Home Satira Corso di satira prime istruzioni

Corso di satira prime istruzioni

CONDIVIDI
Cinemapalazzo satira

Corso di satira prime istruzioni

Carissimi, avete risposto in tanti. Talmente tanti che l’idea di fare i colloqui domenica è diventata impraticabile. quindi facciamo così. Per il 13 vi do dei temi. Voi ne scegliete uno o più d’uno e ci lavorate ciascuno nella forma che preferisce: corsivo, vignetta, monologo, filmato, canzone, mimo o quello che vi pare.

Manterrei due linee: una più sulla satira politica, quindi un commento alle notizie, ai fatti, a quello che si sente in tv, l’altra sull’osservazione della realtà: l’università, i gruppi politici, il posto di lavoro, l’autobus eccetera.

Per la satira politica vi do dei temi larghi: crisi economica, fine del berlusconismo, ruolo delle opposizioni. Potete limitarvi a costruire una o più battute, potete lavorare sulle notizie o su come vengono raccontate, potete affrontare i temi anche molto liberamente, anzi più siete liberi e meglio è.

Potete raccontare il tutto dal punto di vista di un bambino, di un animale, potete immaginarvi d’essere un deputato, un usciere del parlamento, quello che vi pare.

Se vi limitate a fare una battuta per la prima lezione pure va benissimo naturalmente.

Stessa cosa per chi sceglie di lavorare sulla satira sociale o di costume.

Si può impersonare qualcuno, si può fare un racconto semplice, quello che volete. l’importante è cogliere i caratteri, svelare qualcosa nelle relazioni umane, nei meccanismi di potere, di conoscienza, di aderenza o alienazione dalla realtà.

L’importante è che ci sia un punto di vista, che quello che dite venga dalla vostra osservazione sul serio e non siano luoghi comuni. opinioni per sentito dire.

Questo vale anche per la satira politica naturalmente. Più le osservazioni sono personali e più valgono.

Domenica 13 quindi cominceremo alle 18 con una parte teorica e a seguire analizzeremo il vostro lavoro per cominciare a collegare la teoria alla pratica.

Non vedo l’ora di vedere che combinate. Mi raccomando divertitevi bene!

Sabina

Commenta questo post

35 Commenti

  1. L’attuale premier ha detto che non si preoccupa dei dissidenti; ora li chiama uno per uno e con le sue capacità di convincimento, e li riporterà all’ovile. E questa è cronaca.
    b: Allora, chiedimi tutto, fuorché il culo… eh eh
    d1: 5 milioni di euro e un posto da sottosegretario.
    B: bene, Verdini segna. Avanti il prossimo.
    Chiedimi tutto, fuorché il culo eh eh.
    D2: Sono una donna, non te lo chiedo il culo. Comprami un appartamento al centro di Milano e posto di sottosegretario.
    B: Bene, Denis, segna. Avanti il prossimo…
    D3: Io voglio che mi paghi le escort sino a quando regge il Governo.
    B: Ma no, ti dirotto qualche olgettina, che già sta in busta paga da me… altro?
    D3: … e un posto da sottosegretario.
    B: Bene, Denis…
    Verdini: … sono finiti i posti da sottosegretario.
    D3: … allora da ministro…
    B: bene, denis…
    Verdini: sono finiti i posti da ministro.
    D3: …allora dammi 10 milioni di euro e stiamo pace.
    B: … e qual’è il problema? Ti piazzo in una decina di commissioni, ti pago delle trasferte, dei mandati e rietriamo nei conti.
    D3: e chi vole fatica’?
    B: Non è che devi fare niente. Io segno e tu riscuoti.
    D3: No, troppo faticoso. Staccami un assegno da sette milioni e chiudiamo qui.
    B: Bene, passa dal mio maggiordomo e fagli segnare, spese di gestione palazzo Grazioli, che poi le scarico dalle tasse come sede distaccata della p. del Consiglio.
    Avanti il prossimo. A me Socrate, Platone e Cicerone, nell’arte del convincimento mi fanno una pippa…

  2. Per chi se lo e’ perso:

    http://www.youtube.com/watch?v=6kCEoCBQC3w&feature=channel_video_title

    La ragazza dei draghiribelli finalmente dice la cose come stanno, vorrei aggiungere una cosa.
    Della Valle fulminato sulla via di Damasco? Ci sono ancora persone oneste fra gli imprenditori? In 30 secondi di Google si scopre che nei moduli CV della Tods c’e’ l’opzione “disponibilita’ a stage”. Un minuto di sospensione del giudizio, e vorrei chiederle: qual e’ il rapporto assunti / precari / stagisti nella sua azienda? E’ disposto a togliere questa opzione e sostituirla con contratti a tempo determinato (pagati)? Lo veda come un investimento ad alto rischio: scoprira’ i temutissimi nullafacenti sono una minoranza e invece trovera’ ottime professionalita’ di ragazzi che a gratis non possono lavorare perche’ non paga mamma’. Idem per la conversione dei determinati in indeterminati. Si impegna convincere i suoi amici imprenditori onesti a fare lo stesso? In maccheronik “put your money where your mouth is”, e ci convincerai
    PS
    Il filo rosso che io ci ho visto e’ stato l’effetto surreale del B.-pensiero in mano a dilettanti. Dalle “astute” strategie di convenienza politica ridicolizzate dal fatto che non riesci a trattenerti dal vantartene, a “devo essere esclusa perche’ sono la moglie?” (cfr. il cognato di Bertolaso deve lavorare in Svizzera?), all’avvertimento “quando arrivano le arance…”, per culminare con la lavagna che dimostra il modo migliore per confutare la macchina del fango e’ metterla in mano ai mediocri

    @Sabina Aspettiamo i video delle prossime lezioni di satira! 🙂

  3. bene bene mi fionderò sul satireggio social-anticlerical-ateisticheggiante snobbando con grosse levate di sopracciglia la satira politica (ormai sui social network e’ sindrome wannabe spinoza man .. il che è ok, ma dopo un pò stanca).
    Non mi cimento sul politico perchè non vorrei mai una sorta di palestra di conformismo sulla riva opposta. Per esempio trovo assurda adesso questa cosa dei draghi ribelli. Occupy questo e occupy quello può essere anche una sigla simpatica ma bankitalia e draghi non c’entrano assolutamente niente col casino in cui siamo, Draghi è stato tra i pochi in questi anni a lanciare l’allarme sui redditi troppo bassi, sull’italia fanalino di coda in tutto, ecc., chi si legge le relazioni di draghi degli anni passati si accorge che ha detto cose di assoluto buon senso (nel mentre gli italiani se ne fregavano e continuavano a votare chi li derubava). Perchè adesso sarebbe draghi il problema non l’ho capito (a meno che non si ripeta la solfa di banchecattive-stati-stranieri cattivi-europacattiva che fa molto propaganda leganord). A parte l’assurdità di prendersela con Draghi trovo da paese dei balocchi l’idea di fondo di Occupy per cui .. “ragazzi ho un’idea bellissima per i debiti. Non li paghiamo. (wow)”. riguardo l’obiezione per cui Draghi va messo tra i cattivi per la lettera di Bce che chiede sacrifici, tagli a pensioni, privatizzazioni, licenziamenti. Vorrei chiarire. se tagliano le pensioni (tipo quella della moglie di bossi) è ok, se licenziano chi è entrato nel pubblico (tipo infornate clientelari di alemanno) è ancora ok, se privatizzano la rai di minzolini mi va benissimo. Insomma, protestiamo/occupiamo/satireggiamo ma non difendiamo lo status quo. saluti.

  4. MA QUI FUNZIONANO SOLO LE MAIUSCOLE O MI SI è ROTTA LA TASTIERA’ COMUNQUE LA COSA MI INTERESSA MOLTO MI DICO SEMPRE UN SACCO DI BATTUTE SOCIALI O POLITICHE CHE SIANO,ASPETTO IL 13 NOVEMBRE

  5. lo scrivo qui perche’ non saprei dove altro scriverlo……
    ma e’ normale che appena ho provato ad entrare sul sito mi e’ apparso un messaggio con scritto che se lo avessi visitato anche una sola volta il mio computer avrebbe potuto anche autodistruggersi praticamente……???? oltretutto quando ho scritto che non me ne fregava niente mi e’ stato chiesto se ero sicuro di ignorare l avviso. strano strano molto strano……(non funzionano le minuscole scusate..)

  6. A me appena connesso mi si apre una finestrella che dice:
    stack overflow at 32 (più o meno).
    Clicco su ok e proseguo…

  7. Eh, ma com’è che a me non appare niente? Che sono il figlio della gallina nera? Anch’io voglio il messaggino minaccioso uanbomber di ingresso… lo esigo!
    Anche a rischio di cliccare il tasto enter e farmi scoppiare la tastiera sotto le dita. 🙂

  8. Sabina, solo per te, ti scodello una battuta che mi è venuta stamattina dopo essere andato a correre.
    Stavo ragionando su cosa mette in pericolo l’organsmo umano quando aumentano di numero: i RADICALI LIBERI.
    uha uha uha

    Berlusconi ha detto, ci sono i numeri per questa maggioranza. Dato che alcuni hanno abbandonato, è evidente che si sia assicurato l’appoggio dei radicali, come loro stessi avevano fatto intendere, dato che si sentivano liberi di decidere. Del resto si sa quanto siano dannosi i radicali liberi!!!

    eh eh eh

  9. … c’è solo un modo per contrastare i radicali liberi, che vogliono appoggiare questo governo, formare un gruppo di responsabilità nazionale che si chiami OMEGA 3.

  10. Confermo anche a me appare messaggio web
    Starck over flow at line: 32. Da sempre , da quando hai rinnovato il sito . Poi clicco ok ed entro.

  11. “La maggioranza c’è, Abbiamo controllato con certezza matematica che ci sono i numeri in parlamento”
    Al che Scajola, che credeva il contrario, sorpreso, ha comunque detto che sono numeri risicati.
    Poi si è scoperto l’arcano, Siulviolo ha calcolato la maggioranza usando lo stesso pallottoliere che servì a Verdini per contare un milione di partecipanti alla manifestazione del pdl in piazza San Giovanni. Ancora non lo aveva buttato…

  12. Alfano, se ne è accorto. Con il pallottoliere in mano, rivolto a Verdini: “Ma che gli hai dato?” E Verdini: “‘Mbe’, come tu voi che quello calcoli, con la calcolatrice?”
    Alfano, al capo: “Padre nobile fondatore ” (ormai lo chiama così, con la speranza che lo diventi sul serio e si tolga dalle palle), padre nobile fondatore, il pallottoliere è rotto, ci mancano una pallina delle decine e quella delle migliaia conta due zeri in più… sono sbagliati ic alcoli. Stiamo sotto”.
    Silvio: “Accipicchia, porca troia, dài, Anfgelino, non dire niente. Tanto quelli ci credono, e si cagano sotto…”

  13. e’ VERO,QUESTO “STACK OVERFLOW AT LINE:32” APPARE DA
    QUANDO è STATO RINNOVATO IL SITO.
    nON HO BEN CAPITO COSA SIGNIFICHI,HO GUARDATO SU WIKIPEDIA
    E C’ERA UN POLPETTONE CHILOMETRICO CHE POTEVA LEGGERE
    SOLO UN INFORMATICO…
    fATTO STA CHE BASTA CLICCARE SU OK E TUTTO FUNZIONA.

  14. Silvio: “se la mia maggioranza crede che ho i numeri, ci penserà due volte prima di votarmi a sfavore, rischio estromissione dagli incarichi. Se l’opposizione crede che ho i numeri, non chiederà il voto di fiducia, per non rischiare di fare l’ennesima figura di merda—
    Impara, Angelino, ti servirà per quando sarai grande. Io uso il metodo Lavitola. Quella buon’anima di Lavitola, andava da uno importante e gli diceva di essere amico intimo di un altro ancora più importante, che non conosceva per nulla. Allora quello importante, che poco prima non sapeva manco chi fosse Lavitola, si lusinga, per convenienza, di farsi amico un amico di uno molto importante. Lavitola si intasca questa virtuale amicizia e va da quello più importante, che aveva spacciato per amico intimo, e gli dice che lui è amico intimo di quello di prima; quello più importante, basandosi su questa presentazione, si ammorbidisce e diventa “amico” di Lavitola. Il quale in seguito, tornando in contatto con quello meno importante, si ripresenterà sempre come amico di quello più importante, e nel frattempo i due importanti incontrandosi, hanno avuto conferma che entrambi conosco a Lavitola. ma credendo ognunno che l’altro è più amico dell’altro, di Lavitola. E così Lavitola, diventa amico di tutti e due a loro insaputa. Questo in fondo è un poco il gioco dei faccendieri, che si fanno il denaro sul nulla. “

  15. Ed anche per questa settimana, con i miei esercizi di … satirologia… satiriade… satirica… satirisi… satirità… satiriulà… satirìa… satiriasi… vada per satiriasi… sto a posto…

  16. Ancora un’osservazione, sul metodo Lavitola… per chi ha studiato statica, sa bene che questo metodo somiglia molto alla risoluzione delle strutture isostatiche e iperstatiche mediante i lavori virtuali.

  17. Fare al più presto quello che ci chiede l’Europa. Solo così si esce dalla crisi.
    A parte il fatto che cercare la soluzione al disastro finanziario, riproponendo lo stesso modello economico che l’ha causato, ci lascia perplessi (ci dicono che però non c’è molto tempo, quindi non ci sono alternative, o il tempo di pensarle).
    Ma, leggendo le interessanti opinioni controcorrente, rispetto all’attuale vulgata politico-mediatica, di Canfora e Rossanda, riportate da Micromega ( http://temi.repubblica.it/micromega-online/cittadini-o-sudditi-dei-mercati/ ), riflettevamo anche sul concetto di democrazia, che emerge.
    Si parla di democrazie occidentali. Democrazie perché si vota.
    E’ il popolo che sceglie.
    Per il resto? La politica sarebbe qualcosa di più, che mettere una ics su una scheda una tantum.
    Sì, ci lasciano giocare, talvolta.
    Ma quando la storia si fa seria, le decisioni si prendono altrove. Il popolo, sì lo stesso che vota, non è abbastanza adulto. Il popolo greco avrebbe risposto al referendum solo con l’emotività (non si diceva lo stesso per i nostri referendum di primavera?). Qui serve la testa, non la pancia.
    ‘I popoli se ne stiano buoni, la massa deve rimanere amorfa e manovrabile, e la si può usare solo per richiedere un consenso a decisioni già prese altrove.’
    Stiamo parlando di una crisi economica, si parla di finanza, di soldi. Il popolo non può capire, deve solo pagare.
    ‘La democrazia non conta là dove si tratta di soldi. Sui soldi si decide da soli, fra i più forti, e in separata sede. Davanti ai soldi la democrazia è un optional.’

    P.S.: aspettiamo contributi video del corso di satira per i fuori-sede 😉

  18. Bene che il sito è tornato a posto. sull’esercitarsi, io secerno satiriasi nel twitter @bagnascodice, fake twitter del cardinal bagnasco. Spero vi piacqua.
    riguardo al commento democrazia-europa-debiti, sperando di non andare fuori tema (che il tema qui resta come satireggiare, non decidere chi ha ragione su questo o quell’argomento) è un aspetto molto serio, tuttavia dire: la bce non è democratica mi ricorda tanto silvio che dice ‘i pm non sono eletti dal popolo quindi silenzio’. Purtroppo non è questione di essere sudditi dei mercati. Non dovevamo fare i debiti, non dovevamo affidarci a politici clientelari che compravano il consenso coi debiti. Disegnare un euroburocrate cattivo che dall’alto vuole succhiarci il sangue mi sa di capro espiatorio. Anche sull’argomento condoni che vengono fuori ad ogni strage, i condoni non sono venuti dall’alto, gli italiani hanno votato e rivotato chi faceva condoni, chi prometteva illegalità e scorciatoie, e ciclicamente chi obiettava veniva zittito con a) siamo eletti dal popolo famo come ce pare – B) con ambiente-etica-trasparenza-ocosecosì non si mangia – (ci sarebbe anche un punto C. ..cattoFatalismo?). Insomma per indole non dò la colpa al ‘sistema’ ma a responsabilità individuali e individuabili, e un satireggio che cavalchi un capro espiatorio facile non mi divertirebbe. My two cents ovviamente. Saluti.

  19. Grazie Stef, che gentile!
    Giuro che stavo proprio pensando in questi giorni in cui sono stata off line – per causa di forza maggiore – di scrivere che amo questo blog, perché il livello delle discussioni che leggo, anche quando non ne condivido le opinioni, è altissimo.
    A confronto, la maggior parte di quello che si legge sui giornale e si vede in tv, sembra elaborato da bambini di terza media.

    In bocca al lupo ai giovani satiri satirici e un grazie di cuore a Sabina e a tutti quelli che ci mettono il nome e la faccia…:-))

  20. Scuola: i genitori devono portare la carta igienica a scuola , la merda la mette il governo.

    PS E’ una mia vecchia battuta….

  21. PD in Piazza san giovanni. Tranquilli gli agenti delle forze dell’ordine: sanno che in caso di carica non ci sarà opposizione.

    ps Questa è di domenica scorsa.

Rispondi a Stef Cancella la risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here