Home Politica Perugia: arrestati attivisti Csoa Ex Mattatoio

Perugia: arrestati attivisti Csoa Ex Mattatoio

CONDIVIDI
CSOA EX MATTATOIO

Perugia: arrestati tre attivisti del Csoa Ex Mattatoio

Lorenzo, Michela, Riccardo: Liberi subito!

Quella che stiamo per raccontare è una storia di ordinaria follia. Non sappiamo come definire altrimenti quello che è capitato ieri sera a Lorenzo, Michela e Riccardo, tre attivisti del Centro Sociale Ex Mattatoio.

I tre si trovavano nella centralissima Piazza IV Novembre e stavano bevendo una birra insieme ad altre persone, in attesa di mettersi in macchina per raggiungere Fabriano per assistere al concerto degli Assalti Frontali, in programma al CSA Fabbri. Tre loschi individui si sono avvicinati chiedendo loro di esibire i documenti senza mostrare nessun distintivo. Uno dei ragazzi ha chiesto quale fosse il motivo del riconoscimento ricevendo come risposta insulti e spintoni. Gli animi si sono surriscaldati e sul posto sono arrivate due volanti. Lorenzo, Michela e Riccardo sono stati malmenati, ammanettati e portati via sulle vetture che partivano a sirene spiegate verso la questura. Nel frattempo un altro ragazzo, che aveva ripreso l’accaduto con il videofonino, è stato aggredito da altri poliziotti in borghese.

Per tutta la notte nessun avvocato e nessun parente aveva ancora potuto incontrarli e accertarsi delle loro condizioni. L’unica notizia fornita è stata la convalida del fermo dei tre, con l’accusa di resistenza aggravata a pubblico ufficiale. Notizia che ha provocato sgomento e rabbia dei parenti e dei tanti amici/he e compagni/e che nel frattempo avevano raggiunto la questura.

Una storia che vede la violenza e la sopraffazione rasentare la follia pura, in cui i vigilanti hanno un potere di discrezionalità pressochè assoluta. Una storia ordinaria, perchè consumatasi sullo sfondo di una città dove si respira sempre più un clima “cileno” e dove sembrano avere legittimità solamente massoni, costruttori, faccendieri e narcotrafficanti. Decine di posti di blocco ogni sera sulle strade che delimitano il centro storico; poliziotti in borghese, vigilanti privati e pattuglie a presidiare le piazze e le vie principali. Perugia puzza di deserto. Un deserto che mira ad entrare nelle nostre esistenze per saccheggiarle e svuotarle.

Vogliamo la libertà immediata per Lorenzo, Michela e Riccardo, “sangue del nostro sangue”.

Vogliamo una città altra, e la costruiremo con la forza delle nostre lotte e delle nostre passioni e con la potenza che la nostra indipendenza riesce a sprigionare, sempre e ovunque.

Domani mattina alle ore 10,30 si terrà, presso l’atrio del Comune, in Via dei Priori, una conferenza stampa pubblica, in cui verrà denunciata alla stampa ed alla città intera il gravissimo episodio accaduto.

ULTIMA NOTIZIA AGGIUNTA :
“Sul comunicato non c’è scritto, ma chi vuole può venire alle 15,00 davanti alla questura per una manifestazione con parenti ed avvocati delgli arrestati!!!”

facebook.com/notes/italia-libera-civile-e-laica-italia-antifascista/perugia-arrestati-tre-attivisti-del-csoa-ex-mattatoio-solidarieta-sopratutto-dom/398972795488

Sabina, forse hai chiuso troppo presto l’inchiesta_doc,, mi sa che dovrai attivarti presto per Draquila2..

“Il Consiglio comunale intende presentare “il conto” a quanti si sono resi protagonisti delle contestazioni nel corso della seduta straordinaria nella notte tra il 5 e il 6 aprile. Domani i lavori del Consiglio comunale si apriranno proprio con la relazione dell’assessore ai Grandi eventi, Marco Fanfani, sui fatti che hanno caratterizzato la seduta solenne del Consiglio, quando un gruppo di aquilani con fischi e offese ha interrotto più volte i lavori. «Non si può restare a guardare -commenta Fanfani- Il Consiglio deciderà quali azioni legali intraprendere.”

Commenta questo post

18 Commenti

  1. io te li appoggio questi video sabina.visto che hai detto di sentirti un po’ di legno da sola di fronte alla webcam,io sono qui per darti tanta forza e coraggio.Non ti preoccupare che è una grande idea!
    siamo tutti insieme a te.
    easy:-)
    ma le domande le dobbiamo fare qui o sull’altro sito?io che sono un’affezionata a questo blog,posso scriverle qui?
    spero di beccarti presto in giro per roma perchè mi manca la tua presenza (anche se sporadica e distante).
    tanti baci.

