Home Politica SESSO ORALE: DALLA CARFAGNA A BARANI PASSANDO PER GRASSO

SESSO ORALE: DALLA CARFAGNA A BARANI PASSANDO PER GRASSO

CONDIVIDI
Barani

Non solo Barani: in questo video si trattano due temi:

1) perché GRASSO NON DIVENTERA’ PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

2) un exursus storico sul SESSO ORALE: DALLA CARFAGNA A BARANI

Ma questi numeretti non rendono, sono molti di più i temi toccati e per amore di corporazione voglio aggiungere queste considerazioni:

L’oscenità nel comico e l’oscenità politica non sono la stessa cosa. Una cosa è liberatoria l’altra è opprimente.Quella del comico è sempre punita, quella del politico la fa sempre franca. L’oscenità del comico sei libero di ascoltarla o meno quella del politico la devi subire per forza.

Fatemi sapere che ne pensate per favore.

Commenta questo post

52 Commenti

      • Stimata Sabina,
        sono sempre molto contenta quando vedo e ascolto le sue valutazioni.
        Sono in sintonia completa con la sua analisi (compresa l’opinione sulla ridicola organizzazione di senonoraquando- e ne avrei da dire compreso alcune e-mail ricevute) , e le chiedo di essere più presente sui canali mediatici. Io non pendo dalle labbra di nessuno ma la sua comunicazione o il modo che ha lei di sintetizzare in forma civile ma ferma dei contenuti di facile oblio mi porta a considerarla persona di grande correttezza e di grande onestà. Non sono stupita dalla volgarità di quei ricettacoli di bifolcheria, (del resto basta guardarli un faccia) ma dalla presenta di questi buoi in Parlamento. Non se ne può più. Desidero incollarle (se ci sta) il commento che avevo scritto sul Fatto Quotidiano. Non per niente ma solo perché oramai è rimasto come unico canale per veicolare l’indignazione e la rabbia di una Cittadinanza ferita da squallide bestie!”Grande solidarietà a Barbara Lezzi e a Paola Taverna.
        Che razza di maschi rappresentano gli italiani. Dio mio! E poi ridono, si divertono.., e soprattutto si compattano per correre in aiuto di una classe farcita di menzogne, furbizie a ladronerie contro la Cittadinanza che non può replicare con gli stessi strumenti. Una classe uscita dalla filosofia dell’uomo forte brianzolo, del commerciante di macelleria salito ai ranghi del “potere” (definito anche uomo della provvidenza”) o calibrata sulla piccolezza della convinzione che “con la cultura non si mangia”….. Maschi (e non Uomini) che non ABBIAMO ELETTO! A Barbara Lezzi, Paola Taverna, un sincero grazie, perché queste bassezze emergono a causa di molte donne che, in passato, non hanno saputo stoppare, come voi avete fatto, simili indecenze lasciando a questi maschi privi di argomenti, lo spazio di eruttare la loro rabbia contro le donne. Contrapponiamoci sempre e non lasciamo perdere più nulla! Accantoniamo la falsa illusione che le donne non si devono abbassare a simili forme di comunicazione per il timore di perdere l’aurea dello stereotipo della “nobildonna” ! Se uno ti spara cosa fai? Gli parli in dolce stil novo o ti difendi con una giusta difesa?
        Stop, l’abbraccio Sabina. Sonia R.

      • CARA SABINA, AIUTAMI, TI SCONGIURO, MI STA ASSALENDO UNA TERRIBILE MALATTIA
        ==========================================================

