Home Politica Sabina Guzzanti all’ Università di Torino

Sabina Guzzanti all’ Università di Torino

38
CONDIVIDI

Sabina Guzzanti all’ Università di Torino

Ho trovato un resoconto fatto dagli universitari di torino dopo il nostro incontro. Lo pubblico perché possiate avere un’idea sia pur sintetica di quello di cui discutiamo.

“E’ martedì 9 dicembre 2008, l’Onda Anomala torinese oggi ha un’ospite d’eccezione. Intorno alle 12 un’ovazione rompe la normale quiete della Facoltà di corso Regina Margherita. Sabina Guzzanti riceve, riconoscente, gli applausi della platea. Un sorriso lascia trasparire soddisfazione. Non perde tempo l’attrice comica romana, inizia subito a parlare, raccontare. Ha un piglio serio e deciso, chi si aspettava un personaggio giocondo e disponibile allo scherzo ne rimarrà deluso.

La Guzzanti fissa subito alcuni concetti sui quali tornerà spesso in seguito. Bandisce dal dibattito le espressioni che rimandano alla stanchezza, alla mancanza di forze degli studenti e delle studentesse dell’Onda. E’ lapidaria. Sostiene, quasi scocciata, che per lei non è concepibile essere stanchi. Solo con il continuo movimento, l’ininterrotto studio, i nostri cervelli possono riposarsi, se si fermano è la fine. Ammonisce, determinata, che ogni cambiamento, ogni lotta, ogni vittoria significano fatica, lavoro, duro impegno e abnegazione. Vietato lamentarsi.

A chi sostiene che l’Onda in questa ultime settimane scarseggia di partecipazione risponde ricordando che tutte le più grandi conquiste nella storia dell’umanità, soprattutto in tema di diritti, sono state fatte da minoranze.

L’incontro prosegue. A tratti pare di stare ad una lectio magistralis. La Guzzanti, in cattedra, tiene perfettamente il ruolo. Si alternano, moltissime, le domande e le riflessioni dal pubblico. Lei ribatte ad ognuna come medesima passione ed ottima retorica, difficile replicare. Ha voglia di darci la scossa, allontanarci da false paure e fuorvianti certezze. Sente l’entusiasmo scarseggiare, ne vuole iniettare. Ci ricorda che non dobbiamo attendere l’aiuto di qualcuno, semplicemente perchè quel qualcuno non esiste. Nessuno è in grado o non vuole aiutarci. Scaccia con forza “l’effetto santone” che lei stessa potrebbe provocare. La consapevolezza che tocca a noi, ultima speranza per questo maledetto paese, capire quale strada prendere e con quali mezzi. A questo ci tiene molto la Guzzanti, lo ribadisce più volte, è quasi un assillo. Il messaggio è sempre più chiaro, desolante e al tempo stesso stimolante: non avete alibi sta a voi, solamente a voi, la ricerca delle soluzioni.

Studiate, studiate, studiate. L’unica vera ricetta che l’attrice comica romana si sente di darci. Banale, come solo le cose vere sanno esserlo. “L’unica possibilità che avete – afferma la Guzzanti – è riflettere, analizzare, approfondire. Una continua ricerca ostinata. Se siete competenti e preparati nessuno vi può fermare.” Ci riporta all’essenziale, ci obbliga a focalizzare bene i nostri obiettivi e spendere al meglio le nostre energie, sfruttandole al massimo. Il “cosa dire” piuttosto del “come dire”, questa deve essere la rotta. Basta preoccuparsi di finire in tv e sui giornali. Basta piagnistei e vittimismi di qualunque sorta. Insomma “il futuro è nelle nostre mani”. Sono i contenuti la vera soluzione, solo la loro autorevolezza potrà aiutarci.

Sono passate quasi due ore e mezza, la Guzzanti deve andare, prima però di lasciarci ci racconta un aneddoto: la prima volta che ha incontrato di persona Silvio Berlusconi. A colpirla fu la sua estrema ignoranza. E’ divertente ascoltarla, è brava. Tante sono le risate che accompagnano il suo narrare. A pensarci bene però il nostro non può che essere un riso amaro, perchè è proprio contro quella ignoranza che noi oggi stiamo lottando.”

