Home Letture e recensioni Libri consigliati sul ’68 suggeriti da Sabina Guzzanti

Libri consigliati sul ’68 suggeriti da Sabina Guzzanti

CONDIVIDI
libri rivoluzione 1968 68

>> VILIPENDIO: GUARDA LO SPETTACOLO <<

Libri consigliati sulla rivoluzione del ’68 suggeriti da Sabina Guzzanti

Se Berlusconi avesse voluto davvero fare lo spiritoso, anziché lo sborone ignorante, come al solito, avrebbe detto che lui usa lo stesso fondo tinta di Obama….

Vi devo aggiornare su un po’ di avvenimenti. Non ho potuto scrivere.

Abbiamo fatto l’anteprima a Fabriano che è andata benone.

La prima a Firenze è stata indescrivibile, l’energia la gioia, la forza che c’è stata per tutto lo spettacolo, eravamo tutti commossi.

Urla, standing ovation, partecipazione, soprattutto sulle parti più rischiose dello spettacolo.

Stessa cosa a Napoli. Quindi direi che lo spettacolo è a posto.

Per Bologna abbiamo dovuto rispostare la data perché la squadra di pallacanestro cittadina si è classificata e il palazzetto serve a loro, per ora siamo all’Arena del Sole un paio di giorni ma spero che si trovi un buco per spostarla al palazzetto ancora.

Mi scuso coi bolognesi.

Per La Spezia invece, per fortuna, siamo riusciti a trovare una data il 19, visto che il 4 per problemi tecnici non si poteva fare.

L’altra bellissima esperienza è stata incontrare gli studenti. Il 5 a Pisa, Il 6 Firenze e sta mattina l’8 a Napoli. Gli incontri li ho filmati e li hanno filmati anche loro. Sono stati per me estremamente interessanti, ci siamo divertiti e spero anche chiariti sull’approccio necessario alle questioni principali volendo migliorare questo paese.

Se qualche studente passa di qui pensavo che potreste scrivere una vostra riforma insieme a professori ed economisti di cui vi fidate, una cosa seria, non tipo “riforma ombra” e poi applicarla a prescindere come si può senz’altro nella scelta delle materie e dei programmi. Invitando anche gli insegnanti a disobbedire in modo che a prescindere dalla Moratti intanto possiate studiare davvero che comunque resta il problema principale.

Come promesso ecco i libri consigliati per saperne di più sul 68:

Altra informazione importante per i milanesi: Marco travaglio sarà 5 giorni al Ciak Webank dal 18 al 23 novembre col suo ” 15 anni di storia italiana ai confini della realtà”, non ve lo perdete!

Ho raccolto moltissimi outing e da lunedì cominceremo a pubblicarli credo almeno 3 al giorno sennò non riusciamo a smaltirli. Spero che siano utili a riflettere non solo sulla scuola, ma su chi sono i giovani e come possiamo aiutarli ad affermarsi e a ringiovanire l’Italia.

Ora mi leggo un po’ di post arretrati. Scusate il resoconto scarno, avrei mille cose da dire ma il tempo è quello che è.

>> VILIPENDIO: GUARDA LO SPETTACOLO <<

Commenta questo post

130 Commenti

  1. Ciao Sabi….ti aspettiamo anche a Milano…sono contenta che la nostra protesta (degli studenti) non si esaurisca, anzi si intensifichi sempre di più…sono molto utili anche contributi come i tuoi, come quelli di dario fò, la hack…insomma tutta gente che ci tiene ancora alla democrazia e al benessere culturale/sociale del proprio paese…è incredibile come ci rendiamo conto poco a poco che le libertà e i diritti ci vengano tolti … ma reagiamo lentamente perchè i tempi psicologici sono anche loro quelli che sono…è anche difficile ammettere a sè stessi che tutto le conquiste possano essere demolite con dei brandelli di legge, con delle norme decise da qualcuno……ci sembra un miracolo Sabina, che viene percepita come “manna dal cielo”, che dovrebbe fare le lotte per noi….invece le cose bisogna sudarsele non chiedere a satiriste( si dice così) di fare qualcosa…Sabina fa il tuo lavoro, noi dovremmo fare il nostro…..bisogna però apprezzare il suo notevole contributo.

    BISOGNA VERAMENTE INCAZZARSI!!!!!!!!!!

  2. Ecco perche’ l’Italia (e gli italiani) non hanno futuro in questo paese dove davvero tutto e’ possibile.
    Le indegne parole di un premier giustamente fanno scalpore e scandailizzano ma, se pur con un gigantesco sforzo di fantasia, c’e’ chi riesce a trovare una flebile giustificazione.
    Ci sono altre parole invece che sfidano la morte stessa e che nessuno tenta di giustificare, forse solo perche’ e’ impossibile farlo.

    http://www.unita.it/view.asp?IDcontent=80709

    Mi chiedo: ma l’istigazione a commettere reato non e’ essa stessa reato? E non e’ aggravato dal fatto che a istigare sia un “emerito” ex presidente?
    Siamo davvero tutti morti ambulanti? Non c’e’ nessuno che si indigni? Nessuno che possa fare qualcosa?

    PS: Al primo che risponde che Cossiga deve essere impiccato verra’ recapitato un Filippo Facci come premio per l’ingegno.

  3. ciao. sabi. ho visto su you tube il tuo bellissimo discorso a firenze. c credo ke c’e’ tanta partecipazione, ho la sensazione ke qualcosa nell’aria stia cambiando sopprattutto nei miei coetanei. tt questo e’ uno spiraglio 1 zefiro dolce x ora, ke a malapena si avverte. possiamo farlo crescere e farlo diventare 1 uragano forza 5!!!!! nn molliamo!!!!

  4. «di sicuro non è un essere umano».
    «dovremmo chiamare i professori di chimica per capire che cos’è».

    queste frasi di camilleri sulla gelmini, pronunciate al mamiani di roma durante un incontro con gli studenti, hanno scatenato l’indignazione dei politici di tutti gli schieramenti, ma soprattutto di quelli del centrosinistra (fioroni, tonini fedelissimo di veltroni e addirittura russo spena):
    questi sono pericolosi, non c’è da fidarsi: difendono la binetti e accusano camilleri per un commento sarcastico sulla gelmini (è un attacco personale, non si fa!). secondo me pensano che siamo solo utili idioti, ma in fondo sono veri reazionari. se questi sono i riformisti siamo messi male assai. (e cmq in me questa parola ha sempre suscitato molta diffidenza….dai tempi di craxi).

  5. Ciao! E’ un sacco di tempo che non scrivo qua. Quante cose stanno accadendo, tutte nello stesso momento…pazzesco, sembra che qualcosa ultimamente stia davvero cambiando! Non ho mai visto i miei coetanei tanto attivi e uniti nella lotta contro qualcuno, non ho mai visto un movimento di queste proporzioni! E poi ha vinto Obama… Insomma, ogni tanto qualche segno di vita si scorge ancora!
    Non vedo l’ora che arrivi il 9 dicembre per vedere anche io lo spettacolo!! Ne sento parlare entusiasticamente da molte persone che conosco, e anche i commenti qua sul blog sono tutti positivi!
    Ho appena visto Bimba, era la prima volta che lo guardavo. L’avevano trasmesso qualche settimana fa alle due di notte su italia1 e l’avevo registrato…mi ha colpito molto, sai, Sabina…mi ha fatto pensare…
    Tra l’altro qualcuno qua sul blog sa se esiste una versione di Reperto Raiot in inglese?

  6. Cara Sabina, dal momento che sei on-line mi viene spontanea una domanda da farti: visto che l’8 luglio hai detto “non c’è un solo motivo al mondo perchè il papa debba inaugurare l’apertura delle nostre università”, quali sono i motivi e che autorità hai tu per andare a sparar cazzate agli studenti che occupano gli atenei?
    Gradierei una risposta, grazie

    Un Angelo Senz’ali

  7. @auro
    anke io ho visto bimba. solo ke il mio videoregistratore ha tirato le cuoia da anni e ho fatto nottata. a dormire alle 4 del mattino ma ne e’ valsa la pena…
    a dire il vero ho anke avuto 1 mezzo shock quasi nn la riconoscevo sabina. xo’ ho pensato molto anke io…
    io l’aragosta ho provato a vederla sottotitolata.

    oddio! magari reperto raiot in inglese!! mi chiedo cm verrebbero le canzoni… sopprattutto la mia patria nn e’ 1 azienda e qll del grande fratello

  8. il papa può fare quando vuole una lexio magistralis all’università. l’anno accademico viene tradizionalmente inaugurato da professori laici perché l’aertura spetta a chi rappresenta lo spirito e le motivazione dell’università laica di uno stato nato dalla resistenza e dalla sconfitta di una dittatura. gli ospiti sono sempre tutti graditi, ma sono ospiti non fondatori.

  9. Cara Sabina, l’università non è stata fondata dallo stato nato dalla resistenza, ma dai Chierici, cioè dalla Chiesa.Il termine “università” designa tuttavia un preciso modello culturale che ha le sue origini nelle chiese e nei conventi europei, dove, attorno all’XI secolo, iniziarono a tenersi lezioni, con letture e commento di testi filosofici e giuridici. Presso i conventi più prestigiosi, o attorno a grandi personalità ecclesiastiche, varie categorie di docenti e studenti cominciarono ad organizzarsi in corporazioni o “universitates” studia di più o informati meglio prima di postare eresie, o meglio ancora dillo a chi ti ha suggerito queste parole!!

  10. @angelo senza ali.

    guarda io sn contro tt le dittature ma certe persone tipo qll vekkio GLADIOtore mi fan venire il sangue alla testa e voglia d prenderli a calci e schiaffi,
    meglio ke nn comincio a stilare l’elenco xke’ senno’ nn finisco +…

  11. caro angel informati meglio tu. l’università più antica è quella di bologna e non ha niente a che fare con il clero e comunque non c’entra con la mia risposta nè con la tua domanda poiché la repubbica italiana nasce dopo la sconfitta del fascismo. dato incontrovertibile

  12. @angel

    da 1 parte hai ragione, nel senso ke e’ vero ke nel medioevo se volevi istruirti dovevi o essere ricco o entrare in 1 monastero quindi e’ vero ke la chiesa e’ stata “depositaria” dell’istruzione x molto tempo. ma su tt il resto ha pienamente ragione sabi.

  13. eh lo so sabi. ho letto il tuo libro. kissa’ ke fatica.
    certo ke sia tu ke corrado in 1 cava….ahahahahah. ma nn eravate vicini vero?

  14. @marco f

    va bene lo stesso! ecco, 1 d qll persone ke se gli metto le mani addosso e gli va bene finisce al traumatologico…

  15. Che onore! Sabina in linea. L’università più antica è vero è quella di Bologna e pare sia stata fondata nel 1088, Alma mater studiorum (tale denominazione è stata sostituita a quella ufficiale data dal Ministero, “Università degli studi di Bologna”, con decreto rettorale del 2000, e recentemente “Alma mater studiorum – Università di Bologna” tornando al nome tradizionale). Sicura che non avesse niente a che fare con il clero? ma sicura sicura? Dal 1088 al Fascismo ce ne passa di tempo eh……

  16. @sabina
    STESSA CAVA??? omammamia!!! allora e’ vero ke tra fratelli si condivide tutto… io essendo figlia unica non ho mai avuto la possibilita’ d fare queste esperienze.
    cmq io t farei clonare volentieri solo ke il TUO clone nn potra’ mai dire cm fece qll d anna cicciarelli (nome d bimba se nn ricordo male)
    “mi avete fatto clonare da 1 cretina”

  17. L’Alma Mater Studiorum – Università di Bologna (UNIBO) (già Università degli Studi di Bologna) si ritiene sia la più antica università del mondo occidentale oggi esistente e una delle più prestigiose.

    La più antica università europea, lo Studium, nacque nel 1.088 come LIBERA E LAICA organizzazione fra studenti che sceglievano e finanziavano in prima persona i docenti. Essi si organizzarono in collegi per l’aiuto reciproco fra compagni della stessa nazionalità (nationes), divise in intramontani (o citramontani) ed ultramontani. Già nel XII secolo erano ben 17 le subnationes intramontane e 14 le ultramontane. A testimonianza di ciò, nel palazzo dell’Archiginnasio (che fu sede dell’Università), è presente un complesso araldico di quasi 6000 stemmi studenteschi. È inoltre attivo ancora oggi il pregevole Collegio di Spagna, certamente il più famoso tra i numerosi fondati fra il XIII ed il XVII secolo.

    Il modello bolognese si contrapponeva a quello parigino delle università di maestri legati alla Chiesa e all’autorità monarchica. In seguito lo stipendio dei professori fu messo a carico del Comune di Bologna.

    Oggi l’Università di Bologna resta una istituzione di grande prestigio ed un punto di riferimento in campo nazionale ed internazionale; è la migliore università italiana secondo la classifica “Times Higher Education the top 200 world universities 2007” nella classifica assoluta (in cui occupa il 173° posto) [3], mentre in quella relativa alle sole materie umanistiche rientra tra le prime 50 del mondo[4].