        Desidererei informare pubblicamente il Ministero della Sanità, la ASL e il mio medico di base dei sintomi di uno strano malessere che sempre più spesso mi procura notevoli fastidi particolarmente agli occhi, al cervello e allo stomaco. Vorrei anche conoscere se questa mia malattia è un caso isolato e personale o se altre persone avvertono così terribili fastidi. Per spiegarmi meglio cerco di descrivervi con parole molto semplici, non essendo medico, e neppure infermiere, i terribili malori che scompigliano il mio povero organismo procurandomi dolori inenarrabili. I miei occhi diventano due lampi di fuoco e riescono quasi ad uscirmi dalle orbite. Il mio cervello raggiunge la temperatura dell’acqua che bolle e me lo sento uscire dal naso e dalle orecchie. Non vi dico poi cosa avviene nel mio stomaco: l’alito si fa così nauseabondo che all’istante perdono i sensi tutte le persone che mi stanno d’intorno; c’è uno sconvolgimento viscerale con vomito di bile e di acidi gastrici con una violenza ed un fetore tale che al confronto il vomito della fanciulla posseduta dal demonio nel film “L’esorcista” è acqua distillata. Questa strana e terribile malattia mi assale e mi sconquassa appena mi accingo ad assistere in Tv ai vari dibattiti politici, al caos dei loro scontri, alla subdola propaganda ed elencazione di tutte le false promesse elettorali, alle volgarità di abbuffate di cannoli, fette di mortadella e disgustosi porno-gesti che darebbero fastidio anche ai più scurrili e sguaiati facchini della peggiore risma. Aiutatemi, vi scongiuro! Io voglio assolutamente guarire! Voglio che la televisione diventi uno strumento di vera cultura e lo specchio di un paese nobile e civile! Voglio che il Parlamento e il Senato della Repubblica Italiana tornino ad essere il tempio sacro di tutti quei valori che devono onorare la nostra storia e non vanificare il sacrificio di tutti quei martiri che nel corso dei secoli hanno immolato la loro vita per i più alti ideali. Così come voglio che tanto fango non infesti i milioni di italiani che quotidianamente, con impegno serio e costante, sgobbano per superare ogni ostacolo. Voglio che neppure una sola goccia di questo fango possa sporcare l’avvenire e le sperante dei nostri giovani. Voglio che a Montecitorio e a Palazzo Madama ci siano persone degne di occupare quegli scranni e non una volgare casta propensa più a bivaccare ed a pensare al proprio tornaconto che a lavorare con serietà d’impegni per una grande Italia!
        Raffaele Pisani
        raffaelepisani41@yahoo.it

  1. Grande Sab!Abbiamo bisogno di verità e giustizia!Ognuno di noi deve fare la sua parte..grazie per la forza che ci trasmetti!

  2. Cara Sabina, apprezzo molto il Tuo indirizzo: lo trovo coerente e obiettivo.
    Concordo con Te quando ridimensioni le esaltazioni integraliste di un certo “femminismo” fine a se stesso, che non colloca la donna all’interno di un contesto armonico che la veda parte integrante di una società, bensì la disegna come un’alternativa al maschio, scivolando su slogan ed emarginandola ancor più.
    Io appartengo alla platea dei “maschi” tanto additati, ma Ti assicuro che mi sono sentito sempre coinvolto nella ricerca di un equilibrio uomo/donna; coinvolto, parte attiva, non banalmente solidale.
    Circa i fattacci visti in Senato, si commenterebbero da soli se non fosse per l’accidia collettiva gradualmente raggiunta per sfinimento del popolo bove.
    E’ per questo che bisogna battere il ferro, anche se il regime continua a raffreddarlo con l’acqua sporca.
    Vai avanti così
    Roberto

  3. Sabina concordo con tutto quello che hai detto. Voglio sottolineare il passaggio dove ti chiedi perché le donne non reagiscono a tutto questo.
    Credo che una sana e genuina battaglia di genere sia necessaria, oggi, più che mai.
    Mi riferisco alle tante donne nel mondo dello spettacolo, della politica e della cultura che non si espongono mai.

    Grazie Sabina, un abbraccio e continua così.