Collettivo “Bonobo” Scienze Politiche Torino

Commenta questo post

38 Commenti

  1. Ciao Sabina
    chissà perchè le affermazioni vere a volte sembrano banali, ma non lo sono per niente. Banale è il sorriso del nostro capo del governo, banale la sua postura quando apre bocca, e quello che vogliono fare è schiacciare chi banale non è.
    Ho quarant’anni e finalmente ho visto un movimento di giovani menti che si è ribellato alla banalità.
    Il compito fondamentale dell’Istruzione e della Formazione è proprio quello di sviluppare un senso critico nelle menti della gente, di dare una capacità di distinguere dove sta la verità. Quindi anche io sono a favore dello studio, tanto da aver ripreso a studiare all’Università a trentaquattro anni, proprio per tenere la testa aperta e uno spirito critico forte.

  2. Ciao Sabina,
    è vero che bisogna scacciare l’effetto santone, però con il “vuoto assoluto” in cui ci troviamo a sguazzare, io ti nominerei “imperatrice galattica” per l’eternità!! Così staremmo tutti meglio per un bel po’.

  3. .. bravi ragazzi, sabina è una grande, si stà sbattendo per tutti ed è giusto che senta attorno a sè sostegno e apprezzamento.
    Inoltre sta subendo attacchi da destra e manca, e deve sapere che siamo in tantissimi che condividiamo le sue idee..
    vorrei aggiungere 2 cosine..: basta parlare sempre del berlusca ,anche qui, non se ne può più !!! e poi avrei qualcosa da ridire sull’affermazione -“cosa dire” piuttosto del “come dire”- … siamo sicuri?.? (…ma questa è forse una mia deformazione professionale)
    Hasta la victoria !! 🙂

  4. Sabina, personalità ed ispirazione:

    per lei non è concepibile essere stanchi

    Vietato lamentarsi

    tutte le più grandi conquiste nella storia dell’umanità,
    soprattutto in tema di diritti, sono state fatte da minoranze

    Scaccia con forza “l’effetto santone”

    non avete alibi

    sta a voi, solamente a voi, la ricerca delle soluzioni

    riflettere, analizzare, approfondire… una continua ricerca ostinata…

    focalizzare bene i nostri obiettivi e spendere al meglio le nostre energie

    “cosa dire” piuttosto del “come dire”

    > il vero genio non è chi dà risposte, ma chi pone le vere domande se vedi un essere umano in mezzo alla folla, alzati e seguilo<

  5. Sabina, personalità ed ispirazione:

    per lei non è concepibile essere stanchi

    Vietato lamentarsi

    tutte le più grandi conquiste nella storia dell’umanità,
    soprattutto in tema di diritti, sono state fatte da minoranze

    Scaccia con forza “l’effetto santone”

    non avete alibi

    sta a voi, solamente a voi, la ricerca delle soluzioni

    riflettere, analizzare, approfondire… una continua ricerca ostinata…

    focalizzare bene i nostri obiettivi e spendere al meglio le nostre energie

    “cosa dire” piuttosto del “come dire”

    – il vero genio non è chi dà risposte, ma chi pone le vere domande –

    “il futuro è nelle nostre mani”… sono i contenuti la vera soluzione

    http://www.sabinaguzzanti.it/2008/12/13/diplomazia/#comment-7992

    chi ci si ritrova?

    – se vedi un essere umano in mezzo alla folla, alzati e seguilo –

    [scusate il doppio post, ma sti segni “<” sono tremendi… ]

  6. Bella veniamo a vederti il 5 febbraio insieme a freesud sperando di non litigare. Tu intanto fai buone feste e riposati.

    bacio

    PalermElena

  7. ke bell’articolo. hanno ragione su tutto
    ti do il benvenuto anke se abito a 16 km d distanza da milano. e x il tempo pare ke domani smetta d piovere tranquilla

  8. L’Università in rete… quando?

    La crisi della scuola si potrebbe risolvere grazie a internet.
    Quando si potrà assistere a lezioni in rete? Quando potremmo seguire interi programmi su questa o quella materia senza pagare il pizzo allo Stato che mantiene parassiti travestiti da baroni? Si potrebbe cominciare con le materie umaniste ecc.
    Qualche professore – magari dei “giovani” esclusi dall’entourage accademico – si metta a dare delle lezioni scritte e orali accompagnate con dei video come si vedono anche in Tv a notte fonda.