    Proprio a Bologna è stato ratificato recentemente un trattato per il rinnovo e l’armonizzazione dei sistemi universitari europei (Dichiarazione di Bologna).

    Il processo di Bologna è un processo di armonizzazione dei sistemi di istruzione superiore, nato nel 1999 quando 29 ministri dell’istruzione europei si incontrarono a Bologna per sottoscrivere un accordo, noto come la Dichiarazione di Bologna.

    Gli obiettivi sono in breve:

    la creazione di un’Area Europea dell’Istruzione Superiore
    la promozione nel mondo del sistema di istruzione superiore europeo
    l’armonizzazione dei sistemi universitari europei.

    —————–
    In ogni caso, oggi le università sono laiche e di tradizione scientifica ed umanistica da tempo, e quelle italiane fanno parte di uno stato laico, nato dalla resistenza e dalla sconfitta della dittatura.

    E’ naturale che nessun papa ne debba pronunciare il discorso inaugurale. Non ci piove. Che vada nelle sue scuole private cui lo stato laico regala troppi soldi, i governi di teo-sinistra anche più di quelli di destra.

    http://www.ottomille.it/papa_la_sapienza.html
    —————–
    Un’ultima cosa: sarebbe meglio NON rispondere a provocatori che fanno domande solo per infilarci dentro che “spari cazzate agli studenti”, che “hai bisogno di suggeritori” e schifezze simili.

    SALUTI ANTIFASCISTI anche da me.

  18. Cara Sabina Guzzanti,
    grazie millissime per essere venuta da noi all’Orientale a darci consigli.
    Non tutti lo avrebbero fatto.
    E’ stato divertentissimo anche fare l’outing, anche se mi sono impappinata un pò sul finale!! XDDDD
    Spero di non aver balbettato troppo. ^____^
    E’ stata una bella esperienza incontrarla.

    Grazie ancora ( o come direbbero in Giappone “arigatougozaimasu”)

  19. Mi dispiace solo che la Sabi si sia trovata pure a dover rispondere a ‘sti due reietti (notissimi al blog per la loro confermata idiozia), e sprecare il suo prezioso e fruttuoso tempo con esseri vuoti di idee che solo grazie a google trovano anche qualche parola da copiare-incollare, senza avere la minima cognizione di ciò che espongono, e si vede!
    Ma cara Sabi, come vedi, a lasciar troppo aperto capita che ci si trova i topi in casa…
    @ tutti gli altri: buon giorno e buona domenica!

  20. adesso capisco quanto sia stato traumatizzante per ANGEL frequentare “scuole di tradizione clericale” tra pedofili e vecchie acide suore” e stare ore ed ore in castigo sui ceci..poraccio diamogli una mano….

  21. comunque angel ha fatto una domanda in modo quasi civile, gli abbiamo dimostrato che a torto documenti e fatti alla mano, ora si è potuto ricredere. finché c’è un argomento e non si tratta di deliri si può e si deve rispondere anche se angel in altri casi casi è insostenibile quando si comporta bene io gli rispondo

  22. buon giorno sabina 🙂

    infatti… dopo l’infelice “battuta” di b ho fatto caso proprio ieri a quella immagine nei tg di questi giorni (ormai di repertorio) in cui
    obama e b. sono “affiancati”. il colore brunastro cacchetta di b spicca di gran lunga al confronto..
    e mi ritorna alla mente la gente che ormai è abbronzata tutto l’anno (come la frutta e verdura a tutte le stagioni) a spendere fior di quattrini a lampade lelle bìutifarm
    e sono soprattutto quelle persone che pensano che negro è sporco e puzza.. che paradosso.

    salute a tutti 🙂

    p.s. non vedo l’ora di vedere il tuo vilipendio,
    questi mi stanno facendo “morire” di invidia 😉

  23. Spero di trovarti ancora in linea Sabina, perchè vorrei confrontarmi su un argomento con te…
    sono da poco nel mondo dei blog e ho 21 anni, (lo dico spesso, lo so, ma lo porto quasi in mia difesa, un pò vigliaccamente), ieri ho aperto un forum sul tuo sito e non è andata molto bene, ma quello che volevo era parlare con te.
    Posso trascriverti un discorso che ha fatto ieri tuo padre per spiegarmi cosa sapeva sul caso Carfagna?

    BEATRICE, IL GIONALE ARGENTINO E’ IL CLARIN, CHE NON HO LETTO MA CHE NON HA MAI RIPORTATO BRANI DI INTERCETTAZIONI. MA LA NOTIZIA CHE ESISTEVANO. ALMENO CREDO. MARGHERITA BONIVER NON HA MAI DETTO CHE LE INTERCETTAZIONI ESISTONO: LEI POVERETTA (E’ LA MIA COMPAGNA DI BANCO) QUANDO LE CHIESERO SE ESISTESSERO LE INTECETTAZIONI HA RISPOSTO IRONICAMENTE: “MA FIGURATI! CI INTERFETTANO TUTTI E SEMPRE: SIAMO IL PAESE PIU’ INTERCETTATO DEL MONDO”, E PENSAVA DI DIFENDERE LA CARFAGNA LA QUALE INVECE E’ STATA VILLANA CON LEI: “E’ TANTO PIU’ GRANDE DI ME, NON VORREI OFFENDERLA CON LA MIA PRESENZA”.
    POI CI SONO IO CHE, COME TANTI, HO AVUTO LA VENTURA DI ASCOLTARE IL RACCONTO DI DIVERSI COLLEGHI PARLAMENTARI CHE HANNO RACCONTATO, SEPARATAMENTE, DI AVERE LETTO DELLE TRASCIZIONI, LORO MOSTRATE DA UN GIORNALISTA.
    E QUESTO E’ UN FATTO: IO LE CARTE NON LE HO VISTE, MA LE MIE ORECCHIE HANNO UDITO RACCONTI COINCIDENTI. IL CHE NON PROVA NULLA: IO NON SO SE QUESTE CARTE ESISTONO ANCORA, SE SONO AUTENTICHE O NO.
    SO CHE SONO STATE MOSTRATE IN LETTURA A DIVERSE PERSONE. HO RITENUTO QUINDI DI FERMARE LA POLEMICA NEI SUOI CONFRONTI PERCHE’ NON E’ GIUSTO CHE UNA DONNA PAGHI PER DELLE VOCI CHE NON HANNO PER ORA IL FONDAMENTO DI ALCUNA PROVA.
    INFINE LA CARFAGNA NON E’ SECONDO ME ADATTA A FARE IL MINISTRO PERCHE’ E’ UNA RAGAZZETTA ALTERA E IMPREPARATA E IL SUO PROGETTO DI LEGGE SULLA PROSTITUZIONE LO TROVO PESSIMO. COME MINISTRO DELLE PARI OPPORTUNITA’ TROVO POI IMBARAZZANTE CHE COME PRIMO ATTO ABBIA CHIASMATO IN GIUDIZIO UNA DONNA CHE L’HA ACCUSATA DI AVER FATTO CIO’ CHE NELLE FAMOSE TRASCRIZIONI

    e te lo trascrivo perchè io tra quello che dici tu in piazza navona e quello che sostiene lui non ci capisco più molto…è solo che ci si lamenta tanto delle censure e della scarsa informazione dei cittadini quando veniamo sballottati di qua e di la. Per l’amore del cielo..non dico per colpa vostra..ma dato che nessuno ci da altre notizie, ci si cerca di fare chiarezza da se.
    Grazie dell’attenzione

  24. Ciao Sabina,
    giovedì ero allo spettacolo di Firenze e ho sentito per due ore adrenalina pura. La danza calabro-indiana è stata memorabile, geniale. Credo che tu sia ormai una delle poche voci sensibili e critiche dell’italia attuale, uno dei pochi sguardi lucidi e ferocemente taglienti su una situazione che ormai è già sfuggita di mano e che porterà alla distruzione consapevolmente criminale dell’istruzione pubblica, della cultura, dell’Università: in poche parole dell’opinione civile e autonomamente critica. Voglio ringraziarti per la capacità di utilizzare le parole (il riferimento a Plauto e alla satira latina era quanto mai appropriato). Avrei voglia di supportare la tua voce in qualche modo, ma non ho molte possibilità di diffonderla. Allora l’affido a te e alla tua forza di non asservirti all’opinione comune. Al di là della politica, dei partiti e delle fazioni.
    Grazie per questi anni di coraggio.

    Silvia

  25. Sabina ho visto lo spettacolo a napoli, ti ho visto per la prima volta e credimi sei stata super, tu sei energia, tu sei un vulcano sempre attivo, tu sei lo spirito libero che tutti noi sogniamo di essere. Grazie Mi ha colpito molto una tua osservazione sul fascismo, morto dopo il dopoguerra e rinato soltanto attivatemente razzista dopo l’escesa in campo di cavalier B. Prima di allora il fascismo era morto, era defunto. Invece negli ultimi 10anni e’ ritornato. Noi italiani non abbiamo memoria storica e questo ci fara’ sempre di piu’ retrocedere. Fortuna ci sei tu, sei immensa non fermarti maiii. grazie

  26. ma ‘sta beatrice la paga la carfagna?

    personalmente le ho risposto motivando e meglio di me hanno fatto altri…ebbàsta!

    marziale, giovenale, plauto erano anche più feroci…

  27. tra le varie tonalità di bruni preferisco questa: 🙂
    dal corriere.it
    La première dame francese sulla “abbronzatura” di Obama
    Carla Bruni: «Felice di non essere più italiana, dopo le parole di Berlusconi»
    «Voglio aiutare a cambiare le élite culturali troppo bianche». Episodio di razzismo in Usa con Naomi

    PARIGI – Carla Bruni ha detto di essere felice di non essere più italiana dopo le frasi di Silvio Berlusconi che aveva definito «abbronzato» Barack Obama. La moglie di Nicolas Sarkozy a febbraio ha ottenuto la nazionalità francese. «Quando sento Berlusconi prendere questa cosa alla leggera e scherzare sul fatto che Obama è “sempre abbronzato”, mi fa strano. Lo si metterà sull’umorismo… Ma spesso, sono molto felice di essere diventata francese», ha dichiarato la Bruni in un’intervista apparsa domenica su Le Journal du Dimanche.

    CAMBIARE LE ÉLITE IN SENSO MULTICULTURALE – La première dame di Francia nell’intervista ha detto inoltre che, dato il suo ruolo di moglie del presidente, non ritiene più opportuno firmare petizioni, ma desidera impegnarsi per l’uguaglianza, aiutando le élite a cambiare. «Se fossi soltanto ’la cantante’ Carla Bruni, firmerei senza problemi il manifesto per l’uguaglianza reale in Francia, ma mi chiamo Bruni-Sarkozy e il mio nome mi appartiene meno». La modella-cantante si è però detta d’accordo con le linee generali di questo testo: «Mi sono spesso chiesta da dove veniva il blocco delle nostre società che fa in modo che siamo così bianchi, nelle élite, in Parlamento, nei circoli dirigenti (la musica, la moda sono una cosa diversa) mentre la società è un incrocio», ha proseguito, «Siamo paralizzati dalle abitudini. Il potere ha spesso avuto la stessa testa, uomini bianchi e piuttosto vecchi. Le abitudini, alla fine, diventano una sclerosi.. Mio marito non è Obama. Ma i francesi hanno votato per il figlio di immigrato ungherese, il cui padre ha un accento, la cui madre è di origine ebrea; e ha sempre rivendicato di essere un po’ un francese venuto da altrove. E anch’io non corrispondo al profilo di première dame: sono un artista, nata italiana!».

    RAZZISMO CON NAOMI – Poi Carla Bruni ha parlato di un episodio di razzismo avvenuto nel 1992 negli Stati Uniti. «Siamo stati in Sud Carolina diversi giorni per un servizio fotografico. Ma io e Naomi Campbell abbiamo sempre pranzato nella nostra roulotte, anche se lì vicino c’era un buon ristorante. Quando ho chiesto il motivo, mi hanno risposto che Naomi non l’avrebbero mai fatta entrare, perché di pelle nera. Veder vincere Obama, è stata quindi una gioia immensa».

    me l’aspettavo da lei prima o poi…

  28. Vorrei segnalare che non è possibile commentare i vecchi post e che i permalink stessi dei vecchi post non funzionano. Per “vecchi” si intendono quelli prima del restauro del blog, presumo.

