Home Politica BANCHE, LADRI E IL MADOFF DEI PARIOLI

BANCHE, LADRI E IL MADOFF DEI PARIOLI

CONDIVIDI
Banche Ladri Madoff sabina guzzanti

BANCHE E LADRI

IL MADOFF DEI PARIOLI

Nel 2011 ho appreso di essere stata truffata insieme ad altre centinaia di persone. Credevo di avere investito i miei risparmi e invece i miei soldi erano scomparsi.

Cosa c’entrano le banche in questo caso?
La ragione per cui era impossibile per chiunque capire che ci fosse qualcosa che non andava, è che un certo Torreggiani che si occupava di trovare le vittime, aveva un attestato ricevuto dalla CARISPAQ, oggi imputata nel processo.
Dubito che la Carispaq sarà condannata e dubito soprattutto che riceveremo un qualche risarcimento.

Oltre all’angoscia di aver perso i soldi su cui contavo per vivere si è aggiunta la gogna mediatica.
La mia foto è stata per giorni in prima pagina sui tg nazionali e su tutti i giornali che hanno lasciato intendere che anziché vittima fossi in qualche modo colpevole.

Faceva più comodo raccontare la storia come un gruppo di ricchi speculatori a prescindere dalle cifre investite e da chi fossero veramente le vittime.
Faceva molto comodo colpire me per dimostrare il MAFIOSISSIMO teorema per cui avremmo tutti degli scheletri nell’armadio e nell’animo fossimo tutti ladri.

Ma io non ero né ricca né ladra. Semplicemente non capivo nulla di economia anche perché la cosa era avvenuta nel 99 prima della crisi e prima che si capisse cossa fossero queste operazioni.

Avevo solo appena portato nelle sale DRAQUILA dimostrando che le centinaia di giornalisti che erano passati nella città distrutta, avevano avuto ordine di tacere e a quell’ordine si erano attenuti.

L’unica che aveva fatto un servizio veritiero era stata la BUSI al TG1 che dopo quel servizio è scomparsa dal video (video delle dimissionie non essendo, evidentemente, sufficientemente ammanicata, non ha avuto nemmeno la patente di censurata, che oggi vale oro ed è diventata pure quella oggetto di lottizzazione.

Resta il fatto che i truffatori io li ho denunciati e anche grazie alla mia testimonianza gli hanno dato 13 anni, sempre che nei gradi di giudizio successivi non glie li tolgano.

Commenta questo post

2 Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here