    C’è, e c’è sempre stata una strategia atta a mantenere ignorante la gente.
    Ricordo che la new economy crollò proprio quando avevano intenzione di mettere in rete l’Università, lo scibile. Secondo me, il sapere ha un valore economico come il petrolio, le armi, la moneta, le industrie, ecc. Gli stati nazionali (liberisti) non hanno la minima intenzione di liberalizzare la Conoscenza come ogni altra ricchezza strategica. Tutto ciò, ad oggi, crea un tappo allo sviluppo dell’uomo, e quando esploderà creerà, me lo auguro, un nuovo Rinascimento.

  9. oggi ho assistito all’intervento di Sabina in Bicocca(milano)…..e poi lo spettacolo….che dire all’inizio da come un senso di ostilità/agressività ma poi si capisce che è solo giustissima indignazione e lo scopo è quello di far reagire….noi “giovani” che dovremmo tanto svegliarci…una boccata d’aria fresca…..nello spettacolo vengono affrontati temi considerati volgari (in Italia) ma normalissimi (all’estero!)………..prendiamoci una pausa dalla vita finta ed entriamo nella vita vera…siamo noi a costruire la realtà….!!!!!!!!!!!!!!!!1

  10. quando si fanno i dibattiti non si parte dallo stesso livello di conoscenza delle cose ….si ha la sensazione che se non si dice qualcosa di originale rispetto a queste cose che si sanno già si è in qualche modo deficitari..è vero, le domande non brillano, ma bisogna considerare molte cose prima di valutare l’incisività di una domanda……………..cmq SABINA è un modello per tutte le ragazze che vogliono diventare donne (come lei)

  11. A TUTTI I RAGAZZI DELL’ONDA(quindi me compresa)….VORREI FARE UN APPELLO. E SPERO CHE SABINA POSSA UNIRSI A ME NEL PORRE L’ACCENTO SU QUESTA QUESTIONE.

    nonostante le molte iniziative che ancora occupano il nostro tempo(dibattiti,assemblee,lezioni,manifestazioni)C’E’ IL RISCHIO DI AVERE LA PERCEZIONE DI NON ESISTERE PIU’,LA PERCEZIONE CHE L’ONDA SI SIA FERMATA DENTRO E FUORI LE UNIVERSITA’. TUTTO QUESTO PERCHE’ L’ONDA NON ESISTE PIU’ (O ESISTE MENO)IN TELEVISIONE. purtroppo siamo una generazione nata e cresciuta ai tempi della tv sovrana e nonostante tutto ne subiamo le catastrofiche conseguenze. siamo una generazione per cui la maggior parte delle cose diventano reali e importanti solo una volta comparse in tv. tutto ciò che non compare in tv..o non esiste,o non è importante. il nostro premier,grandepuffo,LO SA BENISSIMO!! HO SENTITO MOLTI STUDENTI,CHE PUR FACENDONE PARTE(cioè pur continuando anche in questi giorni a partecipare ai dibattiti,alle assemblee,alle lezioni..e pur avendo partecipato alla manifestazione del 12),CHE AFFERMAVANO CHE L’ONDA NON ESISTE PIU’…O CHE COMUNQUE STA MORENDO. ragazzi..vi rendete conto??! siamo arrivati al punto di non credere nemmeno ai nostri occhi,ma solo a quelli delle televisione!! L’ONDA C’E’ E NON S’E’ MAI FERMATA! qui,la posta diventa enorme….non si parla più solo del nostro futuro..ma di noi stessi come persone. ci siamo ritrovati,a dover “combattere” anche contro noi stessi..contro tutto ciò che ci hanno insegnato. ci siamo ritrovati a doverci riprendere le nostre intere vite,la nostra realtà. è qualcosa che NESSUNA GENERAZIONE PRECEDENTE ha mai dovuto affrontare. è come la monnezza di napoli:erano i giornalisti ad essere spariti,non la monnezza!eppure mezza italia ha creduto che napoli fosse tornata linda e pinta. tutti ci hanno creduto,tranne chi la monnezza ce l’aveva ancora sotto casa a bloccargli la porta per rientrarci. penso a caterina guzzanti e al suo personaggio”susanna”,la ragazza di facebook…eheheh…che dice”ma se non sei su facebook,non esisti!”..ecco..a noi sta capitando esattamente questo. pur avendo di fronte la realtà,non riusciamo più a riconoscerla,a vederla e farla nostra. e qui c’è anche il problema della grande censura…come sabina dice giustamente nello spettacolo…”è inutile parlare di conflitto d’interessi,sono altri i problemi!”….chi fa questi discorsi,o non sa di che cosa si stia parlando…o,se lo sa,lo fa con tutta la malafede del mondo…sulla nostra pelle!