  29. dall’unità 8/11/2008

    i cittadini senza fissa dimora non saranno più iscritti automaticamente all’anagrafe ma lo saranno solo, ha detto il ministro maroni, dopo la verifica “da parte degli uffici comunali delle condizioni igienico-sanitarie dell’immobile in cui il richiedente intende fissare la propria residenza”. il governo ha presentato un emendamento al decreto sicurezza. oggi, ha spiegato il ministro dell’interno leghista, “la persona che non ha fissa dimora si considera residente dove ha il domicilio e in mancanza di questo nel comune di nascita”. con la nuova norma sarà impossibile l’iscrizione all’anagrafe dei clochard, con le relative conseguenze sull’assistenza sanitaria o i servizi sociali. Quanto a chi vive in baracche o roulottes, alla pena della condizione si sommerà l’impossibilità per i bambini di frequentare le scuole.

    io aggiungo le ulteriori vessazioni che subiranno immancabilmente dalle forze dell’ordine.

    schedature, impronte, sgomberi violenti: qui siamo oltre il fascismo, mi sbaglio? (e taciamo su quello che dice cossiga….).

  30. Ciao a tutti
    e’ da un po’ che non lascio messaggi e non sono riuscita a leggere tutto, riassumo in 2 parole:
    1) sono contenta che studenti e insegnanti siano uniti in questa situazione…ai miei tempi (classe 72) non ricordo fosse successo altre volte
    2) sono contenta che abbia vinto Obama per tanti motivi, primo fra i quali e’ che secondo me rappresenta una svolta
    3) sbaglio o se ne parla poco di questo nuovo presidente Usa? pensavo avessere fatto una supercagnara……
    4)in compenso abbiamo un matto nonchè maleducato come capo…e se già prima essere rappresentata da un ignorante mi dava fastidio, che si metta anche a dire ulteriori castronate ….speriamo che succeda il miracolo e la gente si svegli!!!!

    Voi che ne dite, abbiamo qualche speranza in tal senso??? stanno facendo abbastanza cavolate per indurre la gente a ragionare????

    Mah …

    dannkall

  31. Ciao Sabina,io ho visto lo spettacolo anteprima di Fabriano. Sei stata strepitosa!!! veramente molto bello,divertente,adrenalinico…per la cronaca la nostra Sabina per più di due ore canta,balla,recita,imita dice cose scherzose in modo serio e cose serie in modo divertenti,insomma come da sempre ci ha abituati. Uno spettacolo pieno di energia dove Sabina non si risparmia neanche per un minuto….dall’inizio alla fine!! stratosferica!!!!un vulcano di informazioni e battute insieme!! due ore di assoluto divertimento,ma sopratutto due ore passate in libertà!!!
    Grazie mille Sabina per il tuo impegno nonostante le difficoltà…sei un bell’esempio!!

    P.S. anche come showgirl non sei affatto male…

  32. Sono venuta a sentirti, a vederti, a Firenzze, tu sei stata stupenda, e con il resto del pubblico mi sentivo finalmente a casa, in un posto dove la verità si dice, e gli altri non se ne dispiacciono. Grazie.

  33. purtroppo non c’ero a firenze. è il mio primo commento. sai? è dal 2001 che sono fermamente convinto che in italia ci sia la (quasi)dittatura. in un mio ‘romanzo’ del 2000 tutt’ora in correzione e che nessuno mi pubblicherà, ovviamente, l’imprendittatore ber lu cerca di ostacolare le indagini del performer Viktor Badalamenti, uno dei pochi individui refrattari agli effetti delle icone transattive di ber lu, una specie di quadri a mo’ di crocifisso che bloccano attraverso dei ‘raggi polivisivi’ qualsiasi pensiero non conforme al regime del dittatore elettrico che impianta in tutti i neonati dei chip monitorati a distanza come fossero degli accessi remoti. ber lu si serve della polizia anarchica e di avvocati-strizza cervelli che depistano l’imputato viktor rendendolo psicotico. il romanzo si concludeva con l’autore che veniva risucchiato dal romanzo e il ber lu che vinceva. caspitus! poi vedo piazza navona e questo regime dittatoriale del pensiero e mi viene da spararmi. per fortuna ci sei tu.
    beh… forse non c’entrava molto col post. ti voglio bene sabina, a presto 🙂
    ciao a tutti.

  34. – CULTURA, ISTRUZIONE, GIUSTIZIA, INFORMAZIONE, UGUAGLIANZA, ETICA DEL DUBBIO, SPIRITO CRITICO, CURIOSITÁ INTELLETTUALE

    + TELEVISIONE, RAZZISMO, SERVILISMO, SUCCESSO FACILE, DISINFORMAZIONE, IGNORANZA, PAURA, ILLEGALITÁ, CONFORMISMO, CONSUMISMO, PENSIERO UNICO

    Pensavano di trasformarci tutti in un branco di servi, veline e tronisti.

    SI SBAGLIAVANO

  35. Ciao SabnaGuzz,
    Sono contento per il fatto che il rodaggio del tuo spettacolo vada a gonfie vele e spero verrai presto con il tuo Vilipendio tour anche nelle nostre lande bistrattate culturalmente e politicamente (leggi, Lombardia in mano al Formigonade e ai Silviolenti).
    Grazie per l’utilissima lista bibliografica sul ’68 …….difatti oggi rieccheggiano i toni ultra-totalitari dei governi di allora, ed anche più in là nel tempo (quasi un ibrido tra Scelba e Bava-Beccaris!).
    Alcuni nel forum a tema libero del tuo sito credono ancora nella possibilità di far sì che nasca una nuova entità partitica in grado di far coagulare in sè la base di una sinistra più onesta intellettualmente. Personalmente sono incline a credere che la democrazia rappresentativa indiretta sia implosa da tempo, e che tentare di resuscitarla con una respirazione bocca a bocca alla francese non porti altro che un herpes perenne sul labbro e sulla coscienza.
    Prima di poter tornare a parlare di politica attraverso i partiti bisognerebbe avere l’umiltà e l’onestà di ammettere che è necessario prima di tutto costruire capillarmente una base contro-culturale e contro-informativa solida e reale, immune da mestieranti ambiziosi e velleitarii messia in caccia di voti.
    E’ richiesto un anatomo-patologo per la democrazia rappresentativa indiretta, non un qualsiasi onorevole doctor Frankenstein che afferma, senza pretendere alcun compenso, d’essere in grado di resuscitarla rovistando tra i liquami della sua carcassa putrescente!
    Tu cosa ne pensi?
    La mia tesi è un’esagerazione oppure un eufemismo?

    My Best Wishes 2 Ya, SabnaGuzz, and your staff!
    Keep goin’…….keep hopin’…….keep thinkin’…….keep fightin’

  36. Riforme, ControRiforme o TaglioRiforme? NonSoloGelmini!

    [https://sabinaguzzanti.it/forum/topic.php?id=114]

    con Sabina alle università di Napoli, Firenze, Pisa

    ciao!

  37. il FALSO problema della sicurezza – CAPORALATO DEI CLANDESTINI

    in “Razzismo ed emarginazione sociale” nel forum

    [https://sabinaguzzanti.it/forum/topic.php?id=109]

    e [https://sabinaguzzanti.it/forum/topic.php?id=85&page=2#post-943]

    ciao a tutti/e 😀

  38. (((((geeeppyyy )))))

    lunga vita e gratitudine infinita a te!! 🙂
    mi sono già sistemata a gustarmi i video
    sei un tesoro VERO 🙂

  39. il FALSO problema della sicurezza – CAPORALATO DEI CLANDESTINI

    in “Razzismo ed emarginazione sociale” nel forum

    [https://sabinaguzzanti.it/forum/topic.php?id=109]

    e [sabinaguzzanti.it/forum/topic.php?id=85&page=2#post-943]

    ciao a tutti/e 😀

  40. Carissima, sono riuscita a vederti a Napoli e sono molto contenta. La novità fulminante per me è stata quella della depenalizzazione del colpo di Stato. Mi sembra la vera cannonata dello spettacolo, la conferma di teorie e sospetti d’un colpo di Stato “gentile”(perdonami e perdonatemi l’eufemismo, anzi l’ossimoro), preso sotto gamba all’estero perchè mascherato da elezione democratica e pasticcio tipicamente “all’italiana” . é un pò che pianifico di trasferirmi nel Regno Unito (è proprio un “asilo politico” per me) e ho un pò di amici e conoscenti locali a cui vorrei spiegare la situazione italiana. Impresa assolutamente non facile, dal momento che credevo che l’informazione britannica fosse più dettagliata, invece mi hanno fatto capire che la BBC parla ben poco di ciò che non è di diretto interesse nazionale e da loro Berlusconi è più che altro dipinto come un playboy, un personaggio da macchietta. Sto tentando di spiegare, nel mio inglese buono ma non perfetto, cosa c’è dietro la facciata del clown, quindi cos’è la P2, il Piano di Rinascita Nazionale di Gelli, la situazione della nostra informazione, il livello d’ingerenza della mafia, chi sei tu, chi è Travaglio, e via dicendo…mi vedo un pò persa… girovago a caccia di informazioni riassuntive di maggiore affidabilità…poi d’improvviso mi viene in mente Antonella (!) non posso che ridere…che soddisfazione Vilipendio! é così catartico che da venerdì sera mi sento meno incaz… Grazie, Sabina

  41. Come ho scritto in un post di quel servo di Facci, quello che rende Berlusconi una GRAN testa di cazzo non è nemmeno la”carineria” in sè per sè (quella fa di lui solo una testa di cazzo), quanto il cercare di rimediare alla gaffe, facendo altre gaffes.

    Ps: Sabina ti prego ritorna all’ Orientale!

  42. URGENTE!!
    PER PIACERE PER PIACERE
    non anticipate troppo il contenuto dello spettacolo
    sbizzarritevi con le impressioni emozioni..
    🙂

  43. Sabna Guzz,
    Ho gustato i tuoi interventi a Pisa, a Firenze e a Napoli su You Tube……..magnifici!
    Però la tua maglietta con Obama mi ha ispirato a consigliarti un’immagine che andrebbe diffusa urbi et orbi, e addirittura stampata su T-shirt:

    adsoftheworld.com/media/print/tesa_berlusconi

    Risate e riflessioni a go-go!!!!!!!

  44. “Avrei voglia di supportare la tua voce in qualche modo, ma non ho molte possibilità di diffonderla. Allora l’affido a te e alla tua forza…”
    @ Silvia, mi pare un discorso comodo, e se tutti ragionassimo come te non ci sarebbe nemmeno questo blog, penso. Parlerai pure con qualcuno nelle tue giornate, avrai, immagino, uno ‘straccio’ di blog o di ‘space’ o ‘myspace’ o ‘facebook’ che dir si voglia..! E se non ce l’hai, fallo! Qualcuno lo guarderà, qualcuno ti ascolterà quando parli… Nel tuo piccolo puoi fare la tua parte, non credi?

  45. Dunque sono di lecce che, calcisticamente parlando, ha appena segnato (al 48°) un goal al milan (tiè), pareggiando. La mia piccola soddisfazione quotidiana… Ve ne volevo rendere partecipi 😉

  46. Ciao sabina, ti saluto tanto, mi sono persa lo spettacolo di Firenze, ma a quello di Cascina non mancherò. Perchè non vieni anche a LIvorno a fare una lezione in Piazza? Non c’è l’Università, ma penso che tanti studenti medi (e relativi prof.) sarebbero contenti di sentirti.

  47. x geppetto55 …..ti ringerazio per tutti in post interessanti che metti su tutte le volte…è vero…è una vergogna. che tolgano e annullino diritti già conquistati, ma almeno in america hanno fatto il referendum…qui con dei decreti legge intendono togliere diritti universali…

  48. Cara Sabina
    Ho visto VILIPENDIO TOUR a Firenze.Volevo ringraziarti per il coraggio che hai e che dai,sono uscita dalla bellissima serata con più coraggio rabbia e forse speranza GRAZIE GRAZIE GRAZIE

  49. sabi, perdona il fuori tema
    da qualke giorno seguo “parla con me” e visto ke nn ho altro mezzo ke questo x esprimere i miei + sinceri complimenti a caterina lo uso.
    e’ 1 grande quando fa la gelmini!! so ke stanno anke girando boris in questo periodo nn vedo l’ora ke ricominci…
    tu cm stai?

  50. Sabina non sono riuscita a vederti a Napoli! Mi sto ancora strappando i capelli!! SNIFF!!
    Un abbraccio immenso e buon lavoro!! Sì gross’!! 😀

  51. …..ho detto che Mara Carfagna non è il mio obiettivo che le mandavo idealmente una rosa bianca in segno di pace.
    ———————————————————————————————————————————————————
    di Paolo Guzzanti

    E come volevasi dimostrare!!

    Cara Sabina,

    quel grassoccio castarolo del tuo paparino, da perfetta mediocrità intellettuale e politica che altra collocazione sociale non troverebbe se non tra i portaborse del piduista mafioso, ha subito risposto alla tirata di orecchie degli sgherri del grande Kapo.

