci sarebbe stato, come si poteva rassicurare la popolazione sul fatto che NON ci sarebbe stato, venendo meno al ruolo di prevenzione e tutela della popolazione?

  11. @Giovanni: Nel paese dei paesi senza paese ci sono i paesani spaesati come te. Non è razzismo, ma stai sostenendo dei criminali e molestando chi si indigna.
    Questo paese dei paesi senza paese è da sempre ostaggio di bande criminali che si fanno la guerra e in questi ultimi vent’anni le guerre si sono talmente intensificate che si sono tolte le maschere giurando che non è vero.
    Giovanni tornate al paese tuo e inizia a costrui qualcosa de tuo utile per tutti e non per pochi ma boni se non sai chi sò i boni e chi sò i cattivi

  12. Giovanni..a me sembra…che l’unico commento sensato, equilibrato e senza il solito odio politico sia il tuo…….gli altri sono solamente comenti politici…lo imostra il commento del sig. guerrieri….

  13. Finirà tutto in una bolla di sapone…come al solito…..io indagherei il sindaco che gestisce la Protezione civile locale e non è intervenuto prontamente…ma purtroppo ci sono i ballottaggi…e la magistratura presenta il conto…

  14. dicono che l’ospedale in parte crollato era stato restaurato dalla provincia…presidente la sig.ra pezzopane…….e la magistratura cosa fa?

  15. Ce sta qurchuna che vole investi li soldi guadagnati ? Interesse garantito del 27,13 % mensile ( solo se non piove) perchè se piove il governo è ladro.

  16. negli ultimi tempi sto avendo rigurgiti di indignazione, mi ero assuefatto alle malefatte di chi ci governa, anche io stavo incominciando a dire come altri: ma si, chi se ne frega… Adesso dentro di me è scattato qualcosa, forse ho letto un messaggio negli occhi dei miei figli…non lo so… quel che è certo e che sono rinato… Si ricomincia a lottare!!!!!

  17. Negli ultimi trent’anni, noi mafiosi, di progressi ne abbiamo fatti parecchi. Un tempo la Sicilia era la metafora dell’Italia, adesso è il contrario. Inoltre è quasi certo che nel giro di un paio di generazioni riusciremo a realizzare l’Unità d’Italia di stampo mafioso. Eppure, nonostante questi successi, ci manca qualcosa di fondamentale, manca cioè il riconoscimento individuale per quei meriti che vengono attribuiti alla mafia in generale. E’ giunto quindi il momento di farci conoscere uno ad uno, per ciò che siamo e rappresentiamo per la società. Per questo motivo ho pubblicato il romanzo “Siamo tutti mafiosi”, Sangel Edizioni, che vorrei portare alla conoscenza del pubblico.

  18. Voglio battere MARTINA!!!!!!!!!! Da quando è sceso in campo lo sempre votato!!!!!!! Spero che venga eletto prima presidente della repubblica e poi imperatore d’Europa !!!!!!!! VIVA SILVIO!!!!!

  19. spero che lunedì i Tg diano questa notizia”BERLUSCONI VINCE I BALLOTTAGGI SIA A MILANO CHE A NAPOLI E IN TUTTA ITALIA” se non dovesse accadere la democrazia sarebbe a rischio, i centri sociali marcerebbero su Roma e ritornerebbero le BR, è bastato andare ai ballottaggi per vedere scene di violenza ovunque, spero che gli elettori votino con giudizio…….tappatevi il naso ma votate MORATTI E LETTIERI…(tanto so che la buona sabina censurerà il mio libero pensiero)

  20. MESSAGGIO SGRADITI!!! Poveri utenti, non desiderano leggere alcun messaggi , allora dicono alla mammina di nasconderli e lei da buona mamma ubbediscel!!!!

  21. Allo stato attuale delle conoscenze scientifiche, *non* è possibile prevedere i terremoti. Punto.
    Che i giudici se ne facciano una ragione.
    Si potrebbe arrivare al punto in cui non prevedere una catastrofe potrebbe essere illegale in Italia, a danno ovviamente della ricerca scientifica.
    Per l’inchiesta parallela sulle costruzioni non eseguite a regola d’arte le indagini sono giuste, perché se è vero che non si può prevedere *quando* accadrà un evento sismico, si può prevedere *dove* accadrà probabilmente. Quindi è necessario costruire gli edifici con i dovuti crismi.

  22. EVVIVA LA DEMOCRAZIA…. a napoli un grande segno di discontinuità… prima la giunta era formata da PD e IDV…ora? stessa cosa…..chi ha vinto? indovinate…

  23. scusate i commenti sgraditi cosa dicevano? per caso rosicavano per i risultati ellettorali trascendendo nel turpiloquio e dimenticando di moderare i toni?

