Home Politica Abbonatevi a “Il Fatto Quotidiano”

Abbonatevi a “Il Fatto Quotidiano”

CONDIVIDI
ABBONARSI IL FATTO QUOTIDIANO

 

ABBOnarsi A IL FATTO QUOTIDIANO

ABBONARSI A IL FATTO QUOTIDIANO e  sostenere la libera informazione

ABBONARSI A “IL FATTO QUOTIDIANO” – Ci siamo. Il conto alla rovescia è cominciato. A settembre, finalmente, avremo un giornale nuovo, libero, tutto nostro. Un giornale eccentrico, rispetto agli altri. Un fatto nuovo. Perché?

1) Racconterà i fatti, fin dalla sua testata. Darà la notizia, le analisi e i commenti che gli altri non danno, o nascondono. Parlerà dei temi che gli altri ignorano.

2) Non avrà padroni: la società editoriale è composta da alcuni piccoli soci, compresi noi giornalisti, che partecipano con quote equivalenti a un progetto comune: un quotidiano fatto solo per i suoi lettori. Senza vincoli né sudditanze ai poteri forti, politici, finanziari e industriali, che usano i giornali per i loro interessi.

3) Non chiederà né avrà finanziamenti pubblici concessi da questo o quel partito.

4) Nascerà solo se avrà dei lettori interessati ad acquistarlo, e a leggerlo. Nel paese dei giornali senza lettori, mantenuti in vita dai contribuenti, anche e soprattutto da quelli che non li comprerebbero mai, noi faremo il nostro giornale soltanto se avremo un numero di lettori sufficiente per mantenerlo in vita.

Per questo vi chiediamo di abbonarvi subito: il prezzo della nostra libertà di informare e del vostro diritto di essere informati dipende dal numero di copie che i lettori acquisteranno in edicola, ma soprattutto dagli abbonamenti che raccoglieremo prima di partire. Più abbonamenti, più libertà.

Il nostro giornale avrà 16 pagine, tutte a colori. Uscirà sei giorni a settimana, tranne il lunedì. Sarà un giornale di carta e un giornale web. Sarà diretto da Antonio Padellaro. Avrà una redazione di giovani agguerriti. Si avvarrà di un gruppo di firme, di inviati di punta e di autori satirici (a cominciare da Sabina) che hanno condiviso con noi la lunga battaglia contro il regime berlusconiano, senza sconti per un’opposizione troppo spesso complice. Li scoprirete via via nell’apposito spazio “AnteFatto” che creeremo presto su questo e altri blog e siti amici. Con tutte le indicazioni per abbonarvi e diventare subito soci fondatori del nostro giornale (ricevendolo per posta, possedendo un coupon da presentare in edicola, scaricandolo in rete dopo la mezzanotte, e così via).

Nell’attesa – che sarà breve – dell’AnteFatto, ecco i riferimenti dell’ufficio che fin da oggi riceverà le vostre prenotazioni per l’abbonamento: telefono 02-66506795, fax 02-66505712, mail dettofatto@ilfatto.info

Vi terremo aggiornati, di settimana in settimana, delle prenotazioni raccolte. Sarà dura, ma tutti insieme ce la faremo. Dipende da tutti voi, anzi da tutti noi. ABBONARSI A IL FATTO QUOTIDIANO

MARCO TRAVAGLIO

 