    Ben conscio che in Italia il piatto di lenticchie, se non gliele passasse l’incensatore di Mangano non gliele passerebbe nessuno, si è affrettato a scrivere:
    “Molti mi chiedono di dimettermi da tutto, partito, Parlamento, il Giornale per cui scrivo. Non mi passa manco per la capa, come dicono a Napoli. Il Popolo delle libertà è il mio partito e ci mancherebbe altro che io lo diffamassi andandomene, così insinuando che mancherebbe la prima delle libertà, quella di dissentire anche frontalmente, apertamente, lealmente e senza peli sulla lingua dalle idee del leader.”

    Ma il medicre omuncolo scambia il ‘dissentire’ con l’aver pubblicamente affermato l’esistenza di telefonate circa scambi sessuali tra la calendarista ed il suo protettore di Arcore.

    Ma tant’è, il protettore della calendarista è anche il protettore di Paolo Guzzanti, ed allora, sotto l’invitante profumo del piatto di lenticchie fattogli sentire da Cicchitto, papà non ha saputo resistere ed ha rinnegato quanto detto, salvo poi attribuirle ad oscure strumentalizzazioni di stampa sinistroide, nel solco della più indegna dialettica pidiellina.

    Di questo viscidume nel futuro non rimarrà neanche la più misera ombra, se non nella generale considerazione di uno dei più bui e retrivi periodi della società italiana.

    Per l’alta considerazione del tuo coraggio, che condivido con milioni di altri ‘italiani’, cara Sabina, mi piacerebbe che non ti cibassi anche tu, pur indirettamente, a queste misere lenticchie.

    Un abbraccio

  52. @tutti

    oggi x me e’ 1 giorno importante. nn sto a raccontarvi tt, dico solo ke se oggi 1 anno fa nn avessi guardato la7 nn sarei qui a scrivere ma peggio ancora avrei votato LA TESSERA P2 1816!!!!!!!!!!!!!!!

  53. GRANDISSIMA SABINA sono stato al tuo spettacolo a Napoli mi è piacuta molto anche la colonna sonora dal primo rap alla finale, che ti assicuro mi ha commosso, una tua versione di una canzone storica, che non dico per non rovinare la sorpresa, a chi ancora non ha visto lo spettacolo, . Mi trovi sostanzialmente allineato sulle tue considerazioni nei confronti di questa “opposizione” era ora che qualcuno gli desse una strattonata. Le arance non ti preoccupare le hai assicurate, ma se proprio dovesse succedere faremo come ci hanno insegnato a Rovigo. Una cosa però mi da un po’ da pensare quando hai parlato delle intercettazioni che persone delle quali tu hai piena fiducia ti assicurano di aver visto o sentito; dovrebbero esserci dei riscontri oggettivi ed inconfutabili così sembra quasi per un sentito dire e la cosa mi fa preoccupare non vorrei brutte sorprese.
    Un abbraccio forte, devo controllare se ci sono date e posti della tournee che possono permettermi di rivederti. Fai il dvd.

  54. Viva il sessantotto Sabina .
    Ero troppo giovane per parteciparvi ma ne ho sentito il profumo e assaporato i frutti poi , e vedere di come GLI fa ancora male solo il ricordo di quel periodo è la dimostrazione della sua Bontà .
    Per il presente sono un pò, molto preoccupato …. direi .
    Ricordo che TUTTI I GOLPE SONO NATI CON L’INVASIONE E LA PRESA DI POSSESSO DELLA TELEVISIONE E DEI MEZZI DI COMUNICAZIONE .
    Ora già non va bene il “Golpe morbido” che abbiamo subito e assimilato da qualche anno MA quello che ho sentito recentemente sull’invasione della rai da parte di squadracce fasciste, delle minacce e del danneggiamento dell’auto di un redattore della terza rete Rai VA ad alimentare la preoccupazione e di conseguenza le attività per approntare un valido sistema di difesa dal prossimo Golpe stile sudamericano .

  55. E’ vero!!!!!!!!!! dimenticavo un paio di cose:1) inesauribile hai tenuto il palco per più di 2 ore senza interruzioni e che c’ tien’ si dice da noi:la 2)e poi con quel capello allungato sei bellissima 3)mi era sfuggita la depenalizzazione del colpo di stato grazie per averlo detto a me e ricordato a tutti;4)bisognerebbe creare una rete di controinformazione aiutaci ad aiutarti nella ricerca etc.etc.:l’unico problema è come diffonderla;5)secondo me sarebbe giusto ed opportuno che tu tornassi in tv anche a pillole come da Santoro; potresti trovare un po’di spazio da Fazio:ho detto una minchiata???Spero di vederti spessissimo dal vivo o in tv sei sempre preziosa 6) anche la tua considerazione di espressione infelice sulle parole di Pasolini (le tirano sempre fuori tutti i politici a loro piacimento) sui fatti del ’68 a Valle Giulia sono una giusta risposta in contrapposizione anche a quest’aria di revisionismo che sta attraversando il nostro paese.

  56. @FIli63
    son daccordo con te, eccetto sul punto 5. Fa piacere rivedere Sabina in Tv ovviamente, anzi aggiungerei piu’ soesso”. Pero’ la Sabina e’ animale da palcoscenico, con il suo background che davvero fa invidia a tutti quelli che fanno tv attualmente. Vederla soltanto in pillole non sta’ bene, se ritorna in tv deve fare uno spettacolo tutto suo. Magari insieme a Corrado, sarebbe l’apoteosi. Quello che ho visto a napoli e’ stata un esplosione, ho detto eccolo il vesuvio si e’ svegliato. Dall’inizio alla fine uno spettacolo unico e indelebile, magia. Non e’ giusto apparire solo in pillole quando sei un mostro di questo genere. Ovviamente e’ una mia opinione.

  57. @luckyman:
    d’accordo che a pillole sarebbe riduttivo, ma meglio che niente… non so… per me è sempre un piacere. Uno spettacolo tutto suo con i tempi che corrono mi sembra piuttosto utopistico, non credi? Comunque andremo a teatro quando possibile e quando no magari ci accontentiamo del dvd.

  58. In primo luogo volevo dire che dare dell’abbronzato ad un afroamericano è una carineria assoluta. Chi non lo capisce è un coglione!!!
    Coglioniiii!!!!
    Coglioni non l’ho mai detto! Carineria assoluta non l’ho mai detto! Abbronzato non l’ho mai detto!
    Ho anche chiesto alla first lady se quella abbronzatura se l’è fatta lavorando nei campi di cotone! Ma era anche questa una battuta di una carineria assoluta che, tra l’altro, non ho mai detto!
    Volevo anche dire che Obama non è solo alto giovane e abbronzato e certamente superdotato, ma non l’ho mai detto… e che lo vorrei presentare a Veronica al posto di Cacciari (ch ce l’ha piccolo), ma anche questo non l’ho mai detto.
    P.s. coglioni
    p.p.s. non l’ho mai detto

  59. è che ” è un megro di merda” non lo puo dire.. e come fa? cioe lui vorrebbe ma non può. cmq si è capito no? abbronzato è come negro di merda.
    il silvio se l’è preso in culo e sta rosicando. ora non ha piu amici potenti che lo proteggono dalla propria coalizione ( la lega antiamericana e i fasci nazionalisti.) ora è iniziato il declino. vabbè si è capito obama è un negro di merda, questa è la dichiarazione politica del nano col cerone. verrà ricordato come un grande statalista..saluti antinano da me.

  60. è che ” è un negro di merda” non lo puo dire.. e come fa? cioe lui vorrebbe ma non può. cmq si è capito no? abbronzato è come negro di merda.
    il silvio se l’è preso in culo e sta rosicando. ora non ha piu amici potenti che lo proteggono dalla propria coalizione ( la lega antiamericana e i fasci nazionalisti.) ora è iniziato il declino. vabbè si è capito obama è un negro di merda, questa è la dichiarazione politica del nano col cerone. verrà ricordato come un grande statalista..saluti antinano da me.

  61. io invece venerdi mi trovavo a milano , e a piazza del duomo con microfono c’era una docente , costituzionalista ,
    che discuteva ed introduceva gli ascoltatori

    di come le contese sociali che riguardano la vita nei loro aspetti cardine di inizio e di fine , ovvero sulla possibilità della fecondazione assistita e sulla eutanasia , trovavano ampio dibattito e contesa all’interno dell’impianto giuridico ,
    e di come per alcuni casi specifici che trovano parecchio spazio tra i mezzi di informazione ,
    trovano anche parecchio spazio delle sedi giudiziarie , seguendo importanti processi giurdici che si sono concluse per questi casi con l’espressione dell’organo più alto tra le nostre istituzioni che afferma dei diritti che trovano profonde
    radici nella nostra costituzione ,a seguito di questa conclamazione irreversibile per l’impianto giuridico , è nata una forte opposizione ideologica (in questo caso cattolica) che agisce in maniera ostruzionistica;

    le mie riflessioni per quanto riguarda l’eutanasia , esistono dei casi per i quali la diagnosi di guarigione viene definita dai medici irreversibile , non vi sono possibilità di ricuperare le funzionalità mentali , e qui nasce il primo scontro ideologico che si può enunciare in due postulati : nulla è irreversibile per Dio , e Dio esiste; esiste poi la difficoltà nel realizzare la volontà della persona quando questa non può esprimerla , ma , la si può trarre da elementi fondati quando vi sono , testamento , pubbliche dichiarazioni , stile di vita , e qui il secondo scontro ideologico , la nostra volontà è assoggettata a Dio [per il testo sacro de la bibbia il versetto , sia maledetto l’uomo che confida in un altro uomo , sta proprio ad intendere che solo in dio ci si può affidare]

    sono rimasto ‘molto piacevolmente entusiasta’ di poter fermarmi in una piazza e poter ascoltare oratori di tale prestigio , invece di guardare noiosamente delle vetrine di chissà cosa , finisse la protesta , si cambiasse la legge , si ottenessero i risultati per i quali si sta lottando , ma spero certe iniziative trovino una propria ragione al di là che possa esistere un pezzo di ghiaccio che governi il ministero dell’istruzione.

  62. @ Camillozzo

    Non posso fare a meno di una citazione di Giuseppe GARIBALDI, che era molto più di un “guerrafondaio” come tanti libercoli di storia vogliono far credere…

    «Siccome negli ultimi momenti della creatura umana il prete, profittando dello stato spossato in cui si trova il moribondo e della confusione che sovente vi succede, s’inoltra e, mettendo in opera ogni turpe stratagemma propaga, con l’impostura in cui è maestro, che il defunto compì, pentendosi delle sue credenze, ai doveri di cattolico; in conseguenza io dichiaro che, trovandomi in piena ragione, oggi non voglio accettare in nessun tempo il ministero odioso, disprezzevole e scellerato di un prete, che considero atroce nemico del genere umano e dell’Italia in particolare. E che solo in stato di pazzia o di ben crassa ignoranza, io credo possa un individuo raccomandarsi a un discendente di Torquemada».
    (Giuseppe Garibaldi).

    Dunque, giacché non sappiamo come moriremo e se ci rimarrà abbastanza lucidità ed energia per cacciare a fucilate i neri corvacci di Galilea, sarà meglio che i Liberi e Fieri Gentili facciano per tempo un testamento sull’esempio di Garibaldi.
    In ultimo sarebbe un’infamia se sulla tomba di un Gentile venisse apposta una croce cristiana, l’orrendo simbolo della nefasta impostura che avvelena l’umanità da quasi 2 millenni. Consiglio invece di scrivere sulla lapide un semplice epitaffio: «Qui giace un onesto pagano».

  63. Camillozzo non ho capito da chi è stata partorita la seconda parte del tuo commento , se dall’oratore prestigioso o da te .
    In tutti e due i casi vorrei porre un domanda all’autore di quell’apoteosi mistica .
    Da dove discende la certezza che “nulla è irreversibile per dio e … dio esiste” ?
    Io ad esempio ho tutt’altre notizie .
    Se discende dal sentito dire di un prete o letto su un librone magico tramandato da pastori nomadi semianalfabeti vecchio di tremila anni , all’autore accordo tutta la mia compassione ma spero al contrario di te che ulteriori e simili dimostrazioni di scempiaggine vadano mantenute al chiuso di ambiti ristretti per lo più sacrestie o chiese più o meno di campagna dove sicuramentre potranno trovare orecchie più in grado di apprezzarle che non in piazza invece che essere predicate in pubblico .
    O almeno se proprio devono e solo per il rispetto che si ha per gli animali in estinzione , che gli sia concesso lo sproloquio solo in fascia protetta .

  64. Che “nulla è irreversibile per dio che esiste perchè esiste” è davvero un’affermazione sconvolgente .
    Wow … Potrei morire come nei videogiochi e resuscitare ad ogni game over ….sempre se …. deus vult .
    Dio ( maiuscolo solo per capoverso ) come un player one .

  65. Ciao Sabina,

    Mi complimenti in ritardo con il Berlusconi che hai presentato ad Annozero. La terza parte in particolare è stata una risata unica!
    Sabina ma quand’è che passi a Roma alla Sapienza? Ti aspettiamo eh.

