Home Politica Processo breve, i nomi di chi ha votato SI

Processo breve, i nomi di chi ha votato SI

CONDIVIDI
processo breve

>> Draquila: guarda il film <<

Processo breve, fuori i nomi

Sono tornata ieri da un festival di cinema ad Istanbul dove Draquila è stato accolto tra parentesi con grande interesse.

Il Presidente Turco, Amico dello zozzone, ha preso un po’ le distanze, ma ha fatto una “riforma” della giustizia simile a quella che si prepara qui, con i giudici nominati dal governo. Ci sono 62 giornalisti in galera accusati di terrorismo con prove fabbricate.

Vedo lo schifo del processo breve (via libera della Camera). Propongo di pubblicare i nomi dei 314 deputati che lo hanno votato, grazie a cui le vittime dell’Aquila, non avranno giustizia, né le vittime di altre stragi e di altre intollerabili ingiustizie.

Comunque non c’è bisogno di evocare altre vittime, perchè il solo fatto che non si processi Berlusconi per il caso Mills, è sufficente a marchiare d’infamia i complici di questa zozzeria.

Pubblichiamo e facciamo circolare i loro nomi. Devono sapere che la loro reputazione, per questa infamia, è rovinata per sempre.

Hanno votato a favore del PROCESSO BREVE

ABELLI Giancarlo (PdL)

FavorevoleLombardia 3

ABRIGNANI Ignazio (PdL)

FavorevoleMarche

ALESSANDRI Angelo (Lega)

FavorevoleEmilia-Romagna

ALFANO Angelino (PdL)

FavorevoleSicilia 1

ALFANO Gioacchino (PdL)

FavorevoleCampania 1

ALLASIA Stefano (Lega)

FavorevolePiemonte 1

ANGELI Giuseppe (PdL)

FavorevoleAmerica meridionale

ANGELUCCI Antonio (PdL)

FavorevoleLombardia 2

APREA Valentina (PdL)

FavorevoleLombardia 1

ARACU Sabatino (PdL)

FavorevoleAbruzzo

ARMOSINO Maria Teresa (PdL)

FavorevolePiemonte 2

ASCIERTO Filippo (PdL)

FavorevoleVeneto 1

BACCINI Mario (PdL)

FavorevoleLazio 1

BALDELLI Simone (PdL)

FavorevoleMarche

BARANI Lucio (PdL)

FavorevoleToscana

BARBA Vincenzo (PdL)

FavorevolePuglia

BARBARESCHI Luca Giorgio (Misto)

FavorevoleSardegna

BARBIERI Emerenzio (PdL)

FavorevoleEmilia-Romagna

BECCALOSSI Viviana (PdL)

FavorevoleLombardia 2

BELCASTRO Elio Vittorio (PT (già IR))

FavorevoleCalabria

BELLOTTI Luca (PdL)

FavorevoleVeneto 1

BERARDI Amato (PdL)

FavorevoleAmerica settentrionale e centrale

BERGAMINI Deborah (PdL)

FavorevoleToscana

BERNARDO Maurizio (PdL)

FavorevoleLombardia 3

BERNINI Anna Maria (PdL)

FavorevoleEmilia-Romagna

BERRUTI Massimo Maria (PdL)

FavorevoleLombardia 2

BERTOLINI Isabella (PdL)

FavorevoleEmilia-Romagna

BIANCOFIORE Michaela (PdL)

FavorevoleCampania 2

BIANCONI Maurizio (PdL)

FavorevoleToscana

BIASOTTI Sandro (PdL)

FavorevoleLiguria

BIAVA Francesco (PdL)

FavorevoleEmilia-Romagna

BITONCI Massimo (Lega)

FavorevoleVeneto 1

BOCCIARDO Mariella (PdL)

FavorevoleLombardia 1

BONAIUTI Paolo (PdL)

FavorevoleToscana

BONCIANI Alessio (PdL)

FavorevoleToscana

BONINO Guido (Lega)

FavorevoleLiguria

BONIVER Margherita (PdL)

FavorevolePiemonte 1

BOSSI Umberto (Lega)

FavorevoleLombardia 1

BOTTA Marco (PdL)

FavorevolePiemonte 2

BRAGANTINI Matteo (Lega)

FavorevoleVeneto 1

BRAMBILLA Michela Vittoria (PdL)

FavorevoleEmilia-Romagna

BRANCHER Aldo (PdL)

FavorevoleVeneto 1

BRUNETTA Renato (PdL)

FavorevoleVeneto 2

BRUNO Donato (PdL)

FavorevolePuglia

BUONANNO Gianluca (Lega)

FavorevolePiemonte 2

CALABRIA Annagrazia (PdL)

FavorevoleLazio 1

CALDERISI Giuseppe (PdL)

FavorevolePuglia

CALEARO CIMAN Massimo (PT (già IR))

FavorevoleVeneto 1

CALLEGARI Corrado (Lega)

FavorevoleVeneto 2

CAPARINI Davide (Lega)

FavorevoleLombardia 2

CARFAGNA Maria Rosaria (PdL)

FavorevoleCampania 2

CARLUCCI Gabriella (PdL)

FavorevolePuglia

CASERO Luigi (PdL)

FavorevoleLombardia 1

CASSINELLI Roberto (PdL)

FavorevoleLiguria

CASTELLANI Carla (PdL)

FavorevoleAbruzzo

CASTIELLO Giuseppina (PdL)

FavorevoleCampania 1

CATANOSO Basilio (PdL)

FavorevoleSicilia 2

CATONE Giampiero (PT (già IR))

FavorevoleCampania 1

CAVALLOTTO Davide (Lega)

FavorevolePiemonte 1

CAZZOLA Giuliano (PdL)

FavorevoleEmilia-Romagna

CECCACCI RUBINO Fiorella (PdL)

FavorevoleLazio 1

CENTEMERO Elena (PdL)

FavorevoleLombardia 1

CERONI Remigio (PdL)

FavorevoleMarche

CESARIO Bruno (PT (già IR))

FavorevoleCampania 1

CESARO Luigi (PdL)

FavorevoleCampania 1

CHIAPPORI Giacomo (Lega)

FavorevoleLombardia 1

CICCHITTO Fabrizio (PdL)

FavorevoleLazio 1

CICCIOLI Carlo (PdL)

FavorevoleMarche

CICU Salvatore (PdL)

FavorevoleSardegna

CIRIELLI Edmondo (PdL)

FavorevoleCampania 2

COLUCCI Francesco (PdL)

FavorevoleLombardia 1

COMAROLI Silvana (Lega)

FavorevoleLombardia 2

CONSIGLIO Nunziante (Lega)

FavorevoleLombardia 2

CONTE Gianfranco (PdL)

FavorevoleLazio 2

CONTENTO Manlio (PdL)

FavorevoleFriuli-Venezia Giulia

CORSARO Massimo (PdL)

FavorevoleLombardia 3

COSENTINO Nicola (PdL)

FavorevoleCampania 2

COSENZA Giulia (PdL)

FavorevoleCampania 2

COSSIGA Giuseppe (PdL)

FavorevoleSardegna

COSTA Enrico (PdL)

FavorevolePiemonte 2

CRAXI Stefania Gabriella Anastasia (PdL)

FavorevoleLombardia 1

CRIMI Rocco (PdL)

FavorevoleLazio 2

CRISTALDI Nicolò (PdL)

FavorevoleSicilia 1

CROSETTO Guido (PdL)

FavorevolePiemonte 1

CROSIO Jonny (Lega)

FavorevoleLombardia 2

D’AMICO Claudio (Lega)

FavorevoleLombardia 1

D’ANNA Vincenzo (PT (già IR))

FavorevoleCampania 1

D’IPPOLITO VITALE Ida (PdL)

FavorevoleCalabria

DAL LAGO Manuela (Lega)

FavorevoleVeneto 1

DE ANGELIS Marcello (PdL)

FavorevoleAbruzzo

DE CAMILLIS Sabrina (PdL)

FavorevoleMolise

DE CORATO Riccardo (PdL)

FavorevoleLombardia 1

DE GIROLAMO Nunzia (PdL)

FavorevoleCampania 2

DE LUCA Francesco (PdL)

FavorevoleVeneto 1

DE NICHILO RIZZOLI Melania (PdL)

FavorevoleLazio 1

DEL TENNO Maurizio (PdL)

FavorevoleTrentino-Alto Adige

DELL’ELCE Giovanni (PdL)

FavorevoleAbruzzo

DESIDERATI Marco (Lega)

FavorevoleLombardia 1

DI CAGNO ABBRESCIA Simeone (PdL)

FavorevolePuglia

DI CATERINA Marcello (PdL)

FavorevoleCampania 1

DI CENTA Manuela (PdL)

FavorevoleTrentino-Alto Adige

DI VIRGILIO Domenico (PdL)

FavorevoleLazio 1

DI VIZIA Gian Carlo (Lega)

FavorevoleLiguria

DIMA Giovanni (PdL)

FavorevoleCalabria

DISTASO Antonio (PdL)

FavorevolePuglia

DOZZO Gianpaolo (Lega)

FavorevoleVeneto 2

DUSSIN Guido (Lega)

FavorevoleVeneto 2

DUSSIN Luciano (Lega)

FavorevoleVeneto 2

FAENZI Monica (PdL)

FavorevoleToscana

FALLICA Giuseppe (PdL)

FavorevoleSicilia 1

FARINA Renato (PdL)

FavorevoleLombardia 2

FAVA Giovanni (Lega)

FavorevoleLombardia 3

FEDRIGA Massimiliano (Lega)

FavorevoleFriuli-Venezia Giulia

FITTO Raffaele (PdL)

FavorevolePuglia

FOGLIATO Sebastiano (Lega)

FavorevolePiemonte 2

FOLLEGOT Fulvio (Lega)

FavorevoleFriuli-Venezia Giulia

FONTANA Vincenzo Antonio (PdL)

FavorevoleSicilia 1

FONTANA Gregorio (PdL)

FavorevoleLombardia 2

FORCOLIN Gianluca (Lega)

FavorevoleVeneto 2

FORMICHELLA Nicola (PdL)

FavorevoleCampania 2

FOTI Tommaso (PdL)

FavorevoleEmilia-Romagna

FOTI Antonino (PdL)

FavorevoleCalabria

FRANZOSO Pietro (PdL)

FavorevolePuglia

FRASSINETTI Paola (PdL)

FavorevoleLombardia 1

FUCCI Benedetto (PdL)

FavorevolePuglia

FUGATTI Maurizio (Lega)

FavorevoleTrentino-Alto Adige

GALATI Giuseppe (PdL)

FavorevoleCalabria

GARAGNANI Fabio (PdL)

FavorevoleEmilia-Romagna

GAROFALO Vincenzo (PdL)

FavorevoleSicilia 2

GAVA Fabio (PdL)

FavorevoleVeneto 2

GELMINI Mariastella (PdL)

FavorevoleLombardia 2

GERMANA’ Antonino (PdL)

FavorevoleSicilia 2

GHEDINI Niccolò (PdL)

FavorevoleVeneto 1

GHIGLIA Agostino (PdL)

FavorevolePiemonte 1

GIACOMONI Sestino (PdL)

FavorevoleLazio 1

GIAMMANCO Gabriella (PdL)

FavorevoleSicilia 1

GIANNI Giuseppe (PT (già IR))

FavorevoleSicilia 2

GIBIINO Vincenzo (PdL)

FavorevoleSicilia 2

GIDONI Franco (Lega)

FavorevoleVeneto 2

GIORGETTI Giancarlo (Lega)

FavorevoleLombardia 1

GIORGETTI Alberto (PdL)

FavorevoleVeneto 1

GIRLANDA Rocco (PdL)

FavorevoleUmbria

GIRO Francesco Maria (PdL)

FavorevoleLazio 1

GOISIS Paola (Lega)

FavorevoleVeneto 1

GOLFO Lella (PdL)

FavorevoleCalabria

GOTTARDO Isidoro (PdL)

FavorevoleFriuli-Venezia Giulia

GRASSANO Maurizio (PT (già IR))

FavorevolePiemonte 2

GRIMALDI Ugo Maria Gianfranco (PdL)

FavorevoleSicilia 2

GRIMOLDI Paolo (Lega)

FavorevoleLombardia 1

GUZZANTI Paolo (PT (già IR))

FavorevoleLazio 1

HOLZMANN Giorgio (PdL)

FavorevoleTrentino-Alto Adige

IANNACCONE Arturo (PT (già IR))

FavorevoleCampania 2

IANNARILLI Antonello (PdL)

FavorevoleLazio 2

IAPICCA Maurizio (PdL)

FavorevoleCampania 1

ISIDORI Eraldo (Lega)

FavorevoleMarche

JANNONE Giorgio (PdL)

FavorevoleLombardia 2

LA LOGGIA Enrico (PdL)

FavorevoleSicilia 1

LA RUSSA Ignazio (PdL)

FavorevoleLombardia 1

LABOCCETTA Amedeo (PdL)

FavorevoleCampania 1

LAFFRANCO Pietro (PdL)

FavorevoleUmbria

LAINATI Giorgio (PdL)

FavorevoleEmilia-Romagna

LANDOLFI Mario (PdL)

FavorevoleCampania 2

LANZARIN Manuela (Lega)

FavorevoleVeneto 1

LAZZARI Luigi (PdL)

FavorevolePuglia

LEHNER Giancarlo (PT (già IR))

FavorevoleCampania 2

LEO Maurizio (PdL)

FavorevolePiemonte 1

LEONE Antonio (PdL)

FavorevolePuglia

LISI Ugo (PdL)

FavorevolePuglia

LORENZIN Beatrice (PdL)

FavorevoleLazio 1

LUNARDI Pietro (PdL)

FavorevoleEmilia-Romagna

LUPI Maurizio Enzo (PdL)

FavorevoleLombardia 1

LUSSANA Carolina (Lega)

FavorevoleLombardia 2

MAGGIONI Marco (Lega)

FavorevoleLombardia 3

MALGIERI Gennaro (PdL)

FavorevoleCampania 2

MANCUSO Gianni (PdL)

FavorevolePiemonte 2

MANNINO Calogero (Misto)

FavorevoleSicilia 1

MANNUCCI Barbara (PdL)

FavorevolePuglia

MANTOVANO Alfredo (PdL)

FavorevolePuglia

MARINELLO Giuseppe Francesco Maria (PdL)

FavorevoleSicilia 1

MARINI Giulio (PdL)

FavorevoleLazio 2

MARONI Roberto (Lega)

FavorevoleLombardia 2

MARSILIO Marco (PdL)

FavorevoleLazio 1

MARTINELLI Marco (PdL)

FavorevoleToscana

MARTINI Francesca (Lega)

FavorevoleVeneto 1

MARTINO Antonio (PdL)

FavorevoleSicilia 2

MAZZOCCHI Antonio (PdL)

FavorevoleLazio 1

MAZZONI Riccardo (PdL)

FavorevoleToscana

MAZZUCA Giancarlo (PdL)

FavorevoleEmilia-Romagna

MELONI Giorgia (PdL)

FavorevoleLazio 2

MICCICHE’ Gianfranco (PdL)

FavorevoleSicilia 1

MIGLIORI Riccardo (PdL)

FavorevoleToscana

MILANATO Lorena (PdL)

FavorevoleVeneto 1

MILANESE Marco Mario (PdL)

FavorevoleCampania 2

MILO Antonio (PT (già IR))

FavorevoleCampania 1

MINARDO Antonino (PdL)

FavorevoleSicilia 2

MINASSO Eugenio (PdL)

FavorevoleLiguria

MISITI Aurelio Salvatore (Misto)

FavorevoleCalabria

MISTRELLO DESTRO Giustina (PdL)

FavorevoleVeneto 1

MISURACA Dore (PdL)

FavorevoleSicilia 1

MOFFA Silvano (PT (già IR))

FavorevoleLazio 1

MOLES Giuseppe (PdL)

FavorevoleBasilicata

MOLGORA Daniele (Lega)

FavorevoleLombardia 2

MOLTENI Laura (Lega)

FavorevoleLombardia 1

MOLTENI Nicola (Lega)

FavorevoleLombardia 2

MONTAGNOLI Alessandro (Lega)

FavorevoleVeneto 1

MOTTOLA Giovanni Carlo Francesco (PT (già IR))

FavorevoleEmilia-Romagna

MUNERATO Emanuela (Lega)

FavorevoleVeneto 1

MURGIA Bruno (PdL)

FavorevoleSardegna

MUSSOLINI Alessandra (PdL)

FavorevoleCampania 1

NAPOLI Osvaldo (PdL)

FavorevolePiemonte 1

NASTRI Gaetano (PdL)

FavorevolePiemonte 2

NEGRO Giovanna (Lega)

FavorevoleVeneto 1

NICOLUCCI Massimo (PdL)

FavorevoleCampania 1

NIRENSTEIN Fiamma (PdL)

FavorevoleLiguria

NIZZI Settimo (PdL)

FavorevoleSardegna

NOLA Carlo (PT (già IR))

FavorevoleLombardia 3

ORSINI Andrea (PT (già IR))

FavorevoleLombardia 3

PAGANO Alessandro (PdL)

FavorevoleSicilia 1

PALMIERI Antonio (PdL)

FavorevoleLombardia 2

PANIZ Maurizio (PdL)

FavorevoleVeneto 2

PAOLINI Luca Rodolfo (Lega)

FavorevoleToscana

PAPA Alfonso (PdL)

FavorevoleCampania 1

PARISI Massimo (PdL)

FavorevoleToscana

PAROLI Adriano (PdL)

FavorevoleLombardia 2

PASTORE Maria Piera (Lega)

FavorevolePiemonte 2

PECORELLA Gaetano (PdL)

FavorevoleLombardia 1

PELINO Paola (PdL)

FavorevoleAbruzzo

PEPE Mario (PT (già IR))

FavorevoleCampania 2

PEPE Antonio (PdL)

FavorevolePuglia

PESCANTE Mario (PdL)

FavorevoleLazio 1

PETRENGA Giovanna (PdL)

FavorevoleCampania 2

PIANETTA Enrico (PdL)

FavorevolePiemonte 1

PICCHI Guglielmo (PdL)

FavorevoleEuropa

PILI Mauro (PdL)

FavorevoleSardegna

PINI Gianluca (Lega)

FavorevoleEmilia-Romagna

PIONATI Francesco (PT (già IR))

FavorevoleCampania 2

PIROVANO Ettore Pietro (Lega)

FavorevoleLombardia 1

PISACANE Michele (PT (già IR))

FavorevoleCampania 1

PISO Vincenzo (PdL)

FavorevoleLazio 1

PITTELLI Giancarlo (PdL)

FavorevoleCalabria

PIZZOLANTE Sergio (PdL)

FavorevoleEmilia-Romagna

POLIDORI Catia (PT (già IR))

FavorevoleVeneto 2

POLLEDRI Massimo (Lega)

FavorevoleEmilia-Romagna

PORCU Carmelo (PdL)

FavorevoleSardegna

PORFIDIA Americo (PT (già IR))

FavorevoleCampania 2

PRESTIGIACOMO Stefania (PdL)

FavorevoleSicilia 2

PUGLIESE Marco (PdL)

FavorevoleCampania 2

RAINIERI Fabio (Lega)

FavorevoleEmilia-Romagna

RAMPELLI Fabio (PdL)

FavorevoleLazio 2

RAVETTO Laura (PdL)

FavorevoleLombardia 2

RAZZI Antonio (PT (già IR))

FavorevoleEuropa

REGUZZONI Marco Giovanni (Lega)

FavorevoleLombardia 2

REPETTI Manuela (PdL)

FavorevolePiemonte 1

RIVOLTA Erica (Lega)

FavorevoleLombardia 2

ROCCELLA Eugenia Maria (PdL)

FavorevoleLazio 2

ROMANI Paolo (PdL)

FavorevoleLombardia 1

ROMANO Francesco Saverio (PT (già IR))

FavorevoleSicilia 1

ROMELE Giuseppe (PdL)

FavorevoleLombardia 2

RONDINI Marco (Lega)

FavorevoleLombardia 2

ROSSI Mariarosaria (PdL)

FavorevoleLazio 1

ROSSI Luciano (PdL)

FavorevoleUmbria

ROSSO Roberto (PdL)

FavorevolePiemonte 2

ROTONDI Gianfranco (PdL)

FavorevoleLombardia 1

RUSSO Paolo (PdL)

FavorevoleCampania 1

RUVOLO Giuseppe (PT (già IR))

FavorevoleSicilia 1

SAGLIA Stefano (PdL)

FavorevoleLombardia 2

SALTAMARTINI Barbara (PdL)

FavorevoleSicilia 2

SAMMARCO Gianfranco (PdL)

FavorevoleLazio 1

SANTELLI Jole (PdL)

FavorevoleCalabria

SARDELLI Luciano Mario (PT (già IR))

FavorevolePuglia

SAVINO Elvira (PdL)

FavorevolePuglia

SBAI Souad (PdL)

FavorevolePuglia

SCAJOLA Claudio (PdL)

FavorevoleLiguria

SCALERA Giuseppe (PdL)

FavorevoleCampania 1

SCANDROGLIO Michele (PdL)

FavorevoleLiguria

SCAPAGNINI Umberto (PdL)

FavorevoleSicilia 2

SCELLI Maurizio (PdL)

FavorevoleAbruzzo

SCILIPOTI Domenico (PT (già IR))

FavorevoleSicilia 2

SILIQUINI Maria Grazia (PT (già IR))

FavorevolePiemonte 1

SIMEONI Giorgio (PdL)

FavorevoleLazio 1

SIMONETTI Roberto (Lega)

FavorevolePiemonte 2

SISTO Francesco Paolo (PdL)

FavorevolePuglia

SOGLIA Gerardo (PT (già IR))

FavorevoleCampania 2

SPECIALE Roberto (PdL)

FavorevoleUmbria

STAGNO D’ALCONTRES Francesco (PdL)

FavorevoleSicilia 2

STANCA Lucio (PdL)

FavorevolePiemonte 2

STASI Maria Elena (PT (già IR))

FavorevoleCampania 1

STEFANI Stefano (Lega)

FavorevoleVeneto 1

STRACQUADANIO Giorgio Clelio (PdL)

FavorevoleLombardia 1

STRADELLA Franco (PdL)

FavorevolePiemonte 2

STUCCHI Giacomo (Lega)

FavorevoleLombardia 2

TADDEI Vincenzo (PT (già IR))

FavorevoleBasilicata

TERRANOVA Giacomo (PdL)

FavorevoleSicilia 1

TESTONI Piero (PdL)

FavorevoleSardegna

TOCCAFONDI Gabriele (PdL)

FavorevoleToscana

TOGNI Renato Valter (Lega)

FavorevolePiemonte 1

TORAZZI Alberto (Lega)

FavorevoleLombardia 3

TORRISI Salvo (PdL)

FavorevoleSicilia 2

TORTOLI Roberto (PdL)

FavorevoleToscana

TRAVERSA Michele (PdL)

FavorevoleCalabria

TREMONTI Giulio (PdL)

FavorevoleLombardia 2

VALDUCCI Mario (PdL)

FavorevoleLombardia 1

VALENTINI Valentino (PdL)

FavorevoleVeneto 2

VANALLI Pierguido (Lega)

FavorevoleLombardia 2

VELLA Paolo (PdL)

FavorevoleSardegna

VENTUCCI Cosimo (PdL)

FavorevoleLazio 2

VERDINI Denis (PdL)

FavorevoleToscana

VERSACE Santo Domenico (PdL)

FavorevoleCalabria

VESSA Pasquale (PdL)

FavorevoleCampania 2

VIGNALI Raffaello (PdL)

FavorevoleLombardia 2

VITALI Luigi (PdL)

FavorevolePuglia

VITO Elio (PdL)

FavorevoleToscana

VOLPI Raffaele (Lega)

FavorevoleLombardia 2

>> Draquila: guarda il film <<

Commenta questo post

184 Commenti

  1. ho appena sentito la notizia …..che tristezza….e non sapere come venirne fuori…questi nostri ministri senza dignità e in vendita come oggetti….senza pensare alle conseguenze anzi forse lo sanno ma se ne sbattono altamente…..che altro dire…..

