Home Politica JOBS ACT

JOBS ACT

CONDIVIDI
Ministro Poletti

Il PD, acronimo della più comune fra le bestemmie, vara il JOBS ACT.
Il primo governo di sinistra-sinistra abolisce tutti i diritti dei lavoratori

Chi dice che il Pd non è di sinistra forse non ha letto la riforma.

Foto Fabio Cimaglia / LaPresse.12-03-2014 Roma.Politica.Conferenza stampa dopo il Consiglio dei Ministri.Nella foto Giuliano Poletti..Photo Fabio Cimaglia / LaPresse.12-03-2014 Rome (Italy).Press conference after the Council of Ministers.In the photo Giuliano Poletti
Foto Fabio Cimaglia / LaPresse.12-03-2014 Roma.Politica.Conferenza stampa dopo il Consiglio dei Ministri.Nella foto Giuliano Poletti..Photo Fabio Cimaglia / LaPresse.12-03-2014 Rome (Italy).Press conference after the Council of Ministers.In the photo Giuliano Poletti

La possibilità di controllare cellulari e tablet dei dipendenti e di usare le info a scopo disciplinare o comunque come meglio piace all’azienda.

Dopo l’abolizione dell’articolo 18 d’altra parte, tanto valeva agevolare le imprese nel riconoscere le idee politiche dei dipendenti senza dovere aspettare che sobillino uno sciopero prima di licenziarli ad esempio, ma le possibilità che apre la riforma sono tanto ampie che è impossibile oggi immaginarle tutte.

E si moltiplicano tenendo conto che in buona parte si tratta di una legge delega che quindi il governo può aggiustare alla bisogna, senza ripassare per quel pantano che è il parlamento dove ognuno vuole dire la sua.
Il comune denominatore di queste riforme, il lato positivo è che comanda uno solo e si decide in fretta. Il lato negativo che quello che comanda è un mentecatto.

Però a dire il vero tutto i TG hanno sottolineato una un leggera stretta sul caporalato,
i dirigenti direttamente legati alle mafie non possono picchiare i dipendenti
ovviamente dai maltrattamenti è escluso lo stupro che deve essere considerato anzi un onore.

Solidarietà a chi ha dato due euro per votare Renzi alle primarie. Capiamo come vi dovete sentire.

Commenta questo post

4 Commenti

  1. Concordo su tutto Sab!Ma poi io che come titolo sono sia educatrice che pedagogista sto sempre studiando e il prossimo anno conto di ri iscrivermi all’università..siamo bistrattati!Lavoro come educatrice ma sottopagata e grazie a Renzi le cose nn migliorano!Dobbiamo lottare ogni giorno e nn mollare mai!Sai cosa mi dà forza?Il sorriso e la gratitudine dei bimbi che seguo!

  2. Quando leggiamo in prima pagina titoli del tipo ‘Matteo Renzi seduce Cernobbio: disco verde da Ghizzoni, Gros Pietro, Polegato…’ ci viene quasi da essere d’accordo con Monti, che ha recentemente dichiarato ‘Il mio governo è stato più di sinistra di quello di Renzi.’ (sic!)

  3. ….mi sembra di aver capito, che la possibilità di controllare cell, tablet da parte del datore di lavoro, sia solo su quei dispositivi che vengono forniti dallo stesso datore di lavore al fine di compiere un lavoro….ma non su quelli ad uso personale.

    a mio avviso non c’è tutto quella preoccupazione paventata….poi tutto è discutibile e tutto migliorabile.
    un bacio!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here