    Una proposta: non potresti mettere qui da qualche parte tutti gli eventi a cui partecipi o che organizzi? Una serie di date un pò come nel sito Voglioscendere di Travaglio, Gomez e Corrias. In basso a destra c’è un elenco di tutti gli eventi a cui prendono parte.

    Non si potrebbe fare anche qui?

    Grazie e continua così! Ciao

  66. BBBBBBBanale freddura,ma son sempre di corsa…Benedetto decimoqualcosa(dotto),Bush(pisolo),Berlusconi(brontolo),Bede(Emiliolo si é fatto cambiare di iniziale x stare vicino vicino…)Bossi(bossolo),Borghezio(panciolo),Bondi(cucciolo),Brunetta(mammolo)…Biancasabina,pensaci tu…

  67. le differenze fra un berluscones ed un ”alternativo” medio per un sordo:NESSUNA! Quando stacchi l’audio sono tutti uguali…tutti con le parole muovono il vento ma di muovere le braccine han tutti spavento!

  68. io temevo i berluscones ma i miei nuovi ”nemici” sono i chiacchierones!…con le palabre si fan belli a se stessi ma con i fatti nelle schiere dei fessi…e il mondo é figlio del loro non fare,ipocriti ignavi,complici inetti ma a sentirli parlare son giusti e perfetti,han mille scusanti,impegni galanti,le ferie il concerto,se parli dell’africa o dell’amico ”sfigato” cala il silenzio,abbassan lo sguardo e poi nuovo argomento,come stà tizio,caio si sposa,la prossima estate dove si và?…e il loro sforzo per un mondo perfetto? Non votan Berlusca o non votano affatto,e poi giù di chiacchiere,l’italia fà schifo,perché fare figli,perché pagar tasse,e sei troppo buono,e il mondo e dei furbi,e gli zingari proprio non gli sopporto-non riesco,QUANTE CICALE,QUANTE,QUANTE,QUANTE!

  69. L’Italia è davvero un paese bellissimo, tutto è possibile… i ministri (…) fanno “riforme” dove credono di potere tagliare i fondi come fossero sedani, dove rifanno ogni volta daccapo la scuola (ops…con i tagli diventerà sqla) modificando ciò che forse non va del tutto male, dando il proprio tocco da ippopotamo in cristalleria e rifacendo sempre gli stessi errori, ovvero io decido senza chiedere a nessuno e poi affari vostri. Anche io manifesto e ne sono fierissimo, perchè una riforma non è tagliare le lettere e le gambe dei banchi: poi non voglio un ministro dell’istruzione che per diventare avvocato è andata in una commissione di esame al sud, da lei stessa poi sospesa, per farsi promuovere senza fare un minimo di fatica fregandosene dell’istruzione! Come si permette una persona simile di nominare anche solo la parola scuola!

  70. @ massimiliano germani

    Mi spiace ma devo contraddirti. Ma non preoccuparti, non intendo guastarti la metrica dei tuoi versi.
    Però hai torto a ritenere che un sordo non trovi NESSUNA differenza tra un «berluscones» e un «alternativo». Se non le parole, la mimica e la gestualità, di sicuro le FACCE non sono le stesse.
    Mi spiego meglio ricorrendo ad una citazione esemplare – Indro Montanelli dichiarò in un’intervista a proposito di cesare previti: «Io lo condannerei soltanto per la faccia che ha» e scrisse sul Corriere della Sera «… Perché non c’è dubbio che se fossi un addetto alla pubblica sicurezza operante in un regime di polizia, e per strada incontrassi, senza sapere chi è, l’onorevole Previti, difficilmente resisterei alla tentazione di fermarlo e d’invitarlo a declinare le sue generalità, ma solo dopo avergli applicato le manette ai polsi e chiesto come si permette di portare a zonzo una faccia come la sua. …».

    Ognuno ha la faccia che si merita, non c’è bisogno di tirare in ballo la fisiognomica, e qualcuno ricorderà, per le elezioni presidenziali, la feroce campagna denigratoria verso il presidente nixon con dei manifesti che riportavano la sua faccia ghignante e la scritta: «Comprereste un’auto usata da quest’uomo?».
    E accade poi, che nonostante qualunque persona di buon senso avrebbe convenuto certamente che mai e sicuramente mai si sarebbe fidata di un individuo con quella faccia, nixon vinse le elezioni.
    Qui le interpretazioni sono tante… c’è chi vede poteri occulti che fanno eleggere chi vogliono in una finta democrazia… e c’è chi vede nel popolo un sottile istinto masochistico per cui vota le canaglie conclamate ed è contento e appagato di vivere in schiavitù e prendersela in culo.

    Ma torniamo alle facce… Alla faccia del duce mussolini… completamente rasata e sempre più somigliante alla testa del cazzo… un gigantesco fallo oratore che si erge virile e possente a eiaculare sulle masse i potenti discorsi di guerra e di ardimento… E infatti mussolini, al termine di uno dei suoi tanti acclamatissimi discorsi alle folle “oceaniche” dirà: «La folla è femmina». A quell’epoca le femministe non c’erano… e donne o uomini erano tutti lieti e felici di farsi fottere dal duce, che, non dimentichiamolo, aveva CHIARAMENTE una faccia da cazzo.
    Anche berluskoni con la calvizie incipiente era drammaticamente consapevole che la sua natura di faccia da cazzo si sarebbe manifestata al mondo intero e, come tutti sanno, rimediò non con un ridicolo parrucchino, ma con un trapianto di peli del culo che si innestano vigorosi e inamovibili nel cuoio capelluto. Ebbene la mascheratura risulta caricaturale… la faccia da cazzo ne viene tanto più esaltata.
    E dopo il duce nano i suoi ministri di governo… da alfano a bondi… gasparri… calderoli… e tutti gli altri che Benigni li definì «facce da puntata di star trek»…

    Allora quelli che chiami «berluscones» e io chiamo servi del nano plagiati e corrotti, hanno la faccia da servi, lo sguardo fanatico esaltato, fisso nel vuoto, protervo e determinato, e sono dichiaratamente corrotti e indottrinati al “culto della merce” e al nichilismo cristiano, nessuno di loro ha la faccia di “onesto liberale di destra”.
    Mentre quelli che dici «alternativi» hanno per lo più facce normali e, specie i più giovani (per es. gli studenti che stanno tutt’ora manifestando) mostrano facce aperte, forse persino sognatrici e oneste.
    Perché le idee e i sentimenti incidono l’espressione del volto… chi è pago d’essere servo e ha in odio la libertà avrà una faccia da cazzo – chi invece ha come ideale l’onestà e una vita pacifica avrà una faccia lieta e serena. Per chi sappia vedere la realtà con gli occhi aperti è proprio così.

    Also Sprach Maleficus

  71. Madonna santa!
    Ancora ‘sto Maleducatus del cazzo!
    Redazione, per favore, per il bene dell’Umanità tutta, “bannatelo”.
    “Bannate” ‘sto cretino agitato.
    Non ha nulla da dire e quel che dice lo dice male! La bestia!
    Ma vaffanculo!

  72. @ sabina

    Purtroppo non posso contraddirti, l’anno accademico viene tradizionalmente inaugurato da professori laici per le motivazioni che hai sottolineato ed è vero che l’università più antica è quella di Bologna e non a niente a che fare con il Clero. Era doveroso da parte mia scusarmi con te.
    Dopo aver letto nel post dell’indiscusso idiota frasi come ” Mentre quelli che dici «alternativi» hanno per lo più facce normali e, specie i più giovani (per es. gli studenti che stanno tutt’ora manifestando) mostrano facce aperte, forse persino sognatrici e oneste. Perché le idee e i sentimenti incidono l’espressione del volto… chi è pago d’essere servo e ha in odio la libertà avrà una faccia da cazzo – chi invece ha come ideale l’onestà e una vita pacifica avrà una faccia lieta e serena. Per chi sappia vedere la realtà con gli occhi aperti è proprio così.” E’ doveroso per me fare presente a questo demente, che stando in tema di università di Bologna, dalle immagini di piazza dei giorni scorsi, quelli che tu descrivi come giovani studenti sognatori ed onesti, faccio presente che dalle espressioni e dal loro viso erano tutti over 30, quindi, o portano male la loro età, e la tua teoria non ha fondamenta anzi è davvero una grande caccata, come te del resto, oppure sono tutti dei fuori corso e qua ce ne stanno di cose da dire. Ad esempio che sarà frequentata quasi sicuramente solo da chi di idiologia di sinistra, abituati agli esami di gruppo, il miglior metodo per laureare anche gli analfabeti!!!

  73. “….Alla faccia del duce mussolini… completamente rasata e sempre più somigliante alla testa del cazzo… un gigantesco fallo oratore che si erge virile e possente a eiaculare sulle masse i potenti discorsi di guerra e di ardimento ” ….

    Fantastica visione Maleficus ….. ed un consiglio per un travestimento da duce per Sabina .
    Una gigantesca testa di cazzo mostruosamente sconcia .

  74. penso che germani si riferisse più che altro ai finti alternativi. è vero che il conformismo è dilagante. è vero che “gli studenti” sono una categoria o, al massimo, una somma di individui, “lo studente” è un singolo, un individuo: mentre gli studenti manifestano insieme per un motivo spesso nobile, uno studente potrebbe essere un emerito coglione. così per gli impiegati, gli operai, i lavoratori, i disoccupati etc. farsi una canna in compagnia, andare insieme ad altri ad un concerto…insomma fare cose con gli altri, anche parlare, non significa condividere idee e aspirazioni. è banale, il mondo è bello perchè è vario. è vero però che solo una piccola minoranza è interessata e co-sensibile ai grandi temi. questo già distingue la vera sinistra dagli “altri”. farsi carico e vivere con intensità i piccoli o grandi problemi che ci attanagliano, che attanagliano la società, non è da tutti e, soprattutto, implica sofferenza, credo. il mio non vuole essere un discorso elitario, sia chiaro.

  75. GLOB – L’OSCENO DEL VILLAGGIO

    Il ministro dei Beni Culturali ha attaccato duramente il programma definendolo «ributtante e volgare» e lanciando un appello al presidente della Rai Claudio Petruccioli e al direttore generale, Claudio Cappon. «È eticamente corretto – ha chiesto Bondi – che un canale della tv pubblica trasmetta trasmissioni così volgari e ributtanti? Lo chiedo – ha precisato Bondi – al direttore generale e al presidente della Rai, non con animo polemico ma con la convinzione che non possiamo non essere d’accordo nel restituire alla Rai la sua funzione di strumento di informazione e di elevazione civica e spirituale dell’intera comunità nazionale».

    PEGGIO DEL MINCULPOP

  76. Dal sito http://WWW.UAAR.IT una riprova e una riconferma che siamo, siamo stati e vogliono che restiamo, un regime di polizia con l’aggravante d’essere succube del vaticano.

    Una lettera al Presidente della Repubblica
    Lo scorso 9 settembre pubblicammo un’Ultimissima sul fermo di un giovane cagliaritano che, indossando una maglietta del gruppo punk-rock dei Bad Religion, stazionava nella zona dove era atteso il papa. Siamo ora riusciti a entrare in contatto con quel cittadino, venendo così a sapere cosa effettivamente accadde quel giorno. Lo racconta lo stesso protagonista nella lettera che inviò in seguito al Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano.

