Home Come ne venimmo fuori tour Intervista a Repubblica sullo spettacolo “Come ne venimmo fuori”

Intervista a Repubblica sullo spettacolo “Come ne venimmo fuori”

CONDIVIDI
Intervista a Repubblica

” Il neoliberismo viene spacciato come un sistema di regole per la salute dell’economia. Invece è un’ideologia elaborata da persone ben connotate politicamente per accentrare la ricchezza nelle mani di pochi, che sfrutta cinicamente i disastri, le guerre, come spiega Naomi Klein in Shock economy “.

Questa è una parte dell’intervista che ho rilasciato a Repubblica, dove svelo qualche segreto in più sullo spettacolo ” Come ne venimmo fuori​ ” il cui tour partirà da Cascina il 22 Ottobre.

Siete pronti a viaggiare nel tempo?

CLICCA QUI PER LE ALTRE DATE DEL TOUR

Repubblica intervista Sabina Guzzanti

Commenta questo post

15 Commenti

  1. Nel 94 iniziava la serie dei governi berlusconi; pensavamo, dovrà pur finire, tra vent’anni sarà solo un vergognoso ricordo, solo un ricordo… e invece… ci ritroviamo con un altro soggetto politico (?) senza alcuna cultura pubblica, senza nessuna intenzione di servire il sociale, se non per gesti autoreferenziali. Tra venti anni perché dovrà essere diverso, ci sarà un altro caporione, non abbiamo più speranze.

    ps
    ammazza, quanto sono ottimista!

    • stiamo lavorando sulla sardegna, sai tutti quelli che facevano teatro vero, non commerciale, hanno passato dei guai a causa del neoliberismo appunto, bisogna trovare nuove strade. ci vuole un po’ di pazienza

  2. non ci posso credere, quelli di Repubblica ti hanno chiesto: E la speranza? Muahahahah!!
    Comunque, bella intervista, Sabina! In bocca al lupo per lo spettacolo!

  3. Buongiorno Sabina, non ho visto il film sulla “trattativa” e leggo dello spettacolo teatrale autoprodotto. Lavoro in un comune della provincia di Ancona e credo che la lungimiranza e la disponibilità dei giovani amministratori eletti recentemente potrebbero assecondare il mio desiderio di averla ospite almeno per una delle due opzioni, film o spettacolo. Il tearo di cui disponiamo non è molto grande ma ben attrezzato o magari si potrebbe pensare all’esterno. Non so nemmeno se questo è il mezzo e il modo più ortodosso per prendere contatti con lei, ma m’è venuto in mente di provare e l’ho fatto. Se ci sono altre possibilità di entrare in contatto con lei non esiti a comunicarmele, per piacere. Nel frattempo accetti un caro saluto e un forte incoraggiamento, per quello che può contare, umano e professionale da chi la segue e la stima. paolo pirani

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here