  24. purtroppo per napoli…vedo giorni bui…do qualche mese a de magistris prima di gettare la spugna ammesso che riesca a fare una giunta….senza PD senza UCD…altrimenti quale sarebbe il cambiamento?

    A milano pisapia ha le stesse difficoltà…già ha dovuto respingere gli attacchi al potere di vendola….e dei centri sociali che hanno peso di mira gli uffici del vicesindaco….

    Questi non mi sembrano commenti violenti o offensivi…..ma solamente dati d fatto…

  25. Il vento è già cambiato, e si vede. Ma le folate che arrivano sono peggiori di quanto si potesse immaginare. Perché quando si arriva a strumentalizzare dei bambini al solo scopo di attaccare il presidente del Consiglio, allora forse è il caso di fermarsi un attimo e fare un passo indietro. Una decina di ragazzini, di circa dieci anni, vengono diretti dall’autore e produttore Gianni Tirelli. Incidono una canzone che ha già fatto il giro in rete e il cui titolo già dice tutto, o quasi: “Il cavaliere nano”. Ma quello che più scandalizza sono le parole pronunciate dalla Kids revolution, il nome del gruppo.

    “Tua moglie ti ha lasciato perché dici le bugie e poi che sei malato e fai le porcherie ma noi bambini non vogliamo un padre come te”, è uno dei passi della canzone. Che come ritornello recita così: “Fai la cacca in una mano e poi datti una sberla, faccia di merda, faccia di merda, faccia di merda, sei un buffone…”. I bambini vengono “ammaestrati” a dovere, forse senza conoscere il vero significato delle parole che pronunciano. Il tutto viene fatto in un’atmosfera che varia: si passa da uno studio di registrazione a un soggiorno per finire allegramente in uno spazio aperto dove i piccoli si esibiscono in un girotondo. Come se non bastasse, il video è solo una promo, quello ufficiale deve essere ancora trasmesso. Ma è già abbastanza per evidenziare come sia stata varcata la soglia del limite, sia dall’ideatore dell’iniziativa, sia dai genitori degli stessi bambini, disposti a usare i loro figli come cassa di risonanza dei loro livori verso il premier. Sicuramente gli avvocati difensori della clip sfoggeranno l’alibi dell’aspetto ludico, diranno che si tratta di una iniziativa ironica e sarcastica. Ma sarà solo un velo di ipocrisia. In questi anni ne abbiamo viste di tutti i colori per attaccare Berlusconi. Ma almeno lasciate stare i bambini.

  26. RICORDIAMOCI QUESTE PAROLE :
    Lei ha detto che farà la sua prima delibera sui rifiuti, argomento caldo e decisivo in campagna elettorale. Cosa conterrà il provvedimento?
    “Lo schema l’abbiamo già pronto anche se la competenza non è solo del sindaco. Partiremo con la raccolta porta a porta in tutto il territorio comunale, quindi faremo entrare a regime gli impianti di compostaggio e renderemo concreto un ragionamento già in atto per togliere la spazzatura dalle strade e far funzionare e mettere a norma il termovalorizzatore di Acerra. Non consentiremo invece la creazione di un nuovo termovalorizzatore, come vuole la Regione”.
    Nuove discariche?
    “No, basta. Al riguardo c’è un mio impegno già preso da europarlamentare visto lo scempio di alcune zone come Chiaiano e nella Provincia. C’è la disponibilità di alcune Regioni, per un tempo breve, a prendere la spazzatura e utilizzarla per i termovalorizzatori o in alcune discariche”.
    UNA RIFLESSIONE (GIUSTA O SBAGLIATA DITEMELO VOI)…
    SE DE MAGISTRIS LASCIA L’EURO PARLAMENTO, GLI VIENE A MANCARE L’IMMUNITA’ DA LUI RICHIESTA DOPO CHE MASTELLA LO AVEVA DENUNCIATO PER DIFFAMAZIONE…QUINDI SE IN SEGUITO CONDANNATO CHE SI FA’? COME HA SEMPRE SOSTENUTO, SI DOVRA’ DIMETTERE ANCHE DALL’IDV E DA SINDACO…

  27. ma l’inceneritore di Acerra non era mal ridotto non funzionante e quindi inquinante e per giunta in mano alla camorra? ora de magistris dice il contrario? cioè che funziona e che ripartirà da lì per risolvere i problemi della munnezza a napoli?

  28. ggi alle 13 insediamento di Giggino a Palazzo San Giacomo, e salta l’udienza davanti al Gup di Roma: “Per la concomitante cerimonia ufficiale di insediamento – scrive il corrieredelmezzogiorno.it – l’ex pm oggi non comparirà davanti al gup di Roma, Barbara Callari. De Magistris, insieme al consulente informatico Gioacchino Genchi, è accusato di illecita acquisizione di tabulati telefonici di parlamentari. Secondo l’accusa Genchi e de Magistris avrebbero acquisito in maniera illecita, nell’ambito dell’inchiesta Why not, tabulati delle utenze telefoniche di alcuni deputati tra cui il presidente del Consiglio dell’epoca Romano Prodi”.