  2. incredibile…. ma si sa di più su questa storia?

    parlando di libertà….
    http://www.youtube.com/watch?v=Yi6XV8yBFoU george carlin sulla libertà ……. “you don’t have freedom of choise, you have owners, they own you” – non abbiamo libertà di scelta, abbiamo che ci possiede, perchè ci possiedono”…. a volte sentirtelo dire è molto forte, ma ne vale la pena …. e cosa vogliono? più per loro e meno per tutti gli altri……….. sono sempre i comici che ci devono dire come stanno veramnete le cose?

  3. Ciao Sabina,
    scusa l’OT, ma volevo essere sicuro che leggessi questo messaggio. Perché su Twitter ti stai comperando dei follower finti, cosidetti ‘fake’? Sono sotto gli occhi di tutti i tuoi ‘falsi fan’ e non è un bel vedere per una che ha sempre fatto della trasparenza il suo modo di operare.

  4. guarda che io non so nemmeno cos’è un folloewr su twit figurati se me li compro. non ho capito la differenza tra uno che segue e quel numero più grosso forse seguono pure loro. perché dici questo? perché dovrei comprare qualcuno? ci sono tante persone che seguono blog facebook e altro. se sei in buona fede come ti viene in mente?

  5. ..”Credo che in Italia lo ‘Stato d’Emergenza’ sia uno strumento così facilmente applicabile perchè ormai è venuto a mancare uno dei pilastri fondamentali che legittimano un governo, quello della rappresentatività. Questi non rappresenta più l’opinione pubblica, sia perchè i poteri del parlamentano si stanno progressivamente deteriorando a favore dell’esecutivo; sia perchè una comunicazione trasparente non è più possibile, dato che i media principali sono monopolizzati dal governo stesso. Se manca questo, non c’è possibilità di controllo, nè in Abruzzo nè in altri ambiti”…

    “La soluzione secondo Stille sarebe quella di promuovere lo sviluppo e l’utilizzo di nuovi mezzi di comunicazione, soprattutto Internet, per agire “dal basso”, ed in maniera risolutiva.”
    http://www.i-italy.org/13891/terremoto-dabruzzo-uno-stato-demergenza-tutto-italiano
    (link ‘prelevato’ dalla ML del 3e32)

    sto cercando aggiornamenti sugli arresti dei tre ragazzi di Perugia.. sui quotidiani nazionali il vuoto assoluto, per ora

    ondaperugia.noblogs.org/post/2010/04/11/lunedi-12-aprile-giornata-di-mobilitazione-contro-gli-arresti-di-sabato-in-piazza-iv-novembre
    Ciao!

  6. io da questo capisco che si tratta di Perugia.

    ore 11 presidio di fronte alla Prefettura, in Piazza Italia, dove si tiene la riunione del Comitato per la Sicurezza

    ore 15:30 appuntamento di fronte a Palazzo dei Priori dove si tiene il Consiglio Comunale

    ondaperugia.noblogs.org/post/2010/04/11/lunedi-12-aprile-giornata-di-mobilitazione-contro-gli-arresti-di-sabato-in-piazza-iv-novembre

  7. ho letto l’intervista su vanity fair e devo dire che è ridicolo quello che c’è scritto in copertina non risulta infatti detto mai durante l intervista. Ma possibile che sono così sfacciati nel fare queste forzature? e in questo caso specifico inventare di sana pianta una notizia. BASIAMO!!!

  8. pazzesco. ormai ti fermano così, senza motivo. notizia raccapricciante. spero che li rilascino al più presto. anche roma tra camionette della polizia e jeep dell’esercito, pare di essere in stato di guerra. non c’entrerà un cazzo, o forse si, ma qualche giorno fà passeggiavo per una villa godendomi il sole, e sono stato fermato e identificato da due militari col mitra, così, tanto per fare… ho chiesto naturalmente il perchè, hanno detto che era una cosa così, a campione.. bah.. dovrò iniziare a farmi la barba?? magari sarei più rassicurante, potrei piacere di più a lor signori? se non altro hanno avuto modi civili, due ragazzi tranquilli. ma cmq..
    in che mani siamo?? pensavo di non caderci più, e invece sto qui che intravedo porta a porta. ma frattini? ma che ministro degli esteri è? parlano di emergency come fosse un’organizzazione terroristica. mi fanno pena. ma come si permettono? ma si sciacquino la bocca prima di parlare. non sanno nemmeno cos’è una ong. non hanno idea del lavoro umanitario che compiono. dei rischi che corrono ogni giorno, mentre i nostri rappresentanti intervengono dagli studi televisi con il segno degli occhiali della settimana bianca e si riempiono la bocca di una serie di banalità che viene da piangere. terrorismo?!!! detto poi da chi riesce a giustificare la morte di civili con “esportazione della democrazia”, da chi ha sostenuto e sostiene la teoria (!) della “guerra preventiva”… non c’è limite al peggio..