  12. Ho appena sentito bossi proporre di rendere eleggibile la carica di giudice: bello, mi sono sempre piaciuti i film di caubois (dove di studenti non c’era l’ombra) e finalmente questo paese sarà come il faruest. l’unica differenza è che allora hanno fondato l’america (purtroppo), ora af-fondano l’italia. a molti proporranno il ruolo di indiano (estinto).
    P.S. io posso fare lo sceriffo?

  13. “SIMIL-MAFIOSERIA”…

    Da Repubblica.it

    Napoli.
    Arrestato l'”IMPRENDITORE” A. R., coinvolto nell’indagine sulla delibera ‘Global service’, più altre 12 persone agli arresti domiciliari: tra essi due “ASSESSORI” della “GIUNTA”, due ex loro colleghi e un ex provveditore alle “OPERE PUBBLICHE”, attualmente al “MINISTERO” delle Infrastrutture.
    Ci sono anche gli “ONOREVOLI” L…… (Pd) e B……. (An) tra le persone coinvolte nell’inchiesta.
    Coinvolto anche G. N., l'”ASSESSORE” che si è suicidato a fine novembre, e un colonnello della “GDF”, in servizio fino ad un anno fa alla Dia di Napoli.

    Ecco, questa è la “NOTIZIA”, che “DOVREBBE” riguardare la questione “MORALE” e andrebbe affrontata come tale… se fossimo in un Paese “NORMALE”.
    Solo che:
    1) a questi “PRE-POTENTI” sia “PRIVATI” che “PUBBLICI”, della “MORALE” non gliene frega una benedetta mazza, anzi non sanno manco cosa sia o dove stia di casa,
    2) anche a “TUTTI” quei cittadini “ITALIATI” ,”ITALI(ANI-DECEREBR)ATI”, esatti “CLONI” di questi “SIGNORI” (che quindi ragionano “AMORALMENTE”, e non “IM-MORALMENTE”, come loro), della “MORALE” non gliene frega nulla,
    3) questa gentaglia, come i “MAFIOSI”, capiscono solo una cosa, i “SOLDI”: se glieli “TOGLI” o li “COSTRINGI” a non averne, allora li “COLPISCI”, altrimenti continueranno imperterriti a “PREVARICARE”, a “SPRECARE” a piacimento e a “IMPORRE” la loro “MORALE”, se hanno i “SOLDI”, o a fare di “TUTTO” per averne, se non ne hanno.

    Continuiamo a parlare a costoro di “MORALE”, “COSTITUZIONE”, “GIUSTIZIA” e “QUISQUILIE” varie (perché tali argomenti sono “QUISQUILIE”, anzi “INTRALCI” per simile gentaglia), cercando e perfino sperando di “CONVINCERLI”, così perderemo ulteriore tempo, a tutto vantaggio del nuovo “REGIME” che avanza…

    emergenzademocratica.blogspot.com

  14. Ciao a tutti,
    sono stata allo spettacolo a Roma sabato. Sabina, a volte sono veramente depressa per quello che mi circonda, sento di essere sola a combattere contro una società alla deriva. Venire al Gran Teatro non significa per me solo assistere ad uno spettacolo, ma riprendere fiato e voglia, perchè vedere negli occhi degli altri la stessa passione e lo stesso spirito che c’è nei miei e nei tuoi, mi fa rendere conto che sono tanti coloro che vogliono qualcosa di diverso e lottano per averlo…

  15. Non fa meraviglia che Sabina sia rimasta colpita dalla estrema ignoranza del nano. Un guitto patetico e grottesco che si vanta di non leggere neanche un libro all’anno ed è fiero e tronfio della propria abissale ignoranza. La plebe canaglia, il gregge acefalo, applaude al trionfo dell’ignoranza, così come applaude mike buongiorno e le altre capre ignorantissime che la televisione propone a modello.