  2. penso siano gli stessi complici della balla su ruby.. i conti, tornano

    http://www.unita.it/italia/ecco-i-314-deputati-che-credono-alla-balla-su-ruby-1.281150

    Gruppo Popolo della Libertà
    Fabrizio Cicchitto, Massimo Enrico Corsaro, Sabatino Aracu, Simone Baldelli, Maurizio Bernardo, Isabella Bertolini, Maurizio Bianconi, Salvatore Cicu, Domenico Di Virgilio, Pietro Laffranco, Osvaldo Napoli, Barbara Saltamartini, Jole Santelli, Gioacchino Alfano, Sabatino Aracu, Maria Teresa Armosino, Filippo Ascierto, Mario Baccini, Lucio Barani, Emerenzio Barbieri, Michaela Biancofiore, Mariella Bocciardo, Giuseppe Calderisi, Remiglio Ceroni, Luigi Cesaro, Gianfranco Conte, Nunzia De Girolamo Nunzia, Giovanni Dima, Renato Farina, Fabio Garagnani, Giorgio Holzmann, Amedeo Laboccetta, Pietro Laffranco, Luigi Lazzari, Beatrice Lorenzin, Giuseppe Francesco Maria Marinello, Marco Marsilio, Bruno Murgia, Antonio Palmieri, Massimo Parisi, Enrico Pianetta, Mauro Pili, Giuseppe Romele, Gianfranco Sammarco, Giuseppe Scalera, Michele Scandroglio, Luigi Vitali. Altri membri: Gian Carlo Abelli, Ignazio Abrignani, Angelino Alfano, Antonio Angelucci, Roberto Antonione, Valentina Aprea, Francesco Aracri, Vincenzo Barba, Viviana Beccalossi, Luca Bellotti, Amato Berardi, Deborah Bergamini, Anna Maria Bernini Bovicelli, Massimo Maria Berruti, Sandro Biasotti, Francesco Biava, Paolo Bonaiuti, Margherita Boniver, Marco Botta, Michela Vittoria Brambilla, Aldo Brancher, Renato Brunetta, Donato Bruno, Annagrazia Calabria, Maria Rosaria Carfagna, Gabriella Carlucci, Luigi Casero, Roberto Cassinelli, Carla Castellani, Giuseppina Castiello, Francesco Catanoso Genoese detto Basilio Catanoso, Giuliano Cazzola, Fiorella Ceccacci Rubino, Elena Centemero, Carlo Ciccioli, Edmondo Cirielli, Francesco Colucci, Manlio Contento, Nicola Cosentino, Giulia Cosenza, Giuseppe Cossiga, Enrico Costa, Stefania Gabriella Anastasia Craxi, Rocco Crimi, Nicolo Cristaldi, Guido Crosetto, Marcello De Angelis, Sabrina De Camillis, Riccardo De Corato, Francesco De Luca, Melania De Nichilo Rizzoli, Maurizio Del Tenno, Giovanni Dell’Elce, Simeone Di Cagno Abbrescia, Marcello Di Caterina, Manuela Di Centa, Ida D’Ippolito Vitale, Antonio Distaso, Monica Faenzi, Giuseppe Fallica, Raffaele Fitto, Gregorio Fontana, Vincenzo Antonio Fontana, Nicola Formichella, Tommaso Foti, Antonino Foti, Pietro Franzoso, Paola Frassinetti, Franco Frattini, Benedetto Francesco Fucci, Giuseppe Galati, Vincenzo Garofalo, Fabio Gava, Mariastella Gelmini, Antonino Salvatore Germanà, Niccolò Ghedini, Agostino Ghiglia, Sestino Giacomoni, Gabriella Giammanco, Vincenzo Gibiino, Alberto Giorgetti, Rocco Girlanda, Francesco Maria Giro, Lella Golfo, Isidoro Gottardo, Ugo Maria Gianfranco Grimaldi, Antonello Iannarilli, Maurizio Iapicca, Giorgio Jannone, Enrico La Loggia, Ignazio La Russa, Giorgio Lainati, Mario Landolfi, Maurizio Leo, Antonio Leone, Ugo Lisi, Pietro Lunardi, Maurizio Lupi, Gennaro Malgieri, Gianni Mancuso, Barbara Mannucci, Alfredo Mantovano, Giulio Marini, Marco Martinelli, Antonio Martino, Antonio Mazzocchi, Riccardo Mazzoni, Giancarlo Mazzuca, Giorgia Meloni, Gianfranco Miccichè, Riccardo Migliori, Lorena Milanato, Marco Mario Milanese, Antonino Minardo, Eugenio Minasso, Giustina Mistrello Destro, Dore Misuraca, Giuseppe Moles, Alessandra Mussolini, Gaetano Nastri, Massimo Nicolucci, Fiamma Nirenstein, Settimo Nizzi, Alessandro Pagano, Maurizio Paniz, Alfonso Papa, Adriano Paroli, Gaetano Pecorella, Paola Pelino, Antonio Pepe, Mario Pescante, Giovanna Petrenga, Guglielmo Picchi, Vincenzo Piso, Giancarlo Pittelli, Sergio Pizzolante, Carmelo Porcu, Stefania Prestigiacomo, Marco Pugliese, Fabio Rampelli, Laura Ravetto, Manuel Repetti, Eugenia Roccella, Paolo Romani, Luciano Rossi, Mariarosaria Rossi, Roberto Rosso, Gianfranco Rotondi, Paolo Russo, Stefano Saglia, Elvira Savino, Souad Sbai, Claudio Scajola, Umberto Scapagnini, Maurizio Scelli, Giorgio Simeoni, Francesco Paolo Sisto, Roberto Speciale, Francesco Stagno D’Alcontres, Lucio Stanca, Giorgio Clelio Stracquadanio, Franco Stradella, Giacomo Terranova, Piero Testoni, Gabriele Toccafondi, Salvatore Torrisi, Roberto Tortoli, Michele Traversa, Giulio Tremonti, Mario Valducci, Valentino Valentini, Paolo Vella, Cosimo Ventucci, Denis Verdini, Santo Domenico Versace, Pasquale Vessa, Raffaello Vignali, Elio Vito, Marco Zacchera.

    Gruppo Lega Nord
    Marco Giovanni Reguzzoni, Luciano Dussin, Lussana Carolina Montagnoli Alessandro, Fogliato Sebastiano, D’amico Claudio, Angelo Alessandri, Stefano Allasia, Massimo Bitonci, Guido Bonino, Umberto Bossi, Matteo Bragantini, Gianluca Buonanno, Corrado Callegari, Davide Caparini, Davide Cavallotto, Giacomo Chiappori, Silvana Andreina Comaroli, Nunziante Consiglio, Jonny Crosio, Manuela Dal Lago, Marco Desiderati, Gian Carlo Di Vizia, Gianpaolo Dozzo, Guido Dussin, Giovanni Fava, Massimiliano Fedriga, Fulvio Follegot, Gianluca Forcolin, Maurizio Fugatti, Franco Gidoni, Giancarlo Giorgetti, Paola Goisis, Paolo Grimoldi, Eraldo Isidori, Manuela Lanzarin, Marco Maggioni, Francesca Martini, Daniele Molgora, Laura Molteni, Nicola Molteni, Emanuela Munerato, Giovanna Negro, Luca Rodolfo Paolini, Maria Piera Pastore, Gianluca Pini, Ettore Pirovano, Massimo Polledri, Fabio Rainieri, Erica Rivolta, Marco Rondini, Roberto Simonetti, Stefano Stefani, Giacomo Stucchi, Renato Walter Togni, Alberto Torazzi, Pierguido Vanalli, Raffaele Volpi.

    Gruppo Iniziativa Responsabile
    Luciano Mario Sardelli, Giuseppe Ruvolo, Domenico Scilipoti, Maria Grazia Siliquini, Gerardo Soglia, Maria Elena Stasi, Vincenzo D’anna, Maurizio Grassano, Francesco Pionati, Elio Vittorio Belcastro, Massimo Calearo Ciman, Giampiero Catone, Bruno Cesario, Pippo Gianni, Paolo Guzzanti, Arturo Iannaccone, Giancarlo Lehner, Antonio Milo, Silvano Moffa, Giovanni Carlo Francesco Mottola, Carlo Nola, Andrea Orsini, Mario (Ir) Pepe, Michele Pisacane, Catia Polidori, Americo Porfidia, Antonio Razzi, Francesco Saverio Romano, Vincenzo Taddei, Liberal democratici (Gruppo Misto) Daniela Melchiorre, Italo Tanoni. (Gruppo Misto) Aurelio Salvatore Misiti.

    CHE GLI VENGA UN COLPO SECCO… ‘A BREVE’!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  3. Quest’ennesima legge su misura mi pervade di sorda rabbia, impotenza e vergogna per me e per i miei connazionali che hanno votato questo governo e per i componenti di questo che gongolano pure delle loro malefatte. Perpetrate queste per mantenere il potere che già gli era stato dato, mediante solare mercimonio, proprio all’uopo. Non mi viene miglior locuzione: io so’ proprio ‘ncazzato nero! Ma c’ho un dubbio che mi rode più che mai. L’opposizione che vota pur contro ma sapendosi batuta nei numeri, non è tecnicamente complice? Perché non raccolgono mai la proposta di dimissioni di massa da parlamentari? Il Che (Ernesto)mollò tutto. E io che non conto nulla, quando la maggioranza condominiale vuole approvare un dispositivo che non mi sta bene, faccio opera di convincimento sì, ma poi se so che perdo non ci vado alla votazione e se insistono cambio casa!!!

  4. Si ma c’è anche bisogno che chi non avrà giustizia faccia sentire la sua voce, dico che chi sa già di subire un torto da questa legge (in definitiva tutti ok, ma non intendo questo) si faccia sentire in ogni modo possibile inondi i giornali di lettere anche una al giorno finché non si parli di lui e se saranno milioni e milioni come si optrà non notare

  5. Perfettamente d’accordo!
    Mi preparo un post con:
    1) i crimini che rimarranno impuniti
    2) i nomi dei 314 deputati responsabili
    Poi lo faccio girare su fb.
    Sarà una goccia nel mare, ma nel mio piccolo, …….

  6. Per fare che b. la sfangasse con Mills, l’ennesimo sfregio.
    I 32 morti di Viareggio, i 140 del Moby Prince, i 309 morti dell’Aquila, le centinaia di morti sul lavoro, hanno aspettato anni, invano, e non avranno mai giustizia.
    Tutto questo con la disgustosa complicità di 314 deputati (grazie, auryn, di aver postato i nomi) che, dopo aver mostrato di credere che b. abbia evitato di scatenare un incidente diplomatico con l’Egitto con la sua telefonata salva-nipote, si sono sdraiati un’altra volta per permettergli di calpestare tutti per risolvere i suoi guai con la legge.
    E fa ancora più ribrezzo l’arroganza del ministro che li riduce ad una misera percentuale, sputandogli in faccia che sono ‘solo lo 0.2%’.

  7. Questa legge cmq è incostituzionale, perchè in contrasto col principio di uguaglianza (come minimo) : per cui verrà certo annullata…ma nel frattempo il processo Mills sparirà..In fondo è questo che si voleva ottenere vero?

  8. Quelli a cui mettere il naso nella cacca sono quelle Merde dei Leghisti che hanno pure la faccia tosta di proclamarsi ” puri e duri ” ; sugli altri nulla da dire , che il pdl fosse un accozzaglia di p.. di m.. a immagine del suo leader lo si sapeva gia da subito , b e’ una calamita a merda .

  9. In Italia resta macchiato per sempre solo il nome degli innocenti.
    L’infamia della legge sulla “prescrizione rapida”, delle dichiarazioni di Maroni e Speroni, e un milione non di posti di lavoro, ma di iniziative becere e stronzate varie, da noi non significano perdita di dignità, ma onore.
    E mentre muoiono nel mar di Sicilia migranti a centinaia, inclusi molti bambini, la Svizzera cerca di espellere gli italiani. Ma è dalle porte di un eventuale Paradiso che meritiamo di non entrare, popolo idiota che si tiene questa cricca di delinquenti sul groppone da vent’anni.
    Mancava solo la proposta di censura e revisionismo di una delle befane Carlucci..

  10. stasera ho visto uno spettacolo che è iniziato con “soyez gentils avec les réfugiés > notre futur”

    un po’ come George che diceva “be not inhospitable to strangers – lest they be angels in disguise”

    voglio studiare la Bibbia

  11. La “Reputazione” Sabrina, si, ma da che pulpito..!
    Io invece ho letto la notizia sul Corriere che Gianfranco Lande con le sue società si “dedicava” anche al commercio d’armamenti!
    E tu che parli di complicità..che delusione.

  12. è un vero e proprio disastro, con questa ennesima legge salva nano è morta definitivamente la giustizia italiana.
    Per salvare il sovrano si è dato il via libera alla cancellazione di circa 15mila processi, tra cui alcuni tra i più sanguinosi e terribili della recente storia del Paese. Adesso il cavaliere è ad un passo dalla prescrizione del processo Mills e poi da quello Mediaset e Mediatrade…non ci sarà più giustizia per le vittime de l’Aquila, non ci sarà più giustizia per le vittime di Viareggio,… non ci sarà più giustizia!

  13. Io non sono affatto stupita,era ovvio che passasse. Non solo le vittime che non avranno giustizia,ma tutti gli italiani con un minimo di senno si sarebbero dovuti imbestialire per il tempo che il parlamento ha perso per questo provvedimento, ignorando i veri problemi della giustizia e di tutto il resto;invece nulla,come al solito.
    Ci vuole una forza incredibile per sopportare tutto ciò, per sopportare di essere parte di un popolo di scemi e nonostante questo continuare a credere che le cose possano migliorare e dare il proprio contributo invece di darsela a gambe.
    voto segreto per un emendamento sull’articolo principale,chiesto dalle opposizioni…cosa ci si può aspettare?io pensavo che qualcuno dei “suoi” l’avrebbe tradito approfittando della segretezza,qualcuno con un briciolo di responsabilità e di serietà,e invece?e invece nessuna traccia di responsabilità e serietà,ma un altro schiaffo dall’opposizione che non si oppone e che non vedeva l’ora di aiutarlo. è un incubo da cui diventa sempre più difficile e improbabile uscire

  14. Ho scritto “speroni” al posto di “castelli”. Mi riferivo ovviamente alla sua frase “non prendiamo a mitragliate gli immigrati, per il momento”, degno dell’essere subumano che è. E’ che quando scoperchio il tombino della fogna dei legaioli (non è un nomignolo, ma una crasi), mi confondo: esce ogni possibile sterco.

    Un abbraccio triste, ma sincero, ai pochi italiani buoni rimasti.
    Buona Pasqua a loro e alla nostra Sabina.

  15. Cara Sabina, sono uno dei 314. Uno che in oltre 40 anni di militanza politica non ha cambiato bandiera. Faccio solo il deputato e non ho altri redditti né affari in corso. Possiedo una casa dove abito e non ho centinaia di migliaia di euro da affidare a broker di dubbia moralità. Non so se mi ricandiderò quindi non devo ossequiare proprio nessuno. Le tasse le pago tutte e non le evado. Ho votato una legge del governo che sostengo ma non lo avrei mai fatto se il cosiddetto processo breve avesse comportato l’impunità per i reati di omicidio colposo plurimo (prevista anche sulla base della legge appena approvata per l’anno 2044) e per il disastro ferroviario (2032). Perchè si raccontano simili inesattezze? Non pensi che una opposizione politica si dovrebbe qualificare per le proprie proposte, accompagnate da una seria critica? Diffondere palesi inesattezze non aiuta, a parere del sottoscritto che è stato all’opposizione dal 1985 al 2008, ma squalifica. Non mi fa piacere se l’opposizione è debole, disorientata, priva di un leader perchè questo alla lunga indebolirà anche il centrodestra che non avrà molti stimoli per rinnovarsi e migliorarsi se vincerà sempre le elezioni politiche per manifesta inadeguatezza degli avversari. Perchè non cominciamo a ritornare ad un clima più civile, ad un confronto ed un contrasto più serio? Cosa ce lo impedisce? Siamo culturalmente così arretrati da non poterci misurare sul terreno politico coem si fa nelle democrazie mature? Certo di errori ne abbiamo fatti e ne commetteremo, criticateci nel merito con spirito costruttivo, renderete un servizio vero all’Itallia!

  16. Bossi sembra abbia detto: “Il governo ha i numeri, passa, passa tutto”

    “Passa, passa tutto” potrebbe essere il suo epitaffio politico, sia per le questioni di giustizia,

    PRESCRIZIONE BREVE PER GLI OMICIDI, I TRUFFATORI, I CORRUTTORI ECC.

    sia per le questioni dell’immigrazione e della collaborazione diplomatica internazionale fallita.

    Per quanto riguarda tutti i parlamentari votanti questa legge immonda,
    credo vivano un pò accecati dalle “orge del potere”
    e ripongano un pò troppa fiducia in un sistema di manipolazione mediatica sull’orlo del tracollo.
    Sono riprese le farneticazioni sui “comunisti di sinistra”,
    segno che le elezioni minacciano e che i grossi problemi emergenti vengono considerati irrisolvibili
    o secondari.

    By by

    oggi comunque qui al nord è tornato il fresco, può ancora piovere

  17. 1 – La strategia della distrazione.
    L’elemento principale del controllo sociale è la strategia della distrazione che consiste nel distogliere l’attenzione del pubblico dai problemi importanti e dai cambiamenti decisi dalle élites politiche ed economiche utilizzando la tecnica del diluvio o dell’inondazione di distrazioni continue e di informazioni insignificanti. La strategia della distrazione è anche indispensabile per evitare l’interesse del pubblico verso le conoscenze essenziali nel campo della scienza, dell’economia, della psicologia, della neurobiologia e della cibernetica. “Sviare l’attenzione del pubblico dai veri problemi sociali, tenerla imprigionata da temi senza vera importanza. Tenere il pubblico occupato, occupato, occupato, senza dargli tempo per pensare, sempre di ritorno verso la fattoria come gli altri animali (citato nel testo “Armi silenziose per guerre tranquille”).
    NOAM CHOMSKY.

  18. Scioccato, insultato, marchiato d’infamia anche da mia figlia sul suo blog, ho voluto vederci chiaro su questa storia della prescrizione che impedirà di fare i processi per le morti in attesa di giustizia dell’Aquila e di Viareggio. E che ti scopro? Quello che potete scoprire tutti: la prescrizione scadrà dopo ben 35 anni e forse più ancora secondo altre interpretazioni. Qualcuno chiederà scusa? Ma figuriamoci! State a vedere quali saranno i commenti e preparate le forche e le fosse comuni per i criminali parlamentari che hanno votato una legge della Repubblica.

    Naturalmente su di me, e su tutti i deputati, ha fatto molto effetto la tremenda accusa: Voi votate una legge che farà prescrivere i processi per i disastri colposi di Viareggio e dell’Aquila. Fuori di Montecitorio si radunavano piccole folle indignate e sul blog di mia figlia Sabina venivano – sono – pubblicati i nomi di coloro che hanno votato additati al la pubblica ignominia. Ma io, quando avevo ascoltato i dati del ministro Alfano e dopo aver chiesto spiegazioni, ho avuto la seguente risposta: Non è affatto vero quel che viene gridato, ed anzi è assolutamente falso: Le prescrizioni scadranno per l’Aquila e Viareggio nel 2032 (fra ventun anni!!) se non nel 2044 (fra 33 anni !!).
    Ma fuori urlavano, dentro urlavano, sui blog urlano, qui urlavate, volavano e volano accuse feroci e infamanti.
    Che fare? Io non ho studiato giurisprudenza, ma mi sono fatto ben spiegare come stanno le cose e ho finalmente ben capito e adesso spiego ciò che ciascuno di voi, consultando un banale codice penale, può leggere con i suoi occhi.
    Tutto sta -ammesso che le feroci accuse contro di noi fossero state lanciate in buona fede – nel fatto che nessuno è andato evidentemente a leggersi per intero l’articolo art 157 del CP, al sesto comma. In quel sesto comma sta l’errore: il sesto comma dell’articolo 157 raddoppia i termini di prescrizione per i delitti di omicidio colposo e disastro colposo (449 e 589) per cui i 15 anni di pena e di prescrizione passano a 30, cui bisognava aggiungere (prima del voto di ieri) un quarto della pena massima complessiva. E dunque, la pena per omicidio plurimo essendo di 30 anni ed essendo un quarto di 30 poco più di 7, abbiamo un totale di pena e di data di caduta in prescrizione di 37 anni e mezzo oggi al massimo.
    Ora che cosa è cambiato? E’ cambiata la pena aggiuntiva massima che non è più di un quarto (= a 7), ma a un sesto: dunque, poiché un sesto di 30 è 5, si ha il tremendo abbassamento della prescrizione “breve” a 35 anni anziché 37. E cioè si torna alle dato che abbiamo prima riferito e che il ministro aveva fornito all’aula.
    Dunque: NON E’ VERO UN CAZZO !! E’ falso che i processi per L’Aquila e Viareggio si chiuderanno…. prima di 35 anni, o forse 34 da oggi.

    C’è qualche anima graziosa che vorrebbe rifarsi i conti, leggersi il codice e chiedere umilmente scusa? Mi farebbe piacere che questa banalissima analisi alla portata di tutti coloro che si siano comperati un codice dal tabaccaio, andasse anche sugli altri blog a portare questa lieta novella. Una novella di pura e banale verità. Ma scommetto che la verità non scalfirà in alcun modo la furia devastante che è stata scatenata contro i maledetti deputati votanti.

    Dal blog di Paolo Guzzanti http://www.paologuzzanti.it/?p=1717

  19. E’ uno schifo ma trovo strano che ci si stupisca. Qualcuno forse sperava che i sostenitori del caimano non lo sostenessero?
    Uno degli svantaggi della democrazia è questo: contano solo i numeri non le idee.
    Se la sinistra avesse posto regole serie relative al conflitto di interessi del boss di Arcore quando avrebbe potuto farlo ora non saremmo in questa situazione.
    Però non è andata così, purtroppo, per cui almeno fino alle prossime lezioni ce lo dovremo tenere … e non è escluso che le vinca di nuovo.
    E ai troppo speranzosi suggerirei di non illudersi troppo: una volta che il boss sarà fuori gioco resteranno comunque tutti quelli che condividono il suo modo di agire, e sono tanti.

  20. 2 – Creare il problema e poi offrire la soluzione.
    Questo metodo è anche chiamato “problema – reazione – soluzione”. Si crea un problema, una “situazione” che produrrà una determinata reazione nel pubblico in modo che sia questa la ragione delle misure che si desiderano far accettare. Ad esempio: lasciare che dilaghi o si intensifichi la violenza urbana, oppure organizzare attentati sanguinosi per fare in modo che sia il pubblico a pretendere le leggi sulla sicurezza e le politiche a discapito delle libertà. Oppure: creare una crisi economica per far accettare come male necessario la diminuzione dei diritti sociali e lo smantellamento dei servizi pubblici.

    3 – La strategia della gradualità.
    Per far accettare una misura inaccettabile, basta applicarla gradualmente, col contagocce, per un po’ di anni consecutivi. Questo è il modo in cui condizioni socioeconomiche radicalmente nuove (neoliberismo) furono imposte negli anni ‘80 e ‘90: uno Stato al minimo, privatizzazioni, precarietà, flessibilità, disoccupazione di massa, salari che non garantivano più redditi dignitosi, tanti cambiamenti che avrebbero provocato una rivoluzione se fossero stati applicati in una sola volta.

  21. Quando ho guardato negli occhi le persone che hanno perso un parente, un figlio un amico e che erano in Piazza Montecitorio, con quegli occhi stanchi per un viaggio faticoso e a proprie spese, ed ho visto questa congrega di Mignottocrati gonfi di privilegi e di malafede, certi dell’impunità loro e dei loro danti causa, uscire dall’ingresso posteriore per la vergogna ho capito che il Paese è morto ieri. E’ morto lì.

  22. Trovo tutto, come sempre, molto squallido: il pezzino di Guzzanti Sabina e i soliti prevedibili commenti osannanti e bavosi.
    Mi piacerebbe sapere quanti davvero sono competenti in materia. Io sono molto ignorante e sto cercando di farmi un’idea mia.
    Ma la Guzzanti e i suoi fan(atici) riusciranno mai a stupire e, soprattutto, a discutere seriamente sui temi, NEL MERITO?
    Ad esempio: è vero o è una balla che il ddl del centro-sinistra era pressochè sovrapponibile? La Finocchiaro, che c’entrava a quanto pare e che ora fa la sdegnata, è credibile? Sono domande, lo preciso soprattutto per i più agitati e agitabili.
    Altra domanda: se B. è l’prigine e la causa di tutti i mali, l’orco, il mostro antropologico, è peggio lui o chi ha deciso (e farà lo stesso in futuro) di non mettere mai mano a una legge decorosa sul conflitto degli interessi?
    E’ impressionante il tono e il modo e il linguaggio dei fan(atici) di Guzzanti Sabina (come di Travaglio ad esempio) che comunque non riescono a superarla.
    Ma direi che sono nati nel periodo sbagliato: dovevano esserci ad esempio al tempo della Santa Inquisizione con le sue torture, oppure all’epoca del Maccartismo: immagino come si sarebbero scatenati: come furie, dando il meglio di sè.