    Onorevole Presidente della Repubblica.
    Sono un ragazzo di Cagliari che ha fatto un ESPERIMENTO: QUANTO È LIBERO UN CITTADINO ITALIANO.
    Come di certo saprà, questa domenica (7 settembre ’08) la mia città ospitava il Papa. Tra l’altro era presente anche il Presidente del Consiglio.
    L’appuntamento era per le ore 10:30 davanti alla chiesa di Bonaria: praticamente tutta la città era barricata. Io uscii di casa alle 10:10 per recarmi sul luogo (a piedi e da solo).
    Avevo volutamente messo la maglietta di una storica band americana, i “Bad Religion”: su di essa vi è rappresentato il simbolo di divieto posto sopra la croce. In borsa avevo una bottiglia d’acqua e un lenzuolo con sopra scritto l’articolo 7 della costituzione. L’intenzione era di appenderlo, ma arrivato sul luogo, visto che ero totalmente solo (anche se circondato da tantissime persone) e che non ci si poteva avvicinare, abbandonai l’idea visto che era irrealizzabile.
    Non ebbi problemi ad arrivare nel “varco 1” (sul lato della chiesa, lontano e dietro al palco) ma senza uno speciale “pass” non si poteva neanche attraversare la strada dove si trovava la piazza della chiesa.
    Vedo che le gente nota la mia maglietta. Dopo pochi minuti mi vengono incontro due agenti della Digos che mi chiedono i documenti, annotano i nominativi e mi perquisiscono borsa e tasche.
    Io ero psicologicamente pronto ad un intervento delle forze dell’ordine e non discussi.
    Visto il lenzuolo mi chiedono cosa fosse, e gli risposi: “questo lo prendiamo noi” mi dissero, e io risposi che potevano anche buttarlo visto che avevo già intenzione di non usarlo.
    Mi chiesero chi ero, da dove venivo, chi erano i miei genitori, se studiavo o lavoravo, come andavo a scuola, se ero venuto e dovevo restare da solo (sì) , se avevo precedenti (no) e molte altre cose.
    Poi chiesero cosa ci facessi lì e rispondendo che ero lì per ascoltare la messa mi dissero che era una mancanza di rispetto verso chi era lì il fatto che avevo quella maglietta, io mi appellai alla libertà di pensiero e di espressione e gli spiegai che non avrei disturbato nessuno e che non stavo facendo niente di illegale, mi dissero di stare lì e io lo feci senza discutere.
    Poco dopo iniziata la messa, alle prime parole del Pontefice gli agenti della Digos mi dissero che dovevo andare, mi girai e vidi la macchina della polizia con lo sportello aperto pochi metri dietro di me, chiesi il perché e mi risposero che dovevano fare dei controlli.
    Ero un po’ stupito ma sempre calmo e rispettoso.
    Arrivato in caserma, mi fecero praticamente le stesse domande e si sorpresero del fatto che mia madre sapesse che ero lì. Dopo di che mi fecero spogliare e mi perquisirono di nuovo, mi fecero accomodare e mi dissero che era grave quel che avevo fatto, io gli chiesi cosa avevo fatto se non essere nella mia città con una maglietta politica e che ero del tutto libero di farlo. Nel mentre il telefono squillò ma non mi fecero rispondere, dopo una seconda chiamata e aver detto che era mia mamma mi fecero rispondere e gli dissi dove ero, che stavo bene e che, come detto dai poliziotti, dopo un’oretta me ne sarei andato. Passa il tempo e arriva la notizia della Digos che sarei dovuto restate in caserma sino a che il papa non se ne fosse andato da Cagliari.
    Rimasi sbigottito, continuai a parlar con gli agenti e saltò fuori che effettivamente dal codice penale non risultava alcun reato, e che comunque quel che stavo facendo non lo potevo fare. Ci tengo a dire che i poliziotti sono stati molto gentili e ospitali e non hanno commesso abusi e sono stati fatti i complimenti a mia madre quando è venuta a trovarmi perché ero educato e mi sono comportato bene.
    Dopo otto ore uscii soddisfatto del mio esperimento e ansioso di scriverle anche se mi è stata sequestrata la maglietta e il lenzuolo (quella maglietta ha almeno 20 anni, è una delle prime di quel gruppo ed ha un valore affettivo non indifferente perché me l’ha regalata un mio caro amico che si doveva fare frate).
    Il giorno dopo alle 9:00 mi sono recato alla scientifica per farmi fare la foto e farmi prendere le impronti digitali perché altrimenti ero passibile di denuncia (quindi ora sono schedato, e quindi ho perso un giorno di lavoro).
    Tutto questo era solo per dimostrare che i diritti costituzionali ormai non vengono più rispettati, contrastati da decreti e dall’ignoranza.
    Le voglio chiedere di rendere di nuovo l’Italia uno stato LAICO e di rendere alla nostra amata costituzione il suo potere e il suo prestigio perché LEI PUO’ farlo e IO NO.
    Questo è solo un episodio visto che ogni giorno si sente di dottori cristiani che non danno la pillola “del giorno dopo” o di omosessuali aggrediti o di religione obbligatoria a scuola o di lodi al fascismo o di continui attacchi alla libertà di parola (ultima la Guzzanti).
    Grazie davvero per aver ascoltato, lo apprezzo davvero. Non credo che ci sia la possibilità che lei risponda ma mi basta la conferma che lei abbia letto.
    Distinti saluti
    Firmato: un cittadino italiano

    —————–
    Come andrà a finire? Il capo dello stato prenderà atto che i diritti costituzionali sono violati dagli organi di stato che dovrebbero per primi difenderli e sostenerli?
    Mi viene la solita invocazione utopistica: SE vivessimo in un Paese Civile…
    Ma appunto, lo sappiamo bene, siamo un Paese lontano anni luce dalla Civiltà…
    E dunque Morfeo, il bell’addormentato, se mai leggerà la lettera del “cittadino italiano”, forse scuoterà la testa dallo sgomento, forse in cuor suo dirà che ha ragione, chissà? Fatto sta che non farà niente e non potrà far niente.

    Questo inequivocabilmente è segno di un regime in atto. Da questa constatazione discendono conseguenze ben precise e si possono assumere atteggiamenti diversi… dalla supina accettazione del male incombente, alla ribellione contro il nemico delle regole civili e democratiche.
    Dunque? Come andrà a finire? Quante lettere dovrà ricevere Morfeo? Quale risveglio gli dirà che non è un sogno e che sono in tanti a prendersi il diritto di manifestare il proprio pensiero, il proprio dissenso, anche sul papa, soprattutto sul papa. E che la polizia di stato si limiti a perseguire gli atti criminosi, il furto e la violenza, e mai più interferisca con la libera e pacifica espressione del libero pensiero.

  77. Senza offesa idiota, davvero toccante la lettera di questo agnellino, ma ti faccio una mia considerazione personale, se un ragazzo con una maglietta dei papa boys si presentasse ad un vostro raduno in piazza, non credo avrebbe lo stesso trattamento gentile che hanno avuto quelli della digos con il ragazzo in questione! Puoi o vuoi forse obbiettare?

  78. Minch’e para ti coddiri! (che il fallo del frate ti fotta) ti augurerebbero dalle mie parti cappone tarpato dei miei coglioni.

    A prescindere da quel cumulativo «vostro raduno in piazza» («vostro» di chi? mah?), immaginiamo della «sinistra»? gli anarchici? i dissidenti? gli atei? i sindacalisti?
    Non è chiaro… Ci sono tanti raduni in tante piazze…
    Per es. a Predappio si radunano dei buffoni mortadellari per fare una gita sulla tomba del duce con fanfare e trombette sotto lo sguardo placido e compiaciuto dei bottegai locali di estrema sinistra con bancarelle di gadget del fascio…
    Allo stesso modo non si capisce perché un papa-boy non possa andare liberamente a comprarsi il gelato nella piazza che preferisce (anche se gremita di questa imprecisata categoria del «vostro raduno in piazza» del cappone tarpato). E se vuol portare una maglietta con l’effigie del papa o del culo di padre pio, si potrà riprovare il suo cattivo gusto, ma nessuno lo importunerà per questo.

    Il limite che pongo, e che sfugge del tutto al cappone tarpato, è quello della manifestazione violenta, della prevaricazione e dell’imposizione del pensiero unico.
    E dunque se il papa-boy trascenderà questi limiti, correrà il concreto rischio di beccarsi una sberla e un calcio in culo, come si faceva un tempo con i monelli irrispettosi e discoli…

  79. Si idiota, a priscindere dal fatto che siamo sul blog di Sabina Guzzanti, e per quella piazza di cui parlavo è sottinteso fosse affollata dai sostenitori di sabina, come te credo, lo sei si o no? Sul “E se vuol portare una maglietta con l’effigie del papa o del culo di padre pio, si potrà riprovare il suo cattivo gusto, ma nessuno lo importunerà per questo.” Scusami idiota, ma rido….
    Su Predappio, ehh ti piacerebbe fosse come dici tu….facci un giretto prima di sparare idiozie…

  80. @ Maleficus

    fa specie sentir citare Garibaldi , e con quelle parole;
    un riferimento netto al Risorgimento , ed implicitamente a quell’Italia che come valori fondativi affermava, strana a sentirsi , la crescita di un paese con l’esclusione della corruzione cattolica; quello dell’epoca era un cattolicesimo che disseminava superstizione e regolamenti di vita e di mondo , tali da rinchiudere i loro abitanti , cittadini e contadini , in un obolo necessario alla sopravvivenza , vivendo in un piccolo mondo antico o anora più in quella città di nome Eboli : questi figli dell’umanità sono stati schiavi del tempo , dove vi era una chiesa che non smetteva di proclamare il dominio ed il potere temporale; ma poi venne Garibaldi , con le camicie rosse , ed il loro dio , con le sue pretese magie ed i suoi miracoli , a Porta Pia non si fece vedere; [la storia moderna , viene schematizzata dagli storici con la disgregazione dell’impero cattolico , e con la relegazione delle chiese a ruoli di culto privato , nella storia contemporanea esiste però ancora un papa che si affaccia dal balcone bianco]

    peccato che la discussione sulla formazione dei bambini , debba essere limitata e ristretta per non accendere polemiche ed evitare strumentalizzazioni e concentrarsi esclusivamente sulla questione che più fa eco , e risulta cardine e comprensibile per la maggiorparte dei cittadini : un indiscriminata riduzione di fondi , che colpisce buoni e cattivi , ladri e lavoratori , sfruttatori e costruttori ; sarebbe stato interessante se avessero potuto parlare gli esperti del settore , i pedagoghi e i maestri , e sentir magari ancora una volta sentire qualche riferimento al Risorgimento Italiano nella persona di Francesco DeSanctis , che tanto dice sulla educazione infantile e tanto dice sulla società del tempo ed ai colleghi e agli studenti : “Mi viene a ridere quando penso a tutti quei professoroni coi loro sistemi. Due buone cannonate hanno fatto fuggire le idee … le idee ci hanno piantato e ci hanno messo a servigio dei vincitori , che le fanno buscar fuori , questa o quella , secondo che loro torna …” , ” …l’istruzione … nutrita invece di nozioni e di ragionamenti , diventa una erudizione della quale molti si gloriano nella miseria …” , – mentre Villari e Gabelli in una relazione del 1887 riferiscono che i bambimini subiscono la scuola passivamente , e qualche volta la odiano perchè nelal scuola sentono <> ;
    [se non ricordo male Francesco DeSanctis fu il primo ministro dell’istruzione all’indomani del regno d’italia.]

  81. @ continua … correzione

    la frase della relazione Gabelli-Villari è la seguente ”per prima cosa , l’umiliazione di non sapere” , poi continuano con l’insegnamento verboso ed il superamento di questo tramite esperienze materiali , mentre la frase si gloriano nella miseria non è letteralmente di FDeSanctis;

  82. Cara Sabina, ti scrivo dandoti del tu perchè non sono avvezzo a convenevoli… spero non ne abbia a male.
    Scrivo solo per esprimere quanto la tua satira da 4 soldi sia deprimente…. probabilmente tu e Berlusconi avete lo stesso senso dell’humor, fate pena entrambi.
    Con la differenza che tu sputi sentenze al pari di Pino Scotto… che prove hai contro la Cafagna? mostrale al mondo, la gente non si accontenta più di parole vuote…. e poi la figlia di un deputato non è proprio una persona che deve parlare di carriera facile, non credi?
    Per quanto riguarda le manifestazioni, a me non sembrano proprio proprio pacifiche. Tanto che mi è stato impedito studenti della sinistra di prendere parte alle lezioni…. Io credo che il diritto all’istruzione sia fondamentale quanto il diritto di libera espressione, la sinistra non ha fatto altro che scrivere un’altra triste pagina di storica violenza.
    Peraltro io studio in un ateneo in cui gli sprechi sono esagerati… per ogni lezione ho 2 docenti: uno che spiega, uno che fa presenza e si limita a far scorrere le slide della presentazione video. Attrezzature comprate e non utilizzate, burocrazia inetta e fatiscente. Io faccio fatica a riuscire a pagarmi le tasse scolastiche, e vedere un utilizzo giusto dei miei soldi sarebbe perlomeno gratificante… ma a quanto pare ci sono interessi affinche le cose non cambino.

  83. @amstrod sarebbe bastato che tu ti fossi messo davanti alla televisione e non dietro,non le hai viste le immagini degli scontri?Parli di diritto all’istruzione ? con quei ragazzi avresti dovuto parlarci per capire che si tratta di rafforzare questo diritto.Un taglio indiscriminato farebbe comodo solo alla crisi che il potere economico ha favorito incrementato e sfruttato,e che alla fine ne risulterebbe l’unico beneficiario. Propongo di: cancellare ogni finanziamento alla scuola privata,in primis quella cattolica; reintrodurre l’ici ,ma solo per gli immobili di proprietà della chiesa a qualsiasi uso destinati; consentire il finanziamento della scuola pubblica attraverso l’otto per mille sottraendo la chiesa cattolica e ogni atro credo da questa opportunità

  84. da Repubblica:

    Il Vaticano alla Cassazione
    “Volete uccidere Eluana”

    —–

    BASTA!!!

    Se esistesse un “dio” questi cialtroni in gonnella sarebbero spazzati via “in the twinkling of an eye”.

    Siete il peggior DIVENUTO dell’uomo, siete i “padri” di ogni fraintendimento e di ogni sistematica violenza.