  16. bello bello questo resoconto degli studenti di Torino, devo dire che assistere al tuo spettacolo mi ha fatto lo stesso effetto, comunque io lo sapevo che il tuo lato comico (che è immenso) sarebbe certamente risultato da contorno alla tua nuda e cruda denuncia sociale.
    Tu in questo momento rappresenti colei che può dire ciò che ognuno di noi vuole sentire; in nessun altro canale alternativo (tv, giornali) si riesce ad avere informazioni reali, salvo le solite illustri eccezioni (Santoro, Travaglio, Grillo e pochissimi altri).
    Sabina l’aggettivo che mi viene in mente quando penso a te è “epica”, paragonabile a certi personaggi che, decantati nelle leggende, mettevano sempre in primo piano gli ideali a costo di sacrificarsi ………… ora non voglio dire che tu debba andare sul rogo come Giovanna D’Arco, ma sicuramente voglio sottolineare come una col tuo talento (che non ha pari), potrebbe vivere una carriera artistica di primissimo piano sui tutti i programmi per bene se solo fossi più accomodante con la politica e col potere …………….. invece la tua scelta di essere contro ti fa onore !!!!!

  17. Ho visto lo spettacolo ieri sera. Che dire? Sei stata davvero grande! E’ stato bello trascorrere oltre due ore, ascoltandoti parlare di quegli argomenti che paiono tabù ai più. La canzone finale è un riassunto perfetto delle tue scelte e uno sprone per ciascuno di noi. Grazie!

  18. ..sembra un servizio dell’ ISTITUTO LUCE!!! :)))
    evviva il duze…a parte li scherzi porto la mia testimonianza…
    da quando ti seguo attraverso il sito (e parliamo forse di 2 anni??) ho trovato molti più stimoli nel fare quello che faccio
    e molta più voglia di studiare….e più strumenti per resistere in questo paese…
    grande Sabina….aspetto di vedere lo spettacolo..

  19. @ jolene.. mi ha colpito il tuo commento..sei andata in profondità..
    “… la FORMA di una domanda contiene la RISPOSTA..” ciao

  20. Resoconto sintetico, ma decisamente efficace..Secondo me ci sono quattro punti che meritano particolare attenzione o che almeno hanno colto la mia attenzione:
    …“non dobbiamo attendere l’aiuto di qualcuno, semplicemente perchè quel qualcuno non esiste. Nessuno è in grado o non vuole aiutarci.”…
    …”riflettere, analizzare, approfondire. Una continua ricerca ostinata”…
    …“non avete alibi sta a voi, solamente a voi, la ricerca delle soluzioni”…
    …”Il “cosa dire” piuttosto del “come dire”, questa deve essere la rotta”…
    In sintesi credo che, come in un precedente commento ho affermato, la conoscenza sia l’arma per vincere l’ignoranza e ognuno di noi deve essere consapevole della propria capacità di accrescere la sua conoscenza.. quindi giustissimo il concetto per cui bisogna far prevalere i contenuti ai modi attraverso cui essi vengono espressi..!
    Non condivido l’idea di maurix che afferma “sabina … si stà sbattendo per tutti ed è giusto che senta attorno a sè sostegno e apprezzamento.” Io ritengo che Sabina non sia una paladina della giustizia ci sta fornendo delle ottime chiavi di lettura per continuare ad approfondire..riflettere..analizzare..sui fatti affinchè i fatti diventino di nostro dominio, intendendo con questo l’avere una maggiore consapevolezza dei fatti depurati, cioè, dal lato romanzato che ci viene propinato da alcuni quotidiani e telegiornali. Inoltre ritengo che Sabina, con il suo lavoro, stia mettendo in pratica ciò che è stato sinteticamente riportato nelle righe precedenti.. questo è il mio pensiero..