ABBONARSI A IL FATTO QUOTIDIANO – AGGIORNAMENTO

ABBONARSI A “IL FATTO QUOTIDIANO” e  sostenere la libera informazione

Segnatevi questo numero: 2500.
Sono le prime persone, i primi di voi, che prima della mezzanotte di ieri sera avevano scritto una mail a dettofatto@ilfatto.info per abbonarsi subito o chiedere come fare e quanto costa. Il telefono e il fax del service che raccoglie le prenotazioni sono andati letteralmente in tilt, impreparati a un simile bombardamento di entusiasmo. Ora ingaggeremo un piccolo call center per evitare di lasciarvi in attesa e per questi pochi giorni vi preghiamo di utilizzare la mail. Entro una settimana circa avremo anche pronto l'”AnteFatto”, cioè una sorta di antipasto del giornale che verrà, all’interno del nostro blog.
Per i tanti che hanno manifestato l’intenzione di abbonarsi subito, sulla fiducia, senza attendere l’uscita del giornale (su carta e online) stiamo predisponendo una tariffa superscontata, riservata a chi si abbonerà per un anno intero entro luglio.
Molti di voi si sono detti interessati a diventare anche azionisti. E’ un’altra bella sorpresa che renderemo praticabile al più presto. Vi terremo informati giorno per giorno su questo blog, nella mia pagina facebook e su tutti i siti e i blog amici. Grazie ancora di cuore.Pubblio l’appello di Marco Travaglio per la campagna abbonamenti al “IL FATTO“, un giornale giornale. Di quelli scritti per noi e non per la pubblicità, di quelli che si leggono per capire che succede, non per farsi dare una manipolata a destra o un po’ più al centro. ci pensate che sogno potere andare in edicola senza essere umiliati? Qualcosa si muove nella discarica… e non sono bacarozzi.

Commenta questo post

23 Commenti

  1. credo sia un’iniziativa irrispettosa e un colpo basso nei confronti del nostro presidente del consiglio, il quale non se lo merita.. non ora.. insomma, non è più un fanciullo in erba.. sta già facendo uno sforzo immane per governare l’italia piuttosto che fare il papi.. ehmm.. volevo dire il nonno a tempo pieno e gli vogliono creare un altro nemico da combattere..?? magari un altro mezzo capace di creare ulteriore scopiglio nella famiglia berlusconi o addirittura il divorzio di uno dei suoi figli.. non mi sembra giusto.. non ha più le forze per farlo..

    Ps stupidaggini a parte.. sarà un piacere andare dal giornalaio e poter dire senza vergogna “voglio il fatto”..!

  2. detto…fatto!! era ora, un giornale libero!!
    x i post precedenti, so di essere O.T. ma scrivo qui che ho poco tempo
    1) si è vero saby, sono tutti preoccupati a parlare di gossip, che sia cronaca-gossip (vedi franzoni, garlasco..) che sia politica-gossip (vedi noemi, gaffe di silvio e bla bla) sembra che agli italiani dopo 30 anni di mediaset interessino più le vicende da novella 2000 che i contenuti politici, anche perchè se uno prova ad avvicinarsi alla politica nel senso vero si trova di fronte ad una serie di commi, articoli e versi tipici della regione politicoburocraticaitaliana…ha ragione Gramellini in un suo articolo, si si tutti a vedere le battute del premier sulle veline ma a queste riunioni, tipo confindustria, confesercenti dal lato pratico e politico realmente che ha detto?? si sa?
    no non se ne parla, tipo il referendum tutti a dire voto si e voto no ma la gente ha capito che cosa vota?? se la lega invece di boicottare l’accorpamento del referendum avesse almeno spiegato perchè era contro…non so poi tutto questo mi puzza tantissimo…in 1 anno la stampa estera ci ha massacrati x colpa di berlusconi e adesso spuntano a 2 settimane dalle elezioni gli editoriali con i titoli del times, del pais e gli articoli tradotti sui più importanti giornali italiani; uguale x la vicenda mills, la sentenza è di febbraio ma erano tutti troppo presi dalle dimissioni di quel pagliaccio di veltroni, ora mi domando perchè solo adesso? perchè di colpo?? le risposte che mi sono data sono 2, la prima è che forse vogliono farlo passare x martire, effettivamente dieci gg prima delle elezioni x chi crede in lui è una comprova di persecuzione politica la seconda è che forse forse tuo padre ha proprio ragione, insomma si sa da tempo che il nano aspira al quirinale…o no? sono forse una complottista doc??
    2) NON VOTERO’ MAI PD CASCASSE IL MONDO finchè è sempre il solito rimpasto di scout e democristiani corrotti, c’è bisogno di gente con le palle e che faccia opposizione, ma vera!!!!! mi è arrivato un depliant x il candidato alla provincia di Torino (nonostante ci sia scritto bello grosso sulla buca delle lettere “no pubblicità soprattutto elettorale grazie”) bhè che dire…stesso programma del pdl, inceneritori, centrali nucleari, si è guardato bene dall’aggiungere la Tav, perchè se no metà piemonte se lo sbrana ma alla fine rientra cmq nelle grandi opere, una chicca è il risanamento di tutte le scuole medie superiori, già, a Rivoli qche mese fa era crollato il soffitto di un liceo ed era morto un ragazzo, quindi x propaganda le altre scuole non le guardiamo ma i licei si, ma che cazzo vuol dire scusate??…che lo voto a fare? perchè magari il pd è più clemente con l’immigrazione? basta sono stanca di votare il meno peggio e sicuramente non ricorrerò al voto utile per non avere berlusconi…per la provincia non voto, va abolita! x le europee voterò demagistris, sonia alfano e vulpio, che almeno la legalità venga ripristinata!!
    i rifondaroli e compagnia bella si fottano, hanno perso il mio voto da tempo e più mi guardo intorno con lo scatafascio che c’è in giro e più mi chiedo dove sono???
    i verdi idem! la lista civica beppegrillo di Torino, poteva essere un ottima cosa, io tra l’altro sono una delle fondatrici ma ho trovato la stessa pasta, le stesse situazioni e allora come dicono i miei amici napoletani c’ne iamm a ffancul!!
    un bacione bella saby e aggiungo che tuo fratello nei panni di dipietro è eccezionale!!!