    La Storia ed una serie di “coincidenze” vi hanno “costretti” a cessare la presa fisica, diretta del corpo in quanto oggetto di vessazione e punizione. Ma siete scaltri ed infidi, anzi DOVETE esserlo proprio a causa della vostra inoppugnabile, totale inutilità sociale che vi condanna a creare quotidianamente scontro e disperazione, per rendere così “necessaria”, dovuta la vostra spaventosa presenza.

    Siete il nulla in quanto male, l’ignoranza endemica e corrutrice di ogni premessa costruttiva di vita. Vi definite “per la vita” proprio perché le siete profondamente AVVERSI, così come siete per la “VERITA'” proprio perché ne ostacolato il suo naturale decorso.

    Siete CATTOLICI, proprio perché siete SENZA vergogna, la ragione ed il dialogo vi sono OSTILI in ragione del fatto che voi avete la “verità” in tasca, anzi nel portafoglio. Non conoscete la storia, non conoscete NULLA e proprio per questo siete CATTOLICI, anzi la premessa per essere cattolici, cristiani é il NON-essere.

    Parlate di scienza, riproduzione, famiglia, rigore, proprio perché vorreste essere scienziati, prolifici, genitori e disciplinati, ma siete PIGRI, infingardi e STERILI così preferite vendicarvi direttamente su coloro che si permettono di essere creativi e prolifici senza il vostro (divin!) permesso.

    Avete bisogno dell’ignoranza e della paura, così come i “potenti” della Terra necessitano di povertà e guerre per tenere l’umanità sotto scacco, ed proprio questa ragione e condivisione disumana di intenti alla base di ogni stretta alleanza politica con TUTTI i regimi politici della Storia, (eccezzion fatta per i regimi comunisti per il semplice fatto che il regime comunista vi combatteva).

    Il cristianesimo domina la Terra, proprio perché i PEGGIORI serrano le fila, OVUNQUE, a partire dall’Italia, passando per la disastrata Africa, sino alle Americhe la “diffusione” (imposizione violenta e surrettizia) del cristianesimo ha segnato la FINE della DIVERSITA’ e delle culture indigene. Il cristianesimo così come il MARKETING ed il consumismo mercificano la Vita e MASSIFICANO, ma questo è un altro discorso.

    Siete tanto scellerati quanto viscidi e pieni di livore, il vostro attaccamento al denaro ed al potere è sconcertante e senza limiti, ma sarà proprio la vostra sete di denaro e potere a segnare la vostra FINE.

    Con le vostre fandonie annichilite le masse-idiote che grazie al “tacito” consenso dei sistemi di potere (in Italia e nei paesi più incivili e sottosviluppati questo è straordinariamente evidente), sistemi politici che vi permettono, da più di 17 secoli, di gettare il mondo intero nell’abisso di un dio servile con i potenti e devastante con i “deboli”.

    I vostri privilegi sociali, economici e politici (le vostre ricchezze incommensurabili!!) garantiti lungo questi 2 millenni dallo stretto connubio con il potere di turno vi permettono di fare ciò che più vi aggrada: confondere, mistificare gettando così l’Uomo nel terrore, nella pazzia e nella disperazione; come non ricordare bene il (seppur decadente Arthur Schopenhauer): “Le religioni sono come le lucciole: per splendere hanno bisogno delle tenebre”.

    VIGLIACCHI MENTECATTI!!

    PS
    Un abbraccio ai genitori di Eluana ed alle persone che si trovano a vivere la beffa dell’inferno soprattutto dopo aver già subito la perdita devastante di un caro.

    Mattia

  85. Una domanda inizia ad insinuarsi ……..come mai un governo(sistema) così fortemente articolato nel potere continua a pervadere con ogni mezzo laddove si annidano le risorse del consenso?
    Come mai si seguono le evoluzioni dei vari siti e blog in cui si “cerca di dissipare la nebbia”?
    Perchè continua indefessa l’azione “troll” (che io preferisco definire oculata strategia di dissimulazione dei fatti e contro-controinformazione) ad opera dei noti e non, ma sempre individuabili per le loro caratteristiche filologiche e dialettiche?
    Sarà mai che la “sensazione del potere assoluto” inizia a vacillare?
    Sarà mai che l’ipertrofia dell’io che caratterizza questa fase “dell’uomo della provvidenza” sta virando in un senso d’impotenza talmente devastante che potrebbe far accellerare gli eventi?

  86. @pasquino50

    Ciao Pasquino,

    mi permetto di commentare quanto riporti.

    Non me ne volere, non voglio offenderti né tanto meno irretirti (ecc), ma quanto scrivi è decisamente errato, ora mi spiego:

    “..come mai un governo(sistema) così fortemente articolato nel potere continua a pervadere con ogni mezzo laddove si annidano le risorse del consenso?”

    In primo luogo i “governi”, sono da tempo entrati in CRISI, proprio perché il loro potere da circa 2/3 decadi va vacillando: la famosa CRISI dello STATO-NAZIONE (vedi Z. Bauman ad esempio). Ovviamente crisi significa anche deregulation e smantellamento del welfare (i famosi tagli, ecc). Gli stati come segnalano molti sociologi (non quel ci@ltrone di Alberoni, ovvio) cercano di ripristinare il loro RUOLO, mostrando i MUSCOLI, vedi non a caso le politiche ossessive rivolte al tema RIDICOLO della sicurezza e della rappresentazione teatrale degli sbarchi dei migranti (es. Lampedusa). Con la globalizzazione poi questa CRISI dello Stato-nazione si è accentuato proprio perché i nuovi sistemi finanziari-economici sono SOVRANAZIONALI. In poche parole sono le grandi coorporantions a comandare.

    “Sarà mai che la “sensazione del potere assoluto” inizia a vacillare?”

    I grandi studiosi, filosofi del XX secolo, hanno già decretato la FINE del potere assoluto (sovrano) a partire dell’età cosiddetta dei “lumi”, che segna a sua volta l’inizio dell’età DISCIPLINARE, dove il ruolo dell’uomo, del corpo e dello SGUARDO (sorveglianza diretta e continua dell’operaio, del giovane, del malato, del carcerato, dello scolaro) avranno un significato CENTRALE nella costituzione in sostanza di quello è considerato NORMALE ed ANORMALE.

    PS
    Consigli studio e letture di sostanza, la vera RIVOLUZIONE è sempre e solo CULTURALE (non intendo nozionistica, ovviamente!!)

    Tschüß
    Mattia

  87. CiAo Sabina …
    Sono stata al tuo spettacolo venerdì sera a Napoli.. e sei stata semplicemente MITICA!!
    Una vera forza della natura..
    E’ sempre stimolante vedere che c’è gente ancora disposta a difendere la propria intelligenza che i signori politici ultimamente offendono in continuazione con la sola loro presenza..
    Più che una serata per divertirsi è stato un attimo di riflessione.. si è riso certo , ma davanti alle cose dette c’era da piangere per lo scatafascio in cui si trova l’italia grazie alla mente di pochi eletti…
    Mi auguro che sempre piu persone acquistino consapevolezza e la finiscano di bersi tutto cio che il governo con l’aiuto di tv e giornali cerca di farci credere…
    SABINA SEI FANTASTICA….
    “La libertà la si difende prendendosela!!!!! “

  88. la maggioranza parlamentare ed il governo italiano costituiti da fascisti, affaristi e razzisti.
    l’opposizione di sinistra distrutta, per colpe proprie ed altrui.
    l’opposizione parlamentare, salvo eccezioni, consociativa, clericale, industrialistica.
    l’informazione pavida ed asservita ai poteri dominanti.
    il sistema bancario nelle mani di condannati, mestatori e parenti di persone inquisite per gravi reati .

    la conseguenza è che le norme più abiette passano nel silenzio e nell’acquiescenza generale con la scusa dell’emergenza sicurezza e della crisi globale:

    distruzione della scuola pubblica con l’emanazione di norme che ci riportano indietro di 50 anni e che tagliano la classe insegnante e amministrativa per decine e decine di migliaia di posti.
    schedatura di polizia per zingari e clochard con perdita del diritto all’assistenza sanitaria e accesso ai servizi sociali e scolastici, classi differenziali per stranieri, rinnovo permessi di soggiorno tassati esageratamente (200+75 euro) , multe per gli irregolari iperboliche (da 5000 a 10000 euro) + fino a 18 mesi nei centri di detenzione.
    ci sono poi altre cosucce orribili che tralascio per evitare di essere prolisso

    individuiamo una serie di soggetti forniti di siti e indirizzi email (politici, banche, giornali e servi del potere in genere) e tempestiamoli con messaggi di opposizione e resistenza. cerchiamo di coinvolgere e mobilitare una serie di soggetti attivi sul web: creiamo una rete nella rete!

    ORGANIZZIAMOCI!

  89. sabi ti ringrazio in quanto milanese (provincia) dell’avviso su marco. purtroppo nn riusciro’ ad andarci. ma siccome 1 amica ke abita a genova c ha preso i biglietti la’ c andro’ a marzo (x inciso se c fossi andata qui da lui o da te sarebbe stato cn lei ma purtroppo in questo periodo siamo 1 po’ incasinate tt e 2)
    c credo ke e’ imperdiblie. cm le racconta lui qll cose…
    andate su you tube e digitate “marco travaglio cactus” c’e’ da rotolarsi dal ridere

  90. che ridicolo,ma perchè dobbiamo sempre fare la figura dei poveri peracottari nel mondo? (Sto commentando con ritardo la battuta di Berlusconi). Ma perchè non si dà al canto, che gli piace ,o al cabaret? Non erano bastati Gasparri e Calderoli che dopo la vittoria dell’Italia nel 2006 dissero più o meno: “i francesi hanno perso perchè sono una squadra di extracomunitari negri, noi abbiamo vinto perchè tutti italiani”. In America ci vedono arretrati in stile stati del Sud prima della guerra civile.Sabina torna ad imitare Berlusconi, quello vero mi mette la depressione.
    Un saluto, baci

  91. Cara Alice, se Silvio dovesse dedicarsi al cabaret ci metterebbe poco a oscurare quel pessimo comico figlio di papà che è la Guzzanti (ma che torni a imitare moana Pozzi, forse l’unica cosa che gli riusciva bene).
    Se la Guzzanti invece dovesse prendere il posto di Silvio, saremmo già in bancarotta al pari dell’Argentina…. è facile fare satira da 4 soldi e parlare quando non si hanno responsabilità. Il caso Carfagna insegna.

  92. @ Sabina sei geniale.Io però detesto la battaglia contro l’indulto di travaglio .Seguo anche con interesse i suoi interventi ,ma la considerazione svanisce appena parla di giusizia e di indulto.Con il giustizialismo che esprime nei suoi interventi incrementa lo stato di paura che ha caratterizzato e deciso le ultime elezioni.La sicurezza è una grande parola,ma il significato?Arrestiamo tutti?,come stà facendo il governo del nano che ha già arrestato alcune persone che manifestavano contro la discarica stanchi dell’avvelnamento che hanno subito loro e il territorio; un uomo che ha abbandonato una vecchia cucina per strada e, a sentire il servonordista maroni si accingono ad arrestare anche chi manifesta contro lo strozzinaggio della cai e commette “l’orrendo crimine “dell’interruzione di pubblico servizio.Bisogna invece fare una distinzione e favorire la riabilitazione di persone che si sono macchiate di reati comuni(penso ad esempio alla legge 309/90 sulle droghe e successive irragionevoli modificazioni)favorire l’inserimento di persone stanche di subire la giustizia per distinguere finalmente i criminali dalle vittime,affinchè un giorno si possa svuotare pacificamente,si spera, il parlamento intero .Solo così si aumenteranno le fila di chi crede nella giustizia ,Oggi invece abbiamo magistrati riicolizzati dal potere del nano ,che si accaniscono con interpretazioini irragionevoli contro i soliti deboli probabilmente per esercitare un potere che solo dai deboli è riconosciuto oltre che subìto.Mi piacerebbe Sabina sapere come la pensi tu riguado a questa nuova strategia del terrore che con il pretesto della sicurezza ha seminato paure contro il terrorismo,l’extracomunitario,il tossico,il barbone,per approvare una serie di restrizioni alle libertà individuali ,annullando la concezione del libero arbitrio ,un pensiero che sembrava una certezza …qualche anno fà.

  93. Grande, brava, geniale e sopratutto bella…
    il Vilipendio tour non si può perdere…ho visto Sabina ieri sera… alla fine dello spettacolo mi è rimasto il magone.. due ore sono volate…
    non perdetelo…..!