  23. Un messaggio per tutti i deputati che hanno votato a favore (quelli che non scrivono ma soprattutto quelli che srcrivono sui blog): fatemi il piacere almeno di non farla passare per una riforma della giustizia e abbiate le palle di ammettere che è una scelts ad hoc.
    Ma se proprio non avete questo coraggio, almeno STATEVI ZITTI! (in palermitano direi proprio CHIANTATEVELA!).

    Pure la ripassata no, eh…..

  24. Molto più interessante e istruttivo il blog di un emarginato (ma guarda un po’) dai media: Paolo Barnard. Da un suo recentissimo pezzo:

    “Travaglio Sachs e Goldman per tutti.

    Breve, ma molto grave: un esempio di come ci fottono. Nel caso che prendo in esame, al primo livello sta il Potere, cioè la grande finanza del Libero Mercato – che è la macchina globale per distruggere la sovranità democratica di tutti noi e sfruttarci per profitto (Il Più Grande Crimine, paolobarnard.info, 2010), e Israele – che è la più grande e criminale base militare USA nel mondo sorretta da una lobby di potere inattaccabile (Perché ci Odiano, Rizzoli 2006).

    Al secondo livello ci sono i loro procacciatori di vittime, fra cui cito in particolare Marco Travaglio, Carlo De Benedetti/Repubblica, Roberto Saviano, cioè Nessuno Tocchi Israele (se no ci cacciano da tutti i media) e Nessuno Tocchi Goldman Sachs. Questi procacciatori radunano e organizzano le masse adoranti e ignare, che vengono poi inoculate con i dettami fondamentali: primo, il nemico dei diritti sta tutto in quella direzione là (da tutt’altra parte rispetto al nemico reale); secondo, il bene sono i governi tecnici alla Mario Draghi (la Goldman deve tornare a palazzo Chigi); terzo, lo Stato non spenda a deficit per tutelare i cittadini (ci pensa il Libero Mercato del lavoro a chiamata e dei 30 milioni di nuovi disoccupati); quarto l’euro e la UE del Trattato di Lisbona come virtù (la virtù di trasformarci in schiavi alla disperazione come in Irlanda).

    Al terzo livello ……”

    Altro che le sparate da macchinetta del caffè della Guzzanti Sabina.

  25. Costoro chiusi nel Recinto hanno perso per sempre la faccia.Uomini di (m….) paglia quando vanno a piedi o in macchina si fanno sempre proteggere da guardiaspalle.

  26. INVECE DI DIRE CAZZ…….ANDATE A LEGGERVI IL D.L. ….FORSE CAPIRETE CHE NON DANNEGGIA NESSUNO…..PERCHE’ QUESTI POLITICI DI SINISTRA SONO COSì BECERI ..CHE NON LEGGENDO…..PARLANO A SPROPOSITO?????E VOI AVETE TUTTI PRECEDENTI PENALI? SE LI AVETE ALLORA FATE BENE A PREOCCUPARVI…..

  27. che palleeee…..il processo Mills anche senza questa legge non arriverà mai a giudizio…lo sanno tutti ma figono di non saperlo……e fate i seri una vota tanto

  28. Il guardasigilli, Angelino Alfano, si rechera’ al Colle per spiegare al presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, i contenuti del provvedimento sul processo breve, chiarendo le “false notizie” sull’incidenza della prescrizione breve su alcune stragi, come quella di Viareggio.
    E’ quanto e’ stato deciso al vertice di maggioranza con il premier, Silvio Berlusconi. A riferirlo e’ il capogruppo dei Responsabili, Luciano Sardelli.
    Il ministro della Giustizia, Alfano, si rechera’ quindi da Napolitano per “spiegare le false notizie – riferisce Sardelli – che sono state diffuse in merito alla prescrizione breve. Ad esempio, non e’ vero che incidera’ sulle stragi, come quella di Viareggio dove interverra’ non prima di una decina di anni. Su questo – conclude il capogruppo dei Responsabili – e’ stata fatta disinformazione che sara’ chiarita a Napolitano dal ministro Alfano”.

  29. Tutti i veri democratici ieri hanno esultato quando la Camera ha approvato, a larga maggioranza, il così detto Processo Breve!

    Mi sembra improprio definire breve un processo che dura 7 anni, direi piuttosto che ora i tempi del processo penale sono più rispettosi della Persona, il centro dell’azione politica del PdL è proprio il Rispetto della Persona e le nuove norme vanno in questa direzione.

    Grazie di cuore a tutta la Maggioranza, al Premier ed al miglior Guardasigilli dell’Italia Repubblicana: il ministro Alfano!

    Ma quanta desolazione nell’ascoltare i rappresentanti dell’opposizione e nel leggere le loro dichiarazioni!

    Triste vedere come l’opposizione abbia totalmente rinunciato sia al riformismo che al garantismo, dov’è la sinistra di una volta? questi sono jurassici esponenti del più bieco stalinismo!

    Quali argomenti hanno usato per confutare una NORMA DI CIVILTA’ come quella introdotta ieri nel nostro ordinamento?

    Sono essenzialmente due: la pretesa impunità che si sarebbe garantito Berlusconi, le stragi impunite!

    1- Sull’impunità di Berlusconi, mentono sapendo di mentire!

    Solo ad un processo potrebbe applicarsi la riduzione dei tempi di prescrizione, ed è un processo già prescritto, come affermato dalla Suprema Corte per Mills!

    I termini sono stati riaperti con un escamotage di dubbia legalità, si è sostenuto che decorrono da quando il corrotto spende la somma ricevuta per la corruzione e non da quando la riceve!

    Mi chiedo: ma è possibile che una violazione palese del diritto non venga sindacata se ad operarla sono dei giudici?

    Diciamo anche che la corruzione postuma ipotizzata è contraria anche alla logica, né ricordo di averla studiata nelle varie configurazioni del reato, come si fa a corrompere, pagando due anni dopo aver ottenuto il comportamento per il quale si corrompeva? se devo ottenere una promozione, una falsa testimonianza o quant’altro, pagherò prima, magari il giorno stesso, ma dopo 2 anni che pago a fare? e siamo quindi ad un processo che non sarebbe nemmeno dovuto iniziare, inoltre già prescritto e che anche con i termini di prescrizione decisi non dal Legislatore ma dalla Procura di Milano, cadrà ugualmente in prescrizione entro pochi mesi, ben prima di arrivare a sentenza!

    Ma siamo logici, perché la Maggioranza avrebbe dovuto affrontare una crociata per pochi mesi, quando poteva tranquillamente ristabilire lo Stato di Diritto, reintroducendo per tutti i Parlamentari l’Immunità voluta dai Padri Costituenti? e mi chiedo perché non si provveda a farlo e con urgenza!

    La Legge è Uguale per Tutti? e allora perché D’Alema, De Magistris e Di Pietro sfruttano l’Immunità del Parlamento Europeo e nel Parlamento Italiano non dev’esserci la stessa protezione per i Rappresentanti del Popolo???

    Tornando al Processo Breve, mi compiaccio nel constatare che l’ostruzionismo ad oltranza non poggiava su nessuna base giuridica, ma è stata solo determinata dalla ossessione anti-berlusconiana che paralizza l’attività dell’opposizione, snaturandola e togliendole la vocazione propositiva e progettuale, una tristezza!

    La democrazia ha bisogno di un’opposizione valida, matura, che condivida davvero i principi costituzionali, una grave anomalia che sia costituita da questi golpisti gossippari!

    2- Le Stragi!!!!! Lo strappalacrime non poteva mancare per far breccia sui meno acculturati e sono tanti, purtroppo! Siamo al chiagni e fotti!

    E’ UNA MENZOGNA!

    Per il reato di omicidio plurimo, quindi la strage, la prescrizione è di 30 anni! Una vita! e allora di che parlano? E fanno intervenire la mamma comunista di una vittima dell’incidente di Viareggio, massima solidarietà per la perdita subita, ma come fa a gridare all’impunità se è successo solo 2 anni fa’? dispera

    che nei prossimi 28 si svolga il processo? si vede che pensa alla giustizia dai tempi biblici di sinistra memoria!

    E’ vero esattamente il contrario, avrà giustizia in tempi brevi, mentre con la vecchia normativa rischiava di morire senza avere soddisfazione!

    Povera donna, chissà cosa le hanno raccontato, come hanno inasprito con le bugie il suo dolore, non si fermano davanti a nulla!

    Non voglio infierire, ma se quella mamma avesse votato bene, tanti eventi luttuosi in Italia non sarebbero successi!

    Di nuovo grazie al Ministro Alfano che ci sta portando fuori dal tunnel di una giustizia ingiusta anche nei tempi!

  30. cara melania…come vedi uso le maiuscole come voglio….chiamala licenza poetica…….invece di disprezzare…parlami dei contenuti….sempre che tu sia all’altezza…

  31. contenuti Salituro?
    Bene, cominiciamo da queste due cosette.
    “ora i tempi del processo penale sono più rispettosi della Persona”
    Mi indica la norma della legge appena approvata che riduce i tempi dei processi rendendoli più rispettosi della persona?

    “I termini sono stati riaperti con un escamotage di dubbia legalità, si è sostenuto che decorrono da quando il corrotto spende la somma ricevuta per la corruzione e non da quando la riceve!”
    FALSO
    In nessun parte delle tre sentenze che riguardano Mills si riporta quello che affermi, riprendendo pari pari quello che dice Berlusconi.
    Ma ti lascio l’opportunità di dimostrare il contrario.
    Riporta il passaggio in cui il PM afferma che la prescrizione decorre da quanto il corrotto spende la somma e non quando la riceve.
    Vai salituro, vai con i contenuti.

  32. Purtroppo di persone che non avranno giustizia, ce ne saranno molte.
    Anche se il ministro Alfano e tutta la maggioranza compatta continuano a ripetere il contrario.
    Pensiamo alla strage di Viareggio.
    Con la nuova legge, gli incensurati che sono sotto processo in primo grado vedono arrivare la prescrizione per il reato di disastro ferroviario fino a un anno mezzo prima rispetto alla pena massima di 10 anni, prevista dal codice per il disastro colposo.
    Anche per il crollo della Casa dello studente all’Aquila, dove sono morti 9 ragazzi, gli imputati incensurati accusati avranno uno sconto della prescrizione di un anno e mezzo.
    Analogo discorso per il maxiprocesso per le morti causate dall’esposizione all’amianto negli stabilimenti Fincantieri di Monfalcone, nel periodo compreso tra il 1965 e il 1985.
    Nel processo sulle morti legate a patologie asbesto-correlate, per il quale sono imputate 47 persone, i primi rinvii a giudizio sono stati firmati dai pm goriziani nel marzo del 2006.
    Uno dei punti cardine della riforma prevede che la sentenza di primo grado per i reati con pene inferiori a dieci anni debba essere pronunciata entro tre anni dalla richiesta di rinvio a giudizio, pena la prescrizione del reato.
    Per il crac Parmalat nessun rimborso per i risparmiatori truffati.
    Questo perché il 18 Aprile del 2011 è attesa la sentenza di primo grado nel processo per aggiotaggio, reato che per le persone fisiche scatta dopo sette anni e mezzo. Se anche si dovesse arrivare a una sentenza di colpevolezza di primo grado, con l’appello scatterebbe senz’altro la prescrizione del reato.
    Gli imputati, oltre a Tanzi, erano tutti incensurati e tutti potranno beneficiare anche della prescrizione breve.
    E imputati incensurati e quindi beneficiari della prescrizione breve, sono anche quelli della Clinica Santa Rita, del processo Cirio, dello scandalo di Tarantini nella sanità pugliese, di Fincantieri di Palermo e della Thyssen Krupp.
    Ci sembra ce ne sia abbastanza per ribadire che questa legge è vergognosa, per nulla dalla parte dei cittadini e per l’ennesima volta pennellata addosso all’uomo più perseguitato del mondo (sic!).

  33. purtroppo vedo che molti di voi riprendono a pappagallo quello che il csm va ripetendono in tutti i siti “AMICI”, vedremo che cosa dirà il Presidente della Repubblica, no vorrei essere neisuoi panni….comunque eccoti servito….

    Diciamo anche che la corruzione postuma ipotizzata è contraria anche alla logica, né ricordo di averla studiata nelle varie configurazioni del reato, come si fa a corrompere, pagando due anni dopo aver ottenuto il comportamento per il quale si corrompeva? se devo ottenere una promozione, una falsa testimonianza o quant’altro, pagherò prima, magari il giorno stesso, ma dopo 2 anni che pago a fare? e siamo quindi ad un processo che non sarebbe nemmeno dovuto iniziare, inoltre già prescritto e che anche con i termini di prescrizione decisi non dal Legislatore ma dalla Procura di Milano, cadrà ugualmente in prescrizione entro pochi mesi, ben prima di arrivare a sentenza!

  34. @Salituro: solo una cosa non capisco del tuo ragionamento, anzi due: B. può tranquillamente confutare in tribunale la questione dei termini della prescrizione sulla tempistica della corruzione, come ogni altro cittadino farebbe. Tra l’altro non mi sembra sia difeso da un avvocato d’ufficio e per il proprietario di un’azienda é normale in tutto il mondo avere a che fare con avvocati e cause legali tutti i giorni della propria vita, un pochino meno frequente é il farsi una legge su misura per non difendersi in un eventuale processo, ma dal processo.

    La seconda cosa é nello specifico questa fantomatica cosa che continua a ripetere l’imputato a sua difesa: i giudici (i PM casomai é il soggetto corretto) hanno forzato i tempi della prescrizione dicendo che il reato si consuma non da quando il corrotto prende i soldi ma dalla data in cui inizia a spenderli.
    Se ne faccia una piccola esegesi.

    1- Se Tizio corrompe Caio, e Caio tiene i soldi sotto al materasso, qualora gli investigatori non abbiano alcuna traccia del pagamento (sai di solito quando si corrompe qualcuno si cerca di non lasciare tracce finanziarie evidenti quali assegni), per incastrare il corruttore devono aspettare che il corrotto spenda parte di quella somma e non possa giustificarne fiscalmente la provenienza. Toh! Mi ricorda un certo avvocato inglese che telefonava preoccupatissimo al suo commercialista.
    2- B. con quella affermazione sta dicendo quindi che ha corrotto Mills ma dato che sono stati abbastanza furbi o fortunati da essere stati beccati in “zona Cesarini” non debbano essere processati? Beh complimenti, allora stì “giudici” (PM) c’azzeccano! Non molto velocemente, però ci arrivano a scoprire dei reati!
    3- Se invece é tutta una invenzione dei giudici (aridanghete… sono i PM), lui non ha corrotto nessuno, perché David Mills invece é stato condannato a risarcire lo Stato Italiano dopo i tre famosi gradi di giudizio? Per carità massimo del garantismo, seppure in Italia forse si arriva un po troppo facilmente fino alla Cassazione, il che forse é ciò che rende la macchina della giustizia un tantino più lenta, no?

  35. Salituro: non vedo contenuti, mi dispiace.
    I punti sono i seguenti:
    1. La legge approvato alla Camera in quale punto fa in modo che i tempi dei processi siano più rispettosi della persona?
    Non è difficile, posti l’articolo che prevede che i processi devono avere una precisa durata… se lo trovi.

    2. Dovevi provare la tua affermazione: “si è sostenuto che decorrono da quando il corrotto spende la somma ricevuta per la corruzione e non da quando la riceve”.
    e non hai risposto minimamente.
    Il perché è semplicissimo: hai ripetuto a pappagallo quello che dice Berlusconi e non ti sei informato su come stanno le cose.
    Secondo i PM, secondo i Giudici, secondo la dottrina, secondo la Giurisprudenza la prescrizione decorre dal momento in cui si riceve la somma di denaro.
    Questo hanno sostenuto I PM nel processo Mills e questo è quello che hanno confermato i Giudici.
    Hai due possibilità o riporti le affermazioni dei PM che parlano di spendere la somma di denaro o ti scusi per aver detto delle falsità.

    Quanto al resto è meglio se ti fai un ripassino del codice penale, se non hai mai trovato nei tuoi studi quella che tu definisci la corruzione “postuma” vuol dire che ti sono sfuggiti almeno tre articoli e la cosa è abbastanza grave.

    Vai Salituro, vai con i contenuti, non con le solite balle.

  36. ai deputati che hanno scritto

    può darsi che il processo breve non fermi i processi sulle stragi ho letto i commenti ma non la legge né del rsto si può pretendere che ogni volta i cittadini debbano leggere i testi integrali prodtti dal parlamento
    ma non c’è nessuna giustificazione possibile per votare una porcheria del genere per salvare berllusconi da processi per reati gravissimi che essendo lui premir offendono umiliano tutto il paese
    non c’è nessuna giustificazione a tenere il parlamento impegnato per una legge che rallenta e blocca la giustizia
    siete additati sottoposti alla disapprovazione pubblica e alla vergogna non avendo altre armi per ora vi colpisca tutto il nostro disprezzo. non c’è dialogo possibile questa non è una legge è una non legge che non regola ma sregola che non produce giustizia ma profonda periclosissima ingiustizia non produce ordine ma arbitrio e paura

  37. Accusate Berlusconi di non ineressarsi dei problemi degli italiani…..ma il 95% degli italiani si è sempre lamentato per le lungaggini dei processi e ora che c’è chi si interessa di questi problemi…..voi lo crocifiggete….mi sembra di ricordare ad una storia successa molti anni orsono…..sulle colline di gerusalemme….i giusti vengono sempre crocifissi….

  38. Dice l’onorevole Violante, che non è pagato certamente da Berlusconi: «Quando il nemico era il terrorismo, alla magistratura non fu delegata solo l’individuazione dei singoli terroristi ma la lotta contro il terrorismo. Con la mafia è avvenuta la stessa cosa. Con Tangentopoli ai magistrati non furono affidati solo i processi contro i corrotti; fu affidata la lotta contro la corruzione. È stata la politica che ha delegato ai magistrati funzioni che invece erano proprie. E poi è rimasta inerte. È chiaro, allora, che la magistratura è stata investita di un ruolo di “guardiano” della moralità del paese».

    Di chi è la responsabilità? Nel 2009 lei che la sinistra «si è limitata al contrasto polemico e moralistico».
    «In questi anni hanno governato sia il centrodestra sia il centrosinistra e nessuno ha affrontato il problema. Quando la politica ha delegato alla magistratura funzioni politiche ha introdotto un cambiamento nella collocazione istituzionale di quel potere. Il Parlamento non ha mai fatto nulla per riprendersi ciò che aveva delegato e per di più ora la responsabilità politica è scomparsa dal nostro orizzonte; esiste solo la responsabilità penale e allora perché meravigliarsi della incidenza della magistratura nella vita politica? Per rimanere alla corruzione, stiamo ancora aspettando una legge in materia».

  39. Per Renatino nostro gajardo e tosto………le risposte sono sempre nelle domande….non vorrai che io faccia in questa sede una lezione socio-culturale -giuridica…..leggi bene l’Art, 3 e l’Art. 4…..dai Renatino non farmi perdere tempo…..

  40. In questi giorni, sono state diffuse informazioni non condivisibili relative all’impatto della prescrizione breve. Mi riferisco specificamente alla strage di Viareggio e de L’Aquila. Per esempio, il disastro di Viareggio avvenne nel giugno 2009. L’autorità giudiziaria sta procedendo per reati gravissimi, come l’omicidio colposo plurimo e il disastro ferroviario, puniti con pene molto severe e che si prescriveranno, quindi, in un tempo lontanissimo. Ebbene, se la norma all’esame del Parlamento fosse approvata, la prescrizione del disastro ferroviario di Viareggio maturerebbe in 23 anni e quattro mesi, quindi nel 2032, e la prescrizione dell’omicidio colposo plurimo addirittura dopo, fino a un massimo di 35 anni dai fatti, quindi nel 2044. D’altra parte la norma riguarda, così come anche nella gran parte dei casi de L’Aquila, soltanto gli incensurati e non anche i recidivi. Pertanto, mi sento di dire che analoghe considerazioni possono farsi sul disastro de L’Aquila, se è vero che il termine di prescrizione ordinaria è di 10 anni, aumentabile ad 11, anzi specificamente 11 anni ed otto mesi. A soli due anni dalla tragedia del sisma abruzzese credo vi sia tutto il tempo per definire il giudizio. Peraltro, nella fattispecie, il termine di prescrizione si ridurrebbe di soli dieci mesi. La norma, nella parte che tocca solo la posizione degli incensurati e non anche quella dei recidivi, non riguarda i termini di prescrizione dei reati, che restano invariati, ma riguarda il surplus di durata del processo determinato dai cosiddetti atti interruttivi della prescrizione, che si riduce mediamente di qualche mese. Ad esempio per le truffe, per l’aggiotaggio e per il market abuse, si passerebbe dall’attuale tetto massimo di 7 anni e sei mesi a 7 anni; per reati più gravi, come la bancarotta fraudolenta, il furto pluriaggravato, la rapina semplice, l’usura e la violenza sessuale, si passerebbe dagli attuali 12 anni e sei mesi a poco più di 11 anni e sei mesi; per la bancarotta fraudolenta ed aggravata (il caso Parmalat) si passerebbe dai 18 anni e nove mesi a 17 anni e sei mesi; per le lesioni volontarie (il caso Clinica Santa Rita) si passerebbe da 8 anni e nove mesi a 8 anni e due mesi. Anche per i reati contro la pubblica amministrazione il surplus di durata del processo nei confronti degli incensurati viene ridotto di pochi mesi: di sei mesi per il reato di corruzione (da 7 anni e sei mesi a 7 anni) e di otto mesi per la corruzione in atti giudiziari (da 10 anni a 9 anni e quattro mesi). Per reati di particolare allarme sociale, come l’omicidio colposo commesso in violazione di norme sulla circolazione stradale e sulla prevenzione degli infortuni sul lavoro, si passerebbe da 17 anni e sei mesi a 16 anni e quattro mesi, che diventano addirittura 23 anni e quattro mesi, se il fatto è commesso da chi guida in stato di ebbrezza e sotto l’effetto di sostanze stupefacenti. Conclusivamente, il regime della prescrizione resta quello introdotto nel 2005 che in questi anni la Corte costituzionale, più volte sollecitata dai giudici, ha fatto salvo, estendendone, anzi, gli effetti a tutti i dibattimenti nei quali non sia stata ancora pronunciata la sentenza di primo grado, cosa affermata nella sentenza del 23 novembre del 2006, numero 393. La nuova norma, dunque, si limita a completare la riforma del 2005 per differenziare la posizione dell’imputato incensurato da quella del recidivo. Se poi il reato, invece di prescriversi in dieci anni – mi riferisco a quello cui ha più volte ha alluso l’opposizione – si prescriverà in nove anni e quattro mesi, occorrerebbe piuttosto domandarsi come mai in un tempo così lungo non si sia ancora arrivati nemmeno a una sentenza di primo grado.

  41. Alla faccia, Auryn… hai preso in pareola Sabina. li hai messi tutti… pubblico ludibrio in avvenire, marchiati per sempre nella storia.

    A meno che Carlucci non abbia ragione, nel futuro 2050 si leggerà nei testi di storia che Silvio Berlusconi fu il più grande presidente del consiglio degli ultimi 190 anni. Ecco, questo non è futuro e neanche fantascienza, è fantasia. Ah ah ah ah.

  42. Salituro, l’apostolo duro e puro.
    L’articolo 3 è quello relativo alla prescrizione breve.
    Questo significa che un incensurato che magari è sotto processo perché ti ha svaligiato casa si vede accorciare i tempi di prescrizione del reato.
    Contento tu, contento tutti.
    Ma mi sfugge come questa norma possa diminuire i tempi dei processi.
    L’articolo 4 prevede che in caso di processi troppo lunghi si proceda ad una segnalazione e, quindi, rispetto ai tempi di oggi nulla cambia.

