Home Politica Renzi – Zagrebelsky, il commento di Scalfari

Renzi – Zagrebelsky, il commento di Scalfari

CONDIVIDI
renzi zagrebelsky

RENZI ZAGREBELSKY E SCALFARI DOV’E’?

Sintetizzando il commento di Scalfari sul dibattito tra Renzi Zagrebelsky, tutti gli esempi conosciuti di democrazia sarebbero in realtà esempi di oligarchia, perché in verità si tratta di “cavalli di razza” che conducono il popolo qualunquista, nazionalista e sostanzialmente inferiore, perlomeno non di razza.

Ma Renzi – aggiunge Scalfari – non è un oligarca, magari lo fosse!
E da cosa si evince che Renzi non abbia questa qualità?
Scalfari ha più volte dato suggerimenti a Renzi e Renzi non se lo è filato di pezza, per usare un’espressione tutt’altro che oligarchica.
Il sillogismo è questo:
I “cavalli di razza” si fiutano e si alleano dandosi manforte.
Scalfari è un cavallo di razza amico intimo di molti cavalli di razza.
Renzi non se lo fila. Renzi non è un cavallo di razza.

Ma…alla fine dell’articolo, apprendiamo che Renzi sarebbe ancora in tempo ad ottenere questo titolo che forse potremmo chiamare “il cavallierato“, se solo rispondesse a Scalfari e mostrasse una qualche considerazione per i suoi consigli, come quello di abbassare le tasse che non hanno per altro nulla di originale. Glie lo chiedono tutti, perfino il popolo bue.

E intanto noi da osservatori esterni, indegni di partecipare alle decisioni sulla cosa pubblica, da cui viene la parola “Repubblica“, ci limitiamo ad osservare che sentire parlare Zagrebelsky è stata un’esperienza piacevole e chiarificatrice. Utile finché verrà mantenuta questa consuetudine ipocrita di farci votare.

Commenta questo post

1 commento

  1. Scalfari oramai è l’ombra di sé stesso. Da tempo ha preso una deriva che si è aggravata da quando non dirige più il suo giornale (e in particolare da quando ha perso la moglie). Da un lato è come in balìa della sua vastissima cultura, che non è più in grado di gestire lucidamente nel breve tempo di preparazione dei suoi prolissi e ampollosi editoriali, e dall’altro è preso da spinte narcisistiche e da una imperiosa fascinazione senile per l’autoritarismo, che non ha i mezzi per riconoscere e controllare (li ha mai avuti?). Farebbe un favore a tutti levandosi di torno, e mi dispiace. Repubblica dei primi tempi era un po’ come il Fatto adesso. Triste fine di un glorioso giornale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here