  94. Scusa Benni, ma non sono d’accordo con quello che hai scritto su Marco Travaglio. Lui non incrementa assolutamente lo stato di paura, e fa benissimo quando esprime le sue considerazioni sulla giustizia e sull’indulto (voglio chiarire che, per quanto lo stimi profondamente, non prendo per oro tutto ciò che dice e quindi non sono pro-Marco a prescindere) perché l’indulto non è sicurezza, l’indulto è maggiore delinquenza nelle strade. Chi sta portando avanti questa politica del terrore sono gli stessi politici e i loro servi di giornalisti, perché gli fa comodo ovviamente.
    Il significato della giustizia non è “arrestiamo tutti”, o almeno di certo non lo è per Marco Travaglio.
    Ovviamente sono disgustata per quello che sta facendo questo governo, e per questa falsa sicurezza che ci vogliono propinare. Per fare un esempio banalissimo: arrestare le persone a Napoli perché lasciano rifiuti ingombranti in mezzo ad una strada e però far lavorare i TAPPI MAFIOSI in Parlamento. Ma vabbè, mi fermo qua…volevo solo esprimere il mio dissenso per la questione di Travaglio

  95. Peppe grazie no, non lo perdo! Vado a vederla a Pescara questo sabato 😉

    @ benni: io credo che Travaglio faccia solo il suo lavoro da ‘informatore’, solo quello, non sono d’accordo sul ‘giustizialismo’. Si occupa di un altro settore, questo sì, diverso dal problema che legittimamente sollevi tu, che anche quello esiste ed è diffuso. Ma tante sono le contraddizioni della giustizia in sè, e molte sono sicuramente da rivedere e da ‘riformare’, ma non secondo la loro convenienza, ma secondo il buon senso… e non credo che la cosa possa accadere con cotanto governo, che invece prende direzioni opposte e opportunistiche (ma è storia vecchia). P.S. Hai sentito la storia dell’Ilva? Hai firmato?

  96. @ antonella e lilly Dovete sapere che a differenza di ciò che ci fanno credere attraverso l’informazione retorica e pilotata dei mezzi di informazione ,nelle carceri non c’è nessuno di quei mafiosi corrotti descritti da dipietro e travaglio.I criminali sono in parlamento e nessuno di loro ha usato l’indulto per uscire dal carcere semplicemente perchè non c’è mai entrato.l’indulto non ha salvato nessun politico dal carcere,ma le leggi ad personam del nano confezionate dal suo esercito di avvocati-deputati.Una consistente popolazione carceraria ha usufruito dell’indulto e una picccola parte è tornata a delinquere.La stragrande maggioranza ha usato questa possibilta per reinserirsi nella società,non dare loro questa possibilità significa condannarli all’illegalità,.Io non sopporto sentir dire- certezza delle pene- certezza di chi ? di cosa?,i poveracci sono certissimi di scontare le loro pene.La popolazione carceraria è formata per due terzi da gente che ,se avesse avuto i soldi per un avvocato ,non sarebbe mai stata arrestata.dipietro e travaglio mettono tutti sullo stesso piano mentre io penso che ci sia una profonda differenza tra chi ruba per mangiare o per comprare qualcosa al figlio che non si può permettere,e chi approfittando del proprio potere politico o economico si appropria con ogni mezzo di capitali anche a rischio di rovinare migliaia se non milioni(quando si tratta di politici) di persone .Ho sentito che la regione d’accordo con comune e provincia obbligherà ,con una legge regionale , riva a rispettare i limiti di emissioni di diossina,chissà che non riusciamo finalmente a prendere coscienza e ribellarci ,considerato che a quanto pare ci tocccherà lottare contro il governo centrale che,come si sà,si batte a livello europeo perchè si cancellino i limiti di sicurezza per favorire l’ilva,il cui proprietario riva fa parte anche della cai .L’ilva di taranto come strategia della tensione si accinge a mettere in cassa integrazione 2400 operai,questa mossa servirà per avere i finanziamenti dall’amico nano,per abbattere i limiti di emissioni con il pretesto della crisi internazionale,e per fare dimenticare per sempre i morti sul lavoro,meglio rischiare di morire di infortunio all’ilva che morire sicuramente di fame a casa.

  97. Benny, non capisco quando dici “a differenza di ciò che ci fanno credere attraverso l’informazione retorica e pilotata dei mezzi di informazione ,nelle carceri non c’è nessuno di quei mafiosi corrotti descritti da dipietro e travaglio”…Se per “mafiosi corrotti” ti riferisci ai politici, Marco Travaglio sostiene proprio questo: i criminali lavorano in parlamento proprio grazie a leggi “ad personam” che gli permettono di non scontare pene per i propri reati. Chi mette tutti sullo stesso piano sono i politici, non mi pare che Marco Travaglio porti avanti questo tipo di comportamento (basta leggere qualche suo intervento passato).
    Per quanto riguarda l’indulto, è risaputo che fu fatto per agevolare i politici…In ogni caso forse non mi sarò spiegata bene, ma non sono contro l’indulto perché salva i politici (o almeno non solo), ma ho detto che sono contro l’indulto perché per me equivale a maggiore delinquenza nelle strade…
    Tu dici che una piccola parte è tornata a delinquere, questo lo dici perché avrai sentito delle statistiche suppongo. Io ti rispondo che ci sono anche statistiche che smentiscono ciò, quindi né io né te possiamo basarci su questi “fantomatici” studi: i media sono politicizzati. A questo punto potresti dirmi “allora perché credi che l’indulto equivale a maggiore delinquenza nelle strade?” io ti rispondo dicendoti che, se anche non fosse così, è una realtà di fatto che viene applicata indistintamente sulle persone…un esempio? Non so se hai mai visto “Amore Criminale”. In una puntata si parlò di un uomo che uccise MOLTO FEROCEMENTE la moglie. Beneficiando dell’indulto, non scontò gli ultimi 3 anni di pena ma data la pericolosità dell’individuo si riuscì a farlo internare. Non ricordo se dal 2006 o dal 2007 (vabbè, poco importa) era libero e la stessa polizia sostenne, nell’intervista fatta, che si dovevano prendere assolutamente dei provvedimenti perché era un uomo ESTREMAMENTE PERICOLOSO.
    Questo era solo un esempio, ma spesso si parla di persone che dopo aver beneficiato dell’indulto tornano a delinquere.
    Vogliamo non prendere in considerazione questo svantaggio? Ce ne sono tanti altri:
    Provoca rallentamenti e problemi nelle attività della procura, costi inutili e la giustizia italiana diventa ancor meno credibile di quanto non lo fosse già. Vogliamo far reinserire queste persone nella comunità? Sono d’accordissimo, ma perché ciò non si potrebbe fare coinvolgendo il condannato in attività sociali, retribuite anche magari? In questo caso i vantaggi dovrebbero essere maggiori rispetto agli svantaggi (a differenza dell’indulto).

  98. @antonella 87,io non credo che indulto significhi più delinquenza per strada,devo fare però una premessa,io parlo per esperienze “purtroppo “personali.La stragrande maggioranza di gente che ho incontrato nelle carceri(e non faccio l’educatore , ero dall’altra parte delle sbarre)è gente povera ,sfortunata e beffata dalla vita .Quando dico informazione pilotata dico che su una popolazione carceraria di mille persone circa(dove dovrebbero essercene 400) come il supercarcere di taranto(sai che a taranto è l’unica cosa che abbiamo super dopo la benzina)i due terzi si sono macchiati di reati minori per la maggior parte relativi all’uso di droghe .Pensare seriamente alla sicurezza significa a mio parere fare una netta distinzione tra quei due terzi e i criminali del programma che hai citato.Sicurezza significa anche dare a tutti la possibilità di vivere nel rispetto delle regole,perchè se le persone si emarginano e si escludono dalla società,non si farà altro che allargare le fila della criminalità,che al contrario non emargina nessuno .Per quanto riguarda le carceri siamo sulle orme del sistema americano,carceri piene di poveri e i ricchi criminali fuori,noi abbiamo fatto il salto di qualità li mandiamo in parlamento così che possano fare leggi più restrittive.A riprova di tutto ciò qualche tempo fa era stato inserito un emendamento,non ricordo assieme a quale legge che avrebbe previsto l’impunità per coloro che avevano gestito in maniera fallimentare grandi società compromettendo capitali di piccoli risparmiatori ,per fare qualche esempio,cirio parmalat alitalia ecc.Questi sono i criminali,coloro che non si fanno scrupolo di mandare alla rovina migliaia di persone,risparmiatori e operai , raggirate dalle loro proposte truffaldine,non quella povera donna che ha rubato 50 euro di carne(se non ricordo male) da un supermercato di merda considerato che l’hanno fatta arrestare,io sono dalla parte di chi ruba nei supermercati nondi chi li costruisce rubando.Con l’indulto nessun politico è uscito dal carcere semplicemente perchè nessuno mai(meno che mai dall’avvento del nano)c’era entrato.Qual’è secondo te il vantaggio maggiore ,tenere in carcere tutti per essere sicuri che i pochi non possano tornare a delinquere,o farli uscire(parlo sempre e soltanto di reati minori,escludendo a priori quei criminali che hai citato prima e che io nel garantismo più assoluto penso che in alcuni casi di colpa evidente non dovrebbero nemmeno essere arrestati ma consegnati ai familiari della vittima)dicevo o farli uscire e isolare chi torna a delinquere.Rallentamenti e ingorghi nelle procure,hai ragione sarebbe bastata l’amnistia;costi inutili azzerati con l’amnistia ,per la credibilità della giustizia dovremmo prendere a calci nel culo il nanetto di arcore e poi riparlarne.Ho incontrato gente che era stata arrestata per furto d’uva,di ottone,di portoni condominiali in anticorodal,videocassette,parmigiano,carne,ecc.Se questa è la sicurezza che ci propongono è solo perchè vogliono dare una impressione di giustizia che non c’è.

  99. @ benni, io per tutto quello che dici sono con te, pienamente, abbiamo molte cose in comune e anch’io sono più per chi ruba nei supermercati per mangiare piuttosto che con chi li costruisce rubando. Riguardo l’indulto anch’io appoggio, credo in una seconda possibilità per tutti (chi è senza peccato…), però mi fa rabbrividire il fatto che poi nel calderone capita che se la scampino quelli che ‘costruiscono rubando’. Travaglio credo che faccia del suo meglio per quello che lui combatte, mi pare che anche lui quelli che ‘costruiscono rubando’. E poi se non mi posso fidare manco di quello che dice lui… mamma-mamma, tremo…
    Il nemico è lo stesso, e per ora mi basta, non vedo alternative

  100. Benny, anch’io penso che nella giustizia italiana esiste la regola del “due pesi, due misure”. Come te penso che sia davvero ingiusto che arrestino persone per piccoli reati (come ho già scritto in un altro messaggio, faccio l’es. delle persone arrestate a Napoli per deposito di rifiuti ingombranti) e poi chi davvero dovrebbe essere condannato a pene molto lunghe, resta impunito…Sono completamente d’accordo con te quando dici che propinano una sicurezza che in realtà non c’è (l’ho scritto già precedentemente), ma non credo assolutamente che l’indulto sia una valida soluzione.
    Purtroppo il sistema giudiziario fa acqua da tutte le parti e l’indulto (che come ho detto porta comunque degli svantaggi ), in un sistema del genere (secondo me) aggrava solo la situazione.
    Dovrebbe essere modificato tutto: pene ADEGUATE ai reati, tempistica dei processi molto più breve, LEGGE UGUALE PER TUTTI e tanto e tanto altro ancora…e assolutamente sì, reinserimento dei condannati nella società…ma nel metodo con cui io ti ho detto perchè se proprio devo accettare l’indulto, dev’essere rivisto e rivisto mille volte dato che così com’è ora a me non sta bene.
    (Piccola precisazione: essere contro l’indulto non significa non credere in una seconda possibilità per tutti).

  101. @lilly e antonella 89 . La mia idea utopista è quella di abolire le carceri,ma quella è un’altra storia, occorrerebbe cambiare le coscienze che è idea ancora più utopista.Bisogna innanzitutto capire che i signori impuniti ,che si nasondono in parlamento sotto sembianze di gente per bene ,compiono contemporaneamente due azioni: depenalizzano reati finanziari(cioè i reati di ricchi che hanno grandi poteri economico- legislativi);contemporaneamente per sedare il bisogno di sicurezza ,che con abili mosse loro stessi hanno esasperato,inaspriscono le pene per i reati di gente che la giustizia la subisce veramente.In questo modo abbiamo chi finisce in carcere per piccoli reati perchè non si può permettere l’avvocato e chi si può permettere non solo più avvocati ma addirittura può farli eleggere perchè possano articolare e approvare leggi che garantiranno l’impunità loro e dei loro “affiliati”.Quando travaglio si accanisce contro l’indulto non fà certo danno ai politici corrotti e mafiosi che in carcere non ci sono e non ci finiranno mai se continuerà l’ impero del loro nanopadrone,và contro invece decine di migliaia di persone che hanno già subito il danno di vedersi infliggere pene irragionevoli e sproporzionate all’offesa.

  102. Benny, riguardo le carceri anche io avrei alcune idee non tanto dissimili dalla tua, ma come hai detto “quella è un’altra storia”.
    Per quanto riguarda l’indulto e Travaglio…beh…la pensiamo diversamente. Mi pare anche inutile continuare a parlarne: io rimarrò della mia opinione e tu della tua.
    Au revoir…

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here