    Su Mills ovviamente non rispondi perché non sai cosa dire.
    La favola sulla spendita dei soldi raccontata da Berlusconi te la sei bevuta tutta e non hai approfondito i contenuti.
    Si attendono ancora le scuse per le falsità che hai scritto.
    Quella che tu chiami corruzione postuma, la trovi nel codice penale.
    Spiegare perchè il legislatore e non i giudici comunsiti, hanno previsto una norma del genere è troppo complicato per uno che non riesce a trovare gli articoli del codice penale e ha le visioni mistiche.

  43. @solituro in tanto tempo non si arriva a una sentenza di primo grado perché nessuno fa una riforma della giustizia
    2 se fosse vero quello che dici come mai si sente questa urgenza ra e si mobilitano tutte le forze ora? con tutti i problemi che ci sono? te lo sei mai chiesto?

  44. scusa cara sabina ma già ho risposto……..capisco che tu non hai problemi di natura giuridica….ma il 95% degli italiani vogliono i processi più “brevi” …ci sono persone che aspettano anche 25 anni….
    La paura è che gli tocchi di lavorare, anzi neanche, perché se i magistrati in futuro non riusciranno a chiudere un primo grado in qualcosa come tre anni (tre anni, non tre giorni) potranno sempre dire che è colpa di Berlusconi: eppure lo sanno tutti che i magistrati lavorano mediamente poco, che non di rado tizio «oggi non c’è», che caio «oggi lavora a casa», che sempronio «oggi non è venuto», che pochi si sobbarcano il lavoro di molti, che molti sono imboscati o fuori stanza: perché sono uomini e funzionari e dipendenti statali come gli altri, la differenza è che non timbrano il cartellino (e dici poco) e che in qualche caso si sentono eticamente superiori agli altri salariati pubblici. Cosicché i problemi sono sempre altrove: è colpa della «mancanza di risorse» se al pomeriggio in tribunale c’è il deserto dei tartari, è colpa della «cattiva organizzazione» se molti magistrati appongono fuori dalla porta gli orari di ricevimento come se fossero insegnanti delle medie, e se un avvocato cerca un fascicolo e però il pm l’ha portato a casa. Uno sgobbone come Francesco Ingargiola, presidente della Corte d’Appello di Caltanissetta, lo disse chiaramente in un libro di Massimo Martinelli: «Nei tribunali il problema principale è proprio questo, far lavorare e motivare i giudici; perché se la giustizia è al capolinea non è colpa solo di leggi farraginose, ma anche di molti colleghi che non lavorano a sufficienza».

  45. Sabina, quello che è accaduto qualche giorno fa alla camera è una grandissima presa per il culo degli italiani.
    Si è presentato una legge in senato diretta alla velocizzazione dei processi e pubblicizzata come diretta ad avere tempi più rispettosi della persona.
    Alla camera, si è inserito un emendamento che prevedeva la diminuzione della prescrizione per gli incensurati.
    Il resto degli articoli, invece, sono stati tutti cancellati ed è rimasta la sola segnalazione per i processi troppo lunghi.
    Il risultato è stato quello di far passare la legge solo ed esclusivamente per l’emendamento che salvava il Berlusconi.
    Gli apostoli cha hanno le visioni mistiche come salituro non ci hanno capito nulla, l’opposizione ha fatto la sua bella figuraccia dando informazioni inesatte e il risultato è che una norma completamente inutile per il sistema giudiziario italiano, ma utilissima per una sola persona, è stata votata a tappe forzate da tutti i deputati e i ministri che non avevano null’altro da fare.

  46. Caro renatino……continui a diramare notizie false……IL PROCESSO MILLS E’ GIA’ DEFUNTO…NON ANDRA’ MAI A GIUDIZIO…E’ GIA PRESCRITTO………e tu continui come un muro di gomma….per quanto rigurda ruby è un castello di carta pesta…non ci sono prove…filmati…. foto e la concussione non si può perseguire d’ufficio…il CONCUSSO non esiste…….il tutto si riduce ad un tentato sputtanamento mediatico…….in questo paese tutto deve rimanere così com’è………perchè come metti mano…ALT QUESTO FA’ GLI INTERESSI DI BERLUSCONI….purtroppo la presenza di Berlusconi fa comodo ai poteri forti a suo discapito…….

  47. apostolo salituro, l’unico che comunica notizie false e non è più grado di dire nulla sui contenuti, se non ripetere le solite balle di Berlusconi, sei tu.
    Se non hai più nulla di dire sulle falsità che hai scritto, lascia perdere, altrimenti scusati e si prosegue con le altre falsità che hai scritto.

  48. apostolo salituro tu hai affermato due cose ben precise relative al processo Mills.
    sei consapevole di aver scritto falsità, ripetendo a pappagallo quello che ha detto il Berlusconi, oppure ti serve un disegnino?
    e sei riuscito a trovare sul codice penale la corruzione “postuma”?

  49. apostolo salituro mi era sfuggita quest’altra clamorosa falsità
    “e la concussione non si può perseguire d’ufficio…”
    ti consiglio di rivolgerti al tizio che ti ha venduto il codice penale, ti ha rifilato una patacca. ma non pensi che ora di smetterla di scrivere falsità sul sito di Sabina Guzzanti?
    Esiste un limite a tutte, tranne forse alla tua capacità di credere alle balle del Berlusconi.

  50. ha,,ha,,,ha corruzione postuma…..sei un grande….la corruzione è una cosa la concussione è tutt’altro…. e se non c’è il concusso non c’è neanche il corruttore… hai le idee confuse….poche ma ben confuse…ora ti saluto…e durante la notte ripensa…….a quello che hai detto….

    La corruzione e la concussione sono delitti contro la Pubblica Amministrazione commessi dai Pubblici Ufficiali (Art. 357 c.p.) o dagli Incaricati di un pubblico servizio (art. 358 c.p.).

    In alcuni casi vi è la cooperazione di un soggetto privato (corruzione), in altri vi è la cooptazione della volontà di quest’ultimo (concussione).

    Nello specifico, la concussione è disciplinata dall’ Art. 317 c.p. ed è commessa dal pubblico ufficiale o dall’incaricato di un pubblico servizio, che, abusando della sua qualità o dei suoi poteri costringe o induce taluno a dare o a promettere indebitamente, a lui o ad un terzo, denaro o altra utilità.

    La corruzione, invece, è il delitto commesso dal pubblico ufficiale che, per compiere un atto del suo ufficio (cfr. Art. 318 c.p.), o per omettere o ritardare o per aver omesso o ritardato un atto del suo ufficio, ovvero per compiere o per aver compiuto un atto contrario ai doveri di ufficio (cfr. Art. 319 c.p.), riceve, per se’ o per un terzo, in denaro od altra utilità, una retribuzione che non gli è dovuta, o ne accetta la promessa.

    Come si vede, dunque, mentre nella concussione il pubblico ufficiale o l’incaricato di un pubblico servizio, abusando della sua qualità, costringe qualcuno a dare o promettere una qualche utilità, nella

    corruzione il soggetto privato è d’accordo con il pubblico ufficiale nel dargli o promettergli denaro o altra utilità affinché quest’ultimo compia un atto del suo ufficio o un atto contrario ai doveri d’ufficio.

    Questa differenza sostanziale tra concussione e corruzione, poi, comporta che il Legislatore ha previsto la punizione anche per il corruttore (cfr. Art. 321 c.p.) e per l’istigatore alla corruzione (cfr. Art. 322 c.p.), cioè del privato che dà, offre o promette denaro od altra utilità non dovuti ad un pubblico ufficiale o ad un incaricato di un pubblico servizio.

    Altra differenza, infine, è che la persona incaricata di un pubblico servizio risponde penalmente della corruzione per atti del suo ufficio solo se ricopre la qualità di pubblico impiegato (cfr. Art. 320 c.p.), mentre il pubblico ufficiale ne risponde in ogni caso. buon bunga bunga a tutti…

  51. A renatino nun c’è provà cò me…..Diciamo anche che la corruzione postuma ipotizzata è contraria anche alla logica, né ricordo di averla studiata nelle varie configurazioni del reato, come si fa a corrompere, pagando due anni dopo aver ottenuto il comportamento per il quale si corrompeva? se devo ottenere una promozione, una falsa testimonianza o quant’altro, pagherò prima, magari il giorno stesso, ma dopo 2 anni che pago a fare? e siamo quindi ad un processo che non sarebbe nemmeno dovuto iniziare, inoltre già prescritto e che anche con i termini di prescrizione decisi non dal Legislatore ma dalla Procura di Milano, cadrà ugualmente in prescrizione entro pochi mesi, ben prima di arrivare a sentenza! aribunga bunga a tutti

  52. apostolo salituro, non postare cose che non sei in grado capire, stai facendo la figura dell’idiota e forse era proprio quello che volevi.
    La corruzione “postuma” è un termine che ti sei inventato tu, ed il bello è che riporti l’art. 319 in cui trovi scritto “o per aver omesso o ritardato un atto del suo ufficio, ovvero per compiere o per aver compiuto un atto contrario ai doveri di ufficio”.
    Senza rendertene conto hai trovato quello che dicevi non esserci sul codice penale.
    La concussione è un reato perseguibile d’ufficio. quindi non serve la querela del concusso.
    apostolo, vai a dormire, rifletti sulla figura da imbecille che hai appena fatto e scusati con Sabina per le falsità che hai scritto sul suo blog.

  53. apostolo salituro continui con le falsità
    “i termini di prescrizione decisi non dal Legislatore ma dalla Procura di Milano”
    Guarda che è peccato dire le bugie.

  54. apostolo salituro, complimenti.
    scrivi cose prese da Minzolini fan club su fb e le spacci per roba tua. sei più imbecille di quello che pensavo.
    “la corruzione postuma ipotizzata è contraria anche alla logica, né ricordo di averla studiata nelle varie configurazioni del reato”
    Questa frase poteva essere scritta solo da un ignorante che prova a parlare di cose che non conosce.
    Un ignorante che appunto fa il fan club a minzolini.
    pentiti apostolo salituro, pentiti… e riconosci i tuoi peccati.
    per chi si vuol divertire a scoprire dove l’apostolo prende le falsità che riporta sul sito di Sabina
    http://www.facebook.com/note.php?note_id=10150159855711587&comments

  55. Rileggendo il tutto, anche non essendo un simpatizzante di Berlusconi, mi trovo pienamente d’accordo con il sig. Salituro e ritengo oltraggioso il comportamento del sig. Renato che non portando tesi che possano stabilire la veridicità dei fatti e negando persino la sua citazione (inventata) sulla corruzione postuma delle ore 8,23 si lascia andare ad offese che non fanno onore al blog in cui ci troviamo.
    Concludendo il Sig. Salituro è riuscito a convincermi della sua tesi documentando i fatti, spero che per questo non venga accusato anche io di servilismo, e consiglio il Sig. Renato di portare dei documenti e quindi di documentarsi per poter argomentare in modo sereno e pacato senza offendere nessuno.

    Un ringraziamanto a Sabina Guzzanti che lascia piena libertà a chiunque voglia esporre la propria opinione.

  56. Giorgio, l’apostolo salituro non ha portato fatti, ma falsità.
    La citazione sulla corruzione postuma è stata riportata dall’apostolo, presa pari pari da fb, leggi meglio prima di sparare cavolate.
    Se uno scrive “la corruzione postuma ipotizzata è contraria anche alla logica, né ricordo di averla studiata nelle varie configurazioni del reato” scrive una corbelleria.
    Primo perché dimostrata di non sapere di cosa sta parlando, inventandosi un termine giuridico, secondo perché non ha letto il codice penale.
    La corruzione susseguente esiste, fattene una ragione te, l’apostolo e l’altro genio che ha scritto la nota su fb.
    Uno si prende il codice penale si legge l’articolo 318 e l’art. 319 e scopre che quelle di salituro sono cavolate.
    Il codice penale ti è sufficiente come documento?
    Su Mills l’apostolo ha riportato l’ennesima corbelleria, ma visto che ti interessano i fatti dovresti riportare un solo atto in cui si evince che “i termini di prescrizione decisi non dal Legislatore ma dalla Procura di Milano”.
    Non è difficile, hai detto che l’apostolo ha documentato quello che dice. se poi per te una nota su fb vale di più del codice penale e delle sentenze, allora hai dei seri problemi. ultimo appunto se un apostolo vuole fare il sapientone e scrive delle corbellerie giuridiche, oltretutto per difendere Berlusconi, io lo tratto per quello che è, un imbecille.
    Si rispetta Sabina Guzzanti e il suo blog se non scrivono falsità, che è quello che ha fatto l’apostolo e tu gli sei andato dietro.
    Mi dispiace per te, ma stai tranquillo nessuna accusa di servilismo, devi solo studiare di più e riflettere prima di scrivere i post.

  57. scusa renato ma ci fai o ci sei???? il mio commento riguarda quello che ti hai paventato e che giorgio ha fatto rilevare ai lettori…cioè la corruzione postuma ipotizzata è contraria anche alla logica…..IPOTIZZATA DA CHI???? DATE A DAI TUOI AMICI DI SINISTRA….per quello che ti ho fatto notare che non esiste la corruzione postuma….giorgio ciè arrivato ..solo tu non ci arrivi…..e poi sinceramente parlare con te e’ solamente perdere tempo…comunque vedo con piacere che scrivendo in un sito…diciamo non amico….le manine sono in mio favore…

    dimenticavo …ringrazio la signorilità di sabina che non mi ha cassato

  58. COMUNQUE PRIMA DI LASCIARTI ALLA TUA SPOCCHIA (IGNORANZA GIURIDICA) TI RLANCIO A SFIDA…..PARLAMI DELL’ART 3 E DELL’ ART. 4 DEL DL PROCESSO BREVE…..

  59. Prima di lasciarti qualche domanda…..sei a favore o contro la libertà di stampa? sei a favore o contro lo scudo fiscale? sei giustizionalista o garantista? vedi solo la RAI e paghi il canone? vorresti tempi lunghi o brevi per i processi? sei contro o a favore dell’eutanasia?? quando inizia la tua libertà di manifestare e la mia libertà di andare al lavoro..in ospedale…ecc?? sei a favore o contro l’abolizione dell’ICI sulla prima casa….se contro tu la paghi?? grazie per le risposte che vorrai fornirmi..

  60. apostolo salituro, non spacciare la tua ignoranza per informazione.
    Tu non hai mai fatto notare che non esiste la corruzione postuma, tu hai riportato una nota di fb spacciandola per farina del tuo sacco.
    è chiaro il concetto?
    La frase che hai riportato riporta una serie di corbellerie giuridiche.
    Non si chiama corruzione postuma, ma susseguente, ho un commento in moderazione ma riporto di nuovo:
    “La corruzione propria può essere: 1) ANTECEDENTE: quando la retribuzione è pattuita anteriormente al compimento dell’atto e al fine di compierlo;
    2) SUSSEGUENTE : se la retribuzione concerne un atto contrario ai doveri d’ufficio già compiuto” Art. 319 c.p.
    Lo so che non è nota su fb e si tratta solo del codice penale, ma nel mondo reale funziona così.
    Il reato previsto dal legislatore e non dai giudici comunisti è perfettamente logico, pensa che è sempre esistito nel codice penale italiano.
    Se uno mente per pararti il culo in sei processi differenti non è illogico che venga ricompensato.
    è chiaro il concetto?
    Se l’estensore della nota sufgb non ha mai studiato questo tipo di configurazione, vuol dire che si è occupato di botanica e non di questione giuridiche.
    e’ chiaro il concetto?
    La concussione è un reato perseguibile d’ufficio e tu hai scritto l’esatto contrario.
    è’ chiaro il concetto?
    affermare che la prescrizione nel processo Mills è stata decisa dalla procura è una grandissima cazzata,
    lo hai letto nella nota su fb, quando ti sarebbe bastato leggere tre righe della sentenza per capire che la prescrizione applicata è proprio quella decisa dal legislatore.
    Sull’art. 3 e 4 ti ho gia risposto, ma evidentemente oltre a violentare il diritto hai anche dei grossi problemi di lettura.
    vedi apostolo, io non mi sorprendo per la tua ignoranza, perché tu ragioni per fede, non ti informi e non verifichi quello che riporti, l’importante è che sia a favore di quello che consideri il tuo signore. e sono anche consapevole che farai finta di non capire, perché tu non vuoi capire, ti accontenti di quello che ti dicono gli altri su fb.
    se poi te ne vuoi andare dal blog di Sabina non sarà una grossa perdita ci perderemo i tuoi copiaeincolla dal minzolini fan club.

  61. apostolo,ma che razza di domande fai?
    Ma cerco di venire incontro alle tue ridotte capacità mentali e ti rispondo.
    A favore della libertà di stampa.
    A favore dello scudo fiscale, ma dipende dalle modalità con cui viene regolato.
    garantista, al punto che ritengo che i processi vadano celebrati e che la prescrizione è sempre una sconfitta del diritto e della giustizia.
    garantista al punto da ritenere che ogni singola persona accusata, pedofilo, assassino, stupratore corruttore ha diritto ad un giusto processo senza che gli vengano comminate pene esemplari.
    non vedo solo la rai e pago ogni singola imposta prevista dall’ordnamento.
    vorrei che i processi venissero celebrati e vorrei che alla magistratura siano forniti tutti gli strumenti per farlo.
    l’eutansia è da idioti domandare se si è favorevoli o contrari è scelta di libertà individuale non sindacabile da apostoli come te.
    la mia libertà non deve mai prevaricare quella dell’altro.
    ora qualche domande per te.
    hai mai studiato diritto?
    hai mai letto una sentenza?
    ti tocchi?

  62. 1) sono un avvocato penalista( e tu ti spacci per uno qualsiasi ma sei un moderatore)
    2)leggo le senteze per lavoro(cosa che non fai tu)
    3)se ci tieni tanto (da quello che ho capito) mi puoi toccare tu

    Sei garantista a convenienza ora si ora no……i garantisti lo sono sempre
    Sei a favore dello scudo fiscale? strano quelli con le tue idee non lo sono mai stati…..dimenticavo ora lo devi essere per forza
    Sei per la libertà di stampa? Ma quando la signora in rosso ha perquisito sia la direzione che i giornalisti di un certo quotidiano ….hai goduto come un riccio
    ecc ecc fatti un esamino di coscienza invece di offendere me e giorgio.

  63. tu non sei un avvocato penalista. altrimenti mi dispiace per i tuoi clienti.
    hai scritto che la concussione non è procedibile d’ufficio
    http://www.altalex.com/index.php?idnot=12005
    . “puniti a titolo di dolo e perseguibili d’ufficio, i reati di concussione e corruzione,”
    Hai anche scritto “e se non c’è il concusso non c’è neanche il corruttore… ”
    Hai messo a confronto due reati differenti, e come se uno scrivesse e se non c’è il diffamato non c’è neanche l’assassino.
    Quindi o sei il peggior avvocato che esiste in italia o sei un troll imbecille che copiaeincolla le cose da fb
    Voto per la seconda, perché ho pena per te.
    Ho capito che non ti tocchi, ma ti fai parecchie pippe mentali e parli per slogan.
    Addio troll, cambia nick che questo è oramai sputtanato.

  64. La nuova legge non tocca i processi Mills e Ruby: il primo si sarebbe prescritto anche con le vecchie norme, il secondo si basa su accuse che lo escludono dalla prescrizione breve (e comunque la pubblica accusa ha convocato 200 testimoni, il che comporta almeno 100 udienze: dunque solo per questa fase ci vorrà qualche annetto, e per fortuna si tratta di rito “immediato”).

    In generale, la nuova legge interverrà su pochissimi procedimenti. Che cosa succede con le vecchie norme? Che quando si verificavano determinati atti giudiziari la prescrizione si interrompeva e ricominciava. Che cosa succederà con il nuovo rito? Che le interruzioni potranno determinare al massimo un incremento di un sesto della prescrizione stabilita dal Codice. E’ allora una legge inutile, come detto in Parlamento dall’opposizione? No, perché essa comincia a intervenire sui tempi dei processi, che in Italia sono inaccettabili. E’ un primo segnale. Per taluni reati, il nostro ordinamento prevede tempi di prescrizione più lunghi della pena massima irrogabile: significa che l’accusato può restare sotto l’azione della magistratura, in attesa di giudizio e magari in carcere, per un periodo più lungo della condanna massima che può subire. E’ inaccettabile in un Paese civile, e infatti negli Stati Uniti non succede. Credo chel’opposizione dovrebbe concordare su questo dato e contribuire a superare questo scontro.

  65. non capisco perche ogni volta che una persona si sente in difficoltà nell’esporre le proprie opinioni (a mio avviso sbagliate) debba offendere l’interlocutore.
    Salituro ha portato degli elementi da valutare e che fanno riflettere, mentre Renato non mi è sembrato molto convincente, specialmente sui processi mills e ruby, e non per questo Renato si deve arrogare il diritto di offendere, sappiamo tutti che in questo paese serve abbreviare i processi, non capisco perchè quando ci si mette mano si alzano le barricate e trovo altrettanto disdicevole che la magistratura italiana perda il suo tempo e i nostri soldiper ruby, quando ci stiamo rendendo conto che ben due illustri Presidenti della Repubblica possano essere coinvolti in trattative con la mafia ( se non ricordo male dopo le bombe al velabr e a firenze si è tentato di dare tutte le colpe a Berlusconi) e stà per scoppiare una nuova tangentopoli in puglia (sanità) nella giunta regionale del Sig VENDOLA, certamente sono cose un tantino più serie.

  66. Martina, chi offende è chi posta cose palesemente false e fa finta di spacciarsi per avvocato penalista. La questione è semplicissima, ho riportato degli articoli del codice penale e tu mi dici che non sono convincenti? cosa non ti convince dell’art 319?
    Se dici che la concussione non è perseguibile d’ufficio dici il falso, ti è chiaro?
    Il tuo intervento è chiaramente un intervento di parte, perché non entri nel merito delle questioni e non spieghi perché le cose che io riporto non sono vere.
    Quanto a ruby, non ho scritto nulla quindi ti sei completamente sbagliata.
    Su MIlls io aspetto ancora che qualcuno mi indichi in che modo la prescrizione è stata decisa dalla procura.
    Tu sei in grado di farlo, visto che il falso avvocato penalista, apostolo salituro, non ha scritto nulla?
    Se si diffondono false notizie con le note su fb, e poi si riportano in giro per la rete occorre avere le capacità per sostenerle di fronte alle contestazioni.
    Al momento tu, l’apostolo, e giorgio non siete riusciti a scrivere un solo post in cui si conferma che la prescrizione è stata decisa dalla Procura.
    Oppure pensi che basta dirlo per farlo diventare vero?
    La conclusione del tuo post, poi è un classico esempio di benaltrismo.
    Un’ultima cosa, la legge appena approvata alla camera, in che modo rende più veloci i processi? Ed in che modo l’abbreviazione delle prescrizione per gli incensurati rende migliore il sistema giustizia in Italia?
    Apostolo, falso avvocato penalista salituro, ma la smetti di postare articoli senza riportare la fonte? E come al solito in quegli articoli i spacciano opinioni per fatti.

    Nicola, se ti rivolgi a me, hai scritto una corbelleria.
    comunque prima di divertirmi anche con te, potresti indicare dove ho paragonato un incensurato con un pluripregiudicato (art. 3)
    grazie.

  67. lo scorrettissimo scendituro scopiazza TUTTO in giro, a dx, senza virgolettare.. e/o citare la fonte
    sarà belpietro in person? brrrrr
    quest’ultimo pseudocommento è tratto dal blog del ‘giornale’ non riporto i vari link: sono allergica!

  68. auryn, e pensa che si offendono se li tratti male. ma se sono loro che provano a trattare male la nostra intelligenza?
    scopiazzano gli articoli, non capiscono le cose che ci sono scritte e poi pretendono di avere ragione perché lo hanno letto su fb.
    manco fanno la fatica di aprire un libro o di leggersi qualche sito giuridico per verificare che sono falsità…. che tristezza…..

  69. infatti, se non fosse istruttivo leggerti ti consiglierei di mollare.. 😉

    (fusse ca fusse ‘sal’ di sallustio, il metaldirector?)

    ciao e grazie delle informazioni 🙂

  70. auryn, ti confesso che di fronte alle non risposte dell’apostolo ho pensato di mollare anche io per manifesta inferiorità della controparte.
    ma le falsità che ha riportato erano troppo evidenti e mi sono rotto di vederle continuamente riportate in giro.
    grazie a te.