  3. bellissima idea.io sicuramente lo comprerò.per abbonarmi vorrei avere maggiori informazioni sinceramente e sapere bene chi scrive e come sarà impostato.è comunque un’ottima sorpresa e sono curiosa di vederlo.
    date un’occhiata a questo video.la preoccupazione degli inglesi per le candidature di berlusconi sembra essere maggiore della nostra!

    http://www.youtube.com/watch?v=kJIwlT0rB2M

    p.s. questo finesettimana a roma, critical mass.

  4. @carole

    subito dopo aver letto la notizia ho pensato anche io quello che hai scritto tu!! poi ho approfondito e il direttore Antonio Padellaro è un giornalista che non si è fatto mai soggiogare dai poteri forti e di partito, non conoscevo molto di lui… ho approfondito su internet e nn mi dispiace. Oltre a Travaglio dovrebbero anche scrivere Colombo e Gomez….. e sopratutto tanti giovani giornalisti non ancora appecorati al sistema.

    Voglio sostenerli!!!!

    Il Fatto avrà grande forza se sarà sostenuto da tanti abbonamenti… questa volta compro a scatola semi chiusa!!!

    P.S. non credo che Travaglio & c. piazzeranno la rubrica delle sorelle parodi!!!!! andiamo abbastanza sicuri!!!

  5. Punto n 1
    La legge sul finanziamento pubblico dell’editoria è una legge giustissima ed altamente democratica. Senza di questa, infatti, in Italia ci sarebbero solo i giornali di Berlusconi, il Corriere della Sera e Repubblica…Azzerzando così di fatto presenza democratica di punti di vista differenti espressi da giornali che anche se hanno pochi lettori rappresentano comunque l’espressione di una determinata eria politico culturale che rappresenta una parte del paese….Capisco che siete tutti molto inclini a rincorrere le grillate di turno, ma vi prego, se ci lagnamo continuamente della poca libertà d’informazione non possiamo poi permettere che chiudano il Manifesto, L’unità e tutti i giornali di sinistra….Forse i vari Grillo eTravaglio ne vorrebbero decretare definitivamente la morte, ma dopo queste ultime elezioni dovranno ricredersi perchè il loro amico Dipietro verrà doppiato dai voti della sinistra radicale….(e Montanelli era un fascista di merda….)
    Punto n 2
    Il Fatto è una scommessa persa in partenza, mi dispiace constatare che i suoi ideatori non abbiano il polso del paese reale, che non legge, che è ignorante, che guarda i reality, uomini e donne, che è permeato dalla cultura del familismo mafioso, del clientelismo affaristico….Poi non credo che ci sia spazio editoriale per un’altro ennesimo giornale che di certo dovrebbe andare a pescare a sinistra i suoi lettori, la dove c’è un’affollamento di offerta editoriale inutile, perchè chi è di sinistra o legge l’Unità o legge il Manifesto, non va in edicola a comprare ” l’Altro” o “il Fatto”….