    Intanto Giggino ‘a Manetta è alle prese con la formazione della Giunta: il sindaco prende tempo, e secondo Rep Napoli “molta della incertezza è però determinata proprio dal Pd, che nel frattempo ha fatto capire al sindaco di voler rimandare l’incontro alla settimana prossima, dopo la direzione nazionale del partito prevista per il 6 giugno. Una riunione nella quale però il partito esaminerà anche l’ipotesi di restare fuori dalla compagine di de Magistris”.Ma che succede? il PD esaminerà se rimanere fuori? ma non aveva un suo candidato che è stato battuto dagli altri due? DEVE RIMANERE FUORI!!!!

  29. Ma anche per i Sindaci c’è il …………come si chiama la scusa che mette sempre Berlusconi…..non mi viene..comunque…DEMAGISTRIS FATTI PROCESSARE…DE MAGISTRIS NON SCAPPARE VAI DAVANTI AI GIUICI….ma questa è un’altra storia

  30. tu invece, bastardo di un fottuto rosicone, stracolmo d’invidia merdosa che si taglia a fette, ti nascondi senza ritegno (come solo i traditori sanno fare), nei post passati…
    non ti si fila nessuno… vigliacco! passavo di qui per caso, per un istante ho provato pena per te.. un istante, giusto il tempo di rimandare al mittente ciò che trasmette
    non scomodarti a rispondere, tanto non ripassso! non meriti neanche un pollice rosso e/o di essere cancellato, perchè ti autoestingui da te, infame della malora!

    na’, raggiungi il tuo nanowater! oppure crepa isolato come un topoverme di fogna!

    http://www.ryanair.com/it

  31. Caro Giovanni devi capire che ora in questo paese c’è la democrazia e auryn ne è il classico esempio….esempio di quello che ci aspetta…esempio di come verranno gestite le libere opinioni altrui..

    Cara Sabina ora non puoi esimerti dal togliere dalla discussione il post del Sig. auryn che offende gli altri interlocutori come di seguito hai riportato in un tuo post.

    Hai detto: “scusate i commenti sgraditi cosa dicevano? per caso rosicavano per i risultati ellettorali trascendendo nel turpiloquio e dimenticando di moderare i toni?”

  32. Cara Sabina, sono scandalizzata nel leggere il post di auryn, nessuno era mai stato tanto villano e maleducato da esprimersi in tal modo, spero che tu sarai tanto equilibrata da censurarlo come merita

  33. Accidenti credevo di poter scrivere in un blog controllato ma in questo blog si dicono molte parolaccie e nessuno interviene, debbo mettere il filtro ai miei figli

  34. ciao giovanni….ho scritto a sabina….dicendo di censurare auryn

    ti è piaciuto ieri celentano il predicatore?????

    mi è sembrato un po confuso

  35. auryin alias sabina? Se cosi fosse dovrebbe auto censurarsi. Francamente o qualche dubbio che lo farebbe. Comica o ridicola?

  36. Come tutti i predicatori, predica bene (per la verità non tanto bene , anzi male, anzi malissimo) e razzola male !!! Anche lui comico o ridicolo’

  37. BRUTTA BAGASCIONA ZOCCOLONA E TROIONA CHE NON SEI ALTRA,ADESSO,OGGI,PUOI FARE QUELLO CHE FAI,VERRA’ IL GIORNO CHE SI FARA’ LA VERA LOTTA DI CLASSE E LE BAGASCIONE DELL’ALTA SOCIETA’ CHE SI ERGONO A PALADINE DELLA PATRIA FARANNO LA FINE CHE SI MERITANO.p.S.DICI CHE QUESTE SONO BESTIEMMIE BRUTTA PUTTANA DI MERDA E QUINDI IL POST NON VERRA’ PUBBLICATO?eCCHISENEFREGA LEGGILO INTANT E STAI IN CAMPANA BAGASCIONA!!!!!

  38. Su molte cose non sono d’accordo con la Guzzanti ritengo comunque che il post di carogna andava preventivamente censurato !!! Fossi io la Guzzanti valuterei seriamente se ci sono gli estremi per una denuncia!!

  39. PIENA SOLIDARIETA’ A SABINA GUZZANTI (NON RIENTRA NEI MIEI GUSTI MA NON SI DEBBONO USARE CERTI TERMINI VIOLENTI ED AGGRESSIVI)

  40. Concordo con Giovanni e Salituro, i post di auryn e carogna vanno immediatamente censurati( anche se ho visto che sabina censura più le idee che gli attacchi violenti)

  41. ci sono sciami sismici nell’area del pollino0 prov. di cosenza, la popolazione e’ stremata, sabina guzzanti cosa suggerisce????

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here