  71. complimenti al troll che ha preso il mio nick.
    Non poteva aspettarmi nulla di più da una discussione con uno che si spaccia per un falso avvocato, peccato per il poco rispetto di Sabina Guzzanti.
    Martina sa cosa è la concussione?
    Hai letto il link che ho postato?
    “Nella fattispecie, non è richiesto l’avere determinato, nella vittima, uno stato soggettivo di timore bensì che sussista una volontà prevaricatrice e condizionante che si estrinsechi in una condotta di costrizione o di induzione qualificata (Cass. sez. sesta 7-07-2006, n. 23776)”
    http://www.altalex.com/index.php?idnot=12005
    Riesci a capire cosa significa procedibilità d’ufficio?
    Se non hai argomenti, lascia perdere, non parlare di cose non conosci.
    Su mills aspetto ancora,

  72. è quì che casca l’asino (inquesto caso tu renato) non c’è nessuna vittima, peccato che il Sig. salituro non sia collegato altrimenti ti avrebbe sputtanato

  73. caro renato leggiti questo e rispondi
    Scioccato, insultato, marchiato d’infamia anche da mia figlia sul suo blog, ho voluto vederci chiaro su questa storia della prescrizione che impedirà di fare i processi per le morti in attesa di giustizia dell’Aquila e di Viareggio. E che ti scopro? Quello che potete scoprire tutti: la prescrizione scadrà dopo ben 35 anni e forse più ancora secondo altre interpretazioni. Qualcuno chiederà scusa? Ma figuriamoci! State a vedere quali saranno i commenti e preparate le forche e le fosse comuni per i criminali parlamentari che hanno votato una legge della Repubblica.

    Naturalmente su di me, e su tutti i deputati, ha fatto molto effetto la tremenda accusa: Voi votate una legge che farà prescrivere i processi per i disastri colposi di Viareggio e dell’Aquila. Fuori di Montecitorio si radunavano piccole folle indignate e sul blog di mia figlia Sabina venivano – sono – pubblicati i nomi di coloro che hanno votato additati al la pubblica ignominia. Ma io, quando avevo ascoltato i dati del ministro Alfano e dopo aver chiesto spiegazioni, ho avuto la seguente risposta: Non è affatto vero quel che viene gridato, ed anzi è assolutamente falso: Le prescrizioni scadranno per l’Aquila e Viareggio nel 2032 (fra ventun anni!!) se non nel 2044 (fra 33 anni !!).
    Ma fuori urlavano, dentro urlavano, sui blog urlano, qui urlavate, volavano e volano accuse feroci e infamanti.
    Che fare? Io non ho studiato giurisprudenza, ma mi sono fatto ben spiegare come stanno le cose e ho finalmente ben capito e adesso spiego ciò che ciascuno di voi, consultando un banale codice penale, può leggere con i suoi occhi.
    Tutto sta -ammesso che le feroci accuse contro di noi fossero state lanciate in buona fede – nel fatto che nessuno è andato evidentemente a leggersi per intero l’articolo art 157 del CP, al sesto comma. In quel sesto comma sta l’errore: il sesto comma dell’articolo 157 raddoppia i termini di prescrizione per i delitti di omicidio colposo e disastro colposo (449 e 589) per cui i 15 anni di pena e di prescrizione passano a 30, cui bisognava aggiungere (prima del voto di ieri) un quarto della pena massima complessiva. E dunque, la pena per omicidio plurimo essendo di 30 anni ed essendo un quarto di 30 poco più di 7, abbiamo un totale di pena e di data di caduta in prescrizione di 37 anni e mezzo oggi al massimo.
    Ora che cosa è cambiato? E’ cambiata la pena aggiuntiva massima che non è più di un quarto (= a 7), ma a un sesto: dunque, poiché un sesto di 30 è 5, si ha il tremendo abbassamento della prescrizione “breve” a 35 anni anziché 37. E cioè si torna alle dato che abbiamo prima riferito e che il ministro aveva fornito all’aula.
    Dunque: NON E’ VERO UN CAZZO !! E’ falso che i processi per L’Aquila e Viareggio si chiuderanno…. prima di 35 anni, o forse 34 da oggi.

    C’è qualche anima graziosa che vorrebbe rifarsi i conti, leggersi il codice e chiedere umilmente scusa? Mi farebbe piacere che questa banalissima analisi alla portata di tutti coloro che si siano comperati un codice dal tabaccaio, andasse anche sugli altri blog a portare questa lieta novella. Una novella di pura e banale verità. Ma scommetto che la verità non scalfirà in alcun modo la furia devastante che è stata scatenata contro i maledetti deputati votanti.

  74. troll
    non capisco perche ogni volta che una persona si sente in difficoltà nell’esporre le proprie opinioni (a mio avviso sbagliate) debba offendere l’interlocutore.
    Salituro ha portato degli elementi da valutare e che fanno riflettere, mentre Renato non mi è sembrato molto convincente, specialmente sui processi mills e ruby, e non per questo Renato si deve arrogare il diritto di offendere, sappiamo tutti che in questo paese serve abbreviare i processi, non capisco perchè quando ci si mette mano si alzano le barricate e trovo altrettanto disdicevole che la magistratura italiana perda il suo tempo e i nostri soldiper ruby, quando ci stiamo rendendo conto che ben due illustri Presidenti della Repubblica possano essere coinvolti in trattative con la mafia ( se non ricordo male dopo le bombe al velabr e a firenze si è tentato di dare tutte le colpe a Berlusconi) e stà per scoppiare una nuova tangentopoli in puglia (sanità) nella giunta regionale del Sig VENDOLA, certamente sono cose un tantino più serie.

  75. Bene bene, ora si che mi diverto.
    Giorgio, l’unico asino presente sul sito sei tu.
    Non porti alcun argomento per smentire quello che ho scritto e riporti le solite corbellerie.
    Nei reati procedibili d’ufficio non occorre la formale querela della persona offesa. non occorre nemmeno la sua costituzione in giudizio.
    Se il fatto storico configura la fattispecie prevista dalla norma scatta il processo.
    Prova a pensare a quello che è accaduto e chiediti se gli elementi prevista dalla norma ci sono tutti.
    Poi sarà il processo a decidere.
    Infine prova a leggere e capire le massime della cassazione che ti offro, magari impari qualcosa di utile.

    Salvo il tuo intervento è completamente inutile.
    Non hai portato alcun argomento ma dici che le mie sono fesserie.
    Bene, per evitare la figura dell’imbecille che interviene su cose che non conosce dimostra che avrei detto fesserie.
    Ad esempio dimostra che la concussione non è procedibile d’ufficio.
    Se non lo fai, confermo che sei un imbecille.

    Per Martina andiamo con ordine.
    Come tutti hanno visto il tuo intervento è assolutamente insignificante.
    Non hai portato nulla per dimostrare che nel processo mills la prescrizione è stata decisa dalla Procura, che la corruzione susseguente non esiste, e che la concussione non è procedibile d’ufficio.
    E’ chiaro che ti sei data la zappa sui piedi.
    ma questo è nulla in confronto al tuo secondo post.
    riporti quello che scrive il padre della guzzanti e dici che gli dovrei chiedere scusa. e quel genio di giorgio ti viene dietro.
    bene martina, perchè dovrei chiedere scusa al padre della guzzanti.
    trovi un mio post in cui parlo di viareggio e della casa dello studente?
    Ne ho parlato in precedenza, oppure il tuo post serve solo a dimostrare che sei una troll che vuole mettere in bocca cose che il tuo interlocutore non hai mai detto.
    se è così dillo subito che faremo volentieri a meno anche di te.
    Ma la cosa più grave è che ti è sfuggito questa cosa che ho scritto alla sabina guzzanti in cui parlavo della legge approvata alla camera:
    ” l’opposizione ha fatto la sua bella figuraccia dando informazioni inesatte”.
    Vedi la differenze tra me e te, che sei una troll falsaria, è che io ragiono con la mia testa, tu ragioni per slogan e provi a parlare di cose che non sei in grado di comprendere.
    studiare, martina, studiare e faticare sui libri, non perdere tempo dietro alle cazzate che leggi su fb.
    Avanti un altro.

  76. ooohhhh signori e signori quì abbiamo dio in persona,tutti sono asini, imbecilli, incompetenti, ecc. ecc. stai dimostrando quello che se, un presuntuoso che dice tutto e il contrario di tutto, e che avalla il fatto che qualsiasi magistrato una mattina si alzi e proceda d’ufficio, anche se come nella fattispecie non esiste gli elementi previsti dalla norma non ci sono…..mi dispiace è inutile che tenti di districarti sei nella palude delle tue idizie e ci resti mio caro….se ha visto la trasmissione di Fazio che tempo fa, anche lui ha dovuto ammettere che quei processi che tu e tuoi amici dicevate che sarebbero andati in prescrizione con la nuova legge non saranno toccati……….ciao troll

  77. Martina stai dimostrando che non porti alcun argomento, ma solo slogan.
    ti ho chiesto di dimostrare alcune cosette e tu ovviamente svicoli, perchè non sei in grado di rispondere nulla.
    berlusconi dice una cosa e il tuo cervello va subito all’ammasso, non ti poni domande, non provi ad approfondire e ripeti coma una litania tutto quello che leggi in giro.
    quali sarebbero gli elementi del reato che mancano nell’accaduto in questura? perchè non si configura l’ipotesi di reato?
    e continui a fare la falsaria troll, chi sarebbero i miei amichetti? e come fai a conoscerli?
    e dove ho scritto che i processi che ha citato il padre di sabina guzzanti sarebbero andati a in prescrizione?
    dai martina, riporta il post in cui scrivo che le cose che mi metti in bocca.
    rispondi martina, rispondi, altrimenti fai la figura del troll falsario.

  78. renatino ti sei divertito in mia assenza……ma da quello che ho visto non riesci più a spadroneggiare come di consueto…..

    faccio il tuo gioco…rispondi a queste domande se se in grado di rispondere visto che alle domande non risponi mai e l’odio che stai dimostrando per Berlusconi ti annebbia le idee:

    quali sarebbero gli elementi del reato che si riscontrano nell’accaduto in questura? perchè si configura l’ipotesi di reato?
    perchè sei contro l’art. 3 che salvaguarda i soggetti che per caso possono commettere un reato mentre colpisce i pregiodicati (hai qualcosa da temere?)
    e non dirmi che cozza con l’art. 3 della costituzione che ci vede tutti uguali perche non siamo tutti uguai le persone oneste sono sempre svantaggiate.
    E come ti viene richiesto a gran voce perchè non ti scusi con il sig. Guzzanti dopo che l’avete massacrato dicendogli di aver votato una legge che favorisce i delinquenti??

    Hai parlato dei processi che si sarebero prescritti con la nuova legge:

    Viareggio (falso)
    Mills (falso)
    ruby (falso)
    Abbruzzo (falso)

    avete portato in piazza il dolore dei famigliari delle vittima DICENDO UN MARE DI FALSITA’ VERGOGNA!!!!!

    QUESTI NON SONO SLOGAN

    rispondi con risposte vere oppure lascia questo post.

  79. apostolo salituro, falso avvocato penalista.
    come gli altri anche tu svicoli, non rispondi alle contestazioni e provi ad uscire dall’imbarazzo in cui ti sei cacciato continuando a porre domande.
    Un elementare principio di correttezza ed educazione prevede che deve essere tu a rispondere alle cose che ti ho contestato.
    te le riporto perchè così è palese il fatto che svicoli, falso avvocato penalista.
    la concussione è un reato perseguibile d’ufficio e tu hai scritto il falso.
    la prescrizione non è stata decisa dalla Procura nel caso Mills e tu hai scritto e riportato un falso.
    Quanto al fatto accaduto in questura uno studente di giurisprudenza al primo mese di studio è in grado di capire che quello che prevede l’art. 317 nei suoi elementi costitutivi è presente in pieno in quello che è accaduto in questura con la telefonata del Berlusconi.
    l’unica discussione possibile e tra abuso di qualità e di funzioni.
    Sull’articolo 3 scrivi una corbelleria che dimostra che non sei un avvocato penalista.
    un incensurato non è una persona che per caso ha commesso un reato, significa che non ha subito condanna definitive.
    se quello che ti ha valigiato casa non lo hanno mai preso prima, tu sei contento che finirà prescritto perchè ti ha svuotato casa….. ma per caso…..
    il discorso che fai sull’art. 3 della cost. dimostra inequivocabilmente che sei un apostolo, falso avvocato penalista.
    il problema della prescrizione breve approvata dalla camera è che si scontra con l’elementare principio del favor rei, una norma successiva favorevole agli imputati non può applicarsi limitatamente solo ad una parte, ed infatti la legge del 2005 modificava i tempi di prescrizione per tutti.
    ma per un falso avvocato penalista come te, che non ha la più pallida idea di cosa significa garantismo questo è un concetto troppo complesso da capire.
    per finire apostolo salituro falso avvocato penalista, ti invito a scusarti per avermi attribuito cose mai dette.
    Se non vuoi passare anche tu per un troll falsario, dopo apostolo e falso penalista , adesso riporti il mio commento in cui ho parlato dei processi che si sarebbero prescritti. Non capisco perché mi da del voi, ma non ho portato in piazza nessuno.
    Allora apostolo, falso avvocato penalista, rispondi alle mie domande, non svicolare più e mostra un minimo di dignità.
    voglio risposte apostolo, non le tue solite corbellerie scopiazzate dalla rete e le tue solite arrampicate sugli specchi per svicolare.

  80. vedo che continui a scappare dalle tue responsabilità…….fai solo degrandi monologhi…offendi e non rispondi….il tuo atteggiamento dimostra che non sei abituato ad essere contraddetto….denoti nervosismo

    art.3 (semplice ameno lo capisci)

    Facciamo un esempio: il termine di prescrizione del reato di concussione (punito con pena da 4 a 12 anni) è pari al massimo della pena edittale ossia, nel nostro caso, 12 anni; orbene alla luce del disposto della Legge Cirielli l’interruzione della prescrizione (ad esempio provocata dalla pronuncia della Sentenza di primo grado) aumenta per il soggetto incensurato a 15 anni (12 anni più un quarto = 15 anni) mentre per il delinquente abituale tale termine sarà aumentato fino a 24 anni.
    Orbene, l’emendamento proposto ieri consentirà aumenti differenti: in particolare per l’incensurato il tempo necessario a prescrivere non sarà più di ¼ ma di 1/6 e, contestualmente, viene introdotto il “nuovo” aumento di ¼ per i casi recidiva semplice (ossia per chi ha già commesso in precedenza un altro reato): quindi, riprendendo l’esempio poc’anzi fatto, in caso di imputazione per concussione il termine prescrizionale in caso di soggetto incensurato muterebbe da 15 anni (12 anni + ¼ ovvero 3 anni) a 14 anni (12 anni + 1/6, ovvero 2 anni).

    Stando così le cose sarà introdotta, quindi, la tanto contestata norma proposta dall’onorevole Paniz circa la ulteriore diminuzione dei termini prescrizionali per i soggetti incensurati: tale modifica processuale si applicherà ai processi per i quali, alla data di entrata in vigore della legge, non sia stata pronunciata sentenza di primo grado.

  81. silvia del guercio Scrive:
    14 aprile 2011 alle 2:08 pm Vote: Add rating 2 Subtract rating 1

    Quando ho guardato negli occhi le persone che hanno perso un parente, un figlio un amico e che erano in Piazza Montecitorio, con quegli occhi stanchi per un viaggio faticoso e a proprie spese, ed ho visto questa congrega di Mignottocrati gonfi di privilegi e di malafede, certi dell’impunità loro e dei loro danti causa, uscire dall’ingresso posteriore per la vergogna ho capito che il Paese è morto ieri. E’ morto lì.

    ecco cosa riesci a fare caro renato……a fa dire falsità (in buona fede) alle persone che non si documentano

  82. SALVAGUARDIAMO I PROCURATORI SERI ANTONIO LAUDATI
    Venerdì ha lasciato la procura di Bari dopo vent’anni di onorata carriera. Il pubblico ministero Giuseppe Scelsi, negli ultimi tempi balzato agli onori della cronaca per le indagini sui rapporti tra la escort Patrizia D’Addario e il premier Silvio Berlusconi, è stato promosso alla procura generale. Lo ha esplicitamente richiesto e non è un caso. A pesare sulla sua scelta i non ottimi rapporti con il capo della procura Antonio Laudati che avrebbe sollevato qualche osservazione sul modo in cui venivano condotte le indagini sul caso D’Addario. Indagini che, dopo le rivelazioni del 2009 si sono praticamente fermate. Ma i dissidi tra Laudati (che a Bari è arrivato nel settembre 2009) e Scelsi sono solo l’ultima puntata di una guerra che vede il procuratore capo assoluto protagonista. Un po’ di storia. La magistratura barese è sempre stata un ottimo «bacino di pesca» per il centrosinistra. Da qui arrivano il sindaco di Bari Michele Emiliano, il senatore Pd Gianrico Carofiglio, il suo collega Alberto Maritati (entrato per la prima volta a Palazzo Madama nel 1999 con i Ds ndr) e l’attuale assessore regionale all’Ambiente Lorenzo Nicastro. Per completezza va poi ricordato che Scelsi è sempre stato vicino a Magistratura democratica, una delle correnti di sinistra dell’Anm, mentre il suo collega Roberto Rossi è diventato membro del Csm sostenuto dal Movimento per la giustizia (altro gruppo di sinistra). Laudati si inserisce in questo contesto che, al suo arrivo, è reso particolarmente incandescente da battaglie intestine tra pm, fughe di notizie e una certa sovraesposizione mediatica delle toghe. Immediato il giro di vite. Che produce anche vere e proprie «eccezioni» nel panorama della giustizia italiana. Qualche giorno fa, ad esempio, è stata arrestata la presunta «talpa» che avrebbe passato al Corriere della Sera i verbali di interrogatorio di Giampaolo Tarantini. In ogni caso Laudati riorganizza anche la gestione delle indagini. Costituisce pool di magistrati e ne affianca due a Scelsi: Eugenia Pentassuglia e Ciro Angelillis. I maligni parlano di «commissariamento» e non è escluso che anche questo esacerbato i rapporti tra i due. Di certo il procuratore capo non vuole che il caso D’Addario-Berlusconi venga trattato con superficialità e vuole avere contezza di tutti i fatti prima di prendere qualsiasi decisione. Un atteggiamento che lo ha immediatamente etichettato come «berlusconiano». Peccato che il Csm abbia aperto un fascicolo su di lui per l’accusa opposta: troppo amico di Nichi Vendola. Al punto da organizzare, con il contributo economico della Regione, un’iniziativa sul tema della giustizia con ospite il governatore. Che però è stato indagato, uscendone indenne, nell’ambito dell’inchiesta sulla gestione della Sanità in cui è stato chiesto l’arresto del senatore Pd Alberto Tedesco. Il fascicolo è stato aperto sulla base di un esposto anonimo sostenuto da una relazione del procuratore generale di Bari Antonio Pizzi. E proprio il carattere anonimo della denuncia ha immediato scatenato la fantasia dei «complottisti» mentre la giunta barese dell’Anm ha difeso Laudati attaccando la «vile pratica del dossieraggio». Di certo la sua gestione ha dato fastidio a qualcuno. Sarebbe bello capire a chi.

  83. apostolo salituro, falso avvocato penalista e vero troll, ma lo fai apposta?
    continui a riportare articoli presi in giro per la rete senza citare la fonte.
    http://www.dirittodicritica.com/2011/03/31/processo-breve-prescrizione-berlusconi-alfano/
    E in quale parte di questo articolo si smentisce una sola cosa di quelle che io ho riportato?
    Lo hai capito il riferimento al favor rei, lo hai capito che un incensurato che si trova con il processo in appello, avrà un trattamento giuridico diverso di un incensurato che si trova ancora al primo grado? hai capito che questa differenziazione è ingiusta?
    Ma lo hai letto il seguito dell’articolo:
    “Sparisce, quindi, la parte prevista nel testo approvato al senato un anno fa secondo la quale il decorso dei sopracitati termini avrebbe comportato l’estinzione del procedimento per violazione della durata ragionevole del processo: istituto, peraltro nuovo poiché l’estinzione del processo è propria del giudizio civile conoscendo il processo penale unicamente gli istituti dell’estinzione della pena e del reato.”
    Hai capito cosa significa, falso avvocato penalista?
    Ancora una volta svicoli e non rispondi, sta veramente diventando imbarazzante per te,
    voi rispondere, falso avvocato penalista e vero troll falsario
    la concussione è perseguibile d’ufficio e tu hai scritto il falso.
    la prescrizione non è stata decisa dalla Procura nel caso Mills e tu hai scritto e riportato un falso.
    dove ho detto che la legge approvata alla camera porterà alla prescrizione determinati processi? riporta il post, troll falsario.
    Non svicolare, apostolo salituro, mostra un minimo di dignità e rispondi, falso avvocato penalista.
    guarda che mi sto divertendo con te, e non ti mollo, apostolo salituro.

  84. apostolo salituro, l’unico che continui a riportare falsità sei tu.
    Mi vuoi riportare il post in cui ho scritto che determinati processi si prescrivono?
    Vuoi avere un minimo di dignità sporco falsario.
    Attribuire all’interlocutore cose mai dette è una tecnica della dialettica che si utilizza alle elementari, cerca di crescere e se ne hai le capacità controbatti con argomenti non con falsità.
    non svicolare ancora e non continuare a postare falsità apostolo salituro, non ti mollo, falso avvocato penalista.

  85. VEDO CHE STAI CEDENDO….sei alla frutta ..ripeti sempre le stesse cose come un disco rotto….il tuo seguito ti ha abbandonato…credi di ferirmi con le tue infamanti accuse?
    il mio scopo è farti abbandonare il post……(democraticamente) vedrai che tra qualche giorno saranno i tuoi adepti a chiedertelo…per limitare le brutte figure che stai facendo….

  86. apostolo salituro, falso avvocato penalista e martina troll falsaria, quale parte dei miei post non vi è chiara?
    vi rendete conto che attribuite all’interlocutore cose mai dette? vi rendete conto che non avete contraddetto una sola della mia affermazioni?
    vi rendete conto che avete scritto cose false?
    Parlate di adepti e di guru perché siete incapaci di ragionare con la vostra testa, e quella è la vostra condizione.
    ma non vi mollo, falsari. dovete rispondere e non svicolare.
    ripeto per l’apostolo salituro
    la concussione è perseguibile d’ufficio e tu hai scritto il falso.
    la prescrizione non è stata decisa dalla Procura nel caso Mills e tu hai scritto e riportato un falso.
    e questo è anche per la troll falsaria martina
    dove ho detto che la legge approvata alla camera porterà alla prescrizione determinati processi?
    avanti falsari, avanti, rispondete non svicolate

  87. ho poco temo tra un po debbo rtornare in aula ma il po co tenpo che ho lo edico a te:

    David Mills, il legale inglese nei confronti del quale nel 2010 la Cassazione ha dichiarato prescritto il procedimento a suo carico attestando pero’ che gli fu pagata una
    tangente da Berlusconi, si dice pronto a testimoniare per il presidente del Consiglio. “Il signor Berlusconi – afferma intervistato da ‘La Repubblica’ – e’ innocente. Del resto nessuno dei documenti citati in tribunale lo implicano direttamente in alcun modo. L’unico possibile testimone che potrebbe dichiararlo colpevole sono io e io dico che lui e’ innocente”.

    la concussione è perseguibile d’ufficio e tu hai scritto il falso.(non c’è vittima non c’è concussione)
    la prescrizione non è stata decisa dalla Procura nel caso Mills e tu hai scritto e riportato un falso.(non ho mai detto che l’ha decisa la procura, ho solamente deto che visto i tempi e i testimoni 200 questo processo non vedrà mai la fine)
    e questo è anche per la troll falsaria martina
    dove ho detto che la legge approvata alla camera porterà alla prescrizione determinati processi hai nominato viareggio e l’aquila…ora ti tiri indietro?)

    Comunque togliamo il caso Mills dove lo stesso Mills testimonierà a favore di Berlusconi(nonostante le minaccie).

    Visto che ho risposto…ora devi lasciare il post chiedendo scusa a tutti per le menzogne che ai detto caro il mio ciarliero renato:

    Ps: da quello che vedo hai chiamato in forze i tuoi amichetti

  88. spero che queste risposte di salituro abbiano messo le cose a posto, e siano riuscite a far capire che l’odio non serve a nulla e le false informazioni creano solamente danni.

    Il caso Ruby non esiste, il caso mills si stà sgonfiando, che cosa rimane? ci terremo Berlusconi per altri 20 anni

    Renato sii serio e lascia perdere

  89. Sono un signore di mezza età di sinistra, debbo ammettere che noi le elezioni non le vinceremo mai se continuiamo ad attaccare Berlusconi con la magistratura, Berlusconi lo si combatte politicamente parlano dei problemi reali, e anche lei sig. Renato parli di cose reali e lasci stare cose che ne io e ne lei conosciamo.
    grazie

  90. Troll, ascolta: tu non hai risposto. Hai solo confermato la tua ignoranza in materia.

    Ah, si scrive “minacce”, non “minaccie”.