  21. Il problema è che le armi di distrazione di massa hanno accorciato la nostra memoria…ci dimentichiamo le cose, ciò che è avvenuto ieri ci sembra ormai passato remoto. Tutto viene triturato e dimenticato, come se si trattasse di puro gossip. Dobbiamo invece fermarci a riflettere, se vogliamo davvero capire qualcosa. Io temevo che tra qualche mese i media ci dicessero che l’onda non è mai esistita, e via tutti a crederci! Invece si rischia che sia ancora peggio, che siano i protagonisti stessi a non credere già da ora di essere esistiti. Bisogna fermarsi, documentare, raccogliere le idee e il materiale che dimostri che non è stato un sogno..questo può essere sicuramente un modo per non abbassare la guardia e per dimostrare che la realtà, se si vuole, può essere anche oggettiva e non sempre e soltanto al servizio degli interessi del nano e della sua banda!

  22. Mills, la Cassazione respinge
    ricorso di Berlusconi su Gandus

    Come al solito questa notizia importantissima, visto che è sotto processo il nostro Primo Ministro, processo ora sospeso da lui stesso (rileggete questa frase, è incredibile in un Paese civile nel 2008!) è stata riportata come un fatto marginale, come vengono considerati marginali i suoi processi. Non esiste informazione. Esistono solo Olindo e Rosa ed il fatto che staranno in carceri diversi!

  23. @ stefania .. sabina non è il messia, ma secondo me E’ una paladina, nel senso che si mette in prima linea con la sua faccia, e spesso viene colpita anche dal “fuoco amico”. per questo io mi sento di sostenerla e incoraggiarla. tu fa come vuoi.
    per cio che riguarda … ” il cosa dire” piuttosto del “come dire”, questa deve essere la rotta”… sabina è la prova vivente di quanto questa affermazione sia inesatta.. pensi che le cose che lei dice avrebbero lo stesso effetto dirompente se le leggessimo su un giornale o un manifesto ?? snobbare l’arte della comunicazione è un lusso che non possiamo più concederci… ciao.

  24. A maurix.. forse mi sono espressa male.. il sostegno e l’approvazione non li metto in dubbio.. sono io la prima che concorda piendamente con quanto afferma Sabina..! Volevo andare allo step successivo.. ossia oltre al sostegno ritengo sia costruttivo prendere spunto dalle affermazioni che lei ha fatto e che sono state riassunte nel resoconto..! Ovvero ognuno di noi nel suo piccolo dovrebbe cercare, come hai scritto tu, di metterci la faccia e andare in prima linea..

    Quanto alla prevalenza del “cosa dire” sul “come dirlo” ritengo che focalizzarsi troppo sui modi permetta di ottenere, forse, dei risultati nel breve.. ma nel lungo.. se non ci sono contenuti.. tutto svanice..!

  25. @Sabina

    A proposito di Alzheimer, (nano) una volta hai raccontato di un tuo appuntamento, tanti anni fà, a casa di Alzheimer dove sei andata insieme a Davide Riondino, mi ricordo di una situazione comica, un racconto spassoso, se lo ricordi puoi raccontarlo di nuovo?

    P.S.
    Per i pochi che non lo sanno consiglio di visitare il sito carlovulpio.it

  26. ciao,è da un po’ di tempo che non ho tempo di collegarmi ,come state? Volevo venire allo spettacolo ma purtroppo per impegni di lavoro non ho potuto e mi è dispiaciuto un pò. Beh un saluto a chi si ricorda di me e baci a Sabina

  27. Ciao Sabina, ieri sera ho assistito al tuo spettacolo e non mi è ancora scesa l’adrenalina! Ti ho vista ieri per la prima volta dal vivo e devo dire che sei andata ben oltre le mie aspettative, lo spettacolo è veramente ben costruito, tu sei un’attrice eccelsa e anche un’autrice unica: sentire una persona pronunciare le cose terribili che hai detto, ribadire le verità incredibili che ci hai ricordato, con quella tranquillità, mi ha veramente scaldato il cuore. E se da un lato, sono tornata a casa sconfortata, perché temo che le cose non possano migliorare, dall’altro mi hai dato un’energia pazzesca e mi hai fatto sentire che vale sempre la pena lottare anche contro i mulini a vento. Che dire? Sei veramente grande, come dico sempre, sei l’unica grande combattente che abbiamo in Italia, grazie per ciò che fai…un’ultima cosa: guarda che come show-girl non sei mica male…ciao, un bacione, a presto!!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here