    Diego

    • Caro Diego,
      faccio parte di quelle donne femministe disilluse, consapevoli delle nostre capacità ma allo stesso tempo ben consce di vivere in un paese che non è in grado di prenderci in considerazione: siamo le più brave a scuola, le più capaci sul luogo del lavoro, ma nonostante tutto, quelle che ricoprono i ruoli meno significativi e con lo stipendio più basso…e poi fai attenzione a non rimanere in cinta, perché altrimenti quello straccio di lavoro che hai trovato, lo perdi!!! Non veniamo tutelate in nulla per il semplice fatto che non veniamo neanche prese in considerazione, non siamo ascoltate. L’unica volta che siamo scese in piazza nel 2011 scioccate dal posizionamento della Carfagna, che cosa è successo?…NIENTE!!!La protesta di milioni di donne e uomini che si sono riversate in piazza in tante città di Italia non è mai stata ascoltata. Quella è stata in realtà la manifestazione del silenzio. Non solo un movimento di protesta (tra l’altro uno dei pochi strumenti politici della vera democrazia) non è stato ascoltato, ma da allora la donna è stata ancora di più relegata ad un ruolo di portavoce degli interessi degli uomini, icona delle parole degli uomini, solo se di bell’aspetto!!Anche nel governo attuale, l’unica donna presa in considerazione è bella e le viene concesso ben poco. Quella manifestazione è stata la negazione del primo movimento femminista, perchè se nel primo movimento femminista poche donne acculturate sono riuscite a cambiare il destino della maggioranza tra l’altro poco alfabetizzata aprendo le porte ad una maggiore consapevolezza del genere femminile, quella del 2011 ha invece visto una moltitudine di donne di alta cultura e competenza non essere prese minimamente in considerazione e in questo modo aprire le porte ad una consapevolezza di impotenza nel mondo sociale… e l’unica donna che ha detto la pura realtà i ha dovuto pagare 40.000 euro (…grazie per i tuoi soldi bene spesi Sabina a nome di tutti)
      Quindi ormai le donne in Italia hanno perso la voglia di combattere e di crederci, perchè proprio quella manifestazione è stata una manifestazione antifemminista.

  4. Mi chiedo perché nel nostro paese sono i comici (e non lo dico con disprezzo ) a dover dire la verità !!!!. Mentre chi è delegato a far questo e a rappresentarci degnamente nelle istituzioni pubbliche riesce solo a fare gesti ignobili o acchiapparsi o presentare ottanta milioni di emendamenti !!!. Brava Sabina continua ad evidenziare con coraggio le cose sbagliate, ma non fare l’errore di Grillo a costituire un movimento e presentarti alle elezioni.

  5. Ciao Sabina, sono pienamente d’accordo con te!purtroppo la meritocrazia è diventata una parolaccia nel nostro paese….. e allora si va avanti dando”altro”come la “valletta”diventata politica.Non mollare mai,continua a sbugiardare questi parassiti.
    PS. a proposito qualcuno bella e brava e intelligente esiste ancora….tu!!!in bocca al lupo!!!!!!!

  6. Ciao Sabina.
    Sei fantastica verace diretta e tanto donna.
    Ti seguo da sempre e continuerò x la liberta e la democrazia trasparente non asservita.
    Se sei a Napoli fatti sentire
    Un caro saluto Daniele.

  7. Saby purtroppo è una triste realtà! Gli italiani diciamocelo per la maggior parte sono dei leccac…per questo hanno bisogno sempre di chi li comanda e la storia insegna! E comunque la Carfagna è intelligentissima infatti è stata scelta per i suoi Nobel e per le sue rinomate attitudini allo studio! Baci

  8. Mi viene in mente che se al posto della citata signora ci fosse stata una sex worker vera e propria mi/ ci poteva insegnare qualcosa dal punto di vista umano oltre che politico.Invece queste si presentano in tv pensando di sembrare eleganti e immacolate. Quello che è insopportabile è la prosopopea e la crassa ipocrisia dei parlamentari, che però mi sono convita essere lo specchio preciso di questo Paese ( guarda lo scrivo ancora con la P maiuscola!Commovente). Colpa di B? Boh ai posteri l’ardua sentenza: la cosa chiara è che il popolo qui come altrove conta sempre meno, come dici,o forse non ha mai contattato e la democrazia sta diventando un utopia o almeno una cosa costosa.
    Da donna ho capito che se ne attacchi un altra, oltre alle conseguenze ti viene il dubbio di fare una guerra tra poracce.Almeno qui è così.
    Comunque a Grasso gliela hai tirata!
    Ti seguo sempre
    Un abbraccio
    Paola

  9. Cosa posso dire se nn che quanto mi mancate tu e tutti i tuoi compagni della tv delle ragazze ad avanzi e così via analisi lucida e condivisibile.
    Cmq la prostituzione intellettuale è di gran lunga la peggiore.
    Se è vero che il popolo ha i politici ke si merita io inizio a pensare di nn volerne far più parte.