    Saluti, bugiardo.

  91. hahahaha renatino è fuggito e ha lasciato il suo amichetto…..ha raggione i mortali scivono minacce ma vedo che non hai studiato il greco…..va be’lasciamo perdere…dicevamo? che non ho risposto…molti non lo credono da quello che vedo…….hai letto repubblica caro amico( il tuo nome è tutto un programma) dici troll a me e neanche ti firmi…chi sei un altro moderatore e se renatino nascosto…altro che troll………sei un bel pirla…..hahahaha

  92. la concussione è perseguibile d’ufficio e tu hai scritto il falso.(non c’è vittima non c’è concussione)
    la prescrizione non è stata decisa dalla Procura nel caso Mills e tu hai scritto e riportato un falso.(non ho mai detto che l’ha decisa la procura, ho solamente deto che visto i tempi e i testimoni 200 questo processo non vedrà mai la fine)

    smentisci……

  93. apostolo salituro, falso avvocato penalista, ma vuoi avere un minimo di dignità?
    Non ti rendi conto che ti stai coprendo di ridicolo ad ogni intervento.
    Non rispondi a nulla, non porti nessun argomento, fai copiaeincolla da altri siti senza riportare la fonte ed infine attribuisci all’interlocutore cose mai dette.
    Sei veramente penoso, e le mie non sono offese, ma solo la triste constatazione di quello che sei, perché lo hai dimostrato in ogni tuo commento.
    apostolo salituro, se uno ti dice che la concussione non è perseguibile d’ufficio, tu devi spiegare perché affermi il contrario.
    apostolo salituro se uno ti dice che non è vero che la prescrizione nel caso mills, è stata decisa dalla procura, tu devi spiegare perchè è vero il contrario.
    se tu metti in bocca all’interlocutore cose che non ha mai detto, fai la figura dello sporco falsario a meno che non dimostri il contrario.
    non svicolare apostolo salituro, falso avvocato penalista, rispondi se sei in grado di usare la tua testa.

  94. la concussione è perseguibile d’ufficio e tu hai scritto il falso.(non c’è vittima non c’è concussione)
    la prescrizione non è stata decisa dalla Procura nel caso Mills e tu hai scritto e riportato un falso.(non ho mai detto che l’ha decisa la procura, ho solamente deto che visto i tempi e i testimoni 200 questo processo non vedrà mai la fine)

    sai leggere?????

    grazie

  95. Sei un analfabeta e citi il greco(ti faccio presente che stai scrivendo in italiano). Anche ridicolo.
    Bugiardo, analfabeta, ignorante e ridicolo.
    Un bel mix.
    Mi sa tanto, però, che io e te già ci conosciamo….

    Il cielo è fatto di plastica.
    Smentisci…

    p.s. dai che devi ritornare in “aula”, troll bugiardo.

  96. apostolo salituro, falso avvocato penalista con me caschi malissimo.
    salituro Scrive:
    15 aprile 2011 alle 7:59 pm Vote: 5 5
    Caro renatino……continui a diramare notizie false……IL PROCESSO MILLS E’ GIA’ DEFUNTO…NON ANDRA’ MAI A GIUDIZIO…E’ GIA PRESCRITTO………e tu continui come un muro di gomma….per quanto rigurda ruby è un castello di carta pesta…non ci sono prove…filmati…. foto e la concussione non si può perseguire d’ufficio…il CONCUSSO non esiste…….il tutto si riduce ad un tentato sputtanamento mediatico…….in questo paese tutto deve rimanere così com’è………perchè come metti mano…ALT QUESTO FA’ GLI INTERESSI DI BERLUSCONI….purtroppo la presenza di Berlusconi fa comodo ai poteri forti a suo discapito…….

    Lo leggi che hai scritto una fesseria o ti serve anche il disegnino?

    salituro Scrive:
    14 aprile 2011 alle 6:05 pm Vote: 8 6
    …. che anche con i termini di prescrizione decisi non dal Legislatore ma dalla Procura di Milano..

    lo hai scritto tu riportando una nota presa da fb.

    Come vedi apostolo salituro, io ti smentisco portando i fatti, ti da buon falsario non hai ancora riportato un mio post in cui dico che determinati processi si sarebbero prescritto e non lo fai perché non esiste in quanto tu sei un apostolo, falso avvocato penalista e falsario.

  97. (non c’è vittima non c’è concussione)E questo se lo dice l’apostolo salituro è vangelo.
    lui ha già fatto il processo ha vestito i panni dell’accusa, della difesa del giudice e della giuria e ha sentenziato.
    ed è talmente preso dalle visioni mistiche che non si rende conto che non è nemmeno una risposta al fatto che la concussione è perseguibile d’ufficio.

  98. troll… già prescritto è n modo di dire…come ti ho spiegato ma fai finta di non capire….il concusso non esiste significa che non essendoci l vittima non c’è reato….rispondi hai letto repubblica…dillo ai tuoi amici quello che c’era scritto nell’intervista a mills

  99. Troll, tu ignori completamente gli atti del Processo Mills(altrimenti non citeresti come vangelo la parola di Mills presa da un’intervista).

    Bugiardo, ignorante e analfabeta.

    Saluti, troll.

  100. PER CHI NON HA LETTO REBUBBLICA:

    VISTO CHE IL CONSULENTE DELLA PROCURA DI MILANO NON HA TROVATO TRACCIA DEI FLUSSI DI SOLDI CHE SERVIVANO PER CORROMPERE MILLS
    E CHE LO STESSO MILLS TESTIMONIERA A FAVORE DEL SIG. BERLUSCONI (REPUBBLICA) DI COSA STIAMO PARLANDO?

  101. Troll, tu ignori completamente gli atti del Processo Mills(altrimenti non citeresti come vangelo la parola di Mills presa da un’intervista).

    ammetti che c’è lintervista ma che lo stesso he la rilascia dice bugie….ma la verità la dite solo voi????

  102. Qui ci troviamo di fronte ad una caso patologico, mi sa. Troll, è inutile che cambi nome. Che ridicolo…

    Stiamo parlando di questo:

    “Londra, aprile 1996. Gli agenti del Serious Fraud Office (la Polizia
    antiriciclaggio inglese) bussano al numero 169-173 di Regent Street, in un
    vecchio palazzo di Sceptre House, vicino a Piccadilly Circus. Cercano gli uffici
    della Edsaco-Cmm, una società che tiene la contabilità di novecento clienti,
    molti dei quali italiani. Un’informazione , proveniente dai servizi segreti
    della Regina rivela che qui vengono conservate le carte di Ali Iberian, la
    società offshore della Fininvest, attraverso cui Berlusconi ha finanziato
    illecitamente Craxi (23 miliardi di lire) e versato soldi in nero a Previti (una
    dozzina di miliardi).
    La soffiata è esatta. La Edsaco si rivela una miniera d’oro: in quelle stanze è
    celata la contabilità di ben trenta società del Cavaliere non dichiarate al
    fisco e gestite da David Mills, un importante avvocato inglese, sposato con
    Tessa Jowell, un’esponente del partito laburista che di lì a poco diverrà
    ministro della Cultura e delle Telecomunicazioni di Tony Blair. Mills parla bene
    l’italiano, ha collaborato per anni con lo studio Carnelutti e, a partire dagli
    anni Ottanta, si è occupato del comparto estero del gruppo Berlusconi. Ma non ;
    tutti i dossier conservati da Mills giungono in Italia. 1119 aprile 1996, mentre
    è ancora in corso la perquisizione, interviene il banchiere Paolo Del Bue,
    arrivato improvvisamente a Londra con un volo dalla Svizzera. Del Bue, che oggi
    l’accusa considera un fiduciario di Berlusconi, gioca il tutto per tutto. Si
    presenta a Sceptre House, dov’è di casa, e si fa consegnare le parti più
    delicate della contabilità di Century One e Universal One prima che finiscano
    nelle mani degli agenti del Serious Fraud Office. Altri 35 scatoloni di carte,
    come vedremo, vengono invece nascosti da Mills in un deposito. :
    Nel 2001 la Procura di Milano inizia l’inseguimento alla documentazione
    scomparsa: una rocambolesca caccia al tesoro che costringe il Pm De Pasquale a
    un giro del mondo. Alla fine l’indagine dà i suoi frutti. Domenica 18 luglio
    2004 i magistrati convocano in gran segreto Mills a Milano. Per la prima volta
    l’avvocato viene sentito non nelle vesti di testimone, com’era accaduto negli
    anni precedenti, ma in quelle di indagato. E quando i Pm gli mostrano un suo
    appunto che descrive la catena di controllo di Accent e di Timor, le due
    offshore poi ribattezzate Century One e Universal One, l’avvocato sbianca e
    confessa:
    I beneficiari economici delle società Accent e Timor erano rispettivamente
    Marina e Piersilvio Berlusconi, come è scritto chiaramente nel documento. I
    nuovi nomi Century One e Universal One ci sono stati suggeriti da persone della
    Fininvest, a memoria di Candia Carnaggi, perché si volevano nomi che avessero a
    che fare con il mondo del cinema.
    È la svolta. Proprio Candia Carnaggi (moglie di Giancarlo Foscale, primo cugino
    di Berlusconi), fin dal 1994, aveva sostenuto che quelle due società
    appartenevano a «ex dirigenti delle major». A suo dire, insomma, erano state le
    grandi case cinematografiche statunitensi a imporre le due intermediarie
    offshore. E da allora tutti i difensori di Berlusconi avevano ripetuto la stessa
    versione: «Sono società del tutto estranee a Fininvest e Mediaset». Di fronte al
    documento intitolato «Proposed Holding Structure», invece, l’avvocato Mills
    mette a verbale tutta un’altra storia:
    Io sapevo che Livio Gironi [il tesoriere della Fininvest, rida] era direttamente
    legato a Silvio Berlusconi, che era l’uomo che gli amministrava il patrimonio
    personale. Ho avuto conferma di questo fatto in un incontro per me importante,
    avvenuto a Milano in quella che credo fosse la casa di Berlusconi: era una villa
    con un bellissimo giardino e una biblioteca a due piani, in legno [via Rovani a
    Milano, nda]. Fu in quell’occasione che Gironi mi disse che bisognava fare
    un’operazione: lo scopo fondamentale era destinare una parte del patrimonio
    privato di Silvio Berlusconi ai figli del suo primo matrimonio. L’idea era
    costruire due veicoli societari che dovevano fare trading (intermediazione) sui
    diritti e quindi ottenere profitti, che si voleva fossero destinati a Marina e
    Piersilvio […]. Il documento l’ho scritto con le indicazioni che mi ha dato
    Gironi: fu lui a dirmi che la cosa doveva restare assolutamente riservata e
    quindi era necessaria una banca fuori d’Italia. Fu sempre Gironi a sottolineare
    che i figli sarebbero stati i beneficiari, ma la gestione pratica doveva essere
    sempre soggetta al consenso di Silvio
    Berlusconi, che nel documento viene denominato «X». Il punto 5 [del documento]
    serve a spiegare in modo semplice cosa sia un «trust»: era ? necessario perché
    Berlusconi comprendesse anche l’aspetto legale. Ovviamente nella famiglia hanno
    fatto le loro valutazioni e poi Vanoni fun manager indagato, nda] mi ha riferito
    alcune modificazioni. Prima di tutto il documento non sarebbe stato firmato da
    Silvio Berlusconi, ma dai due figli, che così avrebbero assunto il doppio ruolo
    di costituente («settlor») e di beneficiario. Inoltre si voleva legare la
    possibilità di compiere atti di disposizione al consenso di alcune persone di
    fiducia di Silvio Berlusconi: intendo dire Gironi, Foscale e Confalonieri, che
    rappresentavano la volontà di Berlusconi.
    Bingo. Per la Procura, le parole di Mills sono la conferma di come il leader di
    Forza Italia gestisse personalmente la gran parte dei fondi neri che venivano
    creati con la compravendita dei diritti.

    Il movente di Mister X.

    Ma perché – domanda malizioso l’avvocato Niccolò Ghedini Berlusconi avrebbe
    dovuto rubare «soldi suoi»? Insomma qual era il movente del Cavaliere? Dopo mesi
    e mesi di lavoro l’accusa crede : di averne individuati tre.
    1) Nel corso degli anni il leader di Forza Italia si è messo in tasca
    l’equivalente di 280 milioni di euro (in dollari, lire, franchi francesi e
    svizzeri, persino in fiorini olandesi), ovviamente in nero (di qui ?
    l’imputazione di appropriazione indebita). 2) Su quei fondi neri non ha pagato
    le tasse, esponendo al fisco costi fittizi per abbattere i redditi e pompare le
    perdite, sottraendo all’ erario 124 miliardi di lire fra il 1996 e il ’99 (frode
    fiscale).
    3) Ha gonfiato il valore dei magazzini e dunque dell’azienda, approfittandone al
    momento della quotazione in Borsa, avvenuta nel 1996 «sulla base di una falsa
    rappresentazione della consistenza patrimoniale della società». Il tutto
    iscrivendo nei libri contabili «maggiori costi» per «mascherare la formazione di
    ingenti fondi neri», «con l’intenzione di ingannare i soci e il pubblico circa
    la situazione patrimoniale della società» (falso in bilancio fino al 2000).
    Del resto, già al momento dell’ingresso di Mediaset nel listino, tra i
    consiglieri di amministrazione della nuova società qualcuno aveva
    sospettato l’imbroglio: due mesi prima dell’esordio in piazza Affari, Mario
    Cattaneo, docente di finanza aziendale alla Cattolica di Milano e neoconsigliere
    di Mediaset in rappresentanza dell’Imi-Sanpaolo (una delle banche che avrebbero
    partecipato al collocamento delle azioni sul mercato), aveva deciso di
    dimettersi. Motivo: nutriva dei dubbi sulla veridicità del bilancio 1995 e
    voleva più tempo per ricontrollare i conti. In particolare, quelli relativi
    all’acquisto dall’estero di pellicole e programmi da ritrasmettere sulle tre
    reti. Interrogato nel 2004, Cattaneo spiega: «Bisognava conoscere la genesi
    completa e i processi di valutazione attinenti l’acquisizione del portafoglio
    dei diritti televisivi, in quanto provenienti da una pluralità di fonti di non
    facile definizione».
    Ovviamente nessuno lo aveva fatto. Lo fa invece la Procura, che affida l’analisi
    del mercato dei diritti Mediaset ad alcuni consulenti. E ottiene la conferma di
    come il costo delle pellicole, in migliaia di casi, fosse stato gonfiato ad arte
    grazie all’intervento di decine di società offshore. Un modus operandi dagli
    effetti perversi che i consulenti non mancano di sottolineare:
    I diritti ceduti da Paramount (il «primo anello della catena») a 100 sono stati
    acquistati da Mediaset (l’utilizzatore, «ultimo anello della catena») a un
    prezzo quasi doppio, almeno del 194,73 per cento più alto, con un pari margine
    di guadagno lasciato a beneficio degli intermediari frapposti. I diritti ceduti
    da MCA [la Universal, nda] sono stati acquistati da Mediaset a un prezzo almeno
    del 42,7 per cento più alto, con un pari margine di guadagno lasciato a
    beneficio degli intermediari.
    Risultato: Mediaset, secondo la Procura, entra in Borsa alterando i conti del
    ’95, cioè quelli al centro dell’interesse degli investitori istituzionali e,
    ovviamente, dei risparmiatori. E questa pratica, secondo l’accusa, va avanti per
    anni. Almeno fino al 1999, quando finalmente gli intermediari vengono tagliati
    fuori dalla catena di acquisto.
    Se le cose stanno davvero così, si comprende perché l’indagine abbia incontrato
    depistaggi, inquinamenti probatori e difficoltà di ogni tipo: un incendio che
    nel 2002 a Parigi distrugge tutta la corrispondenza tra Mgm e Segrate; un
    allagamento che danneggia lo stesso tipo di documenti conservati in Francia
    dall’Universal Studios; un trasloco durante il quale la major americana perde
    anche i restanti incartamenti; gli interventi del ministero della Giustizia,
    retto dal leghista Roberto Castelli, sull’ambasciata americana a Roma per tentar
    di bloccare, in seguito all’approvazione della legge Cirami, l’inoltro delle
    rogatorie a Los Angeles; una singolare decisione della magistratura di
    Montecarlo che, nel dicembre del 2004, interrompe la propria collaborazione con
    quella milanese alla vigilia dell’interrogatorio di Erminio Giraudi, un trader
    di carni amico di Mike Bongiorno, che tra il 1995 e il 1997 si improvvisa
    distributore di diritti, vende a Mediaset oltre 23 milioni di dollari di
    pellicole e gira la quasi totalità del ricavato sui conti correnti aperti alle
    Bahamas da tre offshore del «comparto riservato» del Biscione.

    Il socio venuto dall’Egitto

    Secondo i Pm, dunque, «nel 1996 Mediaset è stata quotata in Borsa sulla base di
    una falsa rappresentazione patrimoniale della società». E, per rendersene conto,
    basta leggere alcune frasi stampate a pagina 34 del prospetto informativo
    presentato da Mediaset in vista dell’approdo al mercato dei capitali:
    L’intesa con Paramount-Viacom è basata su un accordo verbale che dal 1981 ha
    garantito la fornitura dei diritti. Il gruppo Mediaset e Paramount-Viacom sono
    in trattativa per trasformare l’accordo verbale in un accordo scritto, formulato
    negli stessi termini con 20th Century Fox, Columbia Tristar e MCA-Universal.
    È una bugia bella e buona, almeno stando alla testimonianza di Rudi Affourtit,
    il responsabile della filiale olandese della Paramount. Accordi verbali? Per lui
    non sono mai esistiti. A negoziare quei diritti per il territorio italiano sono
    infatti state per anni la Wiltshire Trading, la Melchers Nv e la Harmony Gold,
    tre società ufficialmente controllate da un produttore cinematografico, Frank
    Agrama, delle quali secondo i Pm Berlusconi era «socio occulto».
    Ma chi è Agrama? Farouk Mohamed Agrama nasce in Egitto, lavora come regista in
    Libano, poi sullo scorcio degli anni Sessanta, approda a Roma, dove fonda la
    Film Associates of Rome (Far) comincia a dirigere e produrre pellicole trash:
    L’amico del Padrin Sesso e pazzia», Si può fare molto con sette donne, Queen
    Kong. N luglio del 79, mentre Berlusconi fa incetta di film alla Titanus
    Agrama si butta nel business della compravendita di
    programmi tv. Dopo pochi mesi vola in California per lavorare con Paramount. Nel
    1983 fonda, su Sunset Boulevard, la casa di produzione Harmony Gold. Insieme
    allo storico collaboratore del Cavaliere Daniele Lorenzano, diventa l’uomo
    Fininvest a Hollywood e fa soldi a palate, producendo film per la Berlusconi
    Communications e rifornendo le reti del Biscione di diritti su programmi Usa,
    tramite la Wiltshire Trading, in apparenza gestita da amministratori di Hong
    Kong, come Paddy Yiu Mei Chan e Katherine Chun May Hsu. Secondo l’accusa, anche
    questa società svolge «un ruolo di intermediario analogo a quello di Universal
    One e Century One» per gonfiare i conti. I Pm sostengono addirittura che, tra il
    1988 e il 1999, Fininvest prima e Mediaset poi abbiano speso 170 milioni di euro
    più del dovuto nell’acquisto di diritti dalla Paramount e sequestrano la somma
    record di 100 milioni di euro parcheggiata su una serie di conti svizzeri di
    Agrama, definito dagli inquirenti il «socio occulto» di Berlusconi.
    Che sia sempre il Cavaliere il dominus della situazione lo si evince da molti
    documenti riassunti in una lunga relazione redatta, per i Pm, dalla società di
    revisione Kpmg. In un memorandum interno della Paramount del 3 marzo ’92, il
    manager Peter Carey si rivolge al collega Joe Lucas lamentandosi dell’errore
    commesso e inviando materiale pubblicitario alla Wiltshire Trading:
    La sola cosa di cui siamo orgogliosi è di servire un cliente e quando si chiama
    Berlusconi è estremamente importante che il servizio sia perfetto.
    In un’altra nota del 18 luglio ’97 indirizzata a Joe Lucas, alla voce
    «Berlusconi receivables» (crediti da incassare da Berlusconi), si legge: «Porto
    alla tua attenzione il significativo ammontare dei crediti scaduti di Harmony
    Gold/Wiltshire Trading». Poi si affacciano i problemi finanziari del Cavaliere
    che, prima della quotazione di Mediaset, si trova assediato da cinquemila
    miliardi di lire di debiti e così ritarda i pagamenti ai fornitori. Bruce
    Gordon, presidente di Paramount, discute la situazione con Lorenzano e fa
    presente che la Paramount ha arretrati per 18 milioni di dollari nel ’93, per 25
    nel ’94 e per 13 nel ’95. Mister Gordon, dopo aver citato alcune possibili forme
    di pagamento, scrive:
    Spero che si possa procedere con questo piano. Berlusconi è un ottimo cliente
    che compera per l’Italia […]. Credo che, anche se ha qual guaio, merita
    considerazione perché è un cliente veramente importante e un amico della mia
    compagnia.
    Infine, in un’altra nota dell’1 febbraio 1999, inviata su carta intestata
    Wiltshire Trading ai vertici di Paramount e per conoscenza Piersilvio
    Berlusconi, Frank Agrama commenta: «Il gruppo Berlusconi lavora con Paramount da
    più di vent’anni e ha preso programmi per oltre 250 milioni di dollari».
    Insomma Berlusconi e Agrama, dal punto di vista delle maj americane, sono la
    stessa persona. E, per capire fino a che punto intreccino gli affari tra i due,
    è sufficiente seguire il percorso bat tuto, con alta acrobazia commerciale, dal
    film Love Kills. La pellicola fa parte di un pacchetto di diritti che Wiltshire
    Trading ha acquisito il 1° gennaio ’93 da Paramount, per trasferirlo in seguito,
    con decorrenza 1° luglio 1994-30 giugno 2000, a Universal One» la società
    offshore di proprietà di Piersilvio Berlusconi. L’Universal One il 31 dicembre
    ’93 gira la pellicola a un’altra società del gruppo Fininvest, la Principal
    Communications Ltd, ma concede lo sfruttamento dei diritti per soli due anni,
    dal 1° luglio ’94 al 30 giugno ’96. A sua volta il 10 gennaio ’94 Principal
    Communications vende la stessa decorrenza 1994-96 alla AMT Ltd di Mala (società
    non ufficiale della holding del Cavaliere), che lo gira a: Mediaset srl.
    Ma non è finita: Love Kills cambia ancora di mano, venduto il 1° ; settembre ’95
    dalla Film Trading &Tv Productions di Montecarlo, di proprietà del commerciante
    di carni Erminio Giraudi, alla International Media Service, società di Malta,
    posseduta interamente e ufficialmente da Mediaset. Durata del diritto: dal 1°
    luglio ’96 al” 30 giugno ’99. Insomma, lo stesso film viene commercializzato
    più, volte e a ricomprarlo, da venditori apparentemente diversi, è sempre
    Mediaset. Con un enorme aumento di spesa.