    Io rimango fedele al mio MANIFESTO che resiste

  6. ah, bene! chissà se in questo nuovo “spiraglio di luce” saranno ripetute le passate invettive di Travaglio sulla commissione Mitrokin… chissà se verranno dette le stesse cose di paolo guzzanti (e di brunetta)…

    ps. forse sabina potrebbe nel frattempo spiegare o rispondere alle critiche in materia… dico forse, eh…

  7. Finalmente oggi una.. anzi due buone notizie!!!!!!!! 🙂 ..dopo una mattinata pesantissima di incontri con la parte più becera dell’umanità…. da scapparsene in un punto qualsiasi del Cosmo!
    Marò un po’ di ossigeno!!!
    quasi certamente mi abbonerò, tutto dipende se riesco a trovare un recapito postale, visto che dove abito non c’è questo servizio e la mia casella postale è parecchio distante da raggiungere quotidianamente. in qualche modo mi organizzerò!!!!

    2^ buona notizia (la riporto per intero):
    (AGI) – Roma, 29 mag. – Confermato dalla Cassazione il
    proscioglimento del giornalista Marco Travaglio, in relazione
    ad alcune frasi, contenute in un articolo pubblicato nel 2007
    dal quotidiano ‘L’Unita”, ritenute diffamatorie da Fabrizio
    Del Noce. La quinta sezione penale della Suprema Corte ha
    infatti dichiarato inammissibile il ricorso dell’ex direttore
    di RaiUno contro la sentenza con cui, nel dicembre scorso, il
    gip di Roma aveva disposto il non doversi procedere nei
    confronti di Travaglio e di Antonio Padellaro, all’epoca
    direttore del quotidiano, “perche’ il fatto non sussiste”.
    “Nel provvedimento impugnato – spiegano ‘gli ermellini’ –
    e’ stato sottolineato come i fatti riportati nella loro
    storicita’, ossia le scelte di Del Noce relative
    all’eliminazione del programma di Biagi, alla conduzione del
    Festival di Sanremo, allo spostamento a tarda serata del
    programma di Arbore, fossero veritieri”, percio’, “non puo’
    valere il riferimento al messaggio che detta narrativa avrebbe
    trasmesso al lettore, rappresentato dall’essersi posto il
    direttore della rete televisiva Rai uno al servizio di
    Mediaset: siffatto messaggio – si osserva nella sentenza 22659
    – siccome costituisce un giudizio consequenziale a fatti reali,
    assume rilievo ai fini penali solo qualora venga superato il
    limite della continenza”.
    Riguardo, poi, alle espressioni ‘lombrico’ e ‘noisette’,
    utilizzate nell’articolo e “idonee, secondo il ricorrente, a
    dimostrare disprezzo nei suoi confronti, in quanto evocativa la
    prima di un qualcosa di viscido e la seconda avente allusioni
    sessuali”, i giudici di piazza Cavour osservano che “l’immagine
    del lombrico non e’ stata usata a connotazione della persona di
    Del Noce e che l’interpretazione dell’altra parola, operata
    dall’impugnante, e’ del tutto soggettiva ed apodistica”. Alla
    luce di cio’, la Corte ha dichiarato inammissibile il ricorso
    di Del Noce condannandolo anche al pagamento delle spese
    processuali e a versare 1.500 euro alla cassa delle ammende.
    http://www.articolo21.info/1040/news/cassazione-prosciolto-travaglio-del-noce.html

    😀

  8. PER ME MAI OT !!
    (ma mi scuso lo stesso)

    http://www.corriere.it/politica/09_maggio_29/aquila_vacanze_crociere_424d2450-4c5c-11de-b7be-00144f02aabc.shtml
    A proposito di queste ennesime farneticazioni, Anna (Misskappa) scrive:

    “Al cicisbeo imbellettato andrebbe spiegato che chi ha perso tutto non ha voglia di vacanza. Non ha voglia di divertirsi, né in crociera, né al mare. All’ imbonitore piazzista andrebbe fatto capire che le persone che non hanno più nulla hanno bisogno di certezze. Non di sorrisi davanti alle telecamere e di promesse da buffone. All’adulatore di minorenni andrebbe detto che chi non ha più lavoro non ha bisogno di riposo, ma di essere messo nelle condizioni di poter lavorare. E andrebbe aggiunto che le congratulazioni al ciambellano di corte dovrebbero fargliele i terremotati, non lui che lo ha nominato suddito plenipotenziario. Oggi, se qualcuno di noi rimasto qui, come dice il presidente joker, attaccato alle sue macerie per scelta, decidesse di staccarsene e di optare per una sistemazione alberghiera, qui dovrebbe restare. Chi è dentro è dentro, chi è fuori è fuori. Mica, stremati da due mesi di sofferenze, si può cambiare idea. Il reuccio d’Italia dovrebbe vedere come i pasti nelle tendopoli non sono sufficienti per tutti e dovrebbe tastarne personalmente la qualità. Dovrebbe vedere come siamo assaliti dalle gastroenteriti e, per sopravvivere, siamo costretti a comprarcelo da soli il cibo. Già, ma noi siamo resistenti per scelta. Non abbiamo abbandonato la nostra terra in mano a chi decide tutto. Stiamo qui a reclamare, con la nostra presenza,se non altro, almeno il fatto di esistere. Nonostante tutto.”

    http://miskappa.blogspot.com/2009/05/mister-banana.html

  9. PER ME MAI OT !!
    (ma mi scuso lo stesso)

    http://www.corriere.it/politica/09_maggio_29/aquila_vacanze_crociere_424d2450-4c5c-11de-b7be-00144f02aabc.shtml
    A proposito di queste ennesime farneticazioni, Anna (Misskappa) scrive:

    “Al cicisbeo imbellettato andrebbe spiegato che chi ha perso tutto non ha voglia di vacanza. Non ha voglia di divertirsi, né in crociera, né al mare. All’ imbonitore piazzista andrebbe fatto capire che le persone che non hanno più nulla hanno bisogno di certezze. Non di sorrisi davanti alle telecamere e di promesse da buffone. All’adulatore di minorenni andrebbe detto che chi non ha più lavoro non ha bisogno di riposo, ma di essere messo nelle condizioni di poter lavorare. E andrebbe aggiunto che le congratulazioni al ciambellano di corte dovrebbero fargliele i terremotati, non lui che lo ha nominato suddito plenipotenziario. Oggi, se qualcuno di noi rimasto qui, come dice il presidente joker, attaccato alle sue macerie per scelta, decidesse di staccarsene e di optare per una sistemazione alberghiera, qui dovrebbe restare. Chi è dentro è dentro, chi è fuori è fuori. Mica, stremati da due mesi di sofferenze, si può cambiare idea. Il reuccio d’Italia dovrebbe vedere come i pasti nelle tendopoli non sono sufficienti per tutti e dovrebbe tastarne personalmente la qualità. Dovrebbe vedere come siamo assaliti dalle gastroenteriti e, per sopravvivere, siamo costretti a comprarcelo da soli il cibo. Già, ma noi siamo resistenti per scelta. Non abbiamo abbandonato la nostra terra in mano a chi decide tutto. Stiamo qui a reclamare, con la nostra presenza,se non altro, almeno il fatto di esistere. Nonostante tutto.”

    http://www.miskappa.blogspot.com/2009/05/mister-banana.html

  10. L’iniziativa di Travaglio & C. ci sembra molto interessante e molto coraggiosa. Ci abboneremo certamente!
    E’ vero, come dice subcomandante, che in Italia si legge poco, che si dà un sacco di spazio a reality e amenità del genere, che ci si è svegliati sul nano solo con del gossip, ma c’è anche un sacco di gente che ha sete di qualcosa di meglio!
    Che la legge sul finanziamento pubblico dell’editoria sia teoricamente una legge giusta e democratica sarà anche vero, ma i criteri, più volte scaravoltati, per assegnare i finanziamenti ad hoc ai soliti ‘amici degli amici’ o per tenere in vita giornali che pochissimi leggono (un esempio su tutti il Foglio), ma che servono gli interessi di qualcuno, ne fanno una cosa comunque non democratica e iniqua.