    vabbè, insomma sabì, quand’è che intervieni a reti internet unificate? sei riuscita a capirci qualcosa? leggevo che qualcuno ha scritto che bisogna essere iscritti a ustream per vedere la diretta. possibile? mi pare strano che mo ci dobbiamo iscrivere tutti per vederti. per esempio la diretta del travaglio si vede tranquillamente senza iscriversi da nessuna parte. lui che usa? sarà una cosa simile..
    notte belli!

  9. SABINA, poni rimedio all’attacco dei vigliacchi sudditi. (è successo ieri intorno alle 13).
    La notte scorsa mi sono presa la briga di cercare, su altri siti, qualcuno che avesse lamentato altrove l’impossibilità di collegarsi al ‘tuo’ blog.
    Li ho trovati. Credevo di essere la sola a veder comparire (e ad allontanarmi) “l’avviso di rilevamento virus infected web page gen”.

    E’ un classico, ogni volta che ci si ricoagula arrivano i maledetti a disperderci..

    Sfido la virulenza (speriamo bene.. 🙂 ) di un ‘MEZZO’ bastcodardo che ha colpito il blog, per postare queste note delle forze della natura aquilana.

    giusipitari.blogspot.com/2010/04/lettera-bruno-vespa.html

    Buona giornata!

  10. ciaociao…
    non so se vado fuori tema, copia&incollando il link di quest’articolo*,
    che racconta la storia di un giovane uomo nigeriano senza permesso di soggiorno, vittima prima di insopportotabile dolore all’orecchio…e poi del cosidetto “pacchetto sicurezza”. Il trentenne in questione, sprezzante del pericolo, si è recato al prontosoccorso di Tarquinia e ne uscito guarito e in manette….

    * http://carta.ilmessaggero.it/view.php?data=20100413&ediz=02_VITERBO&npag=29&file=G_1481.xml&type=STANDARD

  11. Perugia: confermati gli arresti per Lorenzo e Michela
    13 / 4 / 2010

    Per due delle tre persone arrestate sabato notte a Perugia sono stati confermati i provvedimenti cautelari. Lorenzo e Michela sono infatti agli arresti domiciliari. La motivazione del giudice Verola: la pericolosità sociale dei due.

    E’ assurdo, surreale, paradossale, patetico.

    La giornata di oggi ha segnato nel frattempo un altissimo livello di partecipazione alle mobilitazioni. Circa 200 persone, alcuni provenienti dalle Marche e da Terni, si sono incontrate davanti al palazzo dei Priori ed hanno invaso la camera dove si stava svolgendo il Consiglio Comunale. Tutte/i avevano in mano un bicchiere di plastica vuoto, a simboleggiare il bicchiere di birra “corpo del reato” di sabato scorso.

    La presenza inattesa ha creato imbarazzo estremo nei consiglieri, che si sono coperti di ridicolo incappando in continue gaffe e grotteschi scivoloni. Dopo aver esposto uno striscione con su scritto “La città è di chi la vive e non di chi la vende”, tutte/i si sono diretti verso le scalette di Piazza IV Novembre, in attesa di notizie dal Tribunale, esponendo lo striscione sulla Fontana Maggiore, uno dei simboli di Perugia.

    La mobilitazione, seppur silenziosa, nel rispetto della volontà dei parenti degli arrestati, è stata caratterizzata per la decisione con cui tutte/i hanno messo in gioco la potenza performativa dei cropri corpi per violare zone rosse e divieti.
    E’ il segno di una metropoli viva. Di una moltitudine viva e composita, che se da un lato non accetta nessuna restrizione dei propri spazi di libertà, dall’altro sente la possibilità reale di instaurare percorsi istituenti di una città-comune.

    In questa settimana invaderemo ogni giorno il centro storico, con assemblee in piazza, azioni performative ed altro per sottrarlo al biocontrollo ed allo spaccio.

    Michela e Lorenzo Liberi Subito!

    Perugia Libera Subito!

    http://www.globalproject.info/it/community/Perugia-confermati-gli-arresti-per-Lorenzo-e-Michela/4565

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here