    L’Fbi, finalmente

    Per anni la Procura di Milano chiede inutilmente che la magistratura americana
    perquisisca casa e ufficio di Agrama. Ma finché Berlusconi, graniticamente
    schierato al fianco del presidente Bush, rimane premier, non si cava un ragno
    dal buco. I magistrati americani e italiani si scambiano lettere di fuoco. I
    primi polemizzano: «Ci dispiace che il nostro carico di lavoro non ci permetta
    di spiegarvi nei dettagli i vostri numerosi errori e omissioni». I milanesi
    reagiscono: «Ci dispiace che il vostro “carico di lavoro” vi impedisca di
    adempiere pienamente al vostro dovere di collaborazione internazionale». Poi, il
    15 novembre del 2006, con Berlusconi non più primo ministro e Bush indebolito
    dal voto di metà mandato, ecco la svolta (apparente).
    A Milano il processo per i diritti Mediaset è ai nastri di partenza e a Los
    Angeles il sostituto procuratore distrettuale Jason Gonzales spedisce in Sunset
    Boulevard 7655 – dove lavora Agrama e dove ha avuto sede anche un club di Forza
    Italia – più di cinquanta agenti della divisione «reati dei colletti bianchi»
    della Polizia federale. Gli uomini dell’Fbi sequestrano dieci computer,
    rovistano in tre piani di uffici e nella villa di Agrama in Canyon Back Road. Il
    produttore egiziano, da sempre finanziatore e sostenitore del Partito
    repubblicano (oggi però sponsorizza la democratica Hilary Clinton), pare un uomo
    distrutto. Del contenuto dei documenti sequestrati non si sa pressoché nulla, ma
    il poco che trapela sembra bastare per segnare la fine della sua carriera. L’Fbi
    ha scoperto alcuni timbri con firme di Paddy Chan: la manager che in apparenza
    risultava sottoscrivere da Hong Kong i contratti sui diritti cine-tv della
    Wiltshire Trading. Per il produttore è una bella grana. Non solo in Italia, ma
    anche negli Usa: se i contratti venivano «fabbricati» a Los Angeles, allora
    anche i relativi redditi non erano prodotti a Hong Kong, come lui ha sempre
    sostenuto, ma negli Usa. Se le cose stanno davvero così, il presunto «socio
    occulto» di Berlusconi ha evaso le tasse in America, dove notoriamente chi
    inganna il fisco se la passa maluccio.
    Nel giro di due mesi però la situazione cambia radicalmente. Mentre in Italia
    comincia il processo contro lui e Berlusconi, Agrarna impugna a sorpresa la
    perquisizione del 15 novembre. I suoi difensori chiedono la restituzione dei
    documenti perché quel giorno gli agenti dell’Fbi erano accompagnati dal Pm De
    Pasquale e da due suoi consulenti della Kpmg. Agrama contesta «l’illiceità e la
    scorrettezza del comportamento del team della pubblica accusa italiana
    nell’ottenimento e nell’esercizio del mandato di perquisizione
    e nel sequestro di prove» e accusa De Pasquale di aver fornito informazioni
    inaccurate, fuorvianti o incomplete» sulle ipotesi di reato avanzate nei suoi
    confronti. In buona sostanza il produttore sostiene che il Pm e i suoi
    consulenti hanno partecipato in modo attivo alla perquisizione, esaminando
    documenti preparati dai suoi legali e violando i diritti della difesa.
    Sembra una mossa disperata. De Pasquale e i suoi consulenti hanno semplicemente
    seguito gli agenti dell’Fbi su invito di Jason Gonzales e non hanno potuto
    vedere alcunché. La Procura di Los Angeles si dice tranquilla e nelle telefonate
    con i colleghi milanesi si mostra ottimista, spiegando che ribatterà punto su
    punto alle accuse. L’udienza davanti al giudice che esaminerà il ricorso viene
    fissata nel febbraio del 2007. A metà dicembre del 2006 Berlusconi ‘ parte
    all’improvviso per gli Usa. Ufficialmente vola a Cleveland, dove gli viene
    applicato un pacemaker. Ma al suo rientro la situazione appare cambiata. Ai
    primi di gennaio Jason Gonzales comunica alla Procura milanese che quella di Los
    Angeles non si opporrà più al ricorso di Agrama. Ha deciso così il capo che,
    secondo la legge americana, è di nomina politica. E quale sia negli Stati Uniti
    il potere del governo sugli inquirenti lo dimostra proprio quel che accade in
    quelle settimane: il 7 dicembre 2006 il ministro della “. Giustizia di Bush,
    Alberto Gonzales, ha rimosso sette procuratori, federali considerati non
    abbastanza fedeli all’esecutivo. Una scelta che finirà per provocare un enorme
    scandalo, in seguito al quale lo » stesso ministro sarà costretto alle
    dimissioni.
    Senza l’accusa costituita in giudizio, Agrama ha vita facile. Il 1° febbraio il
    giudice annulla la perquisizione e gli restituisce tutti t documenti: migliaia
    di pagine di carte che ricostruivano tutta la storia degli acquisti di film e
    programmi televisivi da parte di Berlusconi a partire dal 1980, scompaiono nel
    nulla.

    Il Cavaliere dimezzato

    A Milano intanto, il 26 novembre 2006, s’è aperto il processo per i diritti
    Mediaset. Alla sbarra ci sono dodici imputati. Due in meno rispetto alle
    richieste dei Pm che, il 19 febbraio 2005, avevano proposto al Gup Fabio
    Paparella il rinvio a giudizio per Berlusconi (appropriazione indebita, frode
    fiscale e falso in bilancio), Confalonieri («solo» falso in bilancio) e un’altra
    dozzina di persone accusate di vari reati finanziari, compreso (per alcuni) il
    riciclaggio: i presunti soci occulti dell’ex premier, Agrama e Lorenzano,
    l’avvocato Mills, il presunto prestanome Erminio Giraudi (mercante di carni a
    Montecarlo), il banchiere svizzero Paolo Del Bue, il cugino del Cavaliere,
    Giancarlo Foscale, e una sfilza di altri dirigenti e manager del Biscione. Non
    ci sono invece i figli del Cavaliere, Marina e Piersilvio: inizialmente indagati
    per riciclaggio, la loro posizione è stata stralciata e archiviata.
    Anche questo dibattimento diventa subito una corsa a ostacoli. Il 19 gennaio
    2007, dopo due mesi di udienze, i giudici della I sezione del Tribunale sono
    costretti ad applicare la prescrizione abbreviata sancita dalla legge ex
    Cirielli. Per l’accusa di appropriazione indebita, che ricalcolata dal gup
    Paparella ammonta a oltre 26 milioni di dollari, si sono prescritti i fatti
    antecedenti al 7 gennaio 1999. Quanto alla frode fiscale, sopravvivono solo le
    accuse che riguardano i fatti relativi agli anni ’98 e ’99 (130 miliardi lire)
    mentre per gli altri anni è scattata la prescrizione o l’estinzione per il
    condono (301 miliardi lire). Per il falso in bilancio, l’ex Cirielli s’è
    mangiata reati contestati fino al 1997, lasciando in piedi esclusivamente quelli
    risalenti al biennio 1998-99. E, a proposito del riciclaggio, l’accusa resta in
    piedi solo per Del Bue e tre imputati minori. E poi ci sono i condoni fiscali, varati dal governo dell’imputato Berlusconi,
    che aveva solennemente promesso di non aderirvi e che invece ne ha approfittato,
    liberandosi di altre accuse. Tra condoni ed ex Cirielli, il Cavaliere sembra
    destinato a farla franca un’altra volta. Con i nuovi termini di prescrizione,
    tutto il processo dovrebbe andare in fumo nel novembre 2007. Ma l’8 ottobre 2007
    il Pm De Pasquale chiede il rinnovo del capo d’imputazione, contestando a
    Berlusconi e ad altri cinque imputati, tra cui il presidente di Mediaset
    Confalonieri, il falso in bilancio sino al 2000 con le aggravanti «di aver
    commesso il fatto per occultare il delitto di appropriazione indebita» e di aver
    provocato «un danno patrimoniale di rilevante gravità» agendo «in più di cinque
    persone». Sulla base di una nuova consulenza Kpmg, la Procura sostiene che tra
    il ’99 e il 2000 sarebbe stata «determinata una variazione del risultato
    economico di esercizio (al lordo delle imposte) superiore al 5 per cento e
    una variazione del patrimonio netto di entità superiore all’1 per cento». E
    siccome il bilancio è stato approvato nell’aprile del 2001, la prescrizione,
    secondo i calcoli di De Pasquale, scatterà nell’ottobre del 2008. Quanto
    dovrebbe bastare per giungere almeno a una sentenza di primo grado. In ogni
    caso, vista l’esiguità delle pene previste dalla controriforma berlusconiana del
    falso in bilancio» non è certo il processo per i diritti Mediaset a preoccupare
    il Cavaliere. Il dibattimento che ancora lo tiene sulle spine è un altro: quello
    nato per caso durante la lunga caccia ai fondi neri del Biscione in giro per il
    mondo. Reato ipotizzato: un nuovo caso di corruzione giudiziaria, un ennesimo
    tentativo di aggiustare i processi. Questa volta – secondo l’accusa –
    corrompendo non un giudice, ma un testimone-chiave: David Mills.

    La corruzione del teste Mills

    I Pm De Pasquale e Robledo lavorano al caso con la consueta discrezione. La
    nuova, clamorosa ipotesi di reato a carico del Cavaliere e del superconsulente
    inglese emerge pubblicamente solo alla fine delle indagini, il 29 dicembre 2005.
    Completati gli accertamenti, agli inquirenti non rimanevano che due atti:
    interrogare Berlusconi e perquisire Mills. Così, a fine novembre, hanno spedito
    un ! invito a comparire al premier, perché si presentasse in Procura ai primi di
    dicembre. Ma Berlusconi non s’è presentato, accampando, i soliti impedimenti
    istituzionali. Nel gennaio del 2006, assistiti da Scotland Yard, De Pasquale e
    Robledo fanno visita a Londra alla ‘ casa e allo studio di Mills. Poi, il 6
    febbraio, depositano l’avviso di chiusura indagini. E il 10 marzo chiedono il
    rinvio a giudizio di Berlusconi e Mills per corruzione in atti giudiziari del
    testimone. L’accusa è gravissima: nel febbraio del 1998, Berlusconi avrebbe
    pagato almeno 600 mila dollari a Mills, tramite il manager Carlo Bernasconi, in
    cambio di testimonianze false o reticenti nei processi milanesi a carico del
    Cavaliere sul ruolo svolto da quest’ultimo «nella struttura di trust e società
    offshore» denominata «Fininvest B Group». Una struttura, secondo i Pm, «creata»
    dallo stesso Mills per ordine di Berlusconi, che l’aveva «utilizzata nel tempo
    per attività illegali e operazioni riservate del gruppo Fininvest».
    Ma quali sarebbero le testimonianze comprate? La prima sarebbe quella resa in
    Tribunale il 20 novembre ’97, al processo per le tangenti Fininvest alla Guardia
    di finanza, quando Mills non riferì tra l’altro
    un colloquio telefonico avuto con Silvio Berlusconi nella notte di giovedì 23
    novembre 1995 avente come argomento la società Ali Iberian e il finanziamento
    illegale di 10 miliardi di lire erogato da Berlusconi tramite Ali Iberian a
    Bettino Craxi.
    La seconda fu al processo Ali Iberian, quando Mills non rispose
    in particolare per quanto riguarda Century One Ltd e Universal One Ltd, società
    offshore costituite dal Mills per conto di Silvio Berlusconi che avevano
    ricevuto dal gruppo Fininvest – a fronte di fittizie vendite di diritti
    televisivi – ingenti rimesse di denaro su conti presso la Bsi di Lugano. Sono le
    società di cui risultavano «beneficiai owners» [beneficiari, nda]. Marina e
    Piersilvio Berlusconi, coinvolti nell’inchiesta dalle successive dichiarazioni
    di Mills, il quale il 18 luglio 2004 raccontò ai giudici che le società Accent e
    Timor [poi diventate Century One e Universal One, nda] venivano usate per «fare
    trading [intermediazione] sui diritti e quindi ottenere i profitti che si
    volevano fossero destinati a Marina e Piersilvio».
    La ricostruzione dei Pm convince il gup Paparella, che il 30 ottobre 2006 rinvia
    a giudizio sia Berlusconi sia Mills, fissando il processo per il 13 marzo 2007
    dinanzi alla X sezione del Tribunale di Milano. Processo, anche questo, ad alto
    rischio di prescrizione grazie alla solita ex Cirielli.

    La telefonata-confessione

    La storia di cui si discute in aula sembra tratta da un legal thriller
    sceneggiato sulla linea diretta Arcore-Londra. Nel 1995 il pool di Milano scopre
    che Ali Iberian, la società offshore da cui partono miliardi su miliardi estero
    su estero destinati a Craxi, appartiene alla Fininvest. Berlusconi è
    terrorizzato: il suo primo governo è appena caduto dopo soli sette mesi e ora,
    mentre Dini gestisce la transizione, si attendono le elezioni anticipate. Il suo
    primo processo, per le mazzette alle Fiamme gialle, inizierà nel gennaio ’96 e
    altri ne arriveranno, visto che ha varie indagini a carico. I magistrati
    ricostruiscono pezzo per pezzo il grande puzzle del suo impero off-shore, che
    nasconde – lo si scoprirà più tardi – quasi duemila miliardi di lire. Il tutto
    mentre tenta di portare in Borsa le sue televisioni, inglobate nella neonata
    Mediaset, per scaricare sul mercato gli oltre cinquemila miliardi di debiti del
    Biscione. Come sperare di ottenere l’ok alla quotazione, in queste condizioni?
    Berlusconi gioca su due tavoli. Da un lato, grazie al suo ruolo politico e alla
    bontà d’animo della Consob e del centrosinistra, ottiene il via libera
    all’ingresso in piazza Affari, che si concretizzerà nella primavera del ’96.
    Dall’altra fa di tutto per limitare i danni causati dalle indagini: chiude in
    tutta fretta la vecchia rete di società offshore e interviene direttamente su
    chi l’ha creata, cioè Mills.
    Nel luglio del 1995, secondo una testimonianza, il leader di Forza Italia,
    accompagnato da sua figlia Marina, incontrano il loro avvocato inglese tra i
    velluti del Garrick Club, il più intellettuale tra i circoli della Capitale
    britannica, fondato nel 1831 dal conte di Sussex (ma Mills sosterrà invece di
    aver visto Berlusconi ad Arcore). I due discutono delle offshore e al termine
    della visita il Cavaliere stando a quanto Mills dirà ai colleghi del proprio
    studio legale Withers Solicitors – lo autorizza a trattenere 2 milioni e mezzo
    di sterline ancora parcheggiati sui conti della Horizon Limited, una delle
    società estere della Fininvest, intestata formalmente all’avvocato.
    Evidentemente Berlusconi vuole separare il più possibile la sua sorte dalle
    società in cui Mills gli fa da prestanome: e pazienza ,i se, per prendere le
    distanze, deve regalargli qualche miliardo. Mills considera dunque il denaro di
    Horizon un «dividendo», cioè roba sua, e tra l’agosto e il settembre del ’95 lo
    deposita su un conto » aperto a Jersey. Poi, nel marzo del 1996, lo fa rientrare
    a Londra e ci paga le tasse per circa un milione di sterline.
    Intanto in Italia, il 23 novembre ’95, scatta il blitz dei giudici di Milano per
    l’inchiesta Ali Iberian-Craxi: una raffica di mandati di cattura in casa
    Fininvest. Giorgio Vanoni, responsabile del comparto estero del gruppo,
    descritto da Mills come «l’uomo di fiducia della famiglia Berlusconi», fugge
    lontano dall’Italia e rimane latitante per sette mesi tra la Svizzera e la Gran
    Bretagna. Anche il Cavali» si vede notificare un invito a comparire in cui è
    accusato di finanziamento illecito per le mazzette a Craxi. La notte del 23,
    Mills riceve una telefonata da Berlusconi. Quello che i due si dicono è
    riassunto in un appunto, che sarà sequestrato anni dopo dai Pm De Pasquale e
    Robledo, scritto dall’avvocato per chiarire la situazione ai soci di studio:
    Quando ho parlato con Berlusconi giovedì notte lui ha insistito che le più
    recenti contestazioni erano motivate politicamente. […] Al tempo del
    pagamento, alla fine del 1991, Craxi non era primo ministro. Quindi l’unica
    accusa che può essere fatta è che ci fu un contributo a un partito politico che
    non fu dichiarato. […] Naturalmente in questo Paese non sarebbe assolutamente
    un reato, come Berlusconi ha insistito a indicarmi.
    Dunque, nella telefonata a Mills, il Cavaliere ammette il finanziamento
    illecito. Ma solo poche ore dopo, nel pomeriggio del 24 novembre, convoca i
    giornalisti per protestare la propria innocenza, gridare alla persecuzione
    giudiziaria e assicurare che il denaro versato a Craxi da Ali Iberian (società
    che lui sostiene di non conoscere) era in realtà un bonifico destinato
    all’acquisto di film: soldi finiti a Craxi per puro caso, visto che Tarale Ben
    Ammar, il produttore franco-tunisino venditore delle pellicole, aveva lo stesso
    avvocatofiduciario dell’ex leader del Psi

    Il memoriale confessione

    Il 22 dicembre 1995 (ma i magistrati lo scopriranno solo nel 2003) Vanoni invia
    dalla latitanza a Mills un memoriale di 22 pagine per tentare di concordare una
    versione di comodo da fornire ai magistrati, in caso d’interrogatorio. Mills
    propone di dichiarare che molte delle offshore Fininvest erano sue. Vanoni pensa
    che sia un’ottima idea:
    Ho riflettuto sul tuo progetto e ritengo che possa essere un’ottima soluzione se
    è accettabile e credibile che tu abbia ricevuto ingenti finanziamenti dal
    gruppo. […] Questa è una cosa basilare per fare stare in piedi un progetto,
    perché ci sono operazioni ancora in corso e per importi rilevanti, per le quali
    occorre dare una dimostrazione di dove sono arrivati i soldi che, vista
    l’entità, non credo che si possano far risalire a tue risorse.
    Segue un elenco puntuale degli affari condotti dalle varie società. Una lunga
    confessione, in cui Vanoni ammette tra l’altro che Berlusconi controllava,
    attraverso un prestanome (l’amico immobiliarista Renato Della Valle), la quasi
    totalità del capitale sociale di Telepiù, in barba alla legge Mammì; aveva
    prestato 10 miliardi di lire al presidente e fondatore dell’Auditel, Giulio
    Malgara; aveva violato le legge antitrust spagnola controllando Telecinco
    tramite altre teste di legno; attraverso le offshore, aveva effettuato rilevanti
    acquisti di titoli Standa e Rinascente senz’avvertire la Consob. Se fosse stato
    scoperto in quel periodo, a cavallo tra il 1995 e il ’96, il memoriale Vanoni
    avrebbe avuto effetti politici-giudiziari devastanti e certamente impedirebbe a
    Mediaset di quotarsi in Borsa. Ma il rischio non c’è, perché Mills lo fa
    sparire.
    Si arriva così al 16 aprile 1996, quando – come abbiamo visto gli agenti del
    Serious Fraud Office (Sfo) fanno irruzione nei suoi uffici di Sheptre House,
    accompagnati da un dirigente della Digos di Milano, da due ufficiali della
    Guardia di finanza e dai Pm Francesco Greco e Margherita Taddei. Gli
    investigatori inglesi cercano la contabilità di una serie di società occulte
    definite «di proprietà di Silvio Berlusconi». La perquisizione si risolve però
    in una semplice esibizione di documenti. Mills, forse anche perché cognato
    dell’ex capo del Serious Fraud Office, viene trattato coi guanti e considerato
    un professionista al di sopra di ogni sospetto. Assicura di voler collaborare e
    ‘ tutti si fidano di lui. Nessuno, sul momento, si accorge che ha accuratamente
    selezionato le carte da consegnare e quelle da far sparire. )
    Non fornisce, per esempio, migliaia di pagine di documenti relativi alle
    transazioni sui diritti tv con le major americane (se diventassero pubbliche,
    farebbero saltare l’ingresso in Borsa di Mediaset) e il progetto di trust che
    chiarisce come Century One e Universal One ; siano della famiglia Berlusconi.
    Altri 35 scatoloni di carte nascoste agli inquirenti vengono trasportati negli
    archivi di Withers Solicitors, il nuovo studio legale di Mills. Poi, solo cinqu
    giorni dopo, sono trasferiti presso i revisori dei conti Rawlinson & Hunter,
    nelle mani del commercialista Bob Drennan, che diverrà poi uno dei principali
    accusatori dell’avvocato inglese. Mills intanto prende tempo si oppone, dinanzi
    alla Giustizia britannica, alla trasmissione in It delle carte che gli
    investigatori sono riusciti a sequestrargli. Così, nella primavera-estate ’96,
    Mediaset può quotarsi in santa pace.
    Passano i mesi. In dicembre Mills viene convocato e interrogato a Milano come
    persona informata sui fatti nelle prime indagini sui
    bilanci Fininvest. E rifilare al Pm Greco le molte bugie e omissioni (che, per
    un teste, sono la stessa cosa). Due, in particolare. Non fa cenno al colloquio
    telefonico in cui il Cavaliere gli spiegò che Ali Iberian era servita per
    finanziare Craxi. E continua a sostenere che Berlusconi non c’entra nulla con
    Century One e Universal One. Poi torna a Londra, per rientrare in Italia il 20
    novembre 1997 e il 12 gennaio 1998, quando il Tribunale lo ascolta come
    testimone nei processi Guardia di finanza e Ali Iberian. E, in entrambe le
    occasioni, mente sotto giuramento.