  10. VI RISULTANO VIDEO DELLA GUZZANTI CHE FA LA RAMANZINA A GRILLO?

    GRILLO NON HA MAI FATTO AFFERMAZIONI, ALLUSIONI SESSISTE, OMOFOBE?

  11. LA GUZZANTI SI E’ SCOMODATA PER COMMENTARE UNA RECITA?

    PROPRIO LEI CHE HA QUALCHE BARLUME

    DA ATTRICE FA FINTA DI NON AVERLO NOTATO?

    ALLORA CI PENSO IO E POI VADA A RIVEDERSI IL VIDEO!

    +++++++++++++++++++++++++++++++++

    CHE “SCANDALO” AVER MIMATO IL GESTO DELLA FELLATIO

    NEI CONFRONTI DELLA SENATRICE BARBARA LEZZI!

    STICAZZI, CHE GRINTA CHE NE E’ SALTATA FUORI

    DALLE CORDE VOCALI DI PAOLA TAVERNA!

    BASTA VEDERE NEI FILMATI L’ESPRESSIONE DELLA

    SENATRICE SARA PAGLINI PER CAPIRE CHE GLI HANNO

    “DATO DEL VERSO”, UNA MISERA RECITA FORSE

    PERCHE’ IL TURPILOQUIO PORTA CONSENSI

    DALLE TRUPPE DELLA TIFOSERIA GRULLESCA-PIDDIOTA

    E MAGARI QUALCHE DONAZIONE IN PIU’ PER LA CAUSA

    DI IMOLA.

    PAOLA TAVERNA HA ASPETTATO DI “CALMARSI” PRIMA

    DI SCRIVERE QUELLO CHE AVEVA VISTO, SENTITO

    E MIMATO A SUA VOLTA?

    MA NON MI FACCIA RIDERE!

    SI E’ SCANDALIZZATA PER UN GESTO SESSSISTA E

    OMOFOBO, MA COMPIUTO DA ALTRI VERSO I CONFRONTI

    DI UNA SUA COLLEGA?

    PAOLA TAVERNA PUO’ SPIEGARMI PERCHE’ COSI’ TANTO

    SCANDALO, QUANDO POCHE ORE PRIMA IL TWITTER

    DI BEPPE GRILLO AVEVA FATTO LO STESSO NEI

    CONFRONTI DI UN OMOSESSUALE DA POCO ARRIVATO

    ALLA PENSIONE GRAZIE ANCHE AL VOSTRO APPOGGIO

    PUBBLICO (L’ACQUA PUBBLICA DI VENDOLA)?

    COME MAI VI SCANDALIZZATE COSI’ TANTO, SOLO

    QUANDO BATTUTE SESSISTE E OMOFOBE ESCONO DALLA

    MENTE E DALLA BOCCA DI ALTRI E VE NE STATE A

    CUCCIA SE A PRONUNCIARE TALI “MISERIE” E’ LO

    STESSO BEPPE GRILLO?

    POSSIAMO INIZIARE

    DAL PUNTO “G” DI FEDERICA SALSI,

    PER PASSARE ALLA MONTALCINI “VECCHIA P0TTANA”,

    AL “AT SALUT BUS0N” DI GRILLO A VENDOLA

    E A TUTTE LE DEPUTATE E SENATRICI (NON GRILLINE)

    MERITEVOLI DELLA POLTRONA SOLO

    PERCHE’ BRAVE A SP0MPINARE!

    • Scrivi MAIUSCOLO, quindi stai urlando, vero?
      Ma a parte la forma, è avvilente leggere tra le Tue righe che alla volgarità e alla prevaricazione si possa acquiescere per il solo fatto che “così fan tutti”.
      Questo spiegherebbe la deriva a cui tutti siamo abbandonati; gli esiti elettorali frutto di clientele inestirpabili.
      Se nessuno tenta di dare inizio a una pesante manutenzione della nostra etica, possiamo solo stare a guardare questa società involversi sino a considerare informazione “il grande fratello” e “amici di Maria” e ci siamo molto vicini.
      Spero le Tue considerazioni siano dettate solo da un orientamento ideologico, il che deporrebbe a Tuo favore perché farebbe credere che un’idea di società civile Tu la abbia.
      Diversamente potrei pensare che abbia paura dei cambiamenti e preferisca questo pantano, piuttosto che ascoltare chi cerca di bonificarlo.

      • le mie considerazioni sono quello che sono, non c’è niente da leggere tra le righe è tutto esplicito, poui essere d’accordo o meno, ma non c’è nulla su cui si possa esercitare la dietrologia. ideologico poi è una parola usata qui come altrove, completamente a sproposito e quindi non so rispondere

  12. Ciao Sabina, volevo semplicemente dirti che condivido appieno i tuoi pensieri e opinioni come anche la rabbia e repulsione verso certi individui di potere che non fanno altro che offendere il nostro paese e la nostra dignità, solo alla fine per i loro scopi “politici-imprenditoriali”. Conosco quello che stai passando perchè mia madre, Gabriella Pasquali Carlizzi, è stata una donna di Giustizia a tutto tondo che organi potenti non hanno fatto altro che infangarla e distruggerla in tutto, ma non ci sono mai riusciti, ed ora che non è più in questo mondo queste persone di potere non fanno altro che usare le sue indagini e studi per farli propri per i propri interessi. Mia madre come te ha sempre combattuto e urlato al mondo il marcio che esiste in politica come in tutte le altre istituzioni, stando sempre in prima linea, candidandosi anche in politica con un proprio partito eccecc. Conosco anche come ti possano ammazzare economicamente certi poteri, e ti dico comunque sia di non mollare mai e continuare sulla tua strada, e se un giorno vorrai sapere di mia madre sarò lieto di raccontarti la sua vita e magari potrai aiutarmi a fargli riconoscere tutti i meriti di grosse battaglie politiche e giudiziari tra i più grandi gialli dell’italia! Di mio proprio personale che faccio l’architetto ti vorrei raccontare il marcio che esiste negli uffici comunali dell’edilizia e gli interessi miliardari restringendo a pochi un monopolio di lavori…ora ti saluto e un abbraccio. Continua così!

  13. Vergognoso il gesto del padre costituente (tra l’altro anche patetico nel suo tentativo di giustificarsi – viene da dire ‘un bel tacer non fu mai scritto’), vergognosa la leggerezza della ‘punizione’, che sa tanto di assoluzione.
    Tutto questo nel nostro Senato morente e nell’assordante silenzio di una finta indignazione.
    Hai ragione, hanno lavorato sodo per portarci fino a qui.
    Ma non ci hanno preso ancora tutti! Andiamo avanti con la consapevolezza che possiamo farcela, che possiamo uscirne!

    P.S.: Ci vediamo il 14 novembre a Varese, Sabi! Non vediamo l’ora 🙂

  14. Cara Sabrina, che dire…vivendo in Olanda da anni ,avendo sposato un olandese, mi ricordo ancora la prima volta che mio marito si trovò davanti alla TV italiana e mi chiese con un certo sorrisino di commiserazione la ragione x la quale le donne fossero tutte svestite…
    Vorrei potermi stupire della volgarità dell’accaduto in Parlamento e soprattutto della mancata reazione di Grasso …ma sono convinta Che molti italiani e, ahime, italiane pensino che in fondo non sia poi così grave…uno scivolone…
    Povera Italia e povere italiane.
    Indignanoci più spesso perchè qui fuori il mondo va in un’altra direzione e senza veline!

  15. L’indignazione della Carf per Sabina era dovuta al fatto che fu citata solo lei e non tutte le altre, come se i pomp a Berlusconi li avesse fatti solo lei. Un po’ come quando Craxi divenne il capro espiatorio di un sistema generalizzato che comprendeva anche la sinistra: “pago io per tutti”. L’80 % degli incarichi istituzionali di FI alle donne erano assegnati con questo sistema, e lo sapevano e lo sanno tutti i deputati e i componenti di partito.
    5 giorni di sospensione sono ridicoli, anzi sono un premio riposo. Un mese sarebbe stato il minimo di giustizia.

  16. Sa più di me quanto sia distorta l’ informazione nel nostro paese, fa piacere ascoltare le voci fuori dal coro come la sua, ma ahimè tutto si ferma qui, solo parole e non siamo capaci di passare ai fatti.

    • ma chi te lo dice? non vale per tutti. se vuoi passare ai fatti unisciti a tanti che sono pasati ai fatti da tempo. basta con le lamentele ci deprimiamo e basta. e sono delle scuse per non far nulla perdonami

  17. Non sarebbe sufficiente nemmeno la sospensione di un mese per chi svilisce il parlamento, alla sospensione andrebbe aggiunta la decurtazione dei compensi.

    Che abbiamo i politici che ci meritiamo lo credo fermamente, ma la classe dirigente gli intellettuali e gli artisti hanno anche la possibilità di portare a dei cambiamenti sulla società. E’ un legame doppio, entrambi hanno la capacità di influenzarsi e direi il dovere. E alcuni nella storia e nel presente lo dimostrano 😉

    Sulla riforma costituzionale: se è vero che l’ultima spiaggia sarà un referendum, il problema sarebbe costruire un fronte del no compatto, che possibilmente spinga per una legge alternativa. Dubito fortemente che M5S, SEL, Lega, FI, trovino un accordo per dire NO nello stesso modo. E il rischio è che questa riforma vinca anche al referendum.

  18. Sabina,
    ho notato che sei simile a Berlusconi almeno in una cosa.
    Quando siamo sotto elezioni nei tg di mediaset passano spesso e volentieri foto
    del Berlusconi del ’94 e non di quello del 2015.
    Aggiorna le foto del tuo blog o del tuo facebook: i 50 sono suonati da un pezzo
    e non sei più quella delle foto!
    ah ah ah ah ah ah ah ah

  19. Ciao Sabina, ti seguo da sempre e ti stimo moltissimo. Sei una persona rara in questo Paese e mi vergogno che tu non possa avere voce in tv perchè quello che dici dovrebbe poter arrivare a tutti. Hai ragione, nessuno oltre te ha assunto una posizione netta rispetto ad una questione politica. Non hai barattato la dignità di tutti noi per biechi interessi e credo che tutti avremmo dovuto pagare quei 40 mila euro. Non ti fermare mai: i Serra, gli Scalfaro, questi commercianti, sono il nulla rispetto a te e questo tienilo sempre come un punto fermo. Il nostro sostegno non mancherà mai. Alla fine le cose in questo Paese le sistemeremo.

  20. A me non piace il senatore Barani, disprezzo le sue idee politiche, ma non s’è vista alcuna prova che lui abbia commesso certe azioni e che quelle azioni vadano interpretate in un unico modo. Mentre dell’altro senatore c’è il video proprio perché è avvenuto in in un contesto diverso, in cui si era già creato il caso e si poneva attenzione sul gesto di Barani, e pertanto la spiegazione data dall’autore, riprodurre un gesto che sarebbe stato fatto da altri, come citazione quindi non con intento di offendere, appare del tutto sensata…

    Barani è stata senza dubbio linciato. Era veramente necessario reagire così a un semplice insulto? Quando è stato qualche altro parlamentare cinquestelle ha dire cose anche più gravi (Massimo Felice De Rosa, ad esempio), non credo sia stato linciato…

  21. Devo riconoscere che non sei nel mio ventricolo sinistro, ma ti riconosco la dote della coerenza e il rispetto della sincerità. Hai scelto la strada stretta ..

  22. Brava Sabina, contnua cosi`.
    Purtroppo cercano sempre di non farci piu` pensare e di non farci piu` indignare, ma finalmente c`e` anche chi (oltre a far bene il suo lavoro) ha buon senso da vendere e lo condivide con tutti noi.
    Non mollare e soprattutto continua a criticare il potere, che` veramente oggi non e` facile trovare persone libere come te!
    Un abbraccio e ti stimo molto!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here