  11. subcomandante non ha cosi poi tanto torto sul finanziamento pubblico all’editoria, non si meritava tutti quei pollici verso! ( anche se come tutto in Italia è gestito in maniera pessima!!!!!)

    ed è anche vero che in Italia non si legge…però che facciamo???? continuamo a far sguazzare tutti nell’ignoranza? questo giornale sarà una voce in più, non di parte (almeno all’inizio dei suoi giorni)…quindi ben venga!!magari farà tornare pure qualcuno a leggere i quotidiani,chissà!!!

    P.S. anche io leggo il manifesto e l’Unità, e non mi dispiacciono le pagine culturali di Liberazione, ma leggo anche il Corriere della Sera!!! sono di sinistra, mi sento di sinistra… cerchero di nn fare l’errore di sentire solo le opinioni ed i punti di vista di chi è di sinistra!!!
    ovviamente non ce la faccio a leggere il Giornale e Libero…la mia ulcera nn me lo permette!!!

  12. io sono convinto che già oggi si possa andare in edicola senza essere umiliati. basta comprare il manifesto. un giornale ben scritto , ricco di informazioni, comprese quelle taciute dai principali media, e soprattutto indipendente.
    il giornale che faranno travaglio&co. sarà comunque benvenuto per quel che mi riguarda. sarà un “luogo” in più dove informarsi e spero vivamente che non si trasformi nell’house organ dell’italia dei valori.. ma qui si tratterebbe di fare congetture. lasciamo che esca e poi giudicheremo. di certo non mi posso abbonare a prescindere, anche perchè già ho un abbonamento sulle spalle e non me ne posso permettere un altro.
    ci tengo a precisare che il discorso sui finanziamenti pubblici all’editoria è complesso.. concordo con chi afferma che è gestito male, e che viene utilizzato spesso in maniera contraria al suo scopo. e voglio ricordare che si tratta di un diritto, che permette una pluralità informativa altrimenti impossibile. un diritto. non una concessione da parte del governo come ha cercato di trasformarlo tremonti. e penso che una coperativa di giornalisti se veramente tale possa e debba beneficiare di questo diritto tutelato dallo stato. la verità è che l’unica cooperativa mi risultà essere proprio il manifesto.., gli altri tipo il foglio non lo sono affatto. ecco, bisognerebbe migliorare la normativa in questo senso, e dare i contributi solamente a chi fa della trasparenza il principio cardine della propria organizzazione. e non ai vari cortigiani di turno.
    per quanto riguarda padellaro, non sono un suo fan, perchè non ho gradito come ha diretto l’unità, in un modo, SECONDO ME , troppo lontanto da ciò che gramsci aveva in mente quando l’ha fondata. cit. ” Il giornale non dovrà avere alcuna indicazione di partito” . beh, a me pareva proprio il giornale dei ds… insomma, un politico navigato più che un direttore di giornale… pure colombo…, uff, mi ricordo che le sue parole a p.zza navona non mi piacquero troppo… salì sul palco e in un certo senso si dissociò….
    ma tutto ciò non voglio che mi porti a pregiudizi. aspetterò di leggerlo questo Fatto. magari faranno un ottimo lavoro. e poi ci saranno molte altre firme, tra cui travaglio..
    personalmente, ho imparato a non snobbare i giornali a precindere, e a cercare il pensiero delle persone che mi interessano… certo, difficile leggere feltri e altri, ma per conoscere il proprio “nemico” e riuscire a batterlo, bisogna anche tapparsi il naso, e sentire quello che dice.. altrimenti si rischia l’autismo.
    oddio, in effetti ormai ,per capire cosa dice “l’altra parte” basta leggere il corriere…. che depressione….

    un saluto a tutti e in bocca al lupo all’avventura di questo nuovo giornale 😉

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here