    La lettera-confessione

    Tutto sarebbe filato liscio se, a un certo punto, Mills non si fosse messo a
    discutere di soldi, prima con i colleghi dello studio Withers Solicitors (dove
    aveva temporaneamente nascosto i documenti Fininvest non consegnati alla
    magistratura italiana), poi addirittura con il fisco inglese. Nel 2004 infatti
    gli agenti delle tasse cominciano a interessarsi a lui. Il suo nome, del resto,
    è di nuovo sui giornali visto che in Italia l’indagine su Mediaset è ormai in
    fase avanzata. Gli ispettori dell’erario vogliono sapere come mai Mills non ha
    dichiarato 600 mila dollari che risulta aver ricevuto nel febbraio del ’98 e
    investito nel ’99 nzW’hedge fund «Torrey Global Offshore Fund». Soldi che poi
    verranno utilizzati per acquistare, con una complicata operazione finanziaria,
    la casa dove l’avvocato vive con la moglie ministro.
    Mills a quel punto va nel pallone. Il 2 febbraio 2004 scrive una lunga lettera
    al suo commercialista Bob Drennan, in cui riassume la storia dei suoi rapporti
    con il Cavaliere. Da Drennan vorrebbe un consiglio su come comportarsi con il
    fisco, a cui pensa di non dovere nulla visto che – confida – i 600 mila dollari
    provengono dalla Fininvest, ma non sono frutto di parcelle perché, al momento
    del versamento, le sue prestazioni professionali per il Biscione si erano già
    interrotte. La lettera, intitolata «Dividendo e regali ricevuti da Berlusconi e
    dal gruppo Fininvest», finirà poi agli atti del processo, considerata
    dall’accusa la prova regina della corruzione del testimone:
    Caro Bob, in breve i fatti rilevanti si possono così riassumere: nel 1996 mi
    sono ritrovato con un dividendo di circa 1,5 milioni di sterline, al
    netto delle tasse e degli onorari dovuti, proveniente dalle società di Mr B.
    Ogni mia azione è stata condotta a titolo personale: io mi sono accollato tutti
    i rischi tenendone lontani i miei soci. Saggiamente o meno, ho informato i miei
    soci di quello che avevo fatto e, dal momento che per loro si trattava
    sostanzialmente di un guadagno inaspettato, mi ero offerto di corrispondergli
    (penso) circa 50 mila o 100 mila sterline a testa, il che mi sembrava un gesto
    alquanto generoso. Ciò dimostra quanto ci si possa sbagliare, visto che loro
    insistettero sul fatto che la transazione avrebbe dovuto essere trattata alla
    stregua di un profitto della società. Per evitare controversie legali (ci
    eravamo appena fusi con Withers) acconsentii a depositare la somma nella mia
    banca fino al momento in cui loro si fossero convinti che non sarebbe più stata
    reclamata da terzi. Nel 2000 fu chiaro che non ci sarebbe stata nessuna domanda
    da parte di terzi (io ne ero sempre stato perfettamente consapevole) e i soldi
    furono prelevati dalla banca e distribuiti; io mi tenni poco meno di 500 mila
    sterline su quelli che erano ormai diventati 2 milioni di sterline. Così tutti
    quei rischi e costi per un magro compenso. Il costo più grosso fu quello di
    lasciare Withers. Non mi fu chiesto di lasciare ma io mi sentivo decisamente a
    disagio 11 – non da ultimo perché i miei soci di Mackenzie Mills si erano
    accaparrati la maggior parte dei benefici a rischio zero — tanto che non potevo
    davvero restare. Nel 1998-1999 e 2000 lavorai autonomamente ed era evidente che
    i processi sarebbero proseguiti, ci sarebbero stati avvocati da pagare e ci
    sarebbe sempre stato il rischio di essere accusato di qualcosa — che è proprio
    quello che sta per succedere ora, in seguito all’ultima indagine della quale sei
    al corrente. Io mi sono tenuto in stretto contatto con le ? persone di B. e loro
    conoscevano la mia situazione. Erano consapevoli, in particolare, di come i miei
    soci si fossero intascati la maggior parte del dividendo; sapevano bene che il
    modo in cui io avevo reso la mia testimonianza (non ho mentito ma ho superato
    curve pericolose, per dirla in modo delicato) avesse tenuto Mr B. fuori da un
    mare di guai nei quali l’avrei gettato se solo avessi detto tutto quello che
    sapevo. All’incirca alla fine del 1999 mi fu detto che avrei ricevuto dei soldi,
    che avrei dovuto considerare come un prestito a lungo termine o un regalo: 600
    mila dollari furono messi in un hedge fund e mi fu detto che sarebbero stati a
    mia disposizione, se ne avessi avuto bisogno. (I sol ” furono collocati nel
    fondo perché la persona collegata all’organizzazione di B. era qualcuno con il
    quale avevo discusso in molte occasioni questo fondo e si trattava di un modo
    indiretto per rendere disponibile la somma.) Per ovvie ragioni (io in quel
    momento ero ancora un testimone dell’accusa, ma la mia testimonianza era già
    stata resa) era necessario che tutto fosse fatto con discrezione.
    E questa era una strada indiretta per raggiungere lo scopo. Alla fine del 2000
    volevo investire in un altro fondo e la mia banca mi fece un prestito per
    «ammontare», garantito dalla mia abitazione ecc., di circa 650 mila euro. Io
    l’ho ripagato liquidando i 600 mila dollari. Allego una copia del conto in
    dollari. Consideravo il pagamento come un regalo. Di cos’altro poteva trattarsi?
    Non ero un loro dipendente, non li rappresentavo, non stavo facendo nulla per
    loro, avevo già reso la mia testimonianza ma sussisteva ancora il rischio di
    futuri costi legali (così come ce ne erano già stati) e di una grossa dose di
    ansia (che c’è certamente stata). La faccenda proseguiva da otto anni, il mio
    contatto era consapevole del fatto che la mia capacità di generare reddito era
    stata danneggiata e nel 1998 e 1999 fui in grado di inviare fatture a certe
    società, fatture che furono pagate e aumentarono il mio reddito. Ma questo era
    diverso. Dal momento che ero sicuro del fatto che la mia posizione fiscale
    relativamente al capital gain fosse complessivamente negativa, stupidamente non
    ho dichiarato nessuna transazione. Se qualcuna di esse fosse guardata da vicino
    (ad esempio: da dove arrivarono i soldi per comprare le azioni della
    Centurion?), sono ovviamente preoccupato di come comportarmi e gestire al meglio
    questa situazione. Allego i documenti fondamentali. Sinceramente, David Mills
    In Inghilterra il fisco è una cosa seria: per la legge, un commercialista a
    conoscenza di operazioni sospette è tenuto a segnalarle al National criminal
    intelligence service (Ncis, l’Antiriciclaggio britannico). Così, quando Mills
    confessa a Drennan la provenienza di quei 600 mila dollari, Drennan e il suo
    socio Barker ipotizzano che sia un testimone corrotto. E, visto che il loro
    studio ha standard etico-professionali molto elevati, si consultano con
    l’ufficio legale. Il 4 febbraio 2004 chiedono un incontro al PNcis e consegnano
    la documentazione in loro possesso. Poi, un volta interrogati, ricostruiscono
    così l’accaduto: «Ci parve tutto molto strano. A che titolo Mills riceveva soldi
    da Bernasconi? Era per caso il suo figlio adottivo?». Aggiunge Drennan:
    In quella dichiarazione c’era un collegamento sufficiente che mi indusse a
    credere che avessi il dovere di riportare la questione a Clyde Marklew,
    funzionario del Serious Fraud Office, per lasciargli decidere se il collegamento
    tra denaro e testimonianze esistesse.
    Lessi la lettera. Mr. Drennan mi chiese quale fosse la mia reazione. Glielo
    dissi e concludemmo che non c’era altra scelta che riportarne” integralmente i
    contenuti al Ncsi.
    Cose da pazzi, per l’Italia. Normali, per un Paese serio come la. Gran Bretagna.

    Il verbale confessione

    Appena ricevono la lettera-bomba dalle autorità inglesi, i Pm di Milano
    convocano Mills, Che viene sentito in Procura il 18 luglio 2004. E, quando De
    Pasquale e Robledo gli mostrano la lettera inviata a Drennan, crolla:
    Ho scritto quella lettera nel quadro di una contestazione fiscale nel Regno
    Unito. Dovevo spiegare per quale motivo avevo ricevuto la somma di 600 mila
    dollari. Non credo che occorrano molte parole: io sono stato sentito più volte
    in indagini e processi che riguardavano Berlusconi e il gruppo Fininvest. Pur
    non avendo mai detto il falso, ho tentato di ‘ proteggerlo nella massima misura
    possibile e di mantenere, laddove possibile, una certa riservatezza sulle
    operazioni che ho compiuto per lui […]. Nell’autunno del ’99 Carlo Bernasconi
    [responsabile per Mediaset dell’acquisto dei diritti tv, deceduto nel 2001,
    rida] mi disse che ) Silvio Berlusconi, a titolo di riconoscenza per il modo in
    cui ero riuscito a proteggerlo nel corso delle indagini giudiziarie e dei
    processi, aveva deciso di destinare a mio favore una somma di denaro.
    Mills sostiene che era solo un regalo, non una tangente. Ma la sua è una
    confessione in piena regola. A parte un punto, che resta nel vago, il percorso
    esatto seguito dai soldi. Forse il legale teme, essendo troppo preciso, di dover
    parlare anche del ruolo avuto dalla moglie ministro al momento del rientro in
    Inghilterra dei capitali, che secondo l’accusa – sarebbero finiti nell’acquisto
    di una casa da parte della signora. Infatti, nel 2001, la Jowell mise la propria
    firma, accanto a quella del marito sulla richiesta di accensione di un’ipoteca
    sulla loro casa di Londra. Un documento poi servito per avviare un complesso
    meccanismo grazie al quale i 600 mila dollari furono fatti rientrare
    discretamente in Gran Bretagna.
    I Pm vanno in vacanza tranquilli. Con la lettera di Mills e il suo verbale
    d’interrogatorio in mano, si sentono in una botte di ferro.
    Di fronte a simili prove, agli eventuali imputati del processo non resterà che
    chiedere il patteggiamento o il rito abbreviato per ottenere sconti di pena.
    Così leggono divertiti le cronache estive dei giornali che il 18 agosto, un mese
    esatto dopo la confessione di Mills, raccontano come Tony Blair e la moglie
    Cherie abbiano fatto una visita lampo a Berlusconi in Sardegna. Il Cavaliere,
    fresco di trapianto pilifero, ha fatto due passi con Tony per Porto Rotondo
    sfoggiando un’esotica bandana. «E una visita di un amico a un amico», spiega il
    presidente del Consiglio ai giornalisti. Tutti ridono felici. Ufficialmente di
    quello che ha detto Mills ai magistrati nessuno sa ancora niente. Anche se è
    lecito domandarsi se davvero l’avvocato non abbia raccontato immediatamente il
    suo interrogatorio alla propria consorte, Tessa Jowell, descritta dalla stampa
    inglese come il più blairiano dei ministri del governo laburista. Lo scandalo
    potrebbe danneggiare la sua carriera politica e anche la tenuta dell’esecutivo.
    Per non parlare di quello che prevedibilmente accadrà in Italia, non appena si
    saprà che il marito di un ministro di Blair accusa (di fatto) il premier
    Berlusconi di corruzione.
    Mills alle sorti politiche della moglie Tessa ci tiene davvero. Ed è da sempre
    preoccupato che i suoi rapporti pericolosi con il Cavaliere la possa
    danneggiare. Lo dimostra la sua corrispondenza intrattenuta nel 1997 con la
    società di pubbliche relazioni Burson Marsteller, scoperta nel corso delle
    indagini. Il legale si rivolge all’agenzia di pr; spiega che con i vecchi soci
    di Withers ha in corso una discussione sui primi milioni di sterline ricevuti
    dalla Fininvest a titolo di compenso professionale; e chiede che cosa deve fare
    per preservare l’immagine di sua moglie, appena diventata ministro. Gli esperti
    in comunicazione, temendo che la vicenda possa nuocere alla carriera di Tessa,
    gli raccomandano per iscritto di «pianificare meglio la questione di quando
    crediamo che il particolare del dividendo diverrà di pubblico dominio».
    Ora però la situazione è ancor più grave. Non si parla più di dividendi: si
    parla di tangenti.

    Il memoriale-ritrattazione.

    Che fare? Mills ci pensa per quasi quattro mesi. Poi, dopo un lungo
    traccheggiamento nell’invio dei documenti che dovrebbero permettere di
    ricostruire la provenienza dei 600 mila dollari di Berlusconi, ecco il colpo di
    scena. Il 7 novembre 2004 l’avvocato si ripresenta spaventatissimo alla Procura
    di Milano. Non vorrebbe essere interrogato, ma si propone come confidente,
    promettendo importanti rivelazioni fuori verbale. I Pm ovviamente rifiutano:
    tutto i quel che ha da dire verrà debitamente registrato. Allora Mills consegna
    un memoriale in cui ritratta la sua confessione:
    Non posso che attestare l’assenza di regalie e/o compensi dal gruppo Fininvest
    e/o di Berlusconi, che non siano quelli puramente professionali da me percepiti.
    Riaffermo, inoltre, con la massima enfasi, che le mie precedenti testimonianze
    [nei processi, nda], salvo gli inevitabili vuoti di memoria, erano sincere e
    veritiere.
    Nel documento, sostiene che i 600 mila dollari gli furono consegnati da un altro
    cliente italiano, Diego Attanasio, un armatore condannato in primo grado per
    corruzione a Salerno. E giustifica così la lettera-confessione al commercialista
    e le sue prime dichiarazione ai Pm:
    All’epoca, per una ragione di scrupolo che oggi faccio in parte fatica pure io a
    comprendere, avevo ritenuto opportuno occultare il nome del soggetto che
    effettivamente mi aveva corrisposto la regalia, e al suo posto avevo individuato
    un altro mio amico, Carlo Bernasconi, che ritenevo altrettanto credibile come
    fonte del regalo.
    Tesi singolare: soltanto un pazzo, per coprire un tale Attanasio, tirerebbe in
    ballo il presidente del Consiglio italiano in carica. Mills comunque produce
    nuovi documenti e cita come testimoni a suo favore altri suoi due clienti:
    Flavio Briatore e Paolo Marcucci. Ma sia Attanasio sia Briatore sia Marcucci,
    interrogati in Procura, lo smentiscono su tutta la linea. Attanasio, in
    particolare, dice di non avergli mai versato quella somma: Mills gestiva i suoi
    soldi all’estero e lui se ne fidava ciecamente, al punto da avergli firmato in
    bianco una serie di mandati amplissimi per la gestione delle sue finanze.
    Resta il fatto che l’accusa non riesce a ricostruire il percorso esatto della
    provvista. E anzi, poco prima delle elezioni del 2006, Berlusconi in persona
    mostra alla stampa alcuni estratti conto provenienti dalle Bahamas che
    dimostrerebbero in maniera inconfutabile come il denaro fosse proprio
    dell’armatore. Il Pm De Pasquale, che a fine ;
    2007 ancora attende i risultati di una serie di rogatorie, coltiva però un
    sospetto: che Mills abbia «deliberatamente creato una confusione tra i suoi
    affari e quelli dei suoi clienti Marcucci, Attanasio e Briatore», con
    l’obiettivo di far perdere le tracce della provenienza dei soldi.
    Berlusconi e Mills a processo
    I contraccolpi politici dell’incriminazione di Mills e di Berlusconi per
    corruzione giudiziaria e falsa testimonianza, in Inghilterra e in Italia, sono
    opposti. In Italia Berlusconi si ripresenta, come se nulla fosse, alle elezioni
    politiche come candidato premier. In Inghilterra, non appena la stampa e la
    smascherano le bugie della coppia Mills-Jowell (che aveva sempre assicurato: «le
    nostre finanze sono assolutamente separate»), l’opposizione conservatrice
    insorge attaccando la ministra e l’intero governo. Alla fine David e Tessa, per
    uscire dalla morsa politico-mediatica, sono costretti a separarsi.
    Intanto, a Milano, si apre la battaglia in udienza preliminare in vista del
    prevedibile processo. Come sempre, gli avvocati del Cavaliere tentano di non
    farlo nemmeno cominciare. E aprono il fuoco di sbarramento sul gup designato: il
    presidente reggente dell’Ufficio gip Fabio Paparella. Pecorella e Ghedini lo
    ricusano, dimenticando gli elogi che gli avevano riservato il 14 febbraio 2003,
    quando Paparella aveva prosciolto (grazie alla prescrizione abbreviata dalla
    controriforma Berlusconi del falso in bilancio) il Cavaliere nel processo per il
    consolidato Fininvest e aveva respinto la richiesta della Procura di impugnare
    la legge davanti alla Corte costituzionale. Pecorella, quel giorno, si era
    sperticato in applausi:
    Quella del giudice Paparella è stata, dal punto di vista dell’economia dei
    processi, una decisione ragionevole e condivisibile… Finalmente c’è un giudice
    che non fa atti inutili. Mi pare da un lato una decisione di buon senso.
    Il 14 novembre 2005 invece Pecorella chiede a Paparella di astenersi
    dall’udienza sui diritti Mediaset proprio per quel che scrisse nel
    proscioglimento del 2003, «anticipando il giudizio» su Berlusconi & C. e
    diventando «incompatibile» con il nuovo processo. Ma Paparella non si astiene e
    procede oltre. A quel punto la difesa Berlusconi chiede che l’udienza sia
    trasferita a Brescia, perché sessantadue magistrati del distretto di Milano
    risulterebbero possessori di azioni Mediaset, e dunque potenziali parti offese.
    Anche questa richiesta, servita comunque a perdere un po’ di tempo, verrà
    respinta. Ma quando inizia l’udienza preliminare, il 31 luglio 2006, i legali
    berlusconiani tornano alla carica con un’istanza di ricusazione e una di
    astensione dello stesso Paparella, sia per le sue affermazioni nel
    proscioglimento Fininvest, sia per aver già rinviato a giudizio Berlusconi & C.
    per i diritti Mediaset. Istanze respinte in tutti i gradi di giudizio:
    Tribunale, Corte d’appello e Cassazione.
    Il 30 ottobre 2006, quando finalmente Paparella si accinge a leggere l’ordinanza
    di rinvio a giudizio, Pecorella e Ghedini lo ricusano di nuovo: stavolta perché
    la prima ricusazione non è stata ancora respinta dalla Cassazione e, a loro
    avviso, bisogna aspettare che la Suprema Corte si pronunci. Visto che Paparella
    vuole procedere ; comunque e annuncia in aula che leggerà «il decreto», viene di
    nuovo ricusato, con l’accusa di aver «anticipato il giudizio». Anche questa
    ricusazione verrà respinta in tutte le sedi. La scena si ripete tale e quale in
    Tribunale, al processo sui diritti Mediaset, dove i soliti onorevoli avvocati ricusano il presidente Edoardo D’Avossa prima ancora che si sieda e apra la
    prima udienza, accusando anche [ lui di essersi «già espresso sui fondi neri
    Fininvest». Nel ’97 infatti D’Avossa condannò Berlusconi per appropriazione
    indebita nel caso Medusa Cinema; e nel 2004 condannò Dell’Utri e il boss
    Vincenzo Virga per estorsione ai danni di un imprenditore trapanese, scrivendo
    nella sentenza che i fondi neri sono un «fatto notorio non solo per Publitalia,
    ma per l’intero gruppo Fininvest». Ricusazione ovviamente infondata, e dunque
    respinta”.

    e di questa:

    http://www.uonna.it/Mills-sentenza-corte-cassazione-15208-10.pdf

  103. apostolo salituro, continui ad essere imbarazzante.
    ti ho riportato i passaggi in cui affermavi il falso e tu come al solito hai svicolato. ti ho chiesto di riportare il post in cui parlavo di processi che si sarebbero prescritti e tu svicoli.
    arriva la troll falsaria martina e anche lei svicola.
    Avete riportato una serie di affermazioni false e non avete la minima dignità per scusarvi o per sostenere le cose che avete scritto.
    apostolo salituro, falso avvocato penalista, il fatto che tu dica che non vi è una vittima, non significa che sia vero.
    tu ragioni per slogan, non ti interessa approfondire, non ti interessa capire, non vuoi ragionare con la tua testa.
    mi chiedi se ho letto l’intervista di Mills e non ti rendi conto che è se come mi chiedessi di ragionare su un processo sulla base di quello che ha detto il condannato.
    mills quello che doveva dire lo ha detto in una bella letterina scritta al suo commercialista, vattela a rileggere apostolo salituro.
    resta il fatto che non hai ancora risposto a nulla,non hai smentito nessuna delle mie affermazioni e mi hai attribuito da buon falsario cose che non ho mai detto.
    vediamo se finalmente riesci ad avere un minimo dignità apostolo salituro, falso avvocato penalista.vediamo se riesci a rispondere.

  104. il tuo amico malombra scopiazza da qualche giornale di parte una marea di inesattezze il flusso dei soldi è stato trovato?????NO

    tu dici sempre le stesse cose, quendo spatuzza accusa Berluscini ci credi

  105. e proseguiamo con la falsaria martina che attribuisce all’interlocutore cose mai dette e non ha nemmeno la dignità di scusarsi.
    la perizia ha esattamente individuato i soldi pervenuti a mills, ne ha indicato la provenienza, ne ha indicati i vari passaggi fino al conto di Mills.
    non ti sta bene? fai tu una bella perizia e dimostra che quei soldi sono di attanasio come dice mills ora.
    sulla falsità riportata circa la prescrizione decisa dalla procura vedo che ormai battete in ritirata e non provate minimamente a smentirmi, è la dimostrazione che avete riportato il falso.

  106. malombra non è mio amico, tu ragioni per slogan e non porti argomenti e non ti sei ancora scusata per avermi attribuito cose che non avevo mai detto.
    malombra ha messo un link, ci trovi la sentenza, se vuoi ragionare da persona adulta, e non da troll falsaria la leggi e ci confrontiamo su quello, altrimenti resti la solita troll falsaria.

  107. la concussione è perseguibile d’ufficio e tu hai scritto il falso.(non c’è vittima non c’è concussione)
    la prescrizione non è stata decisa dalla Procura nel caso Mills e tu hai scritto e riportato un falso.(non ho mai detto che l’ha decisa la procura, ho solamente deto che visto i tempi e i testimoni 200 questo processo non vedrà mai la fine)

    sai leggere?????

    cito salituro

    Comunque lo stesso consulente di parte (della procura) ha ammesso di non aver trovato traccia dei flussi

  108. spatuzza c’entra come i cavoli a merenda e tu, da buona troll falsaria ti fai le solite pippe mentali su quello che penso e su quello a cui credo.
    rispondi se ne sei capace, non svicolare e sei hai un minimo di dignità ti scusi.

  109. E con questo mettiamo fine alla farsa

    Resta il fatto che l’accusa non riesce a ricostruire il percorso esatto della
    provvista. E anzi, poco prima delle elezioni del 2006, Berlusconi in persona
    mostra alla stampa alcuni estratti conto provenienti dalle Bahamas che
    dimostrerebbero in maniera inconfutabile come il denaro fosse proprio
    dell’armatore. Il Pm De Pasquale.

  110. martina troll falsaria, citi l’apostolo salituro perché come lui non hai la testa per ragionare.
    dire che non ci sia la vittima non c’entra un cazzo con quello che contestavo all’apostolo.
    il falso avvocato ha detto che la concussione non era procedibile d’ufficio e ho dimostrato che ha scritto una cazzata, ma tu visto che non hai le capacità non hai nemmeno capito di cosa si parlava.
    ho riportato anche quando salituro citando una nota su fb ha detto che la prescrizione nel processo mills era stata decisa dalla procura.
    l’apostolo ha negato di averlo detto e tu hai riportato la sua risposta sbagliata perchè anche in questo caso non hai capito nulla.
    si attendono ancora le tue scuse per avermi attribuito cose mai dette.

  111. scusa renato ma martina ha colpito

    non credi a mills perchè inquisito e credi a spatuzza noto mafioso assassino

    hai hai hai

  112. Resta il fatto che l’accusa non riesce a ricostruire il percorso esatto della
    provvista. E anzi, poco prima delle elezioni del 2006, Berlusconi in persona
    mostra alla stampa alcuni estratti conto provenienti dalle Bahamas che
    dimostrerebbero in maniera inconfutabile come il denaro fosse proprio
    dell’armatore. Il Pm De Pasquale.

  113. apstolo salituro, falso avvocato penalista, al contrario qui inizia la farsa, hai riportato una frase che non è contenuta nelle sentenze.
    e nelle perizie eseguite si dimostra che i soldi non sono di attanasio.
    come al solito non riesci a partorire nulla di originale ma riesci solo a scopiazzare le cose che trovi in giro.

  114. a prescrizione non è stata decisa dalla Procura nel caso Mills e tu hai scritto e riportato un falso.(non ho mai detto che l’ha decisa la procura, ho solamente detto che visto i tempi e i testimoni 200 questo processo non vedrà mai la fine)

  115. apstolo salituro, falso avvocato penalista, al contrario qui inizia la farsa, hai riportato una frase che non è contenuta nelle sentenze.
    e nelle perizie eseguite si dimostra che i soldi non sono di attanasio.
    come al solito non riesci a partorire nulla di originale ma riesci solo a scopiazzare le cose che trovi in giro.

    hai ragione ho copiato dal tuo amico malombra…allora anche lui dice cazz…..

  116. salituro mai sei completamente idiota oltre che falsario.
    e ricominciamo falsario idiota, dove ho scritto che credo a spatuzza?
    avanti apostolo salituro, falso avvocato penalista, troll falsario, smentsci il fatto che sei un falsario.

  117. salituro perchè continui a fare il falsario che la pprescrizione nel processo mills è stata decisa dalla Procura lo hai detto tu riportando la nota presa da fb senza citare la fonte.
    apostolo salituro, lo sai che è reato spacciarsi per avvocato? sarebbe interessante riportare la tua affermazione al consiglio nazionale forense vediamo che nep ensano.
    guarda che è evidente che adesso stai trolleggiando, visto che non riesci più a sostenere nessuna delle tue falsità

  118. martina troll fasaria ancora non ti scusi? ma ti paice proprio essere considerata una falsaria?
    apostolo salituro, prima ti scusi per avermi attribuito cose mai dette e poi ti rispondo su spatuzza, mica svicolo come fate voi troll falsari

  119. sto studiando il tuo comportamento e il tuo processo mentale…e comunque martina non la conosco….e tu non sei stato carino con lei

  120. apostolo salituro, che ha confermato di essere un falso avvocato penalista, ora cosa dirà mai la povera donzella martina che riponeva in te tante speranze.
    guarda che ho capito subito che eravate i soliti provocatori che vogliono vedere la reazione delle persone.
    solo che era troppo divertente continuare perchè stavate utilizzando tutti gli slogan tipici dei gonzi berlusconiani.
    ovviamente martina è d’accordo con te nel gioco.
    nessuna minaccia era solo per farti uscire allo scoperto.
    vuoi sapere chi sono, fatti una bella manica di cazzi tuoi.

  121. vedi ho capito subito che in questi post ci sono persone a cui hanno fatto un bel lavaggio del cervello…..a me di berlusconi non frega nulla….ma voi siete penosi….il vostro odio è stoico…..comunque mi piaci sei il classico cialtrone simpatico

  122. ….dimenticavo….
    visto che hai ammesso di non essere un avvocato ti devo una risposta su spatuzza. non credo ai pentiti a meno che non ci siano riscontri oggettivi e spatuzza, quando parla di berlusconi, non ha portato nessun riscontro oggettivo…..ora la povera martina non ci capirà più nulla……

  123. sai cosa penso io…su satuzza? poteva essere un grande pentito…ma l’hanno bruciato per farlo parlare di berusconi senza riscontri

  124. l’unico ad aver subito un trauma da piccolo sei stato tu… ti ha beccato in pieno un tram pieno di cazzate e ora per non esplodere sei costretto a farle uscire nei blog…..

  125. ok….ora saluto sabina e i suoi amici e tolgo l disturbo….vi ho dato filo da torcere….e anche voi mi avete insegnato molto….che la gelosia e l’odio sono una brutta bestia

    saluto tutti i miei fans…e